Uno contro tre




UNO CONTRO TRE

A me ed Emanuele piaceva movimentare un po’ la nostra relazione in vario modo, anche usando generose dosi di fantasia. Una volta eravamo addirittura riusciti a coinvolgere sua sorella Maria.
Era successo tutto così.
Un giorno che stavo parlando con lei del rapporto fra me e suo fratello, mi chiese:
“Bea, posso farti una domanda personale? Se vuoi puoi anche non rispondere”.
“Dimmi pure”.
Mi si avvicinò ed abbassò il tono di voce.
“Giusto per curiosità, ma quando tu ed Ema lo fate, stai sotto te, vero? Sei la donna, dopotutto”.
“Sì, di noi due Ema è l’uomo ed io la donna. Però quando facciamo sesso in genere le parti si invertono: io sono quella attiva e lui il passivo”.
Un’espressione di stupore si dipinse sul suo volto. Poi pronunciò la parola magica:
“Ma sai che sarei curiosa di vedervi mentre lo fate?”
Questa frase ebbe un effetto valanga mostruoso che portò me ed Emanuele ad elucubrare il modo per soddisfare questo desiderio. Eravamo anche noi curiosi di fare sesso mentre qualcuno ci osservava. Alla fine elaborammo un piano.
Ero a casa loro. Dominique, la loro madre, era via per lavoro un paio di giorni.
Stavo in salotto con Maria e Valentina, una nostra amica che frequentava l’ultimo anno nella nostra stessa scuola.
Maria indossava un vestitino cortissimo rosa pallido, collant color carne e scarpe dello stesso color dell’abito con un tacco esagerato. Era la versione femminile di suo fratello, stesso volto allungato, stessi occhi neri, stessi zigomi e lineamenti. Cambiavano solo i capelli: lunghi, neri e fluenti, nel suo caso.
Valentina portava un maglione bordò, una camicia bianca, collant testa di moro e stivali neri. Era di una bellezza incredibile: alta, capelli castano chiaro, occhi grigi, un ovale del volto perfetto, seno generoso, culo e gambe sode. Aveva un volto da Madonna e un corpo da tentatrice. I maschi della scuola avrebbero venduto l’anima al diavolo pur di averla.
Io invece avevo scelto di vestirmi tutta di bianco: camicia, gonna, collant e scarpe col tacco.
Insomma, tutt’e tre assieme facevamo la nostra bella figura. Non si capiva per nulla che io in realtà ero un maschio travestito.
Stavamo chiacchierando allegramente quando la porta del salotto si spalancò. Entrò un uomo con una calza di nylon che gli copriva il viso e una pistola (palesemente giocattolo) in mano. Urlò:
“Fermi tutti, che nessuno si muova!”
Era partita la messinscena. Conoscevamo benissimo quella persona (anche perché gli avevo prestato io l’autoreggente con cui mascherarsi): era Emanuele che stava recitando alla perfezione il copione che avevamo concordato.
“Mani in alto!”
Obbedimmo, fingendo di essere spaventate.
Si diresse verso di noi ad armi spianate.
“Ora tutte a terra e mani sulla testa!”
Ci sdraiammo e rimanemmo immobili al pavimento.
Ema tirò fuori dalla tasca dei pantaloni un rotolo di nastro isolante che utilizzò per legare mani e piedi e tappare la bocca a Maria e Valentina. Poi le mise a sedere per terra e aggiunse:
“E adesso godetevi lo spettacolo!”
Mi afferrò per un braccio e mi tirò su.
“Tu invece vieni con me”.
“Ti prego, non farmi del male”.
Dopotutto, stavo recitando anch’io.
“Se farai esattamente quel che ti dico, non ti succederà nulla”.
Poggiò la pistola sul tavolino e cominciò ad accarezzarmi la guancia.
“Come sei bella…”
Poi le mani scesero dalle spalle ai fianchi e iniziarono a tastarmi le chiappe.
“Ed hai anche un bel culo”.
Io recitavo benissimo la parte della fanciulla terrorizzata in balia del bruto che voleva possederla.
“Mettiti in ginocchio”.
Mi inginocchiai. Ema abbassò la patta dei pantaloni ed estrasse il suo uccello.
“E ora comincia a succhiarlo, puttana!” Mi tappò il naso e, mentre io istintivamente aprivo la bocca per respirare, lui ci infilò dentro il suo membro.
Cominciai a spompinarlo per bene. Io andavo avanti e indietro con la testa, mugugnando di piacere, mentre lui, tenendomi il capo fra le mani, mi aiutava nel farlo godere. Il suo uccello era diventato incredibilmente duro e lungo dentro la mia bocca ed io mi divertivo a leccarlo e rifinirlo con la mia lingua.
Ema intanto ansimava di piacere.
“Oh, sì, da brava, continua così”.
Poi mi fermò e tolse il suo cazzo dalle mie labbra.
“Adesso in piedi”.
Non ebbi il tempo di rialzarmi che mi prese per i polsi e mi tirò a sé.
“E ora scopiamo per davvero!”
“No, no, lasciami”.
Io facevo finta di voler scappare quando in realtà non vedevo l’ora che mi inculasse per bene.
Riuscì anche a divincolarmi per puro caso ma lui subito mi avvolse le braccia attorno alla vita e mi sollevò da terra. Poi mi buttò sul divano e li mi ritrovai sdraiata supina con lui sopra di me.
I suoi lineamenti erano riconoscibili anche se deformati dalla calza. Era una cosa che un po’ mi impauriva ma che, al tempo stesso, mi eccitava.
Mi venne spontaneo baciarlo, anche a costo di togliere realismo alla scena.
Lui intanto mi aveva messo una mano sotto la gonna e cominciato a frugare, mentre affondava la faccia in mezzo al mio seno finto, ed io cercavo di fermare questa sua voglia belluina di sesso.
Dietro di noi, Maria e Valentina osservavano la scena, mugugnando e divincolandosi.
“Girati”, mi ordinò ad un certo punto Emanuele. Stavamo entrando nel clou dello spettacolo.
Io gli diedi la schiena. Lui mi alzò la gonna e mi abbassò collant e mutandine. Mi lubrificò per bene il buchetto e ci appoggiò il suo uccello. La situazione così strana aveva sicuramente eccitato anche lui: non avevo infatti mai visto il suo cazzo diventare così lungo. La sua cappella pulsava contro il mio buco del culo.
Poi cominciò a spingere: dopo una prima resistenza, il glande entrò, seguito subito dopo dal resto del cazzo.
Lanciai un urletto stridulo, quasi mi mancava il respiro. Emanuele mi stava prendendo con la sua virilità e la sua forza bruta. Il suo cazzo stava esercitando su di me il suo dominio. Lo sentivo agitarsi dentro il mio corpo.
“Oh sì, dai, prendimi tutta, violentami!”
“Ti punirò, troietta, e ti scoperò per bene!”
Continuava a spingere il suo pene dentro di me, a dare colpi di reni contro le mie chiappe. L’ano si era allargato a dismisura per poter accogliere il suo fallo ciclopico.
Avvertì che aumentava il ritmo della scopata. Stava venendo. Io urlai ancora più forte. Poi venne dentro di me.
Lo spettacolo era finito. Lo bloccai in anticipo prima che potesse allontanarsi.
“Ema, aspetta!”
“Che c’è?”
“Senti, visto che noi abbiamo la fortuna di essere una coppia interscambiabile nei ruoli, che ne diresti se adesso stessi sopra io?”
“Bea, ma questo non era nei patti”.
“Lo so, però io mi sono eccitata e mi è andato in tiro l’uccello. Non sei curioso di vederlo?”
Non se lo fece ripetere due volte. Si rimise sul divano a quattro zampe.
“Bravo, vedo che sei un buongustaio”, gli dissi mentre gli toglievo la calza dal volto.
Estrassi il mio pene da sotto la gonna. In effetti era già in tiro. Lo sfregai contro le guance del mio ragazzo che lo seguiva con lo sguardo come ipnotizzato.
“Non vedi l’ora di provarlo, vero?”
Lui aprì spontaneamente la bocca e prese il mio fardello dentro di sé. La sua lingua calda e umida cominciò ad andare su e giù lungo il mio cazzo, con mio estremo piacere e godimento.
“Oh sì, Ema, bravo!”
Maria ci guardava sbalorditi. Evidentemente gli pareva strano vedere suo fratello farmi la stessa cosa che lei faceva al suo fidanzato. Io intanto mi godevo questo pompino chiudendo gli occhi e gustandomi per bene la lingua di Emanuele insistere sulla mia cappella.
Poi lo interruppi, gli presi la testa fra le mani e gli dissi:
“Adesso dammi il culo”.
Lui si girò dandomi le terga. Io insalivai per bene il suo ano, poi lo penetrai.
La situazione era tornato alla normalità: Ema era tornato ad essere il mio sottoposto ed io la sua regina. Sentivo nuovamente il suo culo morbido aprirsi dolcemente ai colpi della mia minchia. Mi aveva disubbidito e io lo castigavo usando lo scettro che avevo in mezzo alle gambe.
Misi molta foga nell’amplesso. Visto che questa volta avevo delle spettatrici ad assistere allo spettacolo, volevo incularmelo bene bene. Lui intanto ansimava di piacere ed io con lui. Sentivo i miei coglioni strusciare contro le sue chiappe.
La mia minchia diventò ancora più calda e dura: ormai mancava poco all’orgasmo. Lo feci durare il più possibile, altri minuti che mi sembrarono un’eternità. Poi eiaculai.
Io e il mio ragazzo ci rivestimmo, poi liberammo Maria e Valentina.
Erano soddisfatte, avevano apprezzato la recita. In un certo senso, avevano goduto anche loro.
Maria era contenta del fatto che suo fratello avesse trovato una persona che lo amava e con la quale si era creato un rapporto così intenso.
Valentina però sollevò una critica:
“Però non è giusto, abbiamo visto i vostri due cazzi e non ne abbiamo provato neanche uno!”.
Io e Ema ci sacrificammo un’ultima volta e ci rendemmo disponibili a farci fare un pompino.

Questo racconto è stato letto 419 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: