Vi racconto la mia scopata con zia




Mi chiamo Andrea ed ho 22 anni e sono qui per raccontarvi quello che mi è successo qualche anno fa, quando avevo 19 anni e da poco mi ero avvicinato al sesso. A differenza dei miei coetanei, ho aspettato un po’ prima di andare oltre con le ragazze, non mi sentivo molto sicuro, il mio primo rapporto sessuale l’ho avuto a 18 anni, ho un bel ricordo, Alice era una ragazza dolcissima e quel momento fu strepitoso.

Dopo Alice ho avuto altre ragazze, avevo capito di essere in grado di far godere il sesso femminile e la mia paura di non essere all’altezza era del tutto svanita. Le scopate successive furono bellissime, io mi lasciavo andare, scoprii di avere istinti animaleschi rimasti per troppo tempo dormienti.

Alessia è stata una scopata pazzesca, l’avevo conosciuta da un paio di mesi, ci stavamo frequentando ma non stavamo insieme, una sera ci siamo appartati in macchina e abbiamo inizio a baciarci, dopo qualche minuto, lei era completamente nuda sul sedile abbassato ed io sopra di lei tra le sue gambe a sfondarla con il cazzo.

Ricordo ancora le urla e i gemiti di piacere a ogni colpo, mentre la scopavo mi diceva di fare più forte, devo dire che era anche una gran troia, le piaceva proprio essere scopata, prima di penetrarla, prese il mio cazzo in bocca e lo succhiò avidamente per almeno dieci minuti, sembrava un’esperta di pompe.

Comunque non è proprio questo che volevo raccontarvi, ma ho deciso di iniziare da qui per farvi capire che tipo di esperienze ho avuto con il sesso per poi arrivare a quello che voglio dirvi.

Mia madre ha una sorella giovane e bella di 34 anni, vi assicuro che non li dimostra affatto, anzi, sembra una ragazza di venti anni, non ho capito qual è il suo segreto, comunque è più carina di alcune mie coetanee.

Sono sempre stato molto affascinato da lei, una donna alta, capelli ricci e rossi, occhi verdi, fisico perfetto e due tette grosse e sode, una donna che non dovrebbe rimanere sola e che invece non ha trovato un uomo.

Io credo sia perché è una donna pretenziosa, forse non si accontenta facilmente di ciò che trova e desidera di più, oppure, ha incontrato solo uomini che non sono in grado di soddisfarla.

Ad ogni modo, era la festa di mia madre, compiva 42 anni, stavamo tutti insieme nella mia grande villa in compagna, era estate, finalmente potevo rilassarmi, avevo da poco finito il liceo.

Avevamo due motivi per festeggiare, il compleanno di mamma e il mio diploma, erano tutti fieri di me, sono sempre stato un ragazzo che ha avuto problemi a scuola, ma alla fine sono riuscito a diplomarmi con un bel 85.

Quella sera c’era molto vino e sangria, tutti i componenti della mia famiglia avevano alzato il gomito, mia zia in particolare rideva senza contenersi, era chiaro che era andata oltre quello che riusciva a sopportare.

Mia madre le disse che sarebbe potuta restare a dormire, così le preparò una stanza, io avevo la mia camera vicino alla sua, ammetto che spesso avevo fatto pensieri su di lei, c’erano sere in cui ero particolarmente eccitato, la pensavo e mi facevo una sega e il godimento era doppio rispetto alle volte che pensavo a qualche ragazzina.

Arrivata l’ora di dormire, ci salutammo e ci andammo a coricare, quella notte era particolarmente calda, c’erano sicuramente 28 gradi e tanta umidità, mi alzai alle tre per andare a bere dell’acqua fredda, trovai mia zia in cucina che stava sorseggiando del tè al limone.

Mi guardò e mi sorrise, non ci dicemmo niente, andò nel corridoio, dopo qualche secondo feci lo stesso ma la trovai davanti porta di camera sua, mi fece cenno di entrare, la seguii e chiuse la porta.

Mi disse che non riusciva a dormire per il troppo caldo, parlammo un po’ del più e del meno, aveva in dosso un top e un pantaloncino e facevo davvero fatica a non fare pensieri davanti a quelle belle tette.

Nonostante cercassi in tutti i modi di tenere a freno gli impulsi, il mio cazzo iniziò a gonfiarsi nei pantaloni, lei abbassò lo sguardo e notò il mio cazzo in tiro, poi fece qualcosa che non mi sarei mai aspettato: posò una mano sul cazzo e lo strinse.

Non ci dicemmo nulla, lei armeggiò con i miei pantaloni, lo tirò fuori e lo prese in bocca, mi fece un bel pompino, si vedeva che era esperta e matura, il pensiero che mia zia mi stesse succhiando il cazzo me lo fece diventare sempre più duro, le tolsi il top facendo esplodere fuori le sue tettone.

Si stese sul letto, ero sopra di lei, le succhiai i capezzoli, poi con la lingua segnai dei percorsi, arrivai in mezzo alle sue cosce, leccai lentamente la sua figa, era bagnata, il suo odore e sapore mi invasero.

Le succhiai il clitoride, la penetrai con un dito, lei faceva fatica a trattenere i gemiti di piacere, si contorceva sul letto, la sentii travolta da un orgasmo.

Poi le montai sopra e la penetrai con il mio cazzo, lei avvolse le gambe intorno alla mia vita, io diedi colpi forti e profondi, la scopai come se non ci fosse un domani.

La misi anche a pecorina e la penetrai da dietro, lei si aggrappò allo schienale del letto, io la chiavai con tutte le mie forze e quando arrivai al limite, le sborrai sulla schiena.

Quando finimmo, si rivestì ed io feci lo stesso, nessuno disse nulla, uscii dalla sua camera per andare nella mia, ci pensai per diverso tempo, poi mi addormentai.

Io e zia non abbiamo mai parlato di questa cosa, non so se fosse ancora brilla quella notte e non si ricorda nulla oppure fa finta, fatto sta che questo è uno dei ricordi più folli e migliori che ho degli ultimi anni.

Voto:
(7 votes, average: 3,14 out of 5)

letto: 3.181 views

Questo racconto è stato letto 57274 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: