Visita a sorpresa




VISITA A SORPRESA

La Cate ringrazia tutte”, fa ad un certo punto Anna.
“La Cate? E chi è?”, chiedo io.
“Ma sì, dai, quella mia amica che abbiamo visitato l’altro giorno. Quella che ci aveva chiesto quel favore…”
“Ah, la maialona! Adesso mi ricordo di lei”.
“E dai, Bea, non chiamarla così! Non è giusto”.
Siamo riunite per la nostra usuale serata sole donne. Siamo le stesse di sempre: Anna, 30 anni, la padrone di casa, media altezza, caschetto di capelli neri lisci, occhi neri con un taglio quasi orientale, snella, gambe e seno ben proporzionati; Laura, 30 anni pure lei, alta, capelli castani lisci con frangetta davanti e coda dietro, occhi blu come il cielo, fisico atletico; Chiara, 28 anni, capelli biondi che ricadono sulle spalle, occhi marroni, pelle candida, naso dritto e lineamenti delicati, seno appena accennato ma gambe e culo perfetti; Marta, 27 anni, capelli castani raccolti dietro in una crocchia, occhi marroni, denti leggermente sporgenti, fianchi stretti e seno abbondante; Debora, 29 anni, ovale del volto leggermente allungato sul mento, capelli lisci lunghi color castano rossiccio, occhi marroni, seno generoso; e ovviamente la sottoscritta, la nana del gruppo.
Ci conosciamo fin dai tempi dell’università. La vita poi ci ha fatto intraprendere percorsi diversi l’una dall’altra: Anna e Debora insegnanti, Laura ricercatrice, Chiara cameriera, Marta commessa ed io impiegata in un’azienda. I legami però sono rimasti saldi e ancora adesso, dopo anni, ci ritroviamo abitualmente a casa di Anna. Riusciamo ancora a vederci e stare assieme: è già molto.
“Dopotutto, è stata lei a chiederci una cosa così stramba”.
Tempo fa avevamo messo un annuncio su Internet dove noi in gruppo ci dichiaravamo disponibili a far provare, diciamo così, “una serata diversa” a chi fosse interessato. Il canovaccio di partenza è sempre lo stesso: fingiamo di essere delle rapinatrici che, a volto coperto, entrano in casa delle loro vittime e le legano al letto. Una volta fatto questo, ci sono poi mille eventuali variazioni sul tema.
***
Io stessa ho voluto provare una volta su di me questa messinscena. Sono entrata in casa e ho chiuso dietro di me la porta d’ingresso. Sono stata subito assalita dalle altre ragazze che mi hanno immobilizzata e zittita. Laura, cintura nera di judo, mi teneva ferma; Anna mi tappava la bocca con del nastro isolante e le altre ragazze provvedevano a legarmi mani e piedi.
Alla fine mi ritrovai per terra, completamente alla loro mercè.
Anna mi prese la testa fra le mani. Ci guardammo a vicenda. Il suo volto deformato dalla calza di nylon aveva un che di diabolico.
“Ti piace così, vero?”
Annuì con la testa.
“Bene. Allora ti piacerà ancora di più adesso”.
Si mise dietro di me e mi strinse forte. Avvertì qualcosa premere contro il mio culo. Ma vuoi vedere che…
“Senti che c’è qualcosa di duro, vero?”, disse lei rispondendo ai dubbi che avevo in mente.
Si sbottonò la patta dei pantaloni e svelò l’arcano. Portava un dildo. Un dildo enorme.
Strabuzzai gli occhi.
“Visto? E anche le altre ragazze hanno dei cazzoni grossi come questo!”
Mi strinse nuovamente a sé. Mi alzò il vestito a fiori che indossavo e mi abbassò collant e mutandine.
“Non preoccuparti. Abbiamo già provveduto ad oliarli tutti”.
Mi allargò le natiche, appoggiò il membro contro il mio ano e diede un colpo brusco.
Sentì il dildo entrarmi su per il culo tutto d’un colpo, come un serpente che si rifugia repentino fra i sassi di un muretto a secco. Provai un immenso piacere ad accoglierlo tutto dentro di me. Anna intanto continuava a spingere. Anche se l’avevo di spalle, capivo che era divertita da questa situazione così particolare. Eravamo stati assieme tempo addietro, anche se solo per poco, e nonostante la mia natura ambigua, della coppia era lei la componente femminile, e non solo anatomicamente parlando. Avevo quindi l’impressione che in questo modo lei volesse scambiare le parti e provare l’ebbrezza di essere per una volta il maschio.
Lei continuava a spingere ed io a godere per il fatto di essere penetrata da una donna che avevo amato, che mi era rimasta amica e che, in fondo in fondo, avevo piacere che fosse rimasta ancora al mio fianco.
Ansimavamo assieme, Anna di piacere ed io di estasi. Poi venne dentro di sé.
Mi tolse il dildo dal culo. Mi faceva già male, però avevo voglia di spassarmela ancora un po’. Le altre ragazze pure, visto che, una dopo l’altra, copiarono quanto fatto da Anna e mi sodomizzarono per ore e ore.
Quando anche l’ultima ebbe finito, avevo il culo in fiamme. Non riuscivo a pensare a nient’altro se non al dolore che provavo in mezzo alle chiappe.
Anna mi diede una mano a rimettermi in piedi e mi tolse il nastro adesivo che mi tappava la bocca. Finalmente tornavo a respirare.
Si staccò da me e mi guardò con un sorriso. Si tolse il dildo che aveva indosso e mi si avvicinò.
Frugò dentro le mie mutande. Mi mise una mano sul pacco e cominciò a massaggiarmelo con dolcezza. Cominciava a diventarmi duro.
“Ragazze, ma già che abbiamo un bel cazzone a nostra disposizione, che ne direste di continuare a divertirci?”
Non ebbi il tempo di replicare che mi fece ingoiare una pillola e subito mi chiuse nuovamente la bocca col nastro isolante.
Non mi dissero di cosa si trattava ma lo capì da sola nel giro di poco tempo. Cominciai ad avvertire una frenesia irrefrenabile e una grandissima voglia di scopare. L’uccello mi stava andando in tiro come non mai.
Anna intanto mi guardava.
“Non è la pillolina blu, ma gli effetti sono gli stessi”.
Poi si slacciò i pantaloni e si infilò il mio uccello dentro la sua figa.
I ruoli erano tornati quelli di sempre. Anna però continuava a mantenere la regia di tutto. Dava colpi di reni e mi spingeva a sé. Io intanto godevo, godevo e godevo.
Alternando la scopata con dei ditalini, venne. Tutte le altre ragazze la imitarono. Dopo essersela spassata col mio culo, si stavano divertendo col mio cazzo. Quando videro che il mio membro cominciava a battere la fiacca, mi diedero un’altra pastiglia. Alla fine, avvertivo pure davanti il bruciore che dietro stava piano piano passando.
Quando anche l’ultima di loro ebbe da me la sua parte, mi liberarono.
***
Abbiamo ricevuto parecchie richieste. Fra queste, abbiamo trovato pure un’amica di Anna ed il suo moroso. Dopo un certo stupore iniziale, li abbiamo soddisfatti.
Era tutto pianificato in anticipo.
Abbiamo finto di entrare in casa loro di nascosto, vestite di nero ed a volto coperto. Abbiamo raggiunto la camera da letto e abbiamo trovato loro due che scopavano, Caterina sotto e suo marito sopra. Lei, nel vederci con le calze di nylon che ci coprivano il volto, si è lasciata scappare un “O mio Dio!” per la sorpresa: forse non si aspettava di vederci così. Sta di fatto che comunque li abbiamo legati ed imbavagliati con del nastro isolante e li abbiamo lasciati così tutta la notte: questo era in fondo quello che volevano.
Era uno spettacolo strano vederli nudi come Adamo ed Eva, lui sotto e lei sopra, che mugugnavano e facevano finta di volersi liberare dalla prigionia. Avevo poi sotto il naso il bel culo di Caterina: tondo, liscio e sodo. Non ho resistito alla tentazione: mi sono sdraiata su di lei, ho alzato il vestito (ero l’unica del gruppo a portare infatti la gonna) e, dopo un’adeguata preparazione del buco del culo, l’ho sodomizzata. Lei non si aspettava questo imprevisto, ma ha dato subito segno di gradirlo. Intanto che la penetravo, le accarezzavo i capelli lunghi neri e guardavo i suoi occhi grigi che mi guardavano come per dirmi: “Sei insaziabile e imprevedibile!”.
“Ho altre due amiche che vorrebbero fare la stessa cosa”, aggiunge Anna.
“Ma le conosci tutte te?”
“Questa volta si tratta di due sorelle. Due sorelle perverse”.
***
Ci ritroviamo la sera prefissata. Siamo ancora tutte vestite di nero e tutte, a parte me, indossano i pantaloni.
“Devi sempre fare di testa tua, cazzo!”, protesta Laura, facendomi notare la mia scelta di vestiario.
Porto infatti un vestito corto, collant e scarpe col tacco. Come rapinatrice non sono affatto credibile; ma siccome del gruppo sono “l’attrazione principale”, devo vestirmi nel modo più comodo per il mio lavoro.
“Non rompere le balle! Così quando me le scopo mi basterà solo alzare la gonna ed il gioco è fatto!”
Sia come sia, saliamo in macchina e partiamo alla volta della destinazione. È ormai buio, nessuno in giro.
Arriviamo alla meta: una villetta fuori mano. Parcheggiamo l’auto nelle vicinanze. Scendiamo e ci mettiamo le calze di nylon marroni in testa per coprirci il volto. Cerchiamo di trattenere le risate ma non è facile conciate come siamo.
Entriamo con il doppione che ci hanno dato le padrone di casa. Apriamo il cancello e attraversiamo il giardino. In salotto è acceso. Andiamo sul retro e apriamo di nuovo.
Perfetto: siamo dentro casa.
Ci dirigiamo verso il salotto, mano a mano aumenta la luce. A questo punto parte la recita.
“Fermi tutti, questa è una rapina!”
“Fate come vi diciamo e non vi succederà nulla!”
Entriamo ad armi spianate, esaltate dall’adrenalina che è in circolo.
Sedute sul divano ci sono due donne. Anche un cretino capirebbe che sono sorelle: si assomigliano tremendamente. Capelli lunghi biondi, occhi azzurri, volto leggermente allungato, pelle abbronzata, labbra sottili, fisico snello ed asciutto. Cambia solo l’età.
Una è sulla quarantina, Maria. Porta una giacca color sabbia, una camicia bianca, una gonna nera, collant color carne e scarpe col tacco beige.
L’altra è più giovane, sulla trentina, Grazia. Indossa un abito a manica lunga, collant e stivali tutto sui toni del marrone.
Anche questa volta l’effetto sorpresa gioca un ruolo fondamentale. Alzano le mani al cielo sconvolte. Grazia si lascia scappare un: “O mio Dio, sono loro!”
Viene afferrata da Laura, Chiara e Marta che la legano ed imbavagliano con del nastro isolante.
Io, Debora e Anna puntiamo le pistole contro Maria.
“Non ti muovere!”
Lei obbedisce. Poi implora:
“Vi prego, non fateci del male!”
Arrivo io. Entra in scena la fuoriclasse.
Mi avvicino a lei da dietro. Premo il mio pene già in erezione contro il suo culo.
“Sappi che questa cosa dura che preme su di te è il mio cazzo”.
La giro verso di me. Mi guarda con un’espressione stupefatta in volto.
“In ginocchio”, le dico puntandole contro la pistola.
Lei si abbassa. Io ne approfitto per tirare fuori dalla gonna l’uccello.
“Adesso apri la bocca”.
Lei spalanca le fauci. Io le infilo il mio cazzo dentro la bocca e, sempre sotto la minaccia della pistola, le intimo:
“E adesso succhia, e non fare scherzi!”
Lei comincia a spompinarmi. Vedo la massa di capelli biondi andare su e giù. Il mio uccello si allunga vistosamente. Inizio a godere.
“Oh sì, dai, da brava!”
Le sta al gioco. Le sue labbra proseguono, fanno continuamente avanti e indietro fra il prepuzio e l’attaccatura dei coglioni. Lo vedi che le piace: lo fa con dolcezza.
La interrompo.
“Alzati”.
Si mette in piedi. Io le sbottono la camicetta e comincio a palparle i seni, ancora belli sodi per la sua età. Insisto a ripassare il capezzolo con la punta delle dita.
“Vedo che ti mantieni in forma”.
I suoi occhi azzurri lasciano trasparire un tornado di sentimenti dove sembra però prevalere lo stupore.
La mano poi entra sotto la gonna.
“E adesso cominciamo a fare sul serio”.
Lei è immobile. Ho la netta sensazione che, a dispetto dello sguardo esterrefatto, sia contenta perché vede tutti i suoi desideri più peccaminosi esaudirsi, quelli che non si ha nemmeno il coraggio di dire a sé stessi.
Io le abbasso i collant e le mutandine. Lascio andare per un attimo la pistola. Stringo Maria a me e le sfondo la vagina col mio uccello.
“Ah!”, risponde lei. Quasi le manca il respiro.
“Questa non te l’aspettavi, vero?”
Le è molto rigida, ma più insisto e più si scioglie. Anzi, mi dice di continuare così.
“Ancora, ancora!”
Mi dà anche un bacio che io ricambio attraverso la calza di nylon.
Sento il suo corpo vibrare a contatto col mio. Accompagna con il movimento del bacino i colpi di reni che le do per meglio penetrarla.
“Prendimi Bea, sono tua!”
Le metto le mani sul culo e comincio a spingerla a me, tastandole le chiappe. Quando sento il calore concentrarsi sulla punta dell’uccello, mi lascio andare e vengo dentro di lei.
Vedo che è felice. Viene subito legata e imbavagliata dalle altre ragazze.
Adesso è il turno di quella più giovane. Le togliamo il nastro isolante di bocca e la liberiamo. Per ora.
È decisamente più spaventata della sorella. Anzi, è letteralmente terrorizzata.
È in ginocchio in mezzo a noi e ci guarda come se avesse le ore contate, Sembra un animale caduto per sbaglio nella trappola dei cacciatori.
Io mi chino verso di lei e le sussurro in un orecchio:
“Tranquilla, andrà tutto bene”.
Faccio a Grazia la stessa cosa che ho fatto a Maria: la branco da dietro e me la stringo forte a me.
La annuso sul collo e sulle spalle, le accarezzo i capelli.
“Mi piace il tuo profumo. Mi eccita”.
Ansima nervosamente. È agitata.
Con la mano vado sotto la gonna e le accarezzo la coscia ed il culo fasciati dai collant.
“Mmmm…come siamo morbidi”.
Lei mi blocca la mano.
“No, per favore. Vi prego”.
“Ma come? Ci avete chiamato apposta e ora cambi idea? Mi deludi…”
Libero la mia mano dalla sua. Mi metto sopra di lei, sento il mio corpo sotto il suo. Avverto il frusciare dei suoi collant contro i miei. La cosa mi eccita.
“Non ti preoccupare, non ti farò del male. Farò esattamente quello che avevamo concordato”.
Mi sembra finalmente più tranquilla.
Le alzo la gonna e le tocco avidamente il posteriore. Tiro nuovamente fuori l’uccello e comincio a premerlo contro il culo. Poi abbasso i suoi collant e mutandine. Le stuzzico l’ano con la lingua per insalivarlo per bene. Quando è pronto, le allargo le chiappe e, con un colpo secco, la sodomizzo.
Lei accusa il colpo.
“Il tuo culo è anche migliore di quello di tua sorella”, commento io.
Avrei voluto farmi fare un pompino anche da lei, ma non volevo fare un doppione con Maria. Spingo per un po’, sentendo l’ano di Grazia dilatarsi sempre più attorno al mio membro.
Le accarezzo i capelli e la baciò sul collo. Si scioglie minuto dopo minuto.
Poi estraggo il mio fallo dal suo buchetto e le dico di girarsi. Me la ritrovo davanti, sotto di me, faccia a faccia. Il mio seno spinge contro il suo.
Le alzo il vestito e abbasso collant e mutandine. Sbatto l’uccello dentro la sua figa e comincio a colpire.
Anche Grazia è senza parole. Probabilmente non pensava che il suo desiderio più torbido un giorno si sarebbe avverato: essere presa con violenza da un transessuale, una persona di cui poter godere sia del lato femminile sia di quello maschile.
Grazia incomincia a tastarmi il seno. È veramente passata da un estremo all’altro. Apprezzo comunque questo atto di intraprendenza che mi fa provare ancora più piacere. Contraccambio palpandole le tette.
Per la seconda volta avverto il calore corporeo concentrarsi in un solo punto: il prepuzio. Continuo a penetrarla fino a farla gridare, poi vengo dentro di lei.
Quando si sono rivestite, esclamiamo:
“E ora scopate fra di voi!”
Maria e Grazia si guardano impietrite.
“Avanti, tanto lo sappiamo che fate sesso di nascosto!”
Le due sorelle si avvicinano e si baciano. Prima in modo timido, poi con più vigore.
Cominciano a palparsi tutte, a frugarsi a vicenda nella scollatura e ad esplorarsi vicendevolmente le sottane.
Rimangono in reggiseno. Quindi partono a leccarsi la vagina e a stimolarsi il clitoride a vicenda. Ormai non le ferma più nessuno.
Quando entrambe sono venute, si rivestono. Le leghiamo per l’ultima volta.
“Tranquille, vi lasciamo così per un po’ di tempo, poi vi liberiamo”.
E infatti manteniamo la promessa. Dopo tre ore, togliamo loro il nastro isolante e avvertiamo:
“Adesso prima di alzarvi contate fino a cento, e non fate le furbe che ce ne accorgiamo”.
Le sentiamo scandire bene i numeri: uno, due, tre…
Ne approfittiamo per andarcene via indisturbate.
***
Il giorno dopo ricevo un messaggio.
“Grazie mille per ieri sera. Siamo state contentissime. Tornate pure a trovarci quando volete”.

Questo racconto è stato letto 501 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: