Mia Madre, passione ebano by Abe Cuckold [Vietato ai minori]




Mia Madre, passione ebano di Abe Cuckold New!

Note:

Scrivetemi consigli, commenti e critiche a Writingcuck@mail.com

Era passato qualche giorno dalla nostra avventura in discoteca e mia madre sembrava essere ormai persa, mio padre nel frattempo era tornato e ripartito nel giro di un paio di giorni, nulla di importante, mia madre è stata costretta a non poter scopare per casa, ma sono sicuro che abbia trovato qualcosa per intrattenersi in una delle “serate tra amiche” che ha organizzato.
Non mi ci portò mai ad una di queste misteriose serate, ma con la partenza di mio padre si presentò subito un occasione che colse.
Come al solito entrò sbottando in camera, mi guardò con sguardo severò e mi ordinò con voce altrettanto severa:”Preparati che usciamo, se fai il bravo forse ti tolgo la gabbia”.
Io farfugliai un flebile:”V-va bene mamma”.
Era quasi un mese che non mi masturbavo quindi ero pronto a qualsiasi cosa avrebbe fatto pur di potermi finalmente sfogare.
Come al solito quando uscì di camera trovai mia madre vestita in maniera incredibilmente provocante, un abito lungo, ma con spacco da entrambi i lati che lasciavano vedere le sue lunghissime gambe, la parte sopra scollatissima e i capelli raccolti a treccia.
Come se la sua figura alta e atletica non fosse già abbastanza appariscente si aggiungevano dei tacchi vertiginosi ed un trucco molto pesante che risaltava ancora di più le sue incredibili labbra e i suoi occhi azzurri.
Con sguardo schifato mi fece un cenno e disse:”andiamo che non voglio fare tardi per colpa tua” e partimmo in macchina.
Mi spiego quindi la situazione mentre viaggiavamo:”Oggi avvengono le premiazioni per la squadra vincintrice di un locale torneo di basket e ho notato una cosa interessante nella squadra vincitrice, quindi come potrai aspettarti mi congratulerò personalmente con loro, tu sai come, vero?”.
Io annuì ma non capì di cosa stesse parlando mia madre, finchè non arrivammo al luogo della premiazione e 3 squadre erano sul podio alla consegna delle medaglia, i vincitori, la “NoRacism” erano facilmente riconoscibili, era l’unica squadra composta interamente da neri, fu subito chiaro che mia madre conoscesse già qualche ragazzo visto
che uno di loro si avvicino infatti a mia madre e le chiese:”Per dopo tutto confermato, il posto che abbiamo detto?” Mia madre annuì e confermò con voce eccitata:”Però porta tutti i tuoi amici, non fare l’avido che voglio premiare tutti” di tutta risposta l’africano, che devo dire era veramente una montagna, tranquillamente sopra il metro e novantacinque, fece un cenno col capo e rispose:”Stia tranquilla signora, vengono tutti, direi che possiamo già partire”.
Consegnati i premi io e mamma entrammo in macchina e i 12 africani si divisero in 3 macchine e ci seguirono finchè non arrivammo al posto prestabilito.
Il posto era un vecchio magazzino, entrammo con la banda al seguito e mamma prese la parola:”Bene ragazzi, sappiamo già perchè siamo qua complimenti per la vittoria, ma prima bisogna fare delle presentazioni, questo coglione, beh, è mio figlio, lui sarà qui per guardare, spero non vi dia fastidio”.
Assorbito lo shock iniziale dell’allegra compagnia mia madre decise di rompere immediatamente il ghiaccio togliendo velocemente il vestito e spogliandosi interamente di fronte alla banda di neri.
Il suo corpo era uno speccatolo e da nuda distese un telo trasparente per terra in maniera da non sporcarsi, l’azione era ben illuminata dai fanali delle macchine che erano entrate nel magazzino.
Mia madre nuda esclamò allargando le braccia:”Non siate timidi ragazzi, che tutto questo ve lo siete meritato”.
Ben presto alcuni di loro cominciarono a spogliarsi e misero in bella mostra i loro fisici statuari che avrebbero fatto invidia a chiunque, ma quello che fu di certo la cosa più impressionante furono i peni, veramente delle bestie esagerate che penzolavano fino a metà della gamba dei ragazzi, il più piccolo sarà stato sui 20 centimetri, mentre il più grosso aveva le dimensioni di un piede spesso come il polso di un uomo, mia madre come suo solito si buttò in ginocchio e mentre si masturbava furiosamente prendeva in bocca con le sue leggendaria labbra i tronchi d’ebano che i giocatori le sbattevano addosso, facendo a gara per chi avrebbe avuto il suo turno a farsi succhiare, uno di loro allungò le dite lunghe verso la vagina di mamma e la toccò, per poi esclamare stupida:”Ragazzi sentite quanto è bagnata la troia!”
Tutti cominciarono a toccare mamma con le loro mani nere e mia madre cominciò ad orgasmare rumorosamente a causa della situazione, non resistendo più semplicemente si sdraiò a pancia in su e pregò i ragazzi di fare a turni per scoparsela, qui la cosa prese una piega inaspettata, invece di scoparla ordinatamente come mia madre voleva, uno del gruppo la sollevò di forza si sdraiò e la posizionò sopra di se e cominciò a penetrarla nella vagina, di getto un altro le entrò nella vagina insieme al compagno di squadra scopandola da dietro causandole un dolore lancinante a causa dell’inserzione del secondo cazzo, come se ciò non bastasse un terzo nero,posizionandosi direttamente sopra mamma la penetrò in culo, aprendola letteralmente in due, facendola urlare e piangere mentre il trucco le colava dagli occhi.
Gli altri non restavano in disparte e a turno si inginocchiavano di fronte a mamma per scoparle violentemente la bocca, facendole colare dalla bocca sperma e saliva aumentando le lacrime e la scolatura del trucco.
Mia madre, nonostane la piega che avevano preso gli eventi non sembrava infastidita e nel giro di poco tempo le urla di dolore si trasformarono in mugolii e poi in orgasmi.
Dopo un po’ i ragazzi abbandonarono la figa di mamma per fare esperimenti col suo culo, il ragazzo col pene più grosso si avvicinòminacciosamente a mamma mentre altri 4 della squadra la tenevano ferma per mani e gambe.
Una volta arrivato prese il suo pene colossale, ci sputò sopra e le disse con tono minaccioso:”Preparati troia”.
Mia madre cominciò e urlare:”Tu no cazzo! Tu no! Mi uccidi tu!”
Ma senza ascoltare le prediche di mamma lui le infilò il suo attrezzo nel culo e le urla furono atroci, dopo alcune pompate si distingueva del sangue sul pene del ragazzo e mia madre, tenuta ferma da alcuni di loro provava a liberarsi inutilmente, ma come prima, dopo i primi momenti di dolore atroce cominciò a trarne piacere, al punto che ebbe un altro orgasmo, questa volta anale.
Dopo alcuni minuti in cui il gruppo era ormai in disparte mentre mia madre veniva devastata dal colosso d’ebano lei esclamò con le lacrime agli occhi:”Un altro, datemene un altro nel culo!” al che uno degli africani con il cazzo in mano si avvicinò e lo inserì dell’orifizio devastato di mamma, all’inizio ebbe delle difficoltà, ma ormai quel culo era capace di qualsiasi cosa.
La troia invece di urla di dolore cominciò a tremare ed ebbe il suo secondo orgasmo anale, dopo alcuni minuti di scopata i ragazzi estrassero i loro peni e tutto il gruppo al completo fece a turno a venire dentro e sopra mia madre riempendo ogni suo buco di sperma e ricoprendone interamente la sua faccia, mia madre era inguardabile in quello stato, il buco del culo di un diametro di circa 5-6 centimenti, la vagina aperto come dopo un parto e la bocca piena di sperma tanto da impedirle di parlare, senza che nemmeno me lo chiedesse cominciai a ripulire il suo ano con la lingua che poteva entrare facilmente a fondo a causa del suo stato devastato. Dopo aver salutato i ragazzi tornammo a casa e come alla discoteca guidai io a causa delle condizioni della troia.

Note finali:

Scrivetemi consigli, commenti e critiche a Writingcuck@mail.com

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti:

Le due cognate 11




Ormai dalla sera a casa di Francesca è passato quasi un mese..in questi giorni ho Incontrato molte volte Anna,e due tre volte Tiziana,che ora è meno libera visto che c’è il marito. Intanto il rapporto con mia moglie incomincia ad inclinarsi lei incomincia a sospettare qualcosa..l’altra sera mi ha chiesto: c’è un altra? Io ho mentito sentendomi un verme, ..no ma cosa dici?…Ma lei ha risposto….ho capito!!! Siamo nel periodo Natalizio e lei mi dice che andrà dalla madre per stare un pò con lei e per pensare a cosa fare del nostro rapporto, visto che non abbiamo figli.Una mattina che ero a lavoro mi telefona Federica per dirmi che dovevo andare al suo studio,perchè una di quelle protesi il paziente gli procurava dolore,e mi chiese a che ora potevo passare…gli risposi che verso le 13,00, e non prima…mi disse che mi avrebbe aspettato allo studio.Erano le 13,10 quando entrai nello studio dove mi aspettava Federica e il paziente…visionai la protesi e mi accorsi che era un problema da poco e chiesi al paziente che per domani sarebbe stata pronta. Rimasti soli incominciamo a parlare di lavoro,ma vedendomi un pò giù,lei si accorse che c’era qualcosa che non andava. Mi chiese cosa fosse..io gli raccontai i problemi che avevo con mia moglie lei cercò di riprendermi dai miei problemi invitandomi a pranzo,uscimmo e mi trovai a guardare Federica come era vestita..aveva i leggins che come si tolse il camice si vedeva la forma della Fica e girandosi il suo culetto tondo su due gambe niente male,su indossave una maglia a mezzo collo, dove si scorgeva un seno piuttosto sodo…ai piedi aveva scarpe con tacco che come camminava il suo culo sembrava eseguire un balletto.. su mise una giacca a mezza coscia che gli copriva il culo…ed io ad alta voce esclamai: peccato….di che? chiese lei…..della giacca che copre il tuo lato “b”…ti piace?…oh si molto gli dissi io il tutto sempre ridendo.Uscimmo entriamo in macchina e ci avviamo verso il nostro ristorante..parliamo di varie cose, mi accorgo che abbiamo superato il ristorante….e noto che Federica insiste a guardarmi sempre di più negli occhi e mi sorride ….Siamo in centro e vedo che gira per un parcheggio..ma rallenta davanti un cancello che aziona con un telecomando,entrando attraversiamo un piccolo parco e dopo poco ci troviamo davanti una villetta in stile inizi 800. Il viale e fatto di ghiaia ci fermiamo davanti una fontana che richiama lo stile della casa,noto il giardino è tenuto in ordine, noto che è impossibile dal di fuori vedere la casa anche perchè è su due piani,ma è circondata da alberi che proteggono la vista dal di fuori. Ma dove siamo??….A casa mia..mi risponde..arriviamo alla porta d’ingresso ed una ragazza bionda molto bella ci viene ad aprire prima che suoniamo,entriamo e ci troviamo nell’ingresso dove una scala in pietra fa una curva e porta al piano superiore…Sonia fai accomodare il signore…io salgo su a mettermi qualcosa di più pratico….ah Sonia mia mamma dov’è? è su in camera la stava aspettando…va bene disse salendo dai qualcosa da bere al signore….Sonia mi fa strada ha una gonna nere a mezza coscia con clze a rete, tacchi, un grembiule, ed una camicetta bianca con i soliti bottoni non allacciati,cammina davanti a me,e mi ritrovo a fissare quel culo che va a destra e sinistra.Arriviamo in un salone con tavola già pronta per tre persone ,l’arredamento è oculato allo stile della casa,ma quello che più rende splendida questa stanza è un finestrone che è a circolo al posto della parete, che da una luce al salone,che lo rende ancora più grande,la vetrata da sul retro della casa,e poco distante si vede una piscina abbastanza grande,ad una parete vari quadri e sul camino in fondo delle foto che ritraggono Federica con una donna molto bella mora sulla quarantina,ed un uomo più anziano sulla sessantina credo.Mentre guardo una foto che ritrae le persone descritte ,mi accorgo che deve essere del giorno della sua laurea…la voce di Federica mi giunge alle spalle….allora che mi dici…ero bella da giovane??? lo sei anche adesso..aveva tolto la maglia e il suo posto era stato preso da una camicetta che lasciavano intravedere i seni….fa il suo ingresso una donna molto giovanile…anche lei coi leggins neri,tacchi,camicia dove si notano due bocce bellissime, truccata e con la unghie smaltate e con un sorriso si avvicina…..mia madre……ma è la donna della foto..è uguale gli anni non sono passati per lei…salve piacere mi da la sua mano ha una pelle morbidissima,è magra al punto giusto,neanche un filo di pancia…ma piatto come quello di una ragazza di 20 anni gli faccio il bacia-mano…lei trattiene la mia mano e….un gentiluomo finalmente,era da molto che non ne incontravo uno…mi disse sorridendo i suoi denti bianchissimi e 2 labbra bellissime….Federica…che dici..era bella mia madre quando mi sono laureata….indicando la foto…Beh se è per questo è molto più bella adesso gli dico io guardandola negli occhi…lei è quello che trattiene mia figlia a pranzo fuori? E so che collaborate molto sul lavoro? finalmente la conosco mia figlia mi ha molto parlato di lei…e non solo lei…..Signora non mi dia del lei mi sentirei più a mio agio se mi da del tu…risposi…intanto mi teneva ancora per mano ed aveva incominciato col suo pollice lo stesso massaggio di Francesca….si va bene …adesso non fare la corte a mia mamma dice Federica ridendo ..su andiamo a tavola…Il pranzo scorre piacevolmente Federica e Marcella(il suo nome) sono in simbiosi..ma guardandole mi dico che la madre da molti punti a sua figlia in bellezza, ci alziamo da tavola Marcella dice a Sonia che se vuole dopo aver fatto le pulizie può andare,poi girandosi verso di noi…andiamo a fare una passeggiata in giardino?…Sonia puoi portarci lì il caffè?…mi prende sottobraccio e usciamo dalla vetrata dove c’è una porta che da sul giardino,ma è talmente mimetizzata che non si nota..Usciamo e parlando cerco di essere ironico per far ridere le due donne, Fede..passa dall’altra parte prendilo anche tu sotto braccio altrimenti sembriamo due fidanzatini..ahahhhaahhha… Così mi ritrovo in mezzo a due donne con le quali sembra che ci conosciamo da una vita,in realtà conosco Federica da 6 anni…ma l’ambiente ed il clima che si è instaurato tra di noi sembra dire il contrario. Dai suoi discorsi capisco che è la compagna di camera e di letto di Francesca,e ne deduco che Federica scopa con sua madre….Sonia arriva col caffè e con il cell. di Marcella la quale si apparta per parlare ed io e Federica beviamo il caffè chiedo se posso fumare….Ricordi cosa ci siamo detti?……..cosa?,,rispondo…..Mi guarda io non ho tabù,quello che per te è vietato per me è la regola…mi dice guardandomi negli occhi….credo che adesso hai capito…….io gli dico….ho capito con una madre così..bella..con una figlia bella come te …vorrei essere adottato…scoppiamo in una risata….Marcella si gira ci sorride…..Federica avvicina il suo volto al mio e mi bacia….che bacio…..ci avvinghiamo…lei si stringe a me….spinge il suo corpo verso di me…..Ah bene..bene vedo che già siete ai preliminari…la voce sensuale di Marcella dietro di me ci stacchiamo e lei…Fede perchè non gli fai visitare casa? io faccio due telefonate e vi raggiungo.Rientriamo e saliamo le scale Federica si aggrappa al mio braccio sale un gradino e mi mette la lingua in bocca dicendomi,,ti voglio………….mi aggrappo al suo culo…lo sento sodo…le stringo una tetta e gli dico…anche io…..la prendo in braccio senza staccare le nostre labbra…gli dico…..dimmi dove andare…mi fa entrare in una camera con un letto molto ampio..la metto a terra le tolgo la camicia e vedo le sue tette strette in un reggiseno bianco trapuntato che lasciano intravedere le aureule con i capezzoli tesi…lei mi sbottona mi spoglia completamente…mi toglie gli slip….il mio cazzo esce svettante in tutta la sua durezza….lei lo bacia ,..lo mordicchia poi lo fa scomparire nella sua bocca incomincia un pompino…sbalorditivo….ma io voglio vederla nuda la stacco…mi mette la lingua in bocca sono totalmente nudo le incomincio ad abbassare i pantaloni…lei si è già sfilate le scarpe……il perizoma stesso colore del reggiseno e davanti è trapuntato esce qualche pelo ,la faccio girare le guardo il culo…..bellissimo—il filo lo divide giusto a metà….glie lo tolgo…la faccio cadere sul letto ed incomincio a baciarla tutta…le accarezzo le tette è molta reattiva i suoi capezzoli sono durissimi lei sospira….scendo alla sua fica è tutta rasata..incomincio ad aprirla con le dita…la lecco vedo il suo clito sembra una sentinella bello..incomincio a stuzzicalo ohohoh…sisi continuaaaa……è fantasticoooooo …non ti fermare che sto per venireeeeeeee le tengo le tette sotto le mie mani sento i suoi capezzoli contro il palmo della mia mano……infilo un dito in quella fica nooooooooooo vengooooooooooo incomincia ad avere delle contrazioni….lei è sul letto solo col busto le sue gambe sono a penzoloni…io sono piegato così la mia faccia è all’altezza della sua fica…..sento qualcosa che avvolge il mio cazzo da dietro una mano si è insinuata e fa dei movimenti come se volesse mungermi…..mi giro e vedo Marcella…ti piace la mia bambina….hai visto che bella fichetta che ha????…mi mette la lingua in bocca sembra una ventosa…si vede che è come Francesca sono esperte credo che insieme siano capaci di uccidere sessualmente un uomo lo lascerebbero spompato…mi giro verso di lei le strappo quasi la camicia…le tiro via il reggiseno….due globi che stanno da soli puntati verso l’alto,le strizzo siiii….ne prendo uno in bocca lo lecco…passo all’altro…lei si sta sfilando le scarpe poggio una mano sulla sua fica …si contorce…le abbasso i pantaloni….sento sulla mia schiena i seni di Federica..le sue mani corrono sul cazzo ..tolgono quelle di sua madre diventa la padrona incomincia a segarlo…..Marcella ora ha solo un perizoma che quasi non contiene la sua Fica che tocco con le dita è un lago…ci metto dentro un dito ohoohohooh siiisiisis i che cazzo…..che ha…..mamma guardalo……sisisisii amore di mamma me lo aveva detto Francesca che era ben fornito e che ci sa fareeee mi ….sta …facendo….godere…solo…con le…dita…figurati …quando ci sarà …il cazzo di questo….toro…come lo …chiama …Francescaaaaaaaaaaaaaa vengooooo amore mio vieni a bere la sborra di mammaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa Federica si accuccia ai piedi della madre ed incomincia a leccarla…alterna con il mio cazzo…io tasto centimetro per centimetro il suo corpo sono sul suo culo, le dita che avevo messo in fica adesso sono sul buco di Marcella tintillo …spingo..e sono dentro…sisisiiisis anche nel culoooooooooooo figlia mia…angelo mia…..mi ha messo un dito nel culooooooooooooooooo ohohohoohoohoho…siamo ancora in piedi tutte e tre tiriamo fuori le nostre lingue che si toccano….io con una mano nel culo di Marcella e con l’altra nella fica di Federica….mi buttano sul letto Federica si impala subito maaammaaaamiaaaaaaaaaaaa sono pienaaaaaaaaaaaaaa i suoi umori che colano sul mio cazzo…Marcella è in piedi sul mio torace è all’altezza della bocca di sua figlia che tira fuori la lingua e slarpp…….. poi si siede sulla mia faccia le apro la fica,,,vedo un cazzetto che fa capolino incomincio a spompinarlo la sento gridare ohoohoohooho Fedeeeeeeeeeeee mi sta facendo godere di novoooooooo vengoooooooooooda sotto ho la magica visione del suo culo e bellissimo ha un buco che invogliaaaaa lo tocco…..Federica grida il suo orgasmo sul mio cazzzo..vengoooooooooo si ferma si sfila il palo e si fa leccare da sua madre…leccaaa leccaaa porcaaaaaa hohooho che troia di mamma che hooooooooooooo…si sono la tua troiaaaasi alza e cerca diprendere il posto di Federica sul mio cazzo ma io ho altre intenzioni…voglio possederla farla gridarela posiziono sopra sua figlia a 69…mi metto dietro di lei e la penetro in fica……..che sensazione …sento che è diversa da quella di sua figlia…è come quella di Francesca le loro fiche avviluppano il cazzo lo stringono sembra che abbiano della ventose all’interno che si attaccano al cazzo e lo massaggiano è fantastica..la sento gridare godoooooooooooooooooooola figlia che la lecca….io gli piazo un dito nel culo…si rompigli il culo a questa troiaaaaaaaaaaaa è la voce di Federica che sotto i colpi di lingua di sua madre viene ancora e lo gridaa….io stantuffo Marcella che dice …non ho mai goduto cosìììì….che bellooooooooooooo…siiiiiiiiii..che cazzoooooooooooo vieni astare con noi?……..così ti avremo sempre….giorno e notte….hoho sisisiisi mi avvicino al suo orecchio e gli dico…ora vi inculooo brutte troieeeeee……esco dalla sua fica…vedo le dita di Federica nel culo di sua madre….le toglie mi prende il cazzo e lo spinge nel culo di Marcella che grida …è grosoooooooooooooosono solo con la cappella…..mi romperà il culooooooooo preparati anche tu gli dico a Federica che scende dal letto e va ad un mobile tira fuori un tubetto e incomincia a spalmarlo sul suo buco, esco da Marcella mi stendo sul letto e la faccio scendere col suo culo che è una meraviglia sul mio cazzo mi da le spalle le cingo le tette…vedo ritornare Federica con dei fazzolettini inumiditi….li poggia sul letto si avvicina al mio oreccho e mi dice…..sei vicino? c’è la fai ad inculare me”’SI certo gli dico….vedo che armeggia con qualcosa è un dildo mostruoso mi dice adesso tieni ferma questa troia che la chiavoooo ..ma è troppo grande gli dico…..ne ha ricevuto di più grandi da Francesca…mi tiro Marcella addosso e la sento….si chiavatemiiiiiiiiiisi sei dentro angelo mioooooooooooooo adesso vaiiiiiiiii siiiiiiiiiiiiiiiiiiii colpi violenti vengoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo un urlo …..dico di alzarsi Federica si alza la faccio mettere a quattro zampe e gli entro nel culo…si mammma miaaaaaaaaaa come sei grososoooooo stantuffo con piacere quel culo la madre e tra le gambe di lei le dico di mettersi di fianco a sua figlia…si slinguano…vengoooooooooo fadrica grida esco dal suo culo e come prima sua figlia me lo pulisce con una salvietta…lei l’aspetta nel culo ma io le entro in fica …bastardoooooooooooo sei in ficaaaaaaaaaaaaaaa vengooooooooooooooooooooooooooooooo esco dalei ed entro in sua figlia che dice voglio la tua sborraaaaaaaaaaa nella mia ficaaaaaaaaaa inondamiiiiiiiiiiii…vorrei dargli ancora dei colpi ma la sborra che sgorga dal mio cazzo mi costringe a stare fermo e sborrarre ma tanto……….Ci siamo fatti una doccia ho salutato Marcella e gli ho promesso che ci rivedremo ancora……Federica mi ha lasciato vicino il mio studio…squilla il cell. è Anna ..ciao come stai? dove sei? ah dimenticavo domni sera a casa mia ho una sorpresa per te….ciao

continua

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: