Soggiogato by bsxamante [Vietato ai minori]




Soggiogato di bsxamante New!

Note:

ce ne saranno tanti altri, basati su fatti/esperienze vissute, o che trarranno spunto da esse. Spero che la narrazione piaccia, a voi i commenti!

Mi chiamo Alessio, sono uno studente universitario di 25 anni e quella che sto per raccontarvi è una storia realmente accaduta; o meglio, una parte di essa non è frutto della mia fantasia…
Studio architettura come fuori sede da ben 5anni; sin dai primi anni di università sono sempre stato innamorato di una mia compagna di corso, Samantha, e anche se adesso sono fidanzato con la donna che amo, Lei continua a prender parte nei miei sogni più profondi. Ve la descrivo: alta all’incirca 1,70, capelli lunghi portati fino alla vita, lisci e ramati, occhi verdi brillanti e molto espressivi, naso schiacciato leggermente all’in su, sopracciglia sempre curate, labbra sottili, sinuose, morbide e sensuali, viso leggermente affusolato e carnagione tendenzialmente scura; fisico tutto sommato nella norma, spalle strette un bel fondoschiena, una bella 3coppa c di reggiseno. Ma il suo pezzo forte, oltre al viso deciso e aggraziato, sono le gambe: lunghe, snelle, toniche ma al tempo stesso seducenti, con dei piedini meravigliosi; numero di scarpa 41, arcuati con pianta larga ma ristretta nella zona del tallone, dita affusolate e sottili, perennemente col suo smalto rosso e, quando è possibile, con indosso un bel paio di tacchi. Per me di conseguenza, feticista e amante di tutto ciò che riguarda il piedino femminile, risulta essere una Dea! …..e di li a poco lo sarebbe stata. Ma andiamo con ordine.
Mi sono subito reso conto di provare un’attrazione folle per questa persona, solo che purtroppo da un lato non le sono mai piaciuto, dall’altro diceva di essere la mia migliore amica; capite bene che non avevo speranze. Perché non me ne sono andato? Perché non ho mai permesso che si allontanasse? Semplice, il mio lato sottomesso e ubbidiente ormai aveva preso il sopravvento: mi piaceva sapere di esser trattato male da Lei, ne ero consapevole, sapevo che ogni volta che mi chiamava per un caffè, per venire a guardare un film da me o per uscire c’era un motivo di fondo, un doppio fine…e diciamo che la cosa mi stava bene: avevo accettato il mio essere inferiore. Traevo più piacere dallo stare con Lei ad assecondare tutti i suoi capricci che non a darmi da fare per conoscere qualche altra donna. C’è chi nasce alto, chi basso, chi nasce moro e chi invece nasce biondo; chi nasce forte, sicuro e “Dominante”, chi invece come me non è altro che un sottomesso: ecco, io sono un sottomesso. Anche perché spesso avevo l’occasione di intravederle i piedini quando era distesa sul divano, o di sbirciare mentre si cambiava in camera mia, e una volta solo trovavo sempre la maniera per ricordare quanto accaduto…il che non era affatto male! Anzi, è proprio in una di queste occasioni che Lei scoprì ciò che desideravo scoprisse da tempo: il mio amore per i suoi piedini e per il suo corpo.
Era venuta a casa mia in una calda sera di luglio; non uscimmo per via del caldo, decisamente troppo umido, e per via dell’esame che di li a pochi giorni avremmo sostenuto. Cenammo insieme con una pizza e un paio di birre, scambiammo 2chiacchiere su delle ultime cose da ripetere e successivamente ci mettemmo a studiare: io seduto alla scrivania, Lei sul mio letto. Non feci in tempo a finire il paragrafo, subito mi girai perpendicolarmente rispetto a come ero seduto e…..la vidi: un angelo, un diavolo, una creatura eterna e perfetta, il mio sogno proibito era li, distesa supina sul mio letto a leggere qualcosa su di un quaderno, mentre esibiva le sue morbide, sinuose e vellutate piante. Evidentemente si accorse subito della mia attrazione, innanzitutto perché (senza volerlo) stavo sbavando a bocca aperta, e poi ero visibilmente scosso e in erezione completa; so che alcuni di voi staranno pensando “che schifo”, ma è la verità: è cosi che ci si sente al cospetto di una Dea del calibro di Samantha. “Tutto ok Alè?? Qualcosa non va??” – mi apostrofò . “Eh? Si ehm che c’è??” risposi io, ma troppo tardi; mi resi conto di essere in uno stato pietoso, e di poter mascherare ben poco ormai. Tutt’al più cercai una scusa, per poter tornare allo studio e sperare che Lei non si fosse accorta del mio interesse (che idiota!). Dopo qualche minuto di silenzio tornò di nuovo a parlare; chiuse il libro, accavallò le gambe e disse “Che rottura di palle, questa volta non lo passerò mai!” –silenzio – “Mi fai un massaggio ai piedi?” disse con occhi languidi e dolci. Mi si gelò il sangue nelle vene. “Che cazzo dici Samà?!” – si esatto, come un idiota che non sono altro feci anche resistenza! – “Ahhahahah ma tu stai fuori!” – “Dai Alè mi rilassano i massaggi ai piedi, ne avrei proprio bisogno!”. Esitai qualche secondo, ma alla fine titubante mi decisi ad alzarmi e ad andare sul letto insieme a Lei. Cosa cazzo mi prendeva?! Era una vita che sognavo quei piedi, e una volta avuta l’opportunità facevo il coglione?! Mi merito di essere uno sfigato, sottomesso e solo – pensai. Era vero. Comunque, con (finta)riluttanza le presi la caviglia sollevata in aria; non ci potevo credere, finalmente potevo toccarli, sentirne il profumo, avvertirne la consistenza. Il tempo si fermò di colpo: niente più esisteva, ne l’esame imminente, ne la mia vita, ne quella stanza e neanche tutti gli altri problemi; c’eravamo solo io, lei e il suo corpo fra le mani. “Alè??” fui destato da quella mistica contemplazione “Eh si Samà…” feci io, mentre cominciavo a massaggiarli muovendo le mani in maniera forse troppo veloce e irruenta. “Sicuro tu non stia male?? Comunque Alè, per l’amor di dio, fai con calma con quelle mani! Ci credo che non hai una ragazza, sembri uno zappatore!!” – “Scusami, è che sto nervoso…sai, l’esame e tutto. E poi scusami tanto se non ho mai fatto un massaggio ai piedi di una donna!” – “Ah quindi mi stai dicendo che preferisci farli ai maschietti?” – disse con un sorriso malizioso. “Che cazzo dici oh?? Non ti permettere a sfottere che ti picchio eh!” dissi io, idiota che non ero altro. Fu un attimo: vidi il piede che non avevo fra le mani tendersi, arcuarsi e sollevarsi, prima piano, poi di scatto, facendo forza sull’altra caviglia stretta fra le mie mani “Cosa fai tu?” disse Lei con calma, ridacchiando, mentre mi schiaffeggiava col dorso del suo piede; anzi, dopo avermi preso per ben 2volte riposizionò il suo piede al di sotto del mio mento, come se lo stesse sorreggendo; lo muoveva lentamente in alto e in basso mentre parlava: scoprimmo entrambi che ero disposto ad assecondare i suoi movimenti. Non dissi nulla, da un lato non volevo interrompere il sogno, dall’altro non avevo realizzato cosa mi stesse accadendo; ma ci pensò Lei a colmare il silenzio con le sue parole. “Ora che ti sei moderato potremo parlare.. Da quanto sei feticista Alè?” – “Io?? Feticista?? Ma che cazz..” SBAAM!!! Questa volta lo schiaffo col dorso del piede si fece sentire: ne avvertii il rumore, e avvertii uno strano sapore metallico in bocca. “Modera il linguaggio..” – disse col suo sorrisetto, sorriso che in quel momento stavo cominciando a odiare – “Scusa. Dicevo, non sono un feticista, ti stai sbaglaindo”.
Ora, vi starete chiedendo tutti perché non mi sia tolto da quella posizione, perché non fare qualcosa e allontanarmi; non potevo. Tutto nella mia mente diceva “NON FARLO, DEVI RIMANERE LI”.
“Non sei un feticista e sbavi suoi piedi di tutte?? E soprattutto non reagisci alle mie provocazioni?!” – “Non sbavo sui piedi di tutte!” – cercai di dire, forse pensando di riacquisire un minimo di dignità.. – “Ah quindi sbavi solo sui miei piedini?? Stai dicendo questo??”.
Cedetti. Non capivo cosa stesse succedendo, sapevo solo di provare un piacere perverso misto al dolore e alla paura per l’umiliazione “Ti prego.. Che cosa ci sta succedendo? Torniamo a studiare come prima…” dissi, con una lacrima che mi rigava il viso e la bava che colava sulle dita dei suoi piedini; continuava a sorreggermi il viso e vi dirò, non era poi così male quella posizione… mi accorsi solo allora di essere in erezione; certo, avrei dovuto accorgermene molto prima, ma come vi ho detto, è come se tutto fosse passato in secondo piano, dall’ambiente circostante al mio corpo del quale, ormai, non avevo più controllo.
“oh tesoro mio, ti assicuro che niente e nessuno tornerà più come prima. Adesso dimmi, e non provare a mentirmi perchè odio le bugie: da quanto sei feticista? E nel dirlo, cortesemente, mostra l’educazione e il rispetto che non hai mostrato prima…”. ”Non lo sono!! Non sono uno di quei pervertiti che sbavano a terra a pregare le loro donne, persone che implorano le loro Dee per farsi torturare..” – in quell’istante mi fermai. Mentre affermavo tutto questo, mi resi conto io stesso di non crederci davvero: avevo gli occhi lucidi e la bocca semichiusa, la bava ormai si era spinta a ricoprire gran parte del suo piede, con qualche goccia che colava da li alle mie cosce; la schiena era piegata e cominciava a far male, le gambe tremavano e le ginocchia dolenti per la posizione contorta. Eppure, il cazzo nei pantaloni non accennava ad abbassarsi; faceva male e premeva, graffiava e opponeva resistenza, tuttavia sembrava essere richiamato da Lei, dal suo corpo, dalle sue labbra, dai sui occhi ipnotici! Capivo di non avere più il controllo sul mio corpo ma anzi, il controllo era passato a Lei. Lo avevo capito sin dall’inizio che si trattava di un essere superiore; lo stavo capendo in quel momento, e di certo lo avrei capito decisamente meglio in seguito…
Di nuovo, come prima, accadde tutto in un attimo…un dolce, interminabile attimo. Fu Lei a prendere l’iniziativa: questa volta non fu il dorso del piede a colpirmi di striscio, ma la pianta, e sul muso, non sulla guancia; mi colpì una volta, producendo uno schiocco secco e deciso, e senza nemmeno avere il tempo di ragionare me lo avvicinò velocemente in bocca, ficcandomelo in profondità fino a quasi soffocarmi. Non riuscivo a crederci: stava succedendo davvero, proprio a me, proprio in quel momento. Avevo desirato per anni un trattamento del genere, e finalmente lo ebbi.
E’ difficile spiegare da quale fonte provenga il piacere in quei momenti: la verità è che esso proviene da più stimoli. Il piacere che proviene dal contatto con le sue piante, morbide lisce e profumate, il piacere proveniente dallo strusciare della cappella contro la stoffa (ormai doveva essere diventata violacea e pulsante per tutto l’accaduto), il piacere di ammirare finalmente da vicino il suo corpo. Ma più di tutti, la maggior fonte di godimento in quell’istante risultava essere il piacere intrinseco di assecondare i suoi desideri : finalmente, per la prima volta in vita mia avevo smesso di pensare e avevo abbandonato il controllo sul mio corpo: l’avevo consegnato a Lei, l’essere superiore che di li a breve avrei cominciato a chiamare “Padrona”.
E infatti, dopo interminabili minuti di piacere, definì ciò che sarebbe stato il mio futuro con Lei. “Oh si caro mio, sei esattamente come quei pervertiti la. Ma non aver paura, la tua fortuna è stata trovare me” disse Lei, forse volendomi dare un’ultima opportunità per ammettere e accettare la mia condizione. Possibilità che fallii. Infatti, come uno schifoso, inutile verme non dissi nulla (anche perché non avrei potuto dire una parola col suo piedino in bocca) e mi limitai a fare un cenno di no con la testa. Fu li che la Padrona prese il sopravvento, diventando definitivamente Dea Samantha: fece scivolare in basso il piede che fino ad allora era rimasto stretto nella mia mano, dandogli sempre maggiore forza nella caduta, finchè non incontrò la punta del mio cazzo col suo tallone. L’impatto fu doloroso, non lo nego, ma avvertii uno strano senso di piacere sapendo che quel dolore era stato provocato proprio da Lei. Purtroppo però non ero ancora pronto per concretizzare quel piacere, e il risultato fu soltanto uno: cominciai a piangere, diventando violaceo in volto, singhiozzante, con il suo piede ficcato in bocca, stringendo con i denti la sua pelle e avvertendo le sue unghia smaltate premere e graffiare leggermente il palato superiore. In quel momento Lei scoppio a ridere, ma non cessò di puntellare il mio cazzo col suo piede. “Ahahaha ma guarda che spettacolo che sei: continui a negare di essere un verme ma il risultato è che stai piangendo qui, davanti a me, con il tuo cazzetto in tiro mentre ti prendo a calci e hai il mio piede ficcato in gola! Adesso dimmi tesoro, sei o no uno di quei pervertiti di cui parli?” – e mentre diceva questo il piede (che fino a un attimo prima aveva torturato il mio cazzo) smise di recarmi dolore; lo sentì adagiarsi sull’asta, finendo poi col muoversi lentamente e meravigliosamente lungo tutta la sua lunghezza. Avvertì le sue dita sottili premere dolcemente sulla cappella, in maniera alternata, decisa, sicura, come se non fosse la prima volta che quelle nobili estremità toccavano un cazzo. “Adesso smetti di piangere e rispondi” – disse, e per tutta risposta accennai a un lieve “si” con il capo, costantemente ancorato al suo piede – “Braaaavoo il mio tesoro e dimmi, ho fatto bene a prenderti a calci un minuto fa?? Hai compreso ciò che volevo insegnarti??” – non sapevo bene cosa rispondere, ma per nessuna ragione al mondo volevo che smettesse di massaggiarmi; optai perciò per un altro si. “Tu vuoi esser preso a calci dunque?” – questa volta un no, seguito tuttavia da una violenta tallonata; dalla mia bocca uscì un gemito, non riuscii a capire però se di piacere o di dolore – “TU-VUOI-ESSERE-PRESO-A-CALCI-DA-ME ???” – scandì Lei a voce alta. Istintivamente, alla domanda risposi stranamente di si. “Bravo il coglione! Ahahahahaahaha” fece, sferrandomi un’altra tallonata. Questa terza volta seppi distinguere il sottile piacere provato, abbandonando totalmente sensazioni di dolore appartenute forse ad un’epoca passata. Concretizzai l’idea del piacere provato al cospetto di una Dea: non esiste cioè “piacere” o “dolore”, esistono solo “sensazioni di piacere” donatemi dalle attenzioni della Padrona, e “sentimenti spiacevoli” avvertiti in sua assenza.
In altre parole, come avrete capito, ero sul punto di venire con quell’ultimo contatto. Le lacrime si asciugarono, il respiro si fece sempre più affannoso e pesante, gli occhi chiusi mentre tremavo come una foglia. Istintivamente mi attaccai al piede che avevo in bocca con maggior forza e comincia a succhiare e leccare, per quanto mi era consentito, per cercare di carpirne ogni minuscolo particolare. Avvertii la larga, vellutata pianta, la sinuosità della struttura, il confine con le lunghe dita sottili. Ovviamente Lei aveva il totale controllo della situazione, e si accorse di ciò che stava accadendo: rise, rise di gusto e cominciò a puntellarmi (di nuovo) il cazzo col tallone. Ormai ero suo, una sua proprietà, un giocattolo, poteva fare ciò che desiderava col mio corpo; io, dal canto mio, avevo consegnato a Lei ogni mia sensazione e reazione: stavo per venire, volevo farlo, godevo in una maniera assurda in quella perversa scena di Lei, distesa sul mio letto a prendermi a calci con un piede e farsi succhiare l’altro ed io, succube di quella vicenda, soggiogato, umiliato ma….felice.
Non ci volle molto affinchè io potessi esprimere completamente il mio piacere: il respiro si fece sempre più pesante, il cuore era come se scoppiasse dal petto; arcuai la schiena, inclinai il capo lateralmente, ogni singolo fascio muscolare del mio corpo era teso, teso come una corda di violino e fuori dal mio controllo. Serrai la presa attorno al suo piede, emisi un gemito rauco, soffocato, che pian piano si trasformò in urlo, e infine in un sibilo. Vennì copiosamente, schizzai nei boxer il mio seme a fiotti, avvertii il liquido passare attraverso la stoffa e colarmi lungo l’interno della coscia. Dell’istante successivo ricordo con precisione ciò che Lei, o meglio, ciò che Dea Samantha mi disse “No caro mio, non sei per niente come quei pervertiti di cui parlavi. A dire il vero non sei nemmeno più una persona; hai smesso di esserlo nel momento in cui mi hai conosciuto. Dall’istante in cui le nostre vite si sono incrociate, aspettavo il momento in cui ti saresti svelato per ciò che eri, il momento in cui avrei soggiogato la tua mente e il tuo corpo; e quel momento è arrivato. Da adesso in poi, tu, verme, hai smesso di essere una persona”. Quelle furono le ultime parole che ricordo; ricordo di essermi sentito vuoto, stanco, ricordo di aver provato il desiderio di voler assecondare ciò che Lei mi stava dicendo. E infine, ricordo di aver perso definitivamente le forze, e di essere crollato li, nel mio letto.
Mi risvegliai a notte fonda. Di Samantha nessuna traccia, al suo posto un biglietto….ma questa, cari lettori, è un’altra storia.

Questo racconto è stato letto 403 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!