Una storia vera




un paio d’anni di incomprensioni nel cercare di conoscerci ma al tempo stesso di nascondere le parti più intime delle nostri menti: parlo di ciò che è fantasia e cosa realtà; di cosa la nostra cultura ed educazione ci ha insegnato di fare e cosa ci piacerebbe davvero fare…..due anni interi, poi finalmente qualcosa è cambiato e su quel letto nel quale è consumata la maggior parte della nostra passione, del nostro desiderio e amore, per la prima volta e da allora per sempre le nostre teste hanno iniziato a mostrarsi per quello che sono…io un 40enne con un passato alle spalle, come tutti8qualche storia piùomenoimportante e più meno lunga) lei di poco più giovane con il suo passato, poco differente dal mio…
io piacione: adoro da sempre le donne, adoro corteggiarle, adoro guardarle, adoro ascoltarle e parlare loro….e di loro adoro soprattutto la femminilità, la capacità di sedurre e di attirare l’attenzione: penso sia più attraente una donna che ha qualcosa che una donna soltanto bella.
lei l’esempio della femminilità e della seduzione: occhi grandi e dolci, non molto alta, curata sempre nell’abbigliamento, un corpo magro ma con le forme rotonde dove devono sempre essere…..
la vedo una prima volta sul fare dellamattina di una serata con amici in un locale…..la vedo ma non la noto, amicizie in comune ci portano a scambiare quattro chiacchiere stanche e annoiate….
l’ho notata qualche sera dopo….gli stessi occhi gli stessi capelli, le stesse labbra,lo stesso tipo di abbigliamento, quella notte, a un ora meno tarda aveva tutta un altra luce….lei meno assonnata e annoiata aveva tutta un altra luce…..era lei….in quel locale che naturalmente aveva attirato lamia attenzione e quella di tanti altri…..un tubino nero, tacchi a spillo, nessun orpello, trucco che passava inosservato ma faceva concentrare l’attenzione su occhi e labbra….quella sera stessa le chiacchiere sono state più di quattro e diverse tra di noi……quella sera abbiamo cominciato a giocare……e poche notti dopo, dopo una proposta di un ultima sigaretta sotto casa mia, un primo bacio e le prime ore passate nudi su quel letto io dentro di lei…..
una prima volta divertente passionale, ma come sempre un po’ impacciata…..
per un anno ci siamo cercati ancora senza mai trovarci, troppo attaccati entrambi alla vita solitaria che ci eravamo costruiti…..
difficile dimenticare la rabbia mista eccitazione nel vederla con altri uomini….quelle volte in cui l’ho vista baciarli…..
quando peròl’attrazione è troppo forte puoi cercare di lasciare una relazione a livello scopata per un pò….ma poi qualcosa cambia…..un paio di anni fa e poco più fa qualcosa è cambiato…dalla notte le nostre frequentazioni sono passate anche al giorno….dal sesso e poi ognuno a casa propria al dormire insieme abbracciati….dagli incontri a fine serata alle cene noi due insieme…oggi viviamoinsieme…e quella notte di cui parlavo ci ha fatto conoscere moltomeglio: non so come sia successo,ma è successo….una parola…un comportamento e ciò che io sapevo già di lei e lei di me ha cominciato a essere condiviso….all’inizio come un gioco,poi come libertà vera….
è proprio a quella libertà vera che mi porta a scrivere di ciò che è successo quelgiorno suona spiaggia in grecia…la nostra prima vacanza estiva vera insieme….e in particolare di una giornata al mare e del giorno dopo…e qui si può parlare tranquillamente di coincidenze.

quel giorno scegliamo una spiaggia,come sempre diversa dal giorno prima….splendida comelamaggior parte delle spiagge delle isole greche: l’asciugamano sulla sabbia, claudia che si spoglia, lasciandosi coprire solo da uno dei suoi brasiliani, gli occhiali e la crema abbronzante…..
la prima parte della giornata la passiamo così: tra un libro, un pranzo di pesce al ristoranti vicino, una passeggiata e qualche bagno rinfrescante; solo nel pomeriggio si sdraia non lontano da noi, o forse lo notiamo solo allora, un uomo,sulla 40ina anche lui, intento a leggere un libro che dal titolo sembrerebbe in inglese….io lo noto, ma niente di più e continuo la mia giornata tra risate coon claudia, baci,carezze, una nuotata e il tanto sole caldo ma ventilato della grecia…..
verso le 6.30 dopo una birra torniamo in albergo, con i corpi caldi e desiderosi di qualcosa di più intimo, iniziamo stola doccia per finire sul letto…..credo che in questi poco più di due anni non siano passati più di due giorni senza che facessimo almeno una volta l’amore…..
con un asciugamano legato in vita ci beviamo un ultima birra lasciata in frigo, ci vestiamo e usciamo…..
entra nel ristorante scelto con un vestitino bianco, che contrasta perfettamente con l’abbronzatura e che le fascia perfettamente finche e sedere…..l’ho detto che sa mostrarsi sempre perfettamente…..e sa benissimo che quelli sono la sua arma di seduzione più forte….
non lo abbiamo notato appena seduti, almeno non l’ho notato io da subito….lei si….perche vedo che sorridendo capita che il suo sguardo vada oltre i miei occhi e le mie spalle…..lascio fare, senza chiedere niente: è successo più volte a entrambi che percependo qualche discorso o vedendo qualcosa di curioso in tavoli adiacenti l’attenzione rimanesse sul nostro ma fosse parzialmente distratta da altro….per poi riderci su insieme…..
come ogni nostra cena anche questa è ricca di risate, di parole e di occhi pieni l’uno dell altro…..a parte quelle divagazioni dei suoi….
solo quando le dico che mi sarei alzato un attimo per raggiungere la toilette, lei mi comunica che dietro di noi, c’è quell’uomo che il pomeriggio era sdraiato, di fianco a noi…..”non so se lo hai visto? io si bene…..sai che quando un uomo mi guarda e mi guarda in quel modo, difficilmente mi perdo un attimo del suo sguardo…..e coincidenza vuole che anche stasera è seduto proprio dietro di te con una donna e sta guardando spesso verso di me…..e che occhi!!!!”
è un gioco tra noi….sorrido eccitato….mi piace troppo il suo essere femmina e donna….non riesco ad arrabbiarmi p a provare gelosia….alla fine io non ho smesso di adorare le donne e adoro proprio quelle che nel mio sguardo si lasciano andare…..in fondo la malizia è femmina…..e claudia proprio quella claudia che stavo vedendo in quelmomento era quella che aveva fatto innamorare me allora……
mi alzo, mi giro e lo vedo seduto dietro di noi con una ragazza bionda che mi da le spalle….
poco dopo torno al tavolo…..e la cena finisce come era iniziata ridendo tanto, mangiando bene e bevendo tanto….con in più qualche apprezzamento di claudia sullo sguardo dell’uomo forse inglese e su quanto quello sguardo mai eccessivo la intrigasse e appagasse, essendo lui a cena con un altra donna…..
non so come sia finita la serata dello straniero,la nostra con claudia che uscendo lo educe un ultima volta con gli occhi…..una corsa verso l’albergo dove la passione è iniziata a bordo piscina e finita sullo stessolettina a bordo piscina, dove la mancanza di biancheria di claudia è stata molto di aiuto a rendere tuttopiù eccitante e anche facile….
il giorno dopo…..esattamente come ilgiorno prima….colazione in albergo, un caffe qualche sigaretta e quattro passi tra le strade del paesino…..e alla ricerca con lo scooter noleggiato di una spiaggia nuova…..ne troviamo una che da lontano sembra bella: una sola fila di ombrelloni di paglia a una decina di metri dal mare, ognuno con due lettini e un piccolo recinto che chiude la vista verso la strada e lateralmente a ogni postazione…..l’intimità e la privacy che crea ci piace da subito, paghiamoi nostrilettini al chiosco sulla strada e andiamo a sdraiarci…..solo una volta arrivati capiamo che la privacy permette a chi è sdraiato di stare completamente nudo……altro punto a favore della spiaggia…..e, coincidenza, sul lettino di fianco al nostro, ovviamente nudo, lo straniero….che ci sorride appena arriviamo noi ricambiamo count saluto e un sorriso complice, stupito e divertito tra di noi
io e claudia ci spogliamo, finalmente nudi…..era ora poterlo fare…..
dopo qualche commento sulla situazione, sulle dimensioni dello straniero e su quanto comunque fosse affascinante in ognuna delle tre versioni in cui l’avevamo visto…edopo un po’ di sole io vado a fare la mia prima nuotata quotidiana….entro in acqua,una decina di minuti di bracciate e alla prima pausa girandomi a guardare claudia, vedo con gioia mista eccitazione che stavano parlando, nudi seduti sul lettino di Claudia….involontariamente, capisco che alla fine era ciò che speravo….
nuoto ancora un po’ e torno da claudia…..che sorridendo mi presenta lo straniero….quandosi alzare stringermi la mano….la mia eccitazione e credo anche quella di claudia,dopo una mezz’oretta nuda agli occhi di uno sconosciuto iniziavano a sentirsi….
all’ora di pranzo gli offriamo una birra…..e continuiamo a chiacchierare….con la complicità che aumenta al diminuire timidezza, io sul mio lettino, claudia sdraiata sul suo e lo straniero ai piedi di quello di claudia….che con le ginocchia piegate per lasciare spazio, lascia anche tutto il suo corpo alla vista dell’uomo….
io passo momenti di eccitazione fortissima in cui faccio fatica a trattenere un erezione e momenti di disinvoltura dovuta solo al fatto che comunque la conversazione è piacevole e mai maliziosa…..leuniche cose che sono piene di malizia è claudia,il suo corpo e pomello muove, sempre senza mai eccedere …..
e quando si alza lui per tornare al suo lettino, dicendo che è l’ora che ci lasci soli che qualcosa cambia….io quasi dispiaciuto,dopo qualche chiacchiera con claudia, vado a rinfrescarmi in mare…..rientrando, vedo la cosa più eccitante della mia vita…..lui sdraiato su un fianco che guarda claudia con il cazzo duro in mano e claudia sdraiata con le gambe aperte, una mano sul seno e una tra le gambe che lo guarda….non so quanto ci ho messo a riprendermi dallostupore…..dalla gelosia…..dalla meraviglia dello spettacolo che avevo davanti….le erezioni che parzialmente ero riuscito a trattenere si sono manifestate contemporaneamente in una sola……mi sono avvicinato….inginocchato ai piedi delegano di claudia e ho appoggiato la lingua sulle sue labbra……raramente le ho sentite così bagnate…..e grandi….lei mi appoggia una mano sulla testa come a tenerla li…..e muovendo il corpo,come strusciandolo sul lettino si avvicina ancora di più a me…..lui si siede e continua a toccarsi….lei non gli toglie gli occhi di dosso…..si guardano…lei non so se guarda lui o la sua mano in movimento….fino a quando è la mano di lei a togliersi dalla mia testa….solo allora mi guarda per la prima volta…..con occhi eccitatissimi e con un sorriso meraviglioso,mi dice “scopami!!!! dammelo!!!!!” arrivando con le chiappe sul bordo del lettino…..la faccia di lui è eccitatissima e non solo la sua faccia…..sono anche io eccitatissimo e faccio fatica a muovermi per paura di godere subito e perdermi tutto lo spettacolo fino in fondo…..
lei con un gesto della mano e forse degli occhi lo invita ad avvicinarsi…..e mentre lui continua a toccarsi soltanto vicinissimo al suo seno e al suo viso guardando gli occhi di lei,claudia inizia ad accarezzarlo….gambe, glutei, addome,la mano sul cazzoe inevitabilmente anche quello……io ho il cuore che va mille……l’erezione è come forse non l’ho mai sentita e sono pronto a godere da un momento all’altro…..lui toglie la mano proprio menerei inizia a stringerlo….non servono molti movimenti della sua mano sul cazzo dello straniero che da quell’uccello davvero grande……esce tutto il suo piacere….ilprimo schizzo la prende nel collo e in parte ilmento e la guancia….il secondo e gli altri il seno…..in quelmomento lei si gira mi guarda sorridendo con la faccia stravolta e sento arrivare quell’orgasmo che conosco benissimo…..è soltanto più forte di sempre……e in quell’attimo miei occhi nei suoi godo anche io coprendole l’addome e il seno, incrociando quello dello straniero, delmio piacere……
mai vistyo claudia cosi femmina sexy…..gli occhi nei miei,amano sporca di qualche goccia di sperma dello straniero con ancora il suo pisello stretto…..nuda….non so se sia stato lui lei a richiamarlo con la mano…..ma quel bacio morbido sulla pjunta mentre mi guardava……e la sua bocca che si apre….per fare arrivare le labbra fino alle gocce lasciate sulla mano….eho visto la sua bocca, riempirsi di piacere…..le sue labbra e la sua lingua correre per un attimo su ciocche ha desideratoper tutto il giorno……mi ha sorriso come se fossetta cosa piùnaturale delmondo…..al punto che io naturalmente,mi sono andato a sdraiare di fianco a lei, ancoracoperta del piacere di due uomini…….luiancora in piedi non sapeva cosa fare…..claudia gli ha preso la mano e lo ha fatto accomodare con noi, in un attimo di intimitàunica…….
da quando poco dopo….lui si è alzato quando non siamo andati via tra noi elo straniero non ci sono state più parole…..
ricordo le ultime, accompagniate da un sorriso malizioso, di claudia “see u tonight”
…..non ho chiesto niente….sperando che sapessero dove incontrarsi….o forse no……non so cosa sperassi….so che quella notte su quesito…..non so come ho iniziato a sentirmi libero……di amare la donna che amo per quello che lei vuole essere e per quello che è….sinceramente, senza paure e gelosie…..

Questo racconto è stato letto 437 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!