Sorpresa inaspettata




Scritto da Chiara P.,
il 2015-05-30,
genere etero

Era una tiepida giornata di fine maggio, il caldo afoso non era ancora arrivato, io mi trovavo sdraiata tranquillamente sul letto, annoiata e indecisa su cosa fare.
Ero in casa da sola, mia mamma era uscita e sapevo che non sarebbe tornata prima di sera, avevo chiesto al mio ragazzo di tenermi compagnia finché non sarebbe tornata, ma purtroppo era impegnato e non poteva passare, allora mi misi comoda indossando solo una maglia larga e delle mutandine, iniziai ad appisolarmi.
Stavo già per calarmi nel sonno, quando senti la porta di casa aprirsi, sobbalzai. Era Marco, mi aveva fatto una sorpresa.
Si sedette vicino a me e mi diede un lungo bacio, pieno di trasporto, allora gli chiesi per educazione, se voleva vedere un film o mangiare qualcosa, rispose che era molto affamato, ma non di cibo. Questa sua affermazione mi svegliò completamente, già lo desideravo. Iniziammo a baciarci, mi spostò il leggero lenzuolo che avevo su e mi tolse la maglia larga, mettendosi di fianco a me. Sentivo le sue mani ovunque, mi toccava i seni con violenza e desiderio, per poi passare ai fianchi, all’interno cosca e avvicinandosi piano piano al mio sesso già bagnatissimo, mi tolse le mutandine e mentre mi massaggiava il clitoride con un dito, mi infilò l’altro dentro con delicatezza, facendomi mugugnare. Nel frattempo mi baciava il seno e mi leccava i capezzoli, che diventavano sempre più duri, giocando con i piercing che avevo sui capezzoli e stuzzicandomi ancora di più.
Non resistevo più dalla smania di essere posseduta da lui, eravamo entrambi molto affamati.
Iniziò a scendere con i baci, facendosi strada sul mio ventre, passando sul pube e arrivando al punto che sapevo mi avrebbe fatto impazzire.
Iniziò a leccarmi il clitoride mentre muoveva forte il dito, io non facevo che ansimare dal piacere, sembrava un gatto che leccava la ciotola del latte, come se non gli bastasse mai. I suoi movimenti prima leggeri, si fecero sempre più forti, più passionali. Sapevo che di lì a poco sarei venuta, mi muovevo piena di spasmi allora venni tra le urla, estasiata, un piacere incontrollabile. Mi ci volle un po’ per riprendermi da quel fantastico orgasmo, ma ero già pronta a dare il piacere che avevo ricevuto. Prendendo l’iniziativa, scesi subito sul suo membro leccandoglielo per tutta la lunghezza e baciandolo, lo misi in bocca e facendo pressione nei punti giusti mentre lo stringevo in mano, prima che venisse mi fermai e con velocità mi misi sopra di lui muovendomi con forza, non volevo finisse più. Per far durare di più il rapporto, mi spostai, mettendomi a pecorina e mostrando il culo teso e la mia piccola, aspettando mi penetrasse, senza troppe cerimonie me lo mise dentro con violenza, con foga, i movimenti si facevano sempre più decisi e forti, mi voleva far sua. Sentivo che avrebbe potuto spezzarmi in due e venne, facendo quei suoi versi che amo da impazzire e mi facevano sempre sentire lusingata, mi faceva impazzire pensare di essere fonte di così tanto piacere per lui. Traevo il mio piacere dal suo. Una reazione a catena che non riuscivo e non volevo spezzare.
Entrambi esausti alla fine ci sdraiammo uno davanti all’altro e con voce affannata mi disse “devo farti più spesso questo genere di sorprese”.

Questo racconto di Chiara P.
è stato letto

2
6
1

volte

Questo racconto è stato letto 386 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: