Ti amo amore mio 3 – mia sorella è una troia




Io e mia sorella siamo seduti sul divano, ci guardiamo profondamente, la busta del negozio di intimo è ancora li. Io prendo subito il discorso: allora? Cosa volevi dirmi in negozio con “il tuo si”? Ti ricordi? E Sharon: dai perché dobbiamo prendere questi discorsi? Lasciamo stare pensiamo a noi? Io un pò seccato: no adesso me lo dici, dai, quanti pompini hai fatto? E lei pensandoci: mmm.. be adesso non ricordo bene, saranno stati una ventina all’incirca. Io ero sbalordito, la guardavo con gli occhi increduli, “non posso credere anche a questo” pensavo. Sharon : allora? Sei geloso? Io: no non sono geloso. E allora sei arrabbiato, fa lei. Io ancora più orgoglioso e taciturno: non sono neanche arrabbiato. Sharon: sono cose passate, successe perché ero ingenua, si anche perché lo volevo. Lei mi guarda si avvicina, mi mette la sua mano sulla gamba: io amo solo te. Io tolgo la sua mano dalla mia gamba. Il suo racconto non mi bastava, volevo sapere di più. Io: e dimmi, com’erano questi pompini, in che modo li facevi? Sharon: in che senso? Con si fanno i pompini secondo te? Come al solito, devo farti un esempio con il mio dito forse? Io: no non intendevo questo, ma nel senso, dove ti facevi sborrare? In bocca in faccia, dove? Sharon: il più delle volte in bocca, sarà capitato una volta in faccia, ma perché è successo mentre lo stavo segando davanti alla mia faccia e lui è venuto senza avvisarmi, e una volta sulle tette perché l’ho voluto io. Cazzo, ho pensato, facendo due calcoli, 18 volte si è fatta sborrare in bocca. Ho seriamente cominciato a pensare che mia sorella fosse una troia. Ho solo detto: ho capito. Mi sentivo un pò ferito, ma perché poi? È mia sorella e non la mia fidanzata. Lei si avvicina quasi non me ne accorgo. Che vuoi? Faccio io. Lei offesa si gira dall’altra parte. Io: scusami. Vieni qua. La faccio sedere sulle mia ginocchia. Sharon: allora? Mi ami o no? Io: certo che ti voglio bene. Sharon: non ci credo. Io: non credi che io ti voglia bene? Ci rimango male. Sharon: tu non hai capito niente. Sto per dire una cosa ma m interrompe dandomi un bacio con passione, con la lingua. Adesso si accomoda sul mio pacco già duro. Lei lo sente. Io le tocco il culo. Sharon: si, amore mio. Poi si alza e inizia a ballare sempre mostrandomi il suo perfetto culo, le natiche ben sode, cazzo che culo si vede tutto anche per via del perizoma che lei ama tanto. Che bel momento, mi ricorda quando era più piccola, lo faceva sempre per provocarmi. Continua a ballare, si piega a pecora, che spettacolo. Si volta, si tocca le tette. Ti ricordi? Fa lei. Io: certo che mi ricordo. Sei sempre la solita monella. Adesso si avvicina con fare provocante, mi bacia a stampo, mi fa alzare dal divano, il cazzo è sempre più duro, lei me lo accarezza, poi si volta e si struscia con il culo. Io: ohhh amore. Lei pian piano mi tira il cazzo fuori dai pantaloni. E se lo poggia sui leggins. Che meraviglia!!! Io: mi fai un pompino? Lei: mmm, non si può sempre avere tutto. Si abbassa i leggins mostrandomi il suo culo con il perizoma. Praticamente mi sta segando il cazzo con il suo culo, su e giù, strusciandosi. Si volta, si struscia con la figa, me lo sega, ma non lo prende in bocca, non desidererei altro in questo momento. Sharon: ti piace? Io: ahhh siii mi piace la tua mano e il tuo culo, è solo mio. Lei: si puoi stare tranquillo amore mio, sai che non l’ho dato mai a nessuno? Io: menomale! Perché? Fa lei. Io: vuoi saperlo? Lei mi mette la mano sulla bocca: schhh non lo dire, non c’è bisogno. Io ero sempre più eccitato: continua amore continua mi fai impazzire. Sharon: vorresti incularmi vero? A quella domanda sono quasi saltato, non me l’aspettavo. Io: secondo te? Lei si mette a a ridere: per oggi solo busserai al mio culo, e gli passi un pò di pennellate, e domani chissà, magari ti farò entrare. Io lo volevo e come: non vedo l’ora. Si volta e di nuovo continua a strusciarsi stavolta più veloce. Praticamente vuole farmi sborrare solo con la pratica dello struscio. Io posso dirti una cosa? Sharon: certo dimmi. Io: no niente, altrimenti ti arrabbi. Sharon: no adesso dimmi. Ed in mentre continua e mi sega il cazzo di tanto in tanto, ma vuole farmi venire così. Dimmelo, mi fa lei. Io in preda all eccitazione: sei una troietta! Sharon: si lo sono, ma solo per te amore mio. Quando mi ha detto così stavo per venire. Io: sto per venire amore. Lei: dai amore sborrami. Si alza i leggins, non è più con il culo di fuori. Io: non dai sulle chiappe. E lei: non voglio che mi sborri sui leggins. In fondo la sborra bianca sui leggins neri ci stava benissimo. Dai amore inondami! Io mi sego ancora più veloce, ci sono. Io: vengoooo cazzoooo siiii. E le sborro sui leggins, una lunga sborrata. Ohhh siiii anche solo strusciandoti mi fai impazzire, sei magica. Sharon: siii amore hai un cazzone, che bello. Io esausto mi butto sul divano, il cazzo è un pò più moscio, mia sorella si avvicina e me lo bacia, poi un pò di slinguate, poi si gira dandomi il culo, pieno di sborra sui quei leggins, sculetta, continua ancora a provocarmi. Ti piace? Fa lei. Io: sei una bellissima troietta. E lei continua a muovere il culo. È incredibile. Già, mia sorella è una troia.

Se qualcuno e soprattutto qualcuna vuole parlarmi di questo mio racconto: riccardo.sanchez@yahoo.com vi aspetto. Nel genere incesti trovate anche: Ti amo amore mio e Ti amo amore mio 2 -il primo pompino-

Questo racconto è stato letto 4664 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: