Silvia e io, una delle nostre avventure by dolcecuore [Vietato ai minori]




Vi racconto questa storia, semplicemente perché mi eccita mettervi al corrente di ciò che la mia ragazza ed io, ed eccita sia lei che me pensare che ci siano persone che si masturbano leggendo le nostre esperienze.

Silvia è la mia ragazza da 7 anni, adesso ha 32 anni, ha capelli castano chiaro sopra una faccia da porca come poche, con un naso acuto che per quanto possa essere considerato un difetto, in realtà rende il suo volto ancora più ammiccante; è alta 1, 65 un’abbondante terza di seno, un culo abbastanza formoso, non di quelli eccezionali, ma di quelli tipo chubby che sono davvero golosi, delle cosce e delle gambe ben tornite. La sua pelle è molto chiara, ma si scurisce, tendendo a un rosa-arancio nelle piante dei piedi. Sì, perché ha dei piedi estremamente sexy, ha un 38 con una pianta larga e carnosa, così come le dita, adornate da delle unghie molto lunghe, curate, e rettangolari. I piedi di silvia sembrano fatti apposta per avvolgere il pene, indipendentemente dalle dimensioni di questo, riusciranno a prenderlo e, se lei lo desidera, a farlo venire copiosamente.

Quando l’ho conosciuta, 7 anni fa, non aveva ancora avuto un rapporto sessuale con un uomo, perché è sempre stata una tipa dedita allo studio, alle amicizie, e pareva che non fosse interessata al sesso. Ma non era vergine; infatti, come scoprii la prima volta che andammo a letto, lei era dedita a masturbarsi furiosamente, e da piccola perse la verginità con un ortaggio. Sia davanti, che nel suo ano.

In poco tempo capimmo che entrambi eravamo due porci sfrenati, entrambi desiderosi di condurre l’altro verso i meandri della perversione e dei giochi erotici.

Ieri, siamo andati al mare, quindi ha deciso di indossare solo un micro perizoma per stare in spiaggia, dal quale non solo fuoriuscivano le labbra della sua fica depilatissima, ma il filino che avrebbe dovuto coprirle il didietro in realtà era così minimo da non riuscire a nascondere il suo buchino.
Appena arrivati al mare avevo il cazzo duro. Mentre lei, oltre a mostrarsi senza ritegno, si divertiva a raccontarmi come immaginava i cazzi degli uomini presenti. Eravamo sdraiati l’uno di fianco all’altro, entrambi a pancia all’aria, e mentre mi diceva questo, lei allargava le gambe e ogni tanto mi tastava il pacco con un piede, schiacciandolo anche un po’.

A una certa ora decidiamo di andarci a mangiare un gelato, ci alziamo e prendiamo le nostre cose, pronti a lasciare la spiaggia. Le i si alza e indossa un vestitino, molto aderente e succinto. Io adoro quel vestito, perché a seconda dei movimenti del suo corpo, spesso permette che una tetta si scopra del tutto, facendo strabuzzare gli occhi a chi si trova nei paraggi. Una volta indossato, si è persino tolta il costumino, rimanendo con la fica all’aria sotto al vestito e pronta così ad andare in paese a mangiare un gelato.
Per raggiungere il paese dalla spiaggia, è necessario attraversare una pineta, abbastanza riparata, superata quella, già ci sono le prime gelaterie, dove spesso si ritrovano i ragazzi.
La pineta per me rappresentava la tanto agognata meta, perché dopo una giornata a vedere Silvia nuda, esposta agli sguardi altrui, con le sue costanti battutine di come si sarebbe fatta sbattere dal cazzo più grande in spiaggia, speravo che, una volta all’ombra dei pini, in un anfratto più nascosto, si sarebbe sollevata il vestitino e fatta sbattere.
E in effetti così è stato, appena dentro, ci siamo scostati dalla strada battuta, ci siamo infrattati, le ho scoperto le tette e costretta ad abbassarsi per farmi un pompino. Lei era a pecora, col culo e la fica scoperti, i piedi rialzati nelle ciabattine, con in bocca il mio cazzo e la mia mano che la teneva per i capelli, in modo da accelerare o diminuire il ritmo a mio piacimento. Ovviamente lei si stava torturando il clito. Mentre stavamo entrambi godendo, noto un tipo sulla 50 che, con molta probabilità, ci aveva seguito dalla spiaggia, nella speranza di assistere a tutto questo. Lo feci subito notare a SIlvia che voltandosi per guardarlo e notando il cazzo lungo e duro e molto più grosso del mio, come fece notare, di quel signore che si stava segando, si eccitò ulteriormente e oltre a aumentare la velocità del ditalino che si stava facendo, si inserì anche un dito nel culo, mostrandosi davvero troia agli occhi dell’estraneo.

Chiedemmo al tipo di avvicinarsi, Silvia si distese sulla schiena, con le gambe spalancate, ma non voleva farsi penetrare da uno sconosciuto, temendo chissà quali virus, e di condom non ne avevamo, quindi si limitò a fargli una sega mentre lui la sditalinava. Quando il signore non ce la fece più, le sborrò sulle tette, e io che avevo smesso di toccarmi per non venire subito, a causa di una scena tanto assurda, mi misi sopra silvia e iniziai a chiavarla e a spalmarle lo sperma del tipo sul seno. Mentre facevo l’amore con la mia Silvia, sporca dello sperma di un altro, il signore ormai spompato, iniziò a darmi dei piccoli schiaffi sul culo, Silvia, sentendolo, gli chiese di mettermi un dito nell’ano, cosa che a me piaceva moltissimo e mi fece venire all’istante nella fica della mia maiala.
Ovviamente, lo sconosciuto ci ringraziò per lo spettacolo e Silvia si tirò su il vestitino, ricoprendo le tette, ma senza pulirsi dello sperma, che ormai aveva creato una macchia molto estesa sull’abito proprio all’altezza del seno.
Senza rimettersi il perizoma, andammo a mangiare un gelato. Comprato il gelato, e messi a sedere a un tavolo lei avvicinò una seconda sedia, in modo da poterci stendere un piede. Io ero seduto davanti a lei, e potevo vedere lo spettacolo: il vestito sporco di seme, lei seduta a gambe larga, senza mutandine, con lo sperma che le fuoriusciva dalla figa e le colava sulla sedia, rigandole l’ano. Però non ero l’unico spettatore, perché alle mie spalle c’era un ragazzo e, appena arrivato in macchina, rimase paralizzato innanzi a quella scena. Silvia si alzò e andò a chiedergli se si sarebbe masturbato guardandola, lui rossissimo in viso, rispose di sì senza battere ciglio e in un attimo ci ritrovammo nell’anfratto di prima, con Silvia in ginocchio che segava il ragazzo e io mi dedicavo alla mia passione: leccarle le piante dei piedi. Il ragazzo venne così tanto e con un getto così impetuoso, che, oltre a riempire la faccia di SIlvia e le sue labbra, un grosso schizzo oltrepassò le spalle di lei e si andò a depositare su un suo piedino; non mi lasciai sfuggire l’occasione di leccarlo, e una volta pulito, le incremai di nuovo i piedi, per poi leccarli e ripulirli anche dal mio sperma. Quella fu la prima volta che Silvia ed io assaggiamo lo sperma di un altro uomo.

Questo racconto è stato letto 240 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: