Tradito sul letto coniugale




Vi confido la mia storia di marito tradito. Ho vissuto cocenti disinganni, ma anche provato sensazioni ed emozioni fortissime, contraddizioni che hanno la loro ragion d’essere nel nostro inconscio perché se le ha vissute il sottoscritto anche altri le hanno certamente provate.
Mi chiamo Daniele, Ho trentaquattro anni e faccio il padroncino per conto di alcuni empori, perciò capita spesso che rimanga fuori di casa molte ore.
Mia moglie Nadia ha trentuno anni ed è una gran bella donna. Ha un carattere amabile e il volto mediterraneo: grandi occhi bruni, sguardo dolce e labbra carnose. I suoi capelli sono talmente scuri da avere riflessi azzurrini. Ha pelle ambrata, silhouette snella, seni opulenti con aureole pronunciate sulle quali svettano turgidi capezzoli. Tra le cosce ha un pelo folto e nero come le ali di un corvo, insomma una di quelle femmine che molti sognerebbero di avere per moglie.
Siamo sposati da quattro anni e abitiamo in una villetta di proprietà. Fino alla tarda primavera del 2013 ho vissuto con la certezza che la nostra vita coniugale sarebbe trascorsa serenamente e senza scossoni per molto tempo a venire. Avevamo in progetto dei figli ma volevamo attendere qualche anno ancora e siccome lei voleva le eiaculassi sempre dentro, anche nel suo periodo fertile, prendeva regolarmente la pillola.

Che cosa è accaduto, allora, per mettere a soqquadro l’idea che mi ero fatto di lei, in altre parole che fosse soltanto bella ma non troia? Ebbene nel maggio di quell’anno decidemmo di ristrutturare casa: rinnovare il bagno, realizzare un caminetto in soggiorno, eliminare una parete divisoria per recuperare spazio, cambiare tinteggiatura alle stanze e dipingere di rosa confetto l’esterno della casa. Il muratore, cui mi ero rivolto, si chiamava Damiano (soprannominato Paco) che, per sopperire alla crisi edilizia, si adattava molto bene a fare anche l’imbianchino. Sposato e sulla quarantina, Paco era un tipo brevilineo non particolarmente bello ma robusto come un torello, sempre pronto alle battute con il doppio senso e a raccontare barzellette pepate. Paco aveva un collaboratore che si chiamava Amos, un bel ragazzo sulla trentacinquina, anch’esso tuttofare e pure lui sposato. I due edili erano molto affiatati, lavoravano in casa nostra già da una settimana e dovevano trattenersi per almeno un altro mese, perciò era inevitabile che prendessimo confidenza con loro. Fui io stesso (quel giorno ero a casa) che li invitai a rimanere a pranzo dai noi.
Nadia preparò loro risotto alle vongole e spiedini di pesce accompagnati da vino rosé. Conversammo dei lavori mentre pranzavamo, poi, giunti al caffè, Paco tirò fuori dal suo inesauribile repertorio, alcune barzellette piccanti. Una in particolare mi fece ridere di gusto e non diedi alcuna importanza alle brevi occhiate che lui e mia moglie si scambiarono, tantomeno intuii quanto quella storiella fosse stata raccontata per inviare un messaggio “particolare” a Nadia.
Ve la ripeto perché possiate capirne l’allusione che conteneva.

Negli anni cinquanta del secolo scorso, quando ancora c’erano orinatoi pubblici nei cantoni delle strade, un tale di nome Alfeo che aveva l’abitudine di fare pipì in uno di essi, fu convocato dal capo dei vigili urbani cittadini per avvisarlo di alcune proteste pendenti nei suoi confronti.
«Signor Alfeo» lo ammonì il capo dei vigili «alcune donne si sono lamentate del modo con cui lei fa pipì nell’orinatoio del suo quartiere.»
«Non capisco» rispose Alfeo «perché mi si voglia proibire di urinare in un pisciatoio pubblico.»
«Nessuno, signor Alfeo, glielo vuole proibire» gli spiegò il comandante «ma abbia l’accortezza di stare più addossato al cesso, perché le signore ci hanno riferito che lei sta scostato di almeno quaranta centimetri e non possono evitare di vedere il suo “spettacolo”.»
«Signor comandante» replicò Alfeo allargando le braccia «non posso stare più accostato altrimenti tocco.»

Dopo la risata generale notai che Paco si mosse sulla sedia. Come potevo immaginare che si era mosso per fare piedino a Nadia perché afferrasse che quella barzelletta l’aveva raccontata per farle intendere quanto grosse fossero le dimensioni di ciò che i suoi indumenti di lavoro celavano?
Questo fatto accadde il venerdì. Il giorno dopo Paco e il suo socio lavorarono fino alle cinque del pomeriggio benché fosse sabato. Io mi ero recato in cortile per dare una pulita all’auto perché i genitori di mia moglie ci avevano invitato a pranzo e Nadia ci teneva che ci andassimo con l’auto in ordine. Quando rientrai in casa sorpresi mia moglie e Paco che parlottavano sottovoce. Voltandomi le spalle non si accorsero della mia presenza. Riuscii a percepire soltanto qualche parola smozzicata non sufficiente perché potessi ricostruire il senso del discorso, come:
«… mio… gr…. Vu… ave.. la prova? –
“Prova” era l’unica parola che avessi percepito e l’associai a qualcosa riguardante il restauro, come volessero provare qualcosa. Vidi mia moglie annuire e rispondergli quasi sottovoce. Si mosse per entrare nel vestibolo che divideva il resto della casa dalla zona notte e dal bagno. Paco la segui. Notai Amos fare un risolino tra i denti. Poi quando mi notò, si grattò la gola. Subito dopo vidi uscire Paco e mia moglie dal vestibolo. Lei aveva le gote accese di uno strano rossore. Fece quasi un sobbalzo quando si accorse della mia presenza e le sue guance divennero ancora più accese. Mi disse che aveva accompagnato in camera nostra Paco perché le desse un consiglio sulla tonalità di colore da dare alla camera e al bagno.
– Azzurro chiaro, mi ha suggerito Paco, sia alla matrimoniale sia al bagno – mi riferì cercando di inviarmi un disteso sorriso.
– Nel vestibolo un colore bianco ghiaccio può andare bene – aggiunse Paco – così da dare luminosità all’ambiente stretto. –
– L’importante – risposi – è che mia moglie rimanga soddisfatta. –
– Rimarrà soddisfattissima, signor Daniele, glielo garantisco – mi assicurò Paco, portandosi una mano al petto.
Come potevo immaginare che l’espressione di Paco celasse un suo ennesimo doppio senso?
– La camera matrimoniale sarà l’ultima che tinteggeremo, così avrete ancora tempo per dormirci senza avere problemi – aggiunse Paco.

Fu al ristorante, mentre pranzavo con Daniela e i miei suoceri, che incominciai ad avvertire secchezza alle narici. Il giorno dopo (lunedì mattina) mi destai con le membra indolenzite, la gola irritata e il naso che incominciava a colarmi, tuttavia dovevo andare a consegnare urgentemente della merce ma Nadia era talmente apprensiva che evitai di dirglielo. Partii alla solita ora, otto e mezzo del mattino. Salutai Paco e Amos già intenti a lavorare. Notai che entrambi avevano la barba rasata di fresco e avvertivo odore di colonia, dettagli che avrebbero dovuto insospettirmi, ma come potevo dubitare di una moglie amorevole come Nadia. Di regola mi salutava accanto alla porta d’ingresso, mi baciava sulle labbra, poi si raccomandava che guidassi con prudenza, ma quel mattino mi parve addirittura più premurosa del solito, perché venne a salutarmi nella rimessa, accanto al furgone. Mi diede un bacio appassionato, facendomi sentire la lingua in bocca. Accostò il corpo al mio, al punto che mi fece avere un’erezione sebbene mi sentissi giù di corda. Le dissi che se non fosse risalita subito in casa, l’avrei sdraiata sul pavimento della rimessa.

Avevo fatto una trentina di chilometri in autostrada quando incominciai ad avvertite la fronte scottarmi.
– Porca puttana, che mi stia prendendo la febbre? –
Uscii dall’autostrada e consegnai la prima merce.
Giunsi alla seconda tappa delle mie consegne. Il proprietario della ditta mi disse che avevo una brutta cera. Gli rivelai di non sentirmi particolarmente in forma. Mi sentì starnutire e dare un paio di colpi secchi di tosse. M’invitò a seguirlo in infermeria perché mi misurassi la febbre. La linea rossa salì a trentotto e quattro.
– Tornatene a casa e infilati a letto – mi suggerì il cliente offrendomi un’aspirina.
Giunsi a casa alle dieci e mezzo. Trovai il mio passo carraio ostruito da un’auto. – Accidenti alla scarogna, proprio stamattina doveva capitare! Non mi andava di cercare il proprietario e magari mettermi a discutere. Decisi di cercare un posteggio lungo la strada. Lo trovai distante una cinquantina di metri. Mi affrettai a raggiungere casa. Nel cortile interno c’era il motocarro con il quale Paco e Amos trasportavano il materiale e gli attrezzi da lavoro. Aprii con la mia chiave ed entrai nell’ingresso. C’era buio perché l’entrata non aveva finestre e quella poca luce che ci arrivava, proveniva dalla finestra del tinello attraverso l’accesso ad arco che unisce i due locali, ma se la persiana del soggiorno rimaneva chiusa, era necessario accendere la luce. Annaspai per trovare l’interruttore. Vidi le porte delle stanze chiuse; notai, in un angolo, sopra un telo di cellofan, del materiale edile. Il silenzio regnava sovrano. Nel tinello non c’era anima viva e la persiana della finestra era chiusa. Entrai nel cucinotto: vuoto anch’esso. – Che diavolo è accaduto? – mi domandai. Temetti che uno dei due muratori fosse caduto dallo scaleo e che ci fosse stato bisogno di accompagnarlo al pronto soccorso. Che altro dovevo pensare? Tornai nell’ingresso, aprii la porta che conduceva nella zona notte della camera matrimoniale ed entrai nel vestibolo. Stavo per aprire la porta di camera quando udii un gridolino, seguito da una frase.
– Sì, così, così, Paco, oh sì, ancora più giù! Voglio sentirlo premere contro l’utero. Oh mamma mia, mi fai volare al settimo cielo, Paco. –
Era la voce di Nadia. Mi si accapponò la pelle delle braccia perché dal tremolio col quale parlava, immaginai che lui la montasse energicamente. Avvertii un brulichio tra i capelli, come fosse causato da mille formiche. Rimasi impietrito nel vestibolo semibuio. Mi giunse la voce di Paco che disse:
– Nadia, la tua fica è il pozzo delle delizie. Il mio cazzo è lungo ventitre centimetri ma devo spingerlo dentro tutto per premertelo contro l’utero. Tuo marito non ce la fa a toccarti il fondo? –
E lei:
– No, Paco no! Lui l’ha più corto e più piccolo del tuo…. –
– Con lui non godi? –
– Sì ma non quanto mi fai godere tu, perché mi dilati, mi premi sulle pareti della vagin… perché ti sei fermato? –
– Ho dovuto altrimenti sborravo subito. Hai la fica troppo ospitale e voglio scoparti ancora a lungo. –
– Allora – gli suggerì Nadia – stattene fermo. Adesso provo a distrarti facendoti parlare. Tua moglie – ha la vagina profonda come la mia? –
– No e devo stare molto attento quando facciamo l’amore. –
– Te lo succhia? –
– Sì… –
– Gli vieni in bocca? –
– Sempre. –
– Lo inghiotte? –
– Spesso, ad accezione di quando le voglio eiaculare sulla faccia. –
– Mio marito non fa mai né l’una né l’altra cosa – rispose mia moglie – per una forma di rispetto nei miei confronti. –
– E tu vorresti che lo facesse? –
– Sì e mi sento frustrata quando, dopo averglielo succhiato, lui mi avverte che sta per venire e sono costretta a masturbarlo con la mano per poi vedere gli zampilli di sperma schizzargli sull’addome. Sapessi quante volte ho provato a dirgli di venirmi in bocca, senza riuscirci. – E nemmeno mi sodomizza. Sostiene che quelli sono atti degradanti che umiliano la dignità della donna. –
– Nadia – disse a quel punto Paco – tu non sei solo bella ma anche carnale e tuo marito non l’ha ancora capito. –
– No – rispose lei – e non ha fatto nulla per scoprirlo. –
– E tu non glielo hai mai confidato perché temevi si facesse di te un giudizio negativo a scoprire la tua libidine? –
– Sì, avevo timore mi considerasse troppo… insomma hai capito no? Non farmi dire la parola, Paco. –
– Temevi ti giudicasse una troia se gli avessi rivelato che ti sarebbe piaciuto se ti avesse sborrato in bocca e t’inculasse, non è così? –
– Sì, Paco. –
– E tu invece vorresti ti mormorasse anche le parolacce quando ti chiava, eh? –
– Anche… –
– Che ti dicesse quanto tu sia porca, come una vacca in calore, un’oscena puttana, una… –
Paco seguitò la sequela di sconcezze rivolte a mia moglie e lei che gli rispondeva:
– Sì, sì, sì! –
– E ti senti frustrata nella tua sessualità –
– Sì, Paco, sì! –
– Tuo marito è uno sciocco, anzi un coglione. Adesso ti ritrovi a tradirlo con un desiderio di trasgredire arretrato di anni. Non lo avresti fatto se ti avesse dato la possibilità di sfogare la tua sensualità? –
– Forse no. Amo mio marito, anche se ignora le mie carnalità. –
Quella frase mi fece sentire un maschio di pasta frolla che mai aveva fatto qualcosa per sentirsi complice e confidente con la propria femmina.
Adesso Nadia era là, dietro quella porta, sul nostro letto coniugale, con un grosso cazzo nella fica e conversava con il suo stallone per distrarlo da un’eiaculazione troppo precoce. Mi domandai che posizione avesse assunto la “mia” Nadia; si era fatta prendere da dietro, oppure stavano scopando nella posizione del missionario? Che differenza c’era se si faceva chiavare in una posizione piuttosto che un’altra? Quale stupida curiosità era la mia?
La fronte mi scottava. Riuscii a trattenere lo stimolo di tossire. Mi chiesi se ci fosse anche Amos: non avevo sentito la sua voce. Che cosa stavano facendo adesso? Nella stanza da letto era calato il silenzio.
La persiana della camera doveva essere aperta perché entrava una lama di luce dalla fessura sotto la porta che m’illuminava debolmente le scarpe. Io, invece, mi trovavo in un ambiente piuttosto buio e se avessi aperto di uno spiraglio, non si sarebbero accorti della mia presenza, presi com’erano dall’amplesso. Era un azzardo ma dovevo costatare. Allungai la mano verso la maniglia, poi la ritrassi. Un conto era sentire le voci, un altro guardare. Sarei potuto persino svenire. Pensai sarebbe stato più ragionevole se me ne fossi andato, ma qualcosa m’inchiodava nel vestibolo. Respirai profondo per cercare di controllare l’ansia. Il silenzio seguitava. L’impulso di sbirciare tornò a tormentarmi. La mia mano si posò di nuovo sulla maniglia; cominciò a premerla verso il basso. Un lieve cigolio mi obbligò a fermarmi. Sentii la voce di mia moglie che diceva:
– Paco, lascialo dentro ancora un po’ e seguita a pigiarmelo contro l’utero. Adesso torna a baciarmi. –
– Nadia, sei proprio una troia! – Pensai al bacio in bocca come l’atto più grave che si potesse consumare in un tradimento. Tornai a premere la mano sulla maniglia. Aprii la porta di una fessura e quel che scorsi, mi fece tremare le gambe. Avvertii il sangue abbandonarmi il viso, poi tornare a incendiarmelo di livore, però il buon senso mi suggerì che era sbagliato irrompere nella camera e fare una scenata. La fessura mi consentiva di vedere solo in parte le figure di Nadia e Paco, perciò dovetti spostare la testa per consentire agli occhi di scorgere i loro corpi nudi. Lei era supina, aveva incrociato le gambe all’altezza renale di Paco. Indossava solo le autoreggenti a rete e le scarpe rosse, con tacco dieci, quelle che metteva quando andavamo a ballare il liscio. Lui stava fermo, sopra il suo corpo. Gli vedevo i glutei muscolosi e tesi nell’atto di premere contro il pube di mia moglie. Mi azzardai a scostare di più la porta, solo un paio di centimetri per avere una visuale più ampia.
Nadia e Paco si baciavano in modo che giudicarlo appassionato, era dire poco. Ecco perché c’era silenzio! Le loro bocche, aperte, costringevano le labbra a premere le une contro le altre. A tratti potevo vedere le loro lingue incrociarsi, duellare, poi le bocche tornavano a sigillarsi e le loro gote s’infossavano a vicenda, come volessero succhiarsi anche l’ugola oltre che la lingua. Ero talmente sconvolto che nemmeno avvertivo più di essere febbricitante. Finalmente le loro bocche si separarono, ma rimasero semiaperte come se Nadia e Paco avessero la necessità di riprendere fiato per rituffarsi uno nella bocca dell’altra. Un filo si saliva si allungò tra le loro labbra senza dividersi. Era tanto sconvolgente vedere i loro volti alterati dalla libido scatenata, da non accorgermi della stranezza con la quale reagivano i miei sensi e tra poco ve lo rivelerò. Solo quando Paco si rivolse ad Amos, dicendogli di partecipare, vidi comparire il suo socio sulla scena del “misfatto”. Anch’egli era completamente nudo. Giudicai il suo pene non più grosso del mio, ma aveva una tale tensione erettile che il suo glande sembrava guardasse il soffitto.
– Succhiale i seni, mordicchiale i capezzoli e leccale il collo, poi mettile la lingua nelle orecchie e in bocca, mentre ricomincerò a scopare la cara mogliettina di Daniele. –
Quella frase, Paco, l’aveva pronunciata con un tono venato di sarcasmo come fosse perversamente compiaciuto di fare cornuto un inibito sessuale come il sottoscritto.

Il rapporto a tre iniziò davanti ai miei occhi che non battevano ciglio. Paco si resse sulle braccia per lasciare spazio al suo socio, poi iniziò a stantuffare la fica di mia moglie, dapprima lentamente, poi con sempre maggiore rapidità. Potevo vedere il suo cazzo fuoriuscire, a volte completamente dalla vagina di Nadia, poi tornare a immergersi in essa. Era un cazzo che doveva superare molto i venti centimetri di lunghezza, ma era la sua grossa mole a farlo diventare proporzionato. Con quella mazza, Paco la stantuffava senza tregua, sbatacchiandola come una bambola di pezza e lei, tra un gemito e l’altro, seguitava a incalzarlo sospirandogli, spasimando:
– Sì, sì, così… ancora, ancora, non fermarti Paco! Rompimi la fica, sfondami e non venire ti prego, voglio che tu mi scopi ancora e ancora e ancoraaa! Chiavami per tutta la vita! –
La vidi stringere con forza i capelli di Amos che gli succhiava un capezzolo.
– Non preoccuparti Nadia – le rispose Paco dopo un impetuoso affondo – ho superato il momento critico e adesso posso seguitare a chiavarti fino a che non sarai tu a dirmi “BASTA”. –
– Sei grande, Paco, come il tuo caz… ah sì squarciami la vagina, entrami nell’utero. –
Le frasi oscene di mia moglie e la carica libidinosa con la quale si esprimeva, mi sconcertavano ma (ed ecco ciò che volevo svelarvi) mi accorsi di avere il cazzo in erezione. Come poteva accadere? Perché la mia mente reagiva in quel modo? Mia moglie mi tradiva, nel mio letto coniugale, con un rapporto sessuale a tre, si faceva trombare da un tizio che aveva il cazzo proporzionato alle dimensioni della torre di Pisa, tuttavia, per qualche reazione imponderabile dei sensi, avevo il cazzo duro. Forse il cervello poteva avere reazioni talmente strane da reagire in modo opposto alla logica?
A un tratto mia moglie prese a gemere con maggiore intensità, come se iniziasse a provare gli stimoli dell’orgasmo. Principiò a mugolare continuamente. Stavo per vederla esplodere in un orgasmo che l’avrebbe fatta gridare di piacere, quando Paco le sfilò il cazzo dalla fica. Adesso potevo vedere, completamente, la sua mazza di carne pulsante che dondolava maestosa come fosse il totem della virilità. Mi sentii di avere tra le gambe un lombrico.
– Paco – si lamentò – lei – perché lo hai fatto? –
– Voglio tenerti a lungo sul filo del piacere, poi sentirti urlare quando avrai l’orgasmo. Adesso voglio vederti fare un pompino ad Amos. –
– Sei una canaglia, Paco – gli rispose Nadia, poi gli domandò:
– Ami tua moglie? –
– Molto – rispose lui.
– Fai tutto con lei? –
– Quasi. Ho dovuto rinunciare a sodomizzarla, per adesso, perché avverte troppo dolore. Al suo secondo canale ci pensa Amos che intanto mi fa da apripista. In compenso sua moglie ha la bocca molto larga: riesce a ficcarsi in gola quasi tutto il mio cazzo e ha un culo molto ospitale.-
– Soci nel lavoro e nel sesso – pensai. Quelle rivelazioni erano la prova di quanto fossero cambiati i rapporti interpersonali e sembrava che molti umani supplissero allo scorrere implacabile del tempo, dedicandosi alla materialità del sesso trasgressivo.
– Adesso, Nadia, comincia succhiare il cazzo di Amos – la sollecitò Paco. – È da quando abbiano incominciato a lavorare in casa tua che muore dalla voglia di ficcartelo in bocca. –
Amos che, nel frattempo, aveva assunto una posizione sdraiata di fianco a loro, si manteneva l’uccello in erezione masturbandosi lentamente. Così dovetti assistere a un’altra scena traumatizzante. Nadia piegò il dorso verso il pube di Amos, le sue belle labbra si schiusero per ospitargli il cazzo in bocca, poi prese a succhiarglielo con vogliosa vigoria. Paco avvicinò il viso a quello di lei e iniziò a suggerirle come fare.
– Nadia, prendiglielo tutto in bocca fino ai testicoli. – Brava così! Adesso leccagli la cappella, tiragli più in basso il prepuzio e con la punta della lingua stuzzicargli il frenulo. Lo senti come gode Amos, come geme?-
Vidi apparire sul volto di Paco un’espressione affascinata, estatica come se osservare un pompino, fatto con desiderio voluttuoso, fosse per lui l’atto più erotico e affascinante del mondo.
– Nadia – le suggerì ancora Paco – faresti ad Amos un favoloso regalo se gli consentissi di eiacularti in bocca. Glielo permetterai? –
Mia moglie rivolse lo sguardo verso di lui e annuì. Sui suoi occhioni scuri scorsi una sorta di gratitudine per l’occasione che le dava. Il suo sguardo parlava per lei: “ finalmente appago le voglie carnali represse da mio marito.”
Vidi Amos stringere i denti come volesse sforzarsi di tenere lontano dal glande lo stimolo dell’orgasmo per godersi il più a lungo possibile l’avvolgimento del suo cazzo da parte delle splendide labbra di Nadia, e godere per il contatto umido, caldo e morbido delle mucose che ricoprivano la sua bocca.
Quando piccole bolle di saliva incominciarono a orlare i lati delle labbra di lei, la mia mano destra, come lo facesse indipendentemente dalla mia volontà, abbassò la cerniera dei pantaloni e avvolse il mio cazzo. Iniziai a masturbarmi, dapprima lentamente, poi a mano a mano che l’espressione del volto di Amos si faceva sempre più tesa, aumentai il ritmo. Mi resi conto che la mia eiaculazione sarebbe inevitabilmente schizzata sulla porta. Dovevo evitare che, a tresca finita, si accorgessero che rivoli di sperma erano colati lungo essa. Come potevo fare per evitarlo? Ripensai di avere, in una tasca della giacca il pacchetto di fazzolettini di carta che mi aveva dato il mio cliente. Ne aprii tre o quattro, ci avvolsi il cazzo e ripresi a masturbarmi guardando la bocca di mia moglie al “lavoro” e ascoltando ciò che seguitava a suggerirle Paco.
– Sei una pompinara magnifica, Nadia. Adesso leccagli l’asta fino ai testicoli, prendine uno in bocca e succhialo. Brava così, adesso ciucciagli l’altro. Ti danno fastidio i peli? –
Mia moglie, che aveva metà scroto di Amos in bocca, rispose scotendo la testa. Allora Paco insisté a dirle che doveva seguitare a leccargli i testicoli, poi suggerì ad Amos di mettersi a gambe all’aria ed esporre l’ano. Non suggerì nulla a Nadia. Dedussi, dolorosamente, che Paco volesse verificare se mia moglie avesse capito che cosa le era rimasto ancora da leccare. Infatti, la vidi scendere con la lingua oltre i testicoli e strisciarla sul peloso perineo di Amos. Si scostò un attimo per togliersi un pelo dalla lingua, poi lasciò che essa si posasse sul buco del culo del suo secondo partner. Quanto in profondità glie lo abbia leccato non saprei dirlo perché tra me e la scena s’interpose il corpo di Paco e quando si scostò, mia moglie era tornata a ciucciare il cazzo di Amos che s’intirizziva in un ultimo tentativo di ritardare l’eiaculazione ma Paco incitava mia moglie a pomparglielo con maggiore foga e lei gli ubbidiva come presa da una frenesia senza limiti.
– Lecca, succhia, aspira e risucchia. Ecco ci siamo, Amos sta per venirti in bocca – la incitava Paco – mungi lo sperma fino all’ultima goccia. Fatti venire le fossette sulle gote. –
Con il cazzo avviluppato tra i fazzolettini di carta, pure io avvertivo lo stimolo dell’orgasmo. Tra qualche istante sarei esploso.
Amos incominciò a gemere e mugolare, poi uno strozzato gorgoglio di piacere uscì dalle sue labbra. Capii che sborrava in bocca a mia moglie che, incalzata da Paco, prese a mungere il cazzo di Amos con maggiore impeto.
– Non inghiottire lo sperma Nadia – gli suggerì Paco. – Allenta le labbra e fallo colare giù per l’asta. –
Mia moglie lo assecondò, cosicché colarono, dalla sua bella bocca, densi e biancastri, due rivoli di sperma lungo l’asta del pene di Amos.
– Adesso, Nadia, raccogli con la lingua lo sperma colato lungo il cazzo di Amos e assaporalo, poi guardami e sorridimi se fosse di tuo gusto. –
Vidi Nadia raccogliere, con larghe leccate, lo sperma colato, sollevare la testa e sorridergli. La conseguenza di quel risolino fu un rivoletto di sperma che colò dalla sua bocca, gli rigò il mento e giunse a bagnarle il collo facendo una lunga scia viscosa.
– Nadia, sei una pompinara nata. Porterò tre mascherine che coprano buona parte dei visi e la fotocamera, se ci sarà una un’altra volta. Sarebbe un peccato non potere immortalare certe scene. Che ne pensi Nadia? Ci sarà una prossima volta? –
-Sì, Paco, ci sarà. –
In quel momento eiaculai pure io. Provai un tale piacere che dovetti serrare le mascelle per non gemere e quando stavo per fermare il movimento della mano. Avvertii un ritorno dell’orgasmo. Seguitai a menarmelo. Provai un altro orgasmo, meno intenso del primo e pure accompagnato da modeste fuoriuscite di sperma. Non mi era mai capitato di avere due orgasmi ravvicinati. Il periodo refrattario al sesso mi piombò addosso, all’improvviso e mi cagionò una sensazione di nausea. Adesso Paco era tornato a baciare Nadia. Quel muratore era proprio un porco! Baciava mia moglie, anche se lei aveva ancora la bocca impastata dai residui dell’abbondante sborrata del suo socio. Poi le chiese:
– Come ti è parso, in tutta verità, il sapore dello sperma? –
– Aspro e non ha proprio un buon sapore – ammise lei – ma ho provato un piacere mentale indescrivibile, quando ho sentito che Amos mi spruzzava in bocca il suo seme e sei stato tu, con i tuoi suggerimenti a rendermi più intrigante l’atto. –
– Lo rifarai ancora? –
– Sì e la prossima volta voglio assaporare il tuo – rispose lei accarezzandogli il volto abbronzato. –
– Avverti sensi di colpa nei confronti di tuo marito? – le chiese lui.
– Per adesso no. – Nadia guardò l’orologio, l’unico oggetto che indossava, a parte le scarpe con i tacchi e le calze a rete autoreggenti. Propose loro di fare una pausa per prendere il caffè. Quell’espressione presumeva che intendeva farlo seguitare ancora quel rapporto a tre. – PUTTANA!
– Non c’è di meglio che una tazzina ristoratrice – commentò Amos – per ridare vigore al sesso. –
Dovevo uscire subito dal vestibolo. Fui costretto a mettere in tasca i fazzolettini intrisi del mio sperma e raggiunsi l’ingresso. Avevo pochi secondi per decidere dove nascondermi. M’infilai nella camera degli ospiti, dove genitori e suoceri di entrambi dormivano quando venivano a farci visita per qualche giorno. Chiusi la parta, mi sdraiai dietro il letto e sperai che mia moglie non entrasse lì.
Li sentii parlottare nell’ingresso. Amos disse che notava qualcosa di strano.
– Che cosa? – domandò mia moglie.
– Sono stato l’ultimo a entrare in camera e avevo chiuso la porta del vestibolo che dà sull’ingresso. Sono uscito ancora per primo e l’ho trovata aperta di una fessura. –
– Amos, ne sei convinto? – chiese Nadia.
– Posso sbagliarmi, ma… se fosse tornato tuo marito e avesse visto tutto? – suppose lui.
– Mio marito non sarà a casa prima delle sette di stasera – rispose Nadia, poi li tranquillizzò dicendo loro che mai era capitato tornassi prima del previsto e in ogni caso avrei fatto il diavolo a quattro se li avesse scoperti.
– Chi può saperlo, come avrebbe reagito – replicò Amos. – Potrebbe avere deciso di evitare lo scandalo andandosene, oppure che ci abbia spiato e si sia masturbato. La mente delle persone ha reazioni stranissime a volte. –
– Bah! – esclamò Nadia facendo spallucce – certe circostanze accadono solo nei filmetti porno. –
– In ogni caso – intervenne Amos rivolgendosi a mia moglie – ti suggerisco di guardare in tutte le stanze.
Sentii il passo frettoloso di mia moglie. Mi sdraiai dietro il letto. Qualche istante dopo Nadia aprì la porta. Non potevo mettermi sotto il letto perché lo spazio era occupato da moderni cassettoni. Mi augurai, tremante, che Nadia non facesse il giro della stanza, infatti, dalla rapidità con la quale richiuse la porta, compresi che aveva dato soltanto un’occhiata. Li sentii ancora parlottare nell’ingresso poi le loro voci si affievolirono. Capii che erano entrati nel soggiorno. Il desiderio di tornare a spiarli mi avvolse come un guanto che fascia le dita. Rischiavo di essere scoperto ma dovevo vedere. Uscii nell’ingresso addossandomi alla parete che confinava con l’accesso ad arco del soggiorno. Con molta cautela mi sporsi per guardare. Paco e Amos si erano rimessi gli abiti ma Nadia, tranne le autoreggenti, l’orologio al polso e le scarpe con i tacchi, era completamente nuda.
– Puttana! – gridò la mia mente. Nemmeno si era pulita dalle tracce di sperma che adesso si stavano rinsecchendo sul suo mento. Quella porca ci teneva che la vedessero com’era realmente dentro: una troia affamata di cazzi e assetata di sperma. Puttana! Gridò ancora la mia mente.

– Ami veramente tuo marito? – tornò a chiedere Paco mia moglie, mentre lei preparava il caffè.
– Moltissimo – rispose Nadia – anche se essermi concessa a voi, sembra smentirlo. Non lo tradirò mai con il cuore, perché è un gran lavoratore e ha un carattere buono. Purtroppo non ha compreso la mia carnalità ed io non voglio reprimere i miei desideri sino alla vecchiaia. –
– Ti piacerebbe coinvolgerlo nei nostri amplessi? –
-Tantissimo ma temo rimarrebbe scioccato se glielo lo proponessi perché dovrei rivelargli che ho avuto già rapporti sessuali con voi. Mi caccerebbe da casa. E poi dovrebbe essere il maschio della coppia a suggerire certe cose, non è così? –
– Sì, di regola è così, ma non sempre, l’importante è arrivarci gradualmente osservando le reazioni del partner – intervenne Amos .
– Voi due come avete fatto a intendervi? – domandò mia moglie e Amos rispose:
– Lavorando assieme. Dapprima conversando di donne in generale, poi iniziando a parlare delle nostre mogli con sottintesi sempre più espliciti e quando abbiamo capito che eravamo disposti a scambiarcele, abbiamo iniziato e parlarne con loro a poco a poco. Non è stato facile convincerle, infatti, ho impiegato quasi un anno per persuadere mia moglie e Paco lo stesso. Poi un giorno le abbiamo persuase ad andare al cinema, assieme, a vedere una versione non censurata del film ULTIMO VALZER A VIENNA. Le scene molto spinte resero l’atmosfera coinvolgente, così mia moglie ha accettato di farsi mettere una mano tra le cosce da Paco. Io ho fatto lo stesso con la sua. Rotto il ghiaccio, è accaduto il resto. Adesso sono loro, spesso, a organizzare gli incontri a quattro. –
Vidi Paco approssimarsi a Nadia e sussurrarle qualcosa all’orecchio. Sulle labbra di mia moglie si accese un sorriso ma la sua risposta fu incerta.
– Paco, forse mi chiedi troppo stamattina – gli disse.
Lui la fissò con uno sguardo accattivante come volesse insistere a convincerla di fare ciò che le aveva proposto. Aggiunse che lui aveva le riserve ancora intatte e che le avrebbe somministrato un vero e proprio clistere di sborra. –
Il termine “clistere” mi aveva fatto capire fin troppo bene che cosa le avesse proposto Paco: sodomizzarla e violarle quell’orifizio che io stesso mai avevo profanato, nemmeno con un dito e lui intendeva infilarci addirittura quella mazza che aveva tra le gambe. Seguitai ad ascoltare quel che si dicevano.
– Non preoccuparti, Nadia, Amos farà da apripista – le propose lui. – Poi si eiaculerà in mano e spalmerà il suo sperma sul mio cazzo e nel tuo buchetto. La sborra è un ottimo lubrificante naturale. –
– Siete affiatati tu e lui, eh? – commentò mia moglie, con un risolino malizioso.
– Sei una maiala Nadia! Urlò ancora la mia mente.
– La vita è una sola – considerò Paco – ogni occasione mancata è perduta per sempre e la vecchiaia è dietro l’angolo. Allora Nadia, promettimi che, almeno, mi farai provare? –
– Rinuncerai immediatamente – gli propose lei – se non riuscissi a sopportare il dolore? –
– Hai la mia parola – promise lui. Rinuncerò appena mi dirai di farlo. –
– D’accordo – rispose mia moglie – ma intanto prendiamo il caffè. –

Mi ritrassi dietro la parete ma la necessità starnutire e tossire mi obbligò a tornare nella camera degli ospiti, chiudere la porta e reprimere il più possibile gli stimoli.
Quando, dieci minuti dopo, mi avventurai nuovamente nell’ingresso, udii Paco dire ad Amos:
– Versane altra dal vasetto. –
Mi chiesi che cosa avesse escogitato quel porco e che cosa, mia moglie, permetteva che le facessero ancora? Il desiderio di saperlo vinse il timore di essere scoperto e mi sporsi per vedere.
Vidi Nadia semisdraiata sul tavolo del tinello. Teneva le ginocchia sollevate e le cosce aperte. Le avevano infilato nella fica una grossa zucchina, Paco le colava in bocca, versandola dalla sua, un rivolo denso di panna, da un contenitore trovato in frigo, di quelli adatti a spruzzare il contenuto sul gelato. Amos gli leccava altra panna che Paco le aveva riversato anche sulle mammelle. A un tratto mia moglie disse:
– Il tavolo è troppo duro per la mia schiena. Qualcuno vada in camera a prendere i cuscini e in bagno a prendere il mio sapone intimo. – suggerì loro sfilandosi l’ortaggio dalla fica. Prima che chiudesse le cosce, potei costatare quanto si fosse dilatato l’orifizio della sua vagina. Fu una visione che fece apparire il mio cazzo più misero di quel che non fosse.
Dovetti precipitarmi nella camera degli ospiti ancora una volta. Attesi alcuni minuti prima di uscire e quando tornai nell’ingresso, sentii Paco che sollecitava Amos a fare da apripista. Tornai a sbirciare.
Mia moglie si era messa carponi sul tavolo del tinello con un cuscino sotto le ginocchia. Amos era in piedi dietro di lei e, per giungergli all’altezza dello sfintere, era salito sul panchetto che mia moglie usava per giungere a prendere la roba di casa messa sugli scaffali più alti dei mobili.
– Troia, troia, troia! – ripetei tra me e me. – Pensavo di avere sposato una donna coscienziosa, invece non sei altro che una vacca ninfomane!-
Amos allargò i glutei di mia moglie, si sputò sulla cappella, altrettanto fece nell’orifizio anale di Nadia, quindi spruzzò altra panna sul suo cazzo. Abboccò il glande allo sfintere di mia moglie e spinse il bacino in avanti. Vidi mia moglie fare una lieve smorfia di dolore e dire ad Amos di fermarsi. Pensai: se Nadia riuscisse a farsi inculare da Amos, che l’ha grosso quanto il mio, come potrà farsi sodomizzare da Paco? Impossibile!
Mentre Amos era riuscito, finalmente, ad affondare il suo uccello nel culo di Nadia, che dai primi gemiti di dolore passava ad emettere gridolini di godimento, vidi Paco aprire il frigo prendere del burro, metterlo in un bicchiere, nel quale versò un po’ d’acqua calda. Che cosa vuol fare con quel miscuglio? Mi chiesi
Intanto Amos era giunto ai limiti dell’orgasmo e lo capivo dal fatto che rallentava e riduceva le stantuffate fino a fermarsi. Premeva l’inguine contro i glutei di Nadia e attendeva, immobile, il cazzo infilato completamente nel retto di mia moglie, che lo stimolo del piacere fisico gli si allontanasse dal glande. Era l’unico modo che poteva mettere in atto per prolungare la sodomia e non scaricarsi troppo presto. Nadia, invece, muovendo oscenamente i glutei e strofinandoli contro la sua pancia, lo incitava a sodomizzarla con maggiore vigore.
– Amos, non fermarti, inculami, sodomizzami con maggiore vigore! –
A un tratto Amos, le sfilò rapidamente il cazzo dal culo, terminò di masturbarsi con la mano e raccolse la sborra sul palmo dell’altra, poi la spalmò sul cazzo di Paco in piena erezione rendendolo lucido e scivoloso. Quell’operazione la portò a termine con una tale accuratezza da farmi sospettare che avesse maneggiato spesso l’ariete del suo socio. Il viso rosseggiante di mia moglie, che si voltava per vedere le “manovre” dei suoi due focosi amanti e i suoi occhi sempre socchiusi, mi rimandava la sensazione che godesse sottilmente di quella minuziosa preparazione. Non si poteva certo dire che tra quei due maiali scambisti di mogli e, forse, porci anche tra loro, mancasse l’affiatamento.
Finalmente vidi Amos farsi da parte per lasciare che il suo socio tentasse di immergere la sua stanga in corpo a mia moglie.
Nadia, sempre carponi sul tavolo, rimaneva molto più alta del brevilineo Paco, sebbene fosse montato sullo sgabello, perciò lui scese e montò su una sedia. Quella situazione particolare avrebbe fatto la gioia di qualsiasi regista pornografo, ma io ero in preda ad una profonda angoscia. – Ho sposato una vacca, peggiore della perversa Messalina – E proprio come una vacca si presentava il posteriore di mia moglie, con il buco del culo che, dopo la penetrazione di Amos, era rimasto aperto quanto la larghezza di un euro, con in vista le pieghe pelose che formavano le grandi labbra della sua fica, luccicanti di umori e le rosee piccole labbra che sporgevano tra esse.
– Nadia, sporgi ancora di più i glutei – le disse Paco mettendosi in posizione. La sua statura modesta faceva sì che il suo cazzo, duro come il manico di un badile, mi sembrasse ancora più grosso e lungo di quel che non fosse.
– Così, bravissima. Adesso tira un profondo sospiro; il tuo buco si rilasserà.
Vidi l’orifizio anale di Nadia, contrarsi e rilassarsi, come se esso stesso attendesse il tentativo di essere penetrato dalla nerchia di Paco che luccicava di sperma del suo socio. Mi domandai come avrebbe potuto, mia moglie, resistere a quello che mi appariva, non come una semplice sodomia, ma uno sfondamento anale.
Vidi Paco prendere, dal bicchiere, con due dita, l’amalgama denso di burro e acqua, e spalmarlo sullo e nell’orifizio anale di Nadia che boccheggiava come un pesce fuor d’acqua.
Adesso non potevo certo dire che Paco non era stato sufficientemente prudente riguardo la lubrificazione preparatoria, ma il sui cazzo era veramente grosso e rimanevo, comunque, dubbioso sul fatto che Nadia sarebbe risuscita a farsi sodomizzare da quella mazza.
Finalmente il glande di Paco, che svettava al vertice della lunga e nerboruta asta, come le coperture a cipolla dei templi russi, poggiò sull’orifizio sfinterico “ansante” di Nadia, poi Paco iniziò a spingere. Dalla mia posizione, adesso, potevo vedere solo di sbieco il volto di mia moglie ma era sufficiente perché notassi con quanta tensione attendesse l’affondo di Paco. E l’affondo non si fece attendere. Nonostante l’abbondante lubrificazione, Nadia emise un prolungato gemito di dolore. Disse a Paco di ritirarsi. Pensai che non sarebbe mai riuscita a prendere in culo quella nerchia.
Paco disse a mia moglie di trarre due profondi respiri: l’avrebbero aiutata a rilasciarsi. Poi attese che fosse lei stessa a sentirsi preparata per dirgli di tornare a spingere e l’invito non si fece attendere. Tornò ad abboccarle ancora il glande allo sfintere di Nadia e mosse in avanti il bacino. Vedevo che seguitava a premere con cautela.
– Nadia, posso seguitare a spingere? – le disse con attenzione premurosa.
Lei le fece un cenno di sì e Paco seguitò la sua lunga marcia alla conquista delle sue interiora.
Nadia emise un altro grido dolore ma stavolta non disse a Paco di ritirarsi, bensì di fermarsi.
– Nadia, la cappella è entrata – le disse lui con un filo di compiacimento.
– Lo sento – rispose lei.
Nadia si voltò di lato e potei scorgere sofferenza sul suo bel volto, ma anche una carica di libidine che non avevo mai visto.
– Premi, Paco, adagio ma ricomincia premere. –
E lui premette. Vedevo che lo spazio tra la sua zona pubica e i glutei di mia moglie si riduceva, segno evidente che il cazzo s’infilava sempre più in profondità nel ventre di Nadia.
– Nadia – le disse Paco mentre seguitava a trapanarle le interiora – il tuo non è soltanto un culo eccezionale, visto da fuori, ma supera ogni mia aspettativa di ospitalità interna. – Premette il bacino in avanti e la sua zona pubica pressò contro i glutei di mia moglie, segno evidente che il suo cazzo era giunto al capolinea. Le chiese se avvertisse dolore.
– Un po’ ma sta passando – rispose lei. – Adesso comincia a muoverti avanti e indietro Paco. –
Lui iniziò a stantuffarle il retto lentamente, poi aumentò la rapidità degli affondi. Giungeva a sfilarle quasi interamente il cazzo dal culo, poi tornava a immergerglielo nelle viscere. –
Lei cominciò a muovere i glutei avanti e indietro per favorire una maggiore penetrazione. A un tratto prese a pronunciare frasi scurrili che mai avrei pensato sarebbero state pronunciare da mia moglie.
– Oh sì Paco, sì, rompimi, sfondami il culo! Ah che bello! Il tuo cazzone mi fa toccare il cielo con un dito. Ficcamelo più giù, Paco, ancora più giù! Uhhh, è meraviglioso sentirsi riempite, scassate, dilatate! Non avrei mai pensato che la sodomia fosse così gustosa. Ancora, ancora, più veloc… Nadia s’interruppe perché Paco, dopo un altro poderoso affondo si era fermato.
– Che cosa succede Paco? Perché non ti muovi più? –
– Perché, Nadia, il tuo ventre è troppo confortevole e caldo, mi stringe l’uccello in modo sublime e stavo per venire.
– Allora, stai fermo un po’, come faceva Amos, ecco così con la tua mazza tutta infilata dentro, come quando mi scopavi. Cerca di svagarti pensando al lavoro. A volte mio marito usa questo espediente. –
– A me – rispose Paco – viene da pensare soltanto alla calda profondità dei tuoi intestini, Nadia! Tu sei fatta per essere posseduta in entrambi gli orifizi, contemporaneamente, ma non da Amos ed io, bensì da me aiutato da Jack Anaconda. –
– Chi è jack Anaconda? – chiese mia moglie.
– Un africano – rispose lui – che abbiamo conosciuto in un Pub. Mia moglie ha voluto provare a farsi scopare da lui, ma per precauzione Jack ha dovuto mettersi una specie di grosso anello di lattice alla base del cazzo per evitare di giungerle troppo in profondità. L’abbiamo soprannominato Jack Anaconda perché ha il cazzo almeno grosso quanto il mio, ma lungo ventisette centimetri. –
Mia moglie rimase in silenzio, come se pensasse quanto sarebbe stato esaltante, provare a farsi trapanare il culo da un serpentone come quello. Da qualche parte avevo letto che spettava a un americano il record di lunghezza del pene, che giungeva a toccare i trentaquattro centimetri, ma anche quello di Jack doveva rappresentare una rarità. Mi domandai se Paco avesse detto il vero, oppure se si fosse divertito a trarre la solita storiella piccante dal cilindro della sua mente.
Paco rimase fermo ancora un po’ quindi cominciò a ruotare il bacino come per imprimere al suo randello un movimento rotatorio nel ventre di Nadia. Vidi lei incominciare ad assecondarlo ruotando a sua volta i glutei. I movimenti dei due mi fecero venire in mente la polenta nel paiolo rimestata da un matterello.
– Paco, ne sai una più del diavolo per fare godere una donna. Dove hai imparato? – gli domandò Nadia seguitando a muovere in cerchio i glutei.
– Ho fatto pratica nel culo della moglie di Amos . –
– Paco – rispose lei seguitando a dimenare i glutei – sei un diavolo di maschione ma adesso riprendi il movimento normale e non ti fermare più fino a che non vieni. –
Paco ricominciò a imprimere il movimento dello stantuffo nel cilindro dell’intestino di mia moglie e, come per compiacersi della sua possente virilità, sfilava completamente il cazzo dallo sfintere per vedere la sua mazza demolitrice e il buco del culo di Nadia che adesso rimaneva dilatato quanto il diametro di una lattina di birra.
Ero frastornato eppure non riuscivo a non guardare, l’uccello mi era divento ancora duro. Me lo tolsi dalla patta e tornai a menarmelo con foga. Mi domandai chi dovessi incolpare maggiormente, se me stesso per non avere compreso quanta libidine si celasse in mia moglie, oppure lei. Vidi Paco imprimere un micidiale affondo al suo maglio demolitore. Mia moglie emise un mugolio di goduria, come fosse uscito dalla bocca di una gatta in calore. Poi gli affondi e le ritirate da quelle viscere fameliche si fecero più rapide.
Vidi Nadia chinare il capo, come volesse assoggettarsi totalmente a quella potente inculata. La sua chioma ciondolò verso il tavolo coprendole il volto. Fu in quel momento che ricominciò a spronare Paco con frasi scurrili.
– Paco, rompimi il culo, allargamelo! Sì continua così, oh mamma che bello, sì, sì ancora, cacciami dentro anche i coglioni e dopo di te vorrei provare quello di Jack Anaconda. Peccato sia solo una storiella, non è così, Paco?- – Non è così, Nadia, Jakc Anaconda esiste davv… …oh sto per venireee! Godooo! –
Stavo per venire. Mia moglie sollevò il capo, un gemito gutturale, prolungato, uscì dalla sua gola, seguito da un sì gridato all’infinito. – Godo anch’iooo! – esclamò mugolando ad alta voce.
Paco emise una specie di ululato. Capii che stava riversando nelle viscere di mia moglie un fiume di sperma ma lei seguitava a godere, come se il suo orgasmo non volesse darle tregua.
– Ancora, ancora Paco, ancoraaa! Emise un grido acuto che mi fece capire quanto stesse seguitando a godere come provasse un orgasmo multiplo che non voleva scemare d’intensità. Io non volevo lasciare tracce di sperma sul pavimento del vestibolo, perciò non mi restò che eiaculare sulla mano sinistra, strozzando in gola un gemito di goduria. Dallo spiraglio vidi mia moglie mettersi bocconi sul letto, sfinita, spossata come lo ero io. Mi sentivo svuotato di energie, sia per la febbre, sia per la tensione emotiva, sia per le due sborrate.
Vidi Paco, spremere il suo cazzone per sgocciolare anche i residui di sperma sui glutei di Nadia. La sua schiena brillava di sudore.
Uscii dal vestibolo in punta di piedi e, con la mano sinistra bagnata del mio sperma, andai fuori da casa, tremante e febbricitante. Tornai al furgone mi ripulii la mano e cercai un ristorante per magiare qualcosa. Ordinai riso in bianco e della tagliata. Verso le due e mezzo telefonai a Nadia. Mi rispose con la solita affettuosità. Si accorse quanto fossi giù di corda. Mi chiese con tono preoccupato che cosa avessi.
– Credo mi abbia preso l’influenza e di avere la febbre alta. –
– Amore, torna subito a casa! L’influenza fuori stagione è pericolosa. –
La sua voce ipocrita mi fece sentire umiliato. Montò in me la smania di dirle quanto fosse puttana e che la sua premura era soltanto menzognera ma non lo feci. Sarebbe stata la fine del nostro matrimonio. Repressi la mia reazione pensando che, forse, i suoi sentimenti erano veri e in qualche modo riusciva a scindere l’amore dalla sua sessualità. Ma anche se fosse stato così il nostro matrimonio si rivelava per quello che era: un’unione del cazzo. Sì, quella era l’espressione più appropriata. Proprio un’unione del cazzo!

Quando giunsi a casa, trovai il letto già riscaldato con la termocoperta. Mi sentii rodere dal patimento quando mi distesi su quello stesso letto in cui Nadia si era comportata da maiala con due maschi.
Nadia mi misurò la febbre col termometro digitale e quando vide sul visore apparire 38.5 telefonò al medico di famiglia e si affrettò a prepararmi una tazza di latte bollente, mi somministrò un antipiretico e mi tenne la mano fino a che non giunse il dottore. Persino Paco e Amos, che lavoravano in un’altra stanza, fecero capolino un paio di volte per chiedere come stessi. Si era creata una situazione assurda. Quei due avevano strapazzato mia moglie in tutti i buchi e si comportavano come se veramente fossero dispiaciuti del fatto che stessi male. Che si fossero creati una dimensione sessuale completamente diversa dalla convenzionalità della morale comune?
Fissai mia moglie negli occhi. Lei mi sorrise teneramente, mi diede un leggero bacio sulla fronte. Aveva il volto segnato dagli strapazzi del mattino. Per apparire ignaro di quel che era accaduto, le chiesi se pure lei avvertisse i sintomi dell’influenza.
– Può darsi – mi disse – poi aggiunse che sarebbe stato piacevole, se non fosse impegnata nel dare indicazioni ai muratori, rimanere a letto assieme per qualche giorno alzandosi soltanto per preparare qualcosa da mangiare.

Paco e Amos erano tornati a casa loro da quasi un’ora quando giunse a visitarmi il nostro medico di famiglia.
Mi disse che ero buscato un virus parainfluenzale e che dovevo starmene a riposo per almeno cinque o sei giorni, se non volevo rischiare qualcosa di più complicato, poi attendere, sfebbrato altrettanti giorni prima di ricominciare la mia attività. Niente lavoro, quindi, per almeno una decina di giorni.
In un certo senso la malattia inattesa mi sollevava d’animo perché quei due arnesi di muratori non avrebbero avuto più la possibilità di tentare nuovamente mia moglie.
Il mattino dopo, prima che Paco e Amos cominciassero a rumoreggiare con gli attrezzi, mia moglie mi portò la colazione, poi mi misurò la febbre: 37.7. Mi era calata ma fu un calo momentaneo perché alle quattro del pomeriggio mi salì di nuovo a 38.6. Il giorno successivo la temperatura fece lo stesso sbalzo e pure il giorno dopo.
Poiché mi dava fastidio la luce, proveniente dalla finestra, chiesi a Nadia di abbassare la tapparella. Lasciò la porta semiaperta perché non mi sentissi troppo isolato. Una ventina di minuti dopo mi giunsero forti rumori di scasso. Subito dopo Nadia entrò in camera per avvisarmi che Amos e Paco avevano incominciato a buttare giù la parete divisoria e il lavoro avrebbe prodotto molta polvere, perciò doveva chiudere le porte per evitare che entrasse nelle stanze. Notai tuttavia una cosa: mia moglie si era truccata, leggermente ma lo aveva fatto. Sebbene lei si fosse affacciata in modo da sporgere solo con la testa e il busto, intravidi che aveva calzato i tacchi da dieci. – Che i tre avessero intenzione di ricominciare la sarabanda sessuale, con me in camera da letto?
Un quarto d’ora dopo, tra i colpi di mazza e, nonostante due porte chiuse che mi dividevano dalla zona lavoro, incominciarono a giungermi gemiti, gridolini e frasi smozzicate. Nonostante la febbre mi alzai e andai a sbirciare aprendo di uno spiraglio la porta del vestibolo. Paco montava mia moglie mentre Amos dava mazzate alla parete per coprire i rumori. Avevo il morale a pezzi ma il cazzo in erezione. Scoprii per la seconda volta quanto lo sconforto più avvilente potesse generare la reazione opposta, in altre parole provare eccitazione. Ebbi la riprova di queste mie strane reazioni verso la fine dell’estate ma questa è un’altra storia, che scriverò, forse.
Adesso è sabato, sono nel mio studio e sto per finire di narrare una parte delle mie vicissitudini sessuali. Mia moglie è di là in cucina che prepara il pranzo. In questo giorno di riposo, molto meno noioso della domenica, desidero che indossi autoreggenti, gonne svasate e non metta le mutande. Tra poco mi recherò da lei, le abbrancherò i seni da dietro e le sussurrerò di avere una gran voglia di chiavarla lì, prendendola da dietro. Il mio cazzo largheggerà nella sua fica e forse dovrò faticare per farle raggiungere l’orgasmo, ma dopo che avrò eiaculato, le chiederò di non pulirsi e di lasciare che lo sperma gli coli tra le cosce e si asciughi incrostandosi. Lei seguiterà a immaginare che la mia richiesta sia un piccolo gioco che mi serva come stimolo erotico per tornare a scoparla durante il canonico sabato sera, invece a me serve per non dimenticare quanto sia troia. Forse, il mio, è un modo contorto per chiavarla a lungo con rabbia, sì perché chiavarla con livore, mi cagiona energiche erezioni e ritarda la mia eiaculazione. Lei scambia per foga amorosa il mio impeto e non s’immagina che sappia tutto. Che sia io, trai i due, il più perverso?

Questo racconto è stato letto 1747 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: