Vita in famiglia 2




Scritto da Sara19,
il 2015-09-18,
genere incesti

Dal giorno del mio compleanno la mia vita è cambiata molto.
Mio fratello Toni sembra insaziabile. Quasi tutte le mattine mi chiama in camera da lui e mi chiede di impalarmi a smorzacandela sul suo grosso arnese.
Non mi dispiace affatto, anzi, è molto soddisfacente. Ma comincio ad avere problemi a gestire Luca, il mio fidanzato.
Ero convinta di amarlo, fino al giorno in cui la mamma ha deciso di offrirmi sessualmente ai membri della mia famiglia, ed io non mi sono tirata indietro.
Sono confusa sul da farsi, ma sono sicura di non volere rinunciare al godimento che mi danno i miei famigliari.
Toni è il più porco, gli piace chiamarmi porca e trattarmi da porca.
Sono sicura che non vede altre ragazze in questo momento, è totalmente concentrato su di me.
Scopro spesso lo sguardo soddisfatto della mamma ad osservarmi.
Abbiamo istituito una sorta di rito.
A colazione, dopo avere goduto e fatto godere Toni mi siedo sul tavolo della colazione. Il nonno o papà lappano e bevono il succo della mia figa. Il nonno mi lecca a lungo, non è contento se non mi porta ad almeno un paio di orgasmi.
Spesso papà scarica la sua sborra dentro me prima di uscire per il lavoro.
Dopo la giornata passa fra lavoro, Luca il mio fidanzato, gli amici.
Ma fare l’amore con lui non mi basta più, mi sembra noioso. Sentirlo dentro non mi emoziona e non mi fa godere come quando mi prendono i miei uomini a casa.
Quel giorno rientrai di corsa a casa. Spalancai la porta “Papà, Toni ci siete”
Toni era ancora ad allenamento, c’era il babbo.
Mi guardò con aria interrogativa, gli volai fra le braccia. Mi strinse ed iogli dissi che avevo fatto una scelta. Avevo lasciato Luca, volevo essere solo loro.
Iniziammo a baciarci, appassionati. Papà non era un bell’uomo, peloso con un pò di pancetta. Ma il suo modo di essere porco mi piaceva da matti.
Non perdemmo tempo ad andare in camera. In breve fummo nudi, stesi sul divano e dopo un 69 di grande soddisfazione mi prese a pecora.
Le sue mani erano piene dei miei seni, lui ansimava di piacere, ma io di più.
Mi disse che era il momento buono per festeggiare e tolse il cazzo da me per appoggiarlo allo sfintere ed incularmi.
Cercai di rilassarmi il più possibile per riceverlo. Scese liscio nel mio culo accogliente. Scoprii che si può arrivare all’orgasmo anche con i rapporti anali. Papà era un mito in durata.
Cominciavo ad essere sfinita dalla sua monta quanto finalmente con un grugnito venne. Mi sentivo in estasi.
Potevo godere di lui e di tutti gli altri senza dovermi preoccupare del moroso.
Per conto mio i festeggiamenti erano appena iniziati.
Mi sentivo euforica, mentre mi stavo lavando, pregustavo la serata.
A cena lo annunciai alla famiglia. Mio fratello sorrideva soddisfatto.
Eravamo seduti sul divano. Indossavo una vestaglietta inutile per coprire il corpo. Ero in mezzo a papà e a Toni che mi stuzzicavano la fighetta con le loro mani. Ero bagnata. Toni mise un dito nel culo e notò che era un pò dilatato.
Papà rise e gli disse che si era goduto il mio culo per festeggiare.
Chiaramente Toni non poteva rimanere indietro.
Iniziò a leccarmi, per farmi bagnare di più e potermi usare senza farmi troppo male.
La sua inculata fu epica. Mi allargò la carne col suo grosso cazzo, che procedeva come una lama nel burro. Sì, sentivo male, bruciava ma già sapevo che poi ne avrei goduto.
Fu l’inizio della mia nuova vita, della mia nuova consapevolezza

Questo racconto di Sara19
è stato letto

2
3
1
2

volte

Questo racconto è stato letto 413 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!