Sborra a go-go




Stavo percorrendo il corridoio d’accesso alla mia stanza nel lussuoso hotel newyorkese. Una bellissima creatura stava cercando di usare il suo badge, pareva senza successo. Naturalmente mi fermai per aiutarla.
Basta sfilarla.
Lei mi fissò senza parlare e mi sfiorò le labbra con un bacio esitante che mi incitò all’affondo, poi, scostandomi un attimo.
Vuoi entrare?
Non parlai neanche io, entrai, lei chiuse la porta e io tornai all’assalto. Le lingue si avvinghiarono e le mani fecero il resto. I suoi seni sbocciarono e gli abiti cominciarono a cadere.
Sono un trans, ti va bene lostesso?
Era troppo tardi per qualsiasi cosa che non fosse lasciar urlare i nostri corpi. Scesi sul suo cazzo e per risposta affondai naso bocca e lingua sul suo pube ancora velato dagli slip e caldo di una pulsione feroce.
Fu lei ad estrarselo e a schiaffeggiarmi con furia quasi, prima di infilarmelo in bocca. Lo leccai con la stessa foga di come avrei leccato una fica procace. Lo avvolsi di saliva e lasciai che lei cominciasse a spingermelo in gola.
Sei bravo, sei dolce e ho voglia di te!
Ero incredibilmente felice, ma inquieto, volevo assaggiare tutto, non solo il suo pene, la mia lingua aveva già il suo sapore, ma volevo anche i testicoli, succhiarli, assaggiare il solco anale, leccare tutto intorno, natiche, solco anale, buchetto, superare e affondare oltre lo sfintere nel suo culo profumato di aromi ed afrori sublimi.
Divorare ed essere divorato, non avevo in mente null’altro, avrei accettato e desiderato ogni cosa: entrare in lei e lasciare che lei entrasse in me. Avevamo entrarmi sperma da offrire ed in cui dilagare
Vieni andiamo a letto!

Tornai a leccarle il buco meraviglioso e poi a possederlo, tutto insalivato e fresco, ma dentro era una calda caverna accogliente in cui annidarsi, strusciarsi, far crescere ed esplodere l’orgasmo.
Adesso godi e torna a leccare!
Bevvi la mia sborra avidamente mentre lei, rovesciata, comincià a tormentare il mio boco, prima con la saliva, la lingua e dita che lo fecero cantare di desiderio…desiderio di essere a sua volta penetrato, deflorato.
Quando il suo cazzo mi possedette, urlai, squarciato da un piacere atroce. Lei mi possedette a pecora, poi supino, poi di fianco, lentamente come a voler far durare il coito in eterno.
Urlai anche quando lo estrasse e mi afferrò il cazzo con la stessa mano con cui teneva il suo e mi venne sulla cappella, continuando poi a segarsi e segarmi.
Mi sembrò che il suo sperma caldo mi entrasse sotto la pelle e nell’uretere direttamente,
Venni di colpo anche io ed un fiume di sperma mi colò addosso.
Ero sfatto da un’estasi acuta, da una sensazione di uso prepotente di un sesso che non poteva smettere di ejaculare anche quando giacqui esusto sul suo corpo, con il ventre quasi incollato al suo dallo sperma.
E poi ancora con la lingua ed il viso tutto a strofinarmi su quello e impapparmi di sperma e la sua lingua a fare altrettanto.
Il tempo scorreva impalpabile nel reciproco turbinio de desideri, alla fine lei disse:
Vieni, andiamo in bagno, ho voglia di pisciarti addosso, di pisciarti tutto…
La seguii docilmente, ero il territorio che lei voleva marcare ed ero felice di esserlo.
Guardare per credere…siate i miei guardoni…per una notte.

Questo racconto è stato letto 421 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: