Un mondo nuovo, a due passi da casa by badguy [Vietato ai minori]




La serata al pub con gli amici era stata piacevole e Roberto, con la mente ancora annebbiata dall’alcol, non desiderava altro che concluderla con po’ di relax.

Casa dei suoi genitori, in cui Roberto abitava ancora, era a cinque minuti di macchina da un piazzale noto per la presenza di “lucciole”. Ci era capitato qualche volta, in passato, dopotutto quel posto era di strada per rincasare. La notte era un via vai continuo di macchine che accostavano, parlavano e a volte caricavano o scaricavano una di quelle prosperose e poco vestite ragazze che aspettavano ai bordi della strada.
Roberto, un ventiquattrenne di bell’aspetto, non aveva mai avuto bisogno di pagare per rimediare un po’ di sesso, ma era sempre stato incuriosito da quel posto. Ne conosceva altri nella sua città, ma in nessun altro di questi le ragazze sembravano così ammiccanti e generose nel mostrarsi.

Quella sera, con gli amici, si era parlato di esperienze sessuali e l’argomento aveva accesso la scintilla nella testa di Roberto. Durante il rientro verso casa, il ragazzo si era convinto a modificare leggermente il percorso per passare dal piazzale che tanto lo incuriosiva.
Nella sua testa si proponeva solo un “giro di perlustrazione”. Avrebbe visto qualche scollatura, al massimo scambiato due chiacchiere e sarebbe andato a casa a sfogarsi nella sua cameretta.
Arrivato sul posto trovò il solito traffico scorrevole. Si mise in fila lasciano qualche metro dalla macchina che lo precedeva in modo tale da avere più tempo per vedere le ragazze che gli sfilavano di fianco. Una dietro l’altra le vedeva scorrere dal finestrino ma una mora catturò la sua attenzione. Era molto alta, circa 1,70m, le labbra carnose la rendevano già molto provocante ma, come se questo non bastasse, la ragazza indossava un corpetto strettissimo che le strizzava l’enorme seno facendo intravedere l’areola dei capezzoli. Una minigonna e degli stivali con tacco vertiginoso concludevano il sexy abbigliamento.

Roberto, complice anche l’annebbiamento dei riflessi dovuto all’alcol e l’agitazione che la situazione creava in lui, non colse l’occasione e tirò dritto. Smise di guardare le altre ragazze e, rimuginando non poco nella sua testa, si convinse a fare il giro per fermarsi a parlare con la ragazza. Così fece: invertì la macchina, tornò indietro ed iniziò a rallentare quando fu nei paraggi. Il cuore gli arrivo in gola mentre abbassava il finestrino e la ragazza si avvicinava.

“Ciao Amore”, fece lei con un accento sudamericano.
“Ciao”, farfugliò lui. La voce quasi non gli uscì dalla gola. Non sapendo cosa dire e in imbarazzo per la situazione tagliò corto: “Quanto vuoi?”.
“Trenta euro, tesoro”.
Roberto si stupì. Pensava che il sesso a pagamento fosse meno economico ma cercò di scacciare dalla sua mente l’idea di accettare. Aveva sentito parlare del rischio di malattie e poi non aveva mai sentito nessuno vantarsi per essere andato con una prostituta.
Provò ad allungare un po’ il discorso per guardare ancora un po’ in mezzo alla scollatura: “E solo con la bocca?”
“Per un bel ragazzo come te facciamo dieci…”.
Roberto rimase di stucco. Dieci euro per un bel servizietto da quella ragazzona gli sembrava un’idea più che allettante ma non ebbe il coraggio di dire sì. Almeno per il momento.
La ragazza, vedendolo titubare, lo esortò: “Allora amore, che facciamo, andiamo?”.
“Ok, sali”. Fu quello che senza nemmeno rendersi conto disse lui.

In macchina fu la ragazza a rompere il ghiaccio. “Come ti chiami?”.
“Paolo”, inventò.
“E tu?”
“Carla”

Lei continuò a dare indicazioni per raggiungere un parcheggio buio ed appartato. Quando arrivarono Roberto gli diede i soldi e lei gli disse di tirare giù il sedile e di mettersi comodo mentre infilava la banconota nella borsetta prima di estrarne un preservativo.
Roberto tirò giù lo schienale e si abbasso pantaloni e slip, mostrando la sua già avanzata erezione.
“Mhh quanto è grosso”.
Roberto non seppe cosa rispondere.
Carla scartò il preservativo, lo poggiò sulla punta della cappella di Roberto e lo srotolò con la bocca. Il ragazzo inarcò la schiena e gemette per un momento, non si aspettava un approccio così diretto. Finalmente iniziava a rilassarsi.

La ragazza ci sapeva davvero fare. Roberto non era un super dotato, eppure nessuna era mai riuscita a farglielo sparire nella bocca fino a quel momento. Sentiva il naso di Carla posarsi sul suo ventre durante gli affondi. Il contatto della sua cappella con la gola faceva fare dei versi alla ragazza che lo eccitavano ancora di più, facendo crescere ancora il suo membro.

Iniziava a sentirsi a suo agio e decise di darsi da fare anche lui. Con una mano afferrò la nuca di Carla cercando di trattenerla con il cazzo piantato in gola, con l’altra le iniziò a palpare i seni prosperosi.
Non erano frutto di madre natura e al contatto si sentiva. Un po’ deluso da questo, il ragazzo, decise di scendere ancora con la mano per arrivare al sesso della ragazza.
Si infilò sotto la minigonna e sentì Carla che allargava le gambe per favorirlo, senza smettere di pomparlo. Quando arrivò all’interno coscia prese il perizoma, lo alzò e si insinuò dentro. Un brivido gli percorse la schiena e d’istinto mollò la presa sulla testa di Carla quando, nella mano, si ritrovò un paio di palle lisce e gonfie. D’istinto tirò indietro anche l’altra mano dallo slip.
Carla smise di succhiare e, tenendo ancora con una mano il cazzo di Roberto, alzò la testa per guardarlo.

“Cosa c’è tesoro?”
Roberto non sapeva cosa dire.
“Pensavi che avessi la fica”
“Veramente sì, pensavo fossi una ragazza. Scusami”
Carla fece una risata mentre Roberto avrebbe voluto scomparire. Pensava solo a come tirarsi via da quella situazione imbarazzante per poi provare a dimenticare tutto il più in fretta possibile.
“Amore, non serve la fica per succhiartelo”
Roberto, immobile, era ancora senza parole.
“A me sembra che a lui non dispiaccia” disse Carla guardando il membro ancora eretto del ragazzo.

Senza dare possibilità di replica, Carla chinò di nuovo la testa e riprese con l’ottimo pompino che aveva interrotto poco prima.
Roberto rimase inerme finche, dopo qualche minuto, sopraggiunse un orgasmo copiosissimo, come mai gli era capitato prima. Strinse i pugni e chiuse gli occhi mentre la sua sborra riempiva il preservativo.
Carla sentì pulsare il cazzo nella sua bocca e rallentò leggermente il ritmo degli affondi, fino a fermarsi quando sentì che l’asta di Roberto non era più in tiro.

Sorridendo si alzò e baciò in fronte il ragazzo, ancora visibilmente scosso. “io so cosa ti piace”, disse.
Lo aiutò a pulirsi con delle salviettine umide e continuò a sorridere fino a che Roberto non l’ebbe riaccompagnata al piazzale.
All’arrivo lo salutò con un bacio sul collo e, mettendogli una mano tra le cosce, disse al ragazzo: “Se vuoi scoprire cose nuove, io sono qui tutte le notti”. Roberto era sicuro che non sarebbe mai tornato ma il suo cazzo, ancora una volta, non era d’accordo con lui. Quando Carla si allontanò, infatti, il ragazzo scoprì che il tocco della ragazza aveva causato un’altra erezione, cosa che non gli capitava praticamente mai a così breve distanza da un orgasmo.

Questo racconto è stato letto 174 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: