Il romano e Diana by piccolaeva [Vietato ai minori]




SOGNANDO DI AVERTI QUI di Amber Tremayne New!

Non riesco assolutamente a prendere sonno. Mi agito nel letto, sono stanca ma non riesco a rilassarmi per dormire. La mia mente torna sempre al ricordo delle tue mani sui miei seni, di te incastrato in maniera così perfetta nel mio corpo.
Allungo un braccio e cerco la maniglia del cassetto del comodino. È lì che ho nascosto il tuo regalo da occhi indiscreti.
Tiro fuori il vibratore dal cassetto e chiudo per un attimo gli occhi. Lascio la fantasia libera di volare.
Sei seduto sulla poltrona di fronte al mio letto, i gomiti appoggiati ai braccioli, le dita delle mani intrecciate ed il mento poggiato su di esse. Mi guardi con quella tua aria vagamente severa. Aspetti che sia io a giocare col mio corpo stavolta ed io voglio che guardarmi sia per te uno spettacolo eccitante.
Mi alzo in piedi e ti sorrido. Sfilo la camicia da notte dalla testa, mi giro e, dandoti le spalle, mi piego a novanta gradi, con la schiena perfettamente piatta, per sfilare il perizoma.
So che adori il mio corpo e questo mi aiuta a lasciarmi andare, ad apprezzarlo e a giocarci assieme a te. Ti do le spalle ancora qualche istante per lasciarti guardare quel culo che dici essere perfetto.
Mi metto in ginocchio sul letto, le gambe leggermente divaricate, e scivolo giù facendo un ponte; accentuo più possibile il movimento sinuoso e una volta stesa apro le gambe poggiando le piante del piedi e piegando le ginocchia.
Succhio il dito medio e lascio scivolare la mano lungo il collo mentre guardo i tuoi occhi fissi sul mio corpo. Stringo i capezzoli, li tiro un po’, e porto la mano fra le gambe. Il dito bagnato va ad aprire le labbra, lo lascio andare su e giù fino a bagnarmi completamente, lo infilo dentro e lo faccio ruotare un po’ per aprirmi. Con l’altra mano vado a tenere aperte le labbra in modo da lasciare il clitoride completamente esposto. Come avresti fatto tu, tiro fuori il dito bagnato dei miei umori e lo passo sulla punta sensibile del clitoride. Gemo sommessamente e qualche vibrazione scuote le mie gambe. Gioco ancora un po’ col clitoride sotto il tuo sguardo ora compiaciuto e divertito. Accendo il vibratore e lo passo sul clitoride così esposto. Le gambe iniziano a tremare, il respiro diventa irregolare e ansimo in preda al piacere. Ma tu preferisci vedermi aperta e riempita.
Smetto di giocare col clitoride e faccio scendere il vibratore, lo punto sull’apertura, ma sono troppo stretta perché ci entri subito. Inizio ad allargarmi con le dita. Prima due, poi tre, le infilo e le tiro fuori, premendole sui lati. I tuoi occhi non si staccano un attimo dalle mie dita e dallo spettacolo che ti stanno offrendo. Finalmente sono pronta. Faccio scendere il vibratore e lo infilo dentro ignorando la resistenza residua.
Il tuo sguardo è ora famelico. Lo lascio dentro qualche istante godendomi le ondate di piacere che si irradiano lungo tutto il corpo. Afferro l’estremità del vibratore e lo muovo facendolo entrare ed uscire dal mio corpo, aprendomi e bagnandomi sempre di più, mentre con l’altra mano vado a cercare un capezzolo ed inizio a pizzicarlo e a tirarlo. Lo spingo sempre più velocemente, facendolo arrivare più in fondo che posso, insistendo dove sono più sensibile, ansimando e sentendo il viso diventare bollente.
Finalmente ti alzi e vieni verso di me. Slacci la cintura e sbottoni i jeans; li abbassi solo di quel tanto che serve a liberare il tuo cazzo, gonfio e duro. Ti sistemi fra le mie gambe ed entri in me. Me lo sbatti dentro forte, mi afferri per le spalle e mi scopi senza darmi respiro. Affondi violentemente nel mio corpo mentre con le mani mi stringi i seni così forte da lasciarmi i segni delle dita; ogni colpo finisce dove sono più sensibile e diventa quasi doloroso. Il tuo bacino sbatte rumorosamente fra le mie gambe ed i miei gemiti si fanno alti, troppo alti. Mi apri le gambe con le mani e affondi completamente dentro di me inarcando la schiena. Sento il tuo seme caldo colare fra le mie gambe mischiandosi ai miei umori.
Non sono venuta, ma mi sono placata abbastanza da riuscire a dormire. Spengo il vibratore e lo ripongo nel cassetto. Rimango nuda e mi infilo sotto le coperte. Sogni d’oro mio amore lontano.

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti:

Un Cubano di colore




Ogni mattina incontro un tipo di colore in bici,lo vedo sempre sul presto verso le 6,00 all’inizio delle prime luci del giorno,i nostri sguardi si incrociano ogni volta con insistenza……
L’uomo a scoperto dove lavoro,forse mi aveva seguito e lo vedo passare diverse volte a piedi e guardare dentro il mio locale!
L’altra mattina entra…..ero da solo e il mio cuore batteva forte,mi chiede un caffe’ mentre continua a osservarmi,accenno un sorriso,gli chiedo di quale nazionalita’ fosse,e mi risponde di essere Cubano.
Lo rivedo la sera,vicino casa mia,stessa storia,stessi sguardi,lo chiamo con un fischio,lui si volta e viene verso di me,appena siamo vicino,gli chiedo se accetta di bere qualcosa a casa mia visto che ero praticamente davanti la porta!
L’uomo seppur timidamente,accetta e quindi entriamo dentro casa.
Gli servo una birra e la beviamo comodamente seduti in salotto,parliamo di poche cose,il silenzio era tanto,sentivo un sensazione particolare mista a eccitazione e paura.
Finalmente il Cubano comincia a rilassarsi e a sorridere,una birra tira l’altra e dopo una mezzora era gia’ piu’disponibile a parlare.
Mi racconta che lui lavora come domestico in una villa presso dei signori molto facoltosi,e di essere libero la sera dal martedi al giovedi.
Noto che speso si tocca il pacco,e a parte il chiaro segnale da parte sua,potevo vedere la quantita’ generosa del suo contenuto…….
Teneva le gambe distese e mentre mi allontano un attimo lo vedo sistemarsi il cazzo nei pantaloni…..
Devo averlo colpito per qualcosa…..sono un bell’uomo alto,occhi verdi e forse un bel culo,ma non sono effemminato,ma provo a provocarlo!
Mi spoglio e rimango in mutande,lui mi guarda divertito,poi con la scusa di prendere un dvd dentro un cassetto in fondo al mobile,mi abbasso mettendo in mostra il mio bel lato b. prendo un film porno e lo mostro al Cubano…..Ti va’ di vederci questo?
Lui sorride,ma accetta di vedere il porno,anche se dopo 10 minuti di scene,mi chiede di andare in bagno.
Mentre lui e’ in bagno io continuo a vedere il film,poi visto che dopo 10 minuti non torna,decidi di andare a vedere,apro la porta del bagno e lo trovo nudo davanti allo specchio con il cazzo in mano,e che cazzone…..un bel cannolo nero di almeno 24 cm.
Mi avvicino e lo tocco,lui mi prende la testa e la porta verso il suo cazzo duro,succhia troia….mi chiede senza rispetto e senza ritegno,mentre lo succhio lui gode e continua a dirmi cose sconce,tipo sei una grande troia,sei una pompinara ecc ecc,cose che continuavano a eccitarmi ancora di piu….
Adesso il cubano vuole scoparmi il culo,mi fa’ accomodare sul tavolo di cucina,e prende le mie gambe per appoggiarle sulle spalle robuste,mi bagna il buco con della saliva,appoggia la sua grande cappella sul mio buchetto,e la sento entrare piano piano,fino a farlo entrare tutto,cominciando una lunga scopata,venne piu’ volte e senza problemi continuava a sbattermi sul tavolo,senza stancarsi e senza problemi…….
Il mio povero culo cominciava a stancarsi,e soffrire i duri colpi del cazzo Cubano,e dopo una bella bevuta di sborra calda,ci fermammo per riposarci,ma il Cubano gia’ mi a detto che vuol rivedermi!

Adesso il Cuban

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: