Tornando a casa – 2 – Il racconto di Silvia – parte prima




Ho rovinato tutto.

Chicco è uscito, mi ha scoperta e il nostro matrimonio è distrutto.
Magari riusciremo a rimanere insieme, a ricucire poco a poco un rapporto, ma non sarà mai più come prima, ne sono perfettamente consapevole.

Mi addolora enormemente vederlo così ferito, arrabbiato, deluso, insicuro, infelice… So di avergli dato un colpo mortale e so che non se lo merita.
Perché un uomo e un marito migliore io non avrei potuto desiderarlo, nemmeno nei miei sogni. Un uomo attento, dedicato, premuroso, divertente, orgoglioso della sua famiglia e di me in particolare, a cui dedicava tutte le sue attenzioni.

Abbiamo avuto le nostre discussioni, finite sempre con gloriose riconciliazioni e con sessioni di sesso vario e piacevole. Sì perché anche come amante Chicco non è secondo quasi a nessuno.

Mi addolora enormemente. Ma lo rifarei. Non ho potuto farne a meno.

Chicco ed io ci conosciamo dai tempi dell’università e quando abbiamo cominciato a frequentarci non potevo credere di aver trovato un ragazzo così serio, intelligente, innamorato e con le idee chiare su carriera e matrimonio.

Fino ad allora avevo avuto tre o quattro brevi storie con certi deficienti senza cervello che neanche mi guardavano se non quando avevano voglia di scopare e che perdevano immediatamente interesse appena gli si ammosciava.
Uscire con Chicco, invece, per me è stato come scoprire un mondo. Parlavamo di tutto, andavamo insieme dappertutto, facevamo progetti, esploravamo il mondo e i nostri corpi, ci aiutavamo a vicenda.

Diventammo ben presto inseparabili. Lui trovò lavoro e presto le sue qualità emersero al punto che lo promossero Capo Area. Pensammo allora di sposarci, visto che i soldi non erano più un problema, anche se io non mi ero ancora laureata (Legge, alla Cattolica di Milano).
Decidemmo di aspettare per avere dei figli, perché anch’io avrei voluto entrare nel mondo del lavoro e fare delle esperienze significative prima di diventare mamma. Ci misi un po’, ebbi anche delusioni e addirittura delle crisi depressive, che superai anche e soprattutto grazie all’aiuto e al supporto di mio marito. Alla fine, una volta laureata e dopo molti tentativi andati a vuoto, trovai questo lavoro allo Studio Spoldi.

Mi ci buttai a capofitto e mi misi presto in luce. Oggi, a quasi quarant’anni, posso dire di essere arrivata dove volevo: un lavoro interessante e stimolante anche se impegnativo, uno stipendio a cinque zeri comparabile a quello di Chicco e la prospettiva di un altro salto di qualità. Di avere figli non ne abbiamo più parlato e ormai credo che sia troppo tardi per me.

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Avevo sentito parlare in ufficio di questo Cazzaniga, ma non l’avevo mai visto. Prima perché per qualche anno aveva vissuto a Roma facendosi carico della nostra locale filiale, poi si era preso un anno sabbatico per traversare l’Atlantico e circumnavigare il Sud America in solitario con la sua barca. Una volta passato Capo Horn avrebbe risalito il continente lungo le coste sul Pacifico e traversato il Canale di Panama. Poi sarebbe ritornato ritraversando l’Atlantico, questa volta percorrendo una rotta più settentrionale, seguendo la corrente del Golfo.

Per mesi non se ne sentì più parlare.

Finalmente, tre mesi fa, il mio capo mi chiamò nel suo ufficio. Quando entrai lo vidi in compagnia di altri colleghi e di uno sconosciuto. Un uomo alto, sulla cinquantina, i capelli brizzolati, abbronzato, elegantissimo. Me lo presentò come il dottor Franco Cazzaniga, informandomi che avremmo dovuto lavorare insieme sul progetto Eni.

Cazzaniga mi strinse la mano, una stretta forte e calda. Mi sorrise, mettendo in mostra denti bianchissimi che parevano scintillare per il contrasto con il volto abbronzato. Mi guardò con simpatia, con gli occhi più profondi e azzurri che avessi mai visto.

Il mio capo continuò a parlare, ma io non lo ascoltavo più. Mi sentivo avvampare, come se tutto il sangue fosse affluito verso la mia faccia, abbandonando le ginocchia che invece sentivo cedere.
Mi stava succedendo quello che spesso capita alle ragazzine alla prima cottarella: non capivo più nulla. Era come se un faro illuminasse la divinità che mi stava di fronte e tutto il resto del mondo fosse piombato in una indistinta oscurità. Il cuore mi batteva così forte che credetti che tutti l’avrebbero potuto sentire e i miei capezzoli s’indurirono istantaneamente dentro al reggiseno.

Cercai di rispondere al suo saluto, ma mi ritrovai a bofonchiare parole senza senso. Alla fine mi ripresi e riuscii a pronunciare, anche se non troppo chiaramente:
– Piacere. Silvia.

Non erano passati neanche dieci secondi dal momento in cui i suoi incredibili occhi azzurri mi avevano guardata e io mi resi conto di non avere mai provato, neanche lontanamente, un’attrazione fisica così forte, intensa e immediata per nessun altro in tutta la mia vita.

Eppure oggi, tre mesi dopo, mi rendo conto che Franco non è poi così bello. Certo, è alto, snello, in salute, ma il naso è troppo grosso, deve ricorrere agli occhiali da lettura, si sta stempiando (visto da dietro si vede già una piccola “piazza”) e sul collo ha una voglia color caffè abbastanza antiestetica.

Però quel giorno è stato come se tutto il suo testosterone si fosse fatto strada attraverso il mio corpo e avesse raggiunto la mia passera istantaneamente, lasciandomela pulsante in un lago di umori.

Mi chiesi cosa mi stesse succedendo, mentre lo guardavo come un leone può guardare una gazzella. Se me l’avesse chiesto mi sarei lasciata scopare da lui lì, sulla scrivania del capo, davanti a tutti.

Cominciai a sudare.

Com’era possibile!? Io, una donna felicemente sposata, realizzata, con un progetto di vita concreto e promettente ero pronta a gettare via tutto anche solo per una notte in compagnia di quest’uomo di dieci o quindici anni più anziano di me, che manco conoscevo? Eppure, per quanto cercassi di darmi un contegno, la lussuria che provavo me lo rendeva irresistibile.

Il resto della riunione passò senza che io me ne rendessi conto. Non ricordo nulla di quanto fu detto e fu deciso. Non riuscivo a non pensare ai suoi occhi azzurri, al calore della sua mano, al suo sorriso ipnotico. Mi ritrovai ad accavallare le gambe con forza, tenendo i muscoli pelvici in tensione spasmodica (per fortuna nascoste dal tavolo della riunione) e a fantasticare di cazzi e penetrazioni, mentre i colleghi ragionavano di cause e clienti.
Mi chiesi come fosse il suo cazzo. Magari il suo cognome, CAZZaniga, era di buon presagio.
Intervenne anche in una discussione, senza che capissi di che stesse parlando, perché tenevo gli occhi fissi sulle sue labbra, che immaginavo di baciare, mordere o penetrare con la lingua.
O, meglio ancora, a chiedermi che effetto avrebbero avuto sul mio clitoride, già in vibrante risonanza con il suono della sua voce. Mi resi conto che il solo pensiero mi avvicinava pericolosamente all’orgasmo e cercai di distogliere lo sguardo.

Nel corso della riunione capii che non avrei avuto pace finché non me lo fossi trombato. ‘Fanculo tutto il resto.

Chicco? Che c’entrava Chicco!? Qui si trattava di lussuria, non certo di amore e lui era il tranquillo e prevedibile marito di tutta la vita, felice di tornare a casa e mettersi in ciabatte. Era il futuro, la vecchiaia passata insieme, l’uomo che, semmai avessimo avuto un figlio, sarebbe diventato un perfetto padre.

Franco invece era la passione travolgente dei sensi, l’avventura, il pericolo, l’emozione. Una passione che sarebbe durata qualche settimana, qualche mese al massimo e poi sarebbe terminata lasciando però un devastante cambiamento della mia anima e un ricordo dolcissimo e indelebile.
Capivo di non aver veramente vissuto fino a quel momento e che se non avessi provato almeno una volta l’avventura con Franco la mia vita sarebbe stata smorta e priva di significato, grigia e vuota.
Quando la riunione terminò dovetti andare in bagno a cambiarmi le mutandine, ormai fradice, e ne approfittai per darmi sollievo con le dita. Bastarono pochi secondi e l’orgasmo mi esplose nel cervello con inaudita violenza, lasciandomi però ancora più vogliosa di prima.

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

La sera, a casa, cercai di evitare Chicco il più possibile.

Mi sentivo ancora affezionata a lui come prima, ma certo la mia attrazione verso Franco era qualcosa che non avrei potuto condividere con lui e avevo difficoltà a guardarlo in faccia.
Chicco però non si accorse di nulla, preso com’era dalla partita del Milan, e nei giorni seguenti il mio senso di colpa diminuì e imparai a diventare due donne diverse: Silvia la brava moglie premurosa e affezionata e quell’altra Silvia assatanata peccatrice, almeno nelle intenzioni.

Riuscivo a tenere un atteggiamento quasi normale anche durante il sesso.

I primi giorni dopo aver conosciuto Franco praticamente cercai di uccidere Chicco a letto. Lo costrinsi a performance del tutto inusuali per lui. Tre, anche quattro volte per notte, tutte le notti. Ogni volta glielo facevo rizzare con la bocca, cosa che pareva apprezzare molto e che ricambiava con entusiasmo.
Gli feci intendere anche che mio culo avrebbe potuto cessare di essere tabù, se si fosse comportato bene (in realtà volevo sperimentare la cosa con Chicco, che sapevo attento e premuroso, in modo da non farmi trovare “vergine” in previsione di farlo con Franco, che mi immaginavo potesse essere più aggressivo e meno considerato).

Si alzava la mattina con le occhiaie, ma con un sorriso soddisfatto che non riusciva a togliersi dalla faccia per tutto il giorno.

Poi il mio entusiasmo si dissolse appena mi accorsi che ormai per provare un orgasmo dovevo pensare a Franco, ma comunque Chicco pareva non notare nessuna differenza.
Io invece mi rendevo conto di essere più passiva e di non prendere più l’iniziativa come prima, ma riuscivo sempre a lasciarmi coinvolgere, anche se naturalmente nella mia testa ero a letto con Franco e non con Chicco, così che la nostra vita sessuale, anche se leggermente più sporadica e con meno passione, alla fine era comunque accettabile, almeno ai suoi occhi.

La cosa andò avanti per settimane, perché conquistare Franco si rivelò un’impresa molto più difficile di quanto non mi aspettassi.
Franco infatti lavorava duro durante il giorno, ma poi spariva e non ne voleva sapere di ulteriori contatti coi colleghi. Aveva i suoi giri di amici navigatori, i fine settimana erano dedicati all’alpinismo e aveva qualche ragazza che gli ronzava intorno e che condivideva i suoi molti interessi.
Nessuna relazione stabile, più che altro amiche di letto, che vedeva senza impegno di tanto in tanto. Era stato sposato, ma era vedovo da diversi anni e i suoi due figli vivevano ormai da soli all’estero.

Con me teneva un atteggiamento amichevole, ma professionale e i miei moltissimi doppi sensi, le mie audaci allusioni, i miei “accidentali” contatti fisici, le mie gonne troppo corte o camicette slacciate risultavano inefficaci.
Cercavo in tutti i modi di interessarlo, non solo con gli atteggiamenti più ovvi, come mettermi in posizioni imbarazzanti, ad esempio piegata con i gomiti appoggiati sulla sua scrivania in modo che avesse una chiara visione delle mie tette dalla scollatura. Oppure fingendo di cercare un fascicolo nel cassetto in basso del raccoglitore in modo di aver la scusa di agitargli il mio sedere sotto il naso, oltre che a permettere che la gonna salisse a scoprire il bordo delle autoreggenti.
Avevo anche letto in certe riviste femminili di altre tecniche seduttive meno comuni, ma non meno efficaci, come compiere i suoi stessi gesti. Si appoggiava allo schienale? Lo facevo anch’io. Si grattava la testa? E io mi grattavo la mia. Aggrottava la fronte? Anch’io.
Oppure avevo letto di certi comportamenti che potevano suggerire al suo subconscio l’idea che fossi disponibile e interessata, come allargare la braccia, occupare il suo spazio o mostrargli i palmi delle mani.
Nulla pareva funzionare. Strano. Io sono una bella donna, me lo dicono tutti.
Non sono molto alta, ma sono ben proporzionata. Fianchi stretti (non ho ancora avuto figli), gambe lunghe, belle tette rotonde e un culo da perderci la testa.
Anche il viso è interessante: occhi neri come i capelli, pettinati a caschetto, labbra carnose, nasino alla francese. Non potrei fare l’attrice o la modella, ma non passo inosservata, ve l’assicuro.

Non capivo quindi il suo apparente disinteresse. Pensai persino che fosse gay, ma certi suoi vecchi colleghi mi assicurarono che, anzi, ai suoi tempi era stato un bel mandrillo.
Facevo molta fatica a farlo parlare di cose personali e, quando lo faceva, di solito era sbrigativo. Pure, mi dimostrava simpatia, mi sorrideva spesso e si complimentava per le mie capacità professionali.
Ma io, che mi scioglievo come burro ogni volta che lo vedevo o che sentivo la sua voce, non ero certo soddisfatta.

Gina, la mia assistente e una delle mie migliori amiche, si accorse presto che qualcosa non andava nel mio comportamento verso Franco e non mi risparmiava occhiate di disapprovazione.
Alla fine dovetti spiegarle che non c’era da preoccuparsi, che stavo solo cercando di ricordare le tecniche di seduzione prima di diventare vecchia, perché poi non ne avrei più avuto occasione di sperimentarle, ma che si trattava solo di un gioco, di un divertimento e che Franco per me non significava nulla.
Fece finta di credermi, ma le occhiatacce non si interruppero, anzi.

E così, le persone a cui stavo raccontando balle salirono a due. A mio marito, infatti, non solo non avevo confessato la mia folle attrazione per Franco, ma glie l’avevo dipinto come un anziano avvocato, di salute cagionevole, saggio e paterno, alle soglie della pensione. Non solo: in previsione di aver bisogno di dar conto del tempo extra-ufficio che speravo di passare con lui, avevo ingigantito la complessità del contratto Eni, che era sì importante, ma che già da tempo sapevamo che probabilmente avremmo vinto. Così, nel caso avessi avuto bisogno di una serata, avrei potuto giustificarla con qualche aggiustamento urgente della proposta da consegnare il giorno successivo.

Entrambe questa persone mi volevano sinceramente bene e si preoccupavano per me. E io le ripagavo prendendole in giro.
Cominciai a sentirmi spaventata da quanto mi stesse accadendo e da come mi stessi comportando. Avevo perso il controllo! Stavo rischiando tutto per cosa? Una cottarella adolescenziale senza futuro? Mi chiesi se non fossi impazzita.

Cosa potevo fare, però? Ogni volta che mi trovavo in presenza di Franco mi tremavano le gambe, il cuore pareva voler esplodere nel petto e mi trasformavo in una gatta in calore, senza riuscire a evitare atteggiamenti civettuoli e provocatori.
Travolta. Ecco la parola: mi sentivo travolta dalla passione e incapace di resistere, in balìa delle mie emozioni incontrollabili.

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Finalmente l’occasione si presentò, qualche settimana fa.

Chicco era in viaggio nel Meridione. Un giorno a Napoli, un altro a Palermo, poi Bari e infine Roma prima di tornare a casa. Ne avrebbe avuto ancora per una notte e sarebbe rientrato l’indomani nel pomeriggio col Freccia Rossa.

Io e Franco invece quel pomeriggio eravamo a San Donato Milanese, nell’ufficio di un alto dirigente dell’Eni che cominciò a spulciare il nostro contratto chiedendo piccole modifiche qua e là.
Alle sette avevamo raggiunto un accordo su tutto, il funzionario si alzò e ci strinse la mano congratulandosi con noi e comunicandoci che il contratto con le ultime modifiche sarebbe andato alla firma della direzione generale l’indomani. Una formalità: il contratto era nostro, ormai.

Chiedemmo al dirigente se avesse avuto voglia di festeggiare con noi a cena. Nicchiò un po’, chiamò la moglie e alla fine accettò.

Pesce. Spaghetti all’astice. Aragosta. E vino bianco. Tanto vino. Un Lugana Santa Cristina fresco di cantina. Una, due, tre bottiglie. E allegria, risate, battute, pettegolezzi sui concorrenti e sugli altri dirigenti Eni.

Chicco mi chiamò al cellulare da Roma e lo informai che ero a cena con un cliente e altri colleghi. Mi augurò la buona notte e mi consigliò di divertirmi. “Già, lo vorrei proprio anch’io” pensai, mente gli assicuravo, mentendo svergognatamente, di non veder l’ora che tornasse.

Alla fine l’uomo ci salutò dicendo che la moglie l’avrebbe ucciso se non fosse tornato entro una certa ora. Franco pagò l’esorbitante conto (che avrebbe messo in nota spese) e rimanemmo soli, in quella fredda notte di gennaio. Ubriachi e sovraeccitati.
Nessuno dei due aveva voglia di andare a casa malgrado fosse quasi mezzanotte.
Mi chiese se volessi bere qualcosa in qualche locale. Gli risposi avremmo potuto fermarci a casa mia, visto che non avrei voluto tornare a Milano a prendere la Mini nel parcheggio dello Studio (non ero in condizione di guidare. Beh, neanche lui, ma non stiamo a guardare tutto…) e che avrebbe dovuto passare dal mio paese per andare a Monza dove abitava. Avremmo potuto continuare col vino o passare a qualcosa di più forte. “Un solo brindisi”, gli dissi.

Mi guardò intensamente negli occhi. Io morivo.
– Sei sicura?
– Non sono mai stata più sicura di così in tutta la mia vita. – Risposi.
– E tuo marito?
– In viaggio. La casa è tutta per noi. E c’è una bottiglia di Macallan Fine Oak di diciotto anni che ci aspetta.
– Caspita! Ti piace il whisky?
– Non ne capisco niente, ma Chicco sostiene che sia una meraviglia.
– Infatti. Andiamo, allora.
Appena entrati in casa lo aggredii. Schiacciai il mio corpo contro il suo, bloccandolo contro la porta appena richiusa, gli misi una mano dietro il collo e mi issai in punta di piedi a baciarlo sulla bocca.
Rispose al bacio. Mi strinse a sé con le sue forti braccia e io mi sentii volare. Cominciai a divorargli la bocca, ma mi respinse.
– Aspetta, Silvia. Te lo chiedo di nuovo: sei sicura? Perché tu mi piaci, ma di solito non mi metto con donne sposate. Non voglio combinare disastri.
– Non ci pensare. Mio marito me lo gestisco io. Tu pensa solo a baciarmi.

Sorrise e mi prese per mano conducendomi su per le scale, verso la zona notte.
– Per di qua?
– Sì – Risposi con un filo di esitazione: stavo per cornificare Chicco nella sua, nella nostra camera matrimoniale.
Ormai era troppo tardi per tornare indietro, non c’era nulla che volessi di più al mondo e mi convinsi che non l’avrebbe mai saputo.

In camera, in piedi vicino al letto, Franco cominciò a togliermi gli abiti di dosso, baciando la pelle che mano a mano scopriva. Lo faceva con dolcezza, ma intensamente, dimostrando di apprezzare il mio sapore. Io tremavo come una verginella di quindici anni per l’aspettativa e l’intensità delle emozioni che stavo sperimentando.

Mi scoprì dapprima il collo e le spalle, poi mi tolse il reggiseno, denudando i seni e i capezzoli durissimi. Infine si inginocchiò davanti a me e mi liberò della gonna, delle calze e delle mutandine.

Fece un passo indietro.
– Rimani così. Voglio guardarti mentre mi spoglio. Sei così bella…! – E cominciò a togliersi giacca, cravatta e camicia davanti a me.

Non ci sono parole per descrivere come mi sentivo. Non avevo mai sperimentato un turbamento simile: ero eccitata al di là di ogni immaginazione. Sentivo i miei fluidi colarmi lungo le cosce.
Lo guardai emergere dai suoi abiti. Aveva un fisico ancora bello tonico. Non un accenno di pancia, non un filo di grasso. Era ancora leggermente abbronzato su tutto il corpo, senza segni di costume.

Il suo membro era già abbastanza eretto quando si tolse i boxer, e puntava dritto verso di me.
Notai che era lungo più o meno quanto quello di Chicco, ma ben più grosso alla circonferenza e non circonciso. Era magnifico.
Ne rimasi come soggiogata.
Avrei voluto gettarmi in ginocchio davanti a lui e prendere quella sua meraviglia in mano e quindi in bocca, per assaporarlo, per divorarlo, per inghiottirlo tutto intero. Invece Franco mi prese in braccio e mi stese sul letto.

Si dedicò a baciare e a carezzare il mio corpo. Dapprima il viso e la bocca, poi il collo e i seni, sussurrandomi quanto mi trovasse meravigliosa. Io gemevo e inarcavo la schiena a occhi chiusi, completamente fuori controllo.

Fu dolce per qualche minuto, poi però prese a succhiarmi un capezzolo con forza, mentre con la mano tormentava l’altro, tirandolo e torcendolo con decisione, fino quasi a farmi male.

Incredibilmente, venni. Gridai, scossa dall’orgasmo e quindi rimasi abbandonata ansimante, totalmente conquistata. Ma Franco non si fermò. Continuò a baciarmi e a carezzarmi il corpo. Evitò il mio sesso per qualche minuto, poi ci si avvicinò con movimenti circolari fino a carezzarmi la passera dolcemente.

Io, completamente impazzita, non riuscivo a smettere di gemere e mugolare, sempre su bordo del mio secondo orgasmo. Non so quanto tempo passò prima di avvertire la sua testa tra la gambe e la sua lingua sulle grandi labbra: mi parvero ore, ma forse si trattò solo di qualche minuto.

Con la lingua era un maestro: sapeva dare le giusta velocità, la giusta pressione e conosceva i punti giusti. Insistette sul clitoride fino a farmi urlare e venire a ondate. Temetti veramente che il mio corpo esplodesse e che sarei morta di piacere, per ridicolo che possa sembrare.

Lo abbracciai, tirandolo a me e cercando in tutti i modi di farmi penetrare. Lo volevo con tutte le mie forze.

Riluttante a interrompere la leccata, alla fine si convinse e mi montò sopra.
Mi penetrò con un solo morbido e sicuro, cosmico e incredibile colpo, fino in fondo.

Prese a scoparmi dapprima lentamente, con lunghi colpi pausati. Poi aumentò il ritmo e la foga e nella stanza si diffuse il rumore dei miei gemiti unito a quello dei nostri bacini che si urtavano con il caratteristico “sciaff – sciaff”. Io cercavo di andare incontro ai suoi colpi come se la mia vita dipendesse da ciò. Mi dominava, mi prendeva con forza, con intensità. Ero del tutto impazzita, completamente nelle sue mani, senza volontà.
Lui insisteva, sempre più forte, sempre più veloce, ansimando. E io venni. E venni ancora. E ancora.
Eravamo entrambi in un bagno di sudore ed emettevamo suoni animaleschi. Lui pareva instancabile. Ancora dieci colpi, venti, trenta… Eiaculò, alla fine, tra gli spasmi del piacere, dentro di me.

Giacque sfinito accanto a me. Io mi rannicchiai contro di lui. Non mi ero mai sentita così ben scopata, così soddisfatta, così totalmente posseduta come in quel momento. Non avevo idea che il sesso potesse essere così esaltante.

Ma, contemporaneamente, un secondo pensiero mi attraversò la mente. Che razza di baldracca ero diventata, a tradire così mio marito senza neanche pensarci troppo? Mio marito! L’uomo che mi era sempre stato accanto, innamorato, gentile, devoto, attento, che mi supportava e mi aiutava in tutto! Che cosa aveva fatto di male perché lo trattassi così?

Però un terzo pensiero mi colpì come un pugno nello stomaco: io avrei dovuto farlo ancora, e ancora. Pazienza per Chicco, non potevo rinunciare al sesso con Franco.

Questo racconto è stato letto 375 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!