Sara, bellissima Sara – III parte




Tre anni sembravano non essere mai esistiti: sentivo ancora come fosse stato ieri i sussullti di Sara, appena 18enne, tra le mie braccia, mentre godeva del mio abbraccio, mentre le sue dita le davano il piacere tanto atteso.

Da quel momento Sara, la mia bellissima e acerba nipote, fu per me la persona più amata. Una persona da proteggere da tutto, per la quale avrei fatto qualsiasi cosa.

E come promesso quel giorno eccomi qui, tre anni dopo, ad attenderla nella stazioncina di Formia di ritorno da Roma.Qui a Formia siamo lontani sia da Roma che da casa nostra.

Sento dall’altoparlante che l’arrivo del treno è imminente.

Un brivido mi prende.

L’albergo è a pochi minuti di auto, un alberghetto senza pretese ma lindo ed accogliente. Nulla di lussuoso come avrei voluto in un primo momento.

– Zio, io non voglio perdere tempo a guardare panorami o a mangiare per ore.

Mi aveva detto per telefono qualche giorno prima.

Ed eccolo. Il trenino arriva e io mi trattengo dal correre come un adolescente per guardare tutti i finestrini alla ricerca del suo volto.

Peccato che non fumo, sennò ne avrei consumato un pacchetto.

Eccola che scende. Mi cerca un po’ con lo sguardo tra le poche assonnate persone e mi vede. Si incammina verso di me con gli occhi fissi nei miei e le labbra socchiuse. Ha solo una pochette e indossa un maglioncino ed un paio di jeans, ma io la vedo già nuda.

E’ arrivata a me e mi abbraccia.

Mi abbraccia come se dovessimo fare l’amore li davanti a tutti. Sento i suoi seni, il suo ventre, le sue cosce contro di me.

– Zio, zio… per un attimo ho avuto paura che non fossi venuto.

– Ma cosa dici? Sono giorni che non penso ad altro!

Poi cambiando discorso:

– Hai fame? vuoi fare colazione?

– Si, però mangio in macchina… ho fretta!

E mi perdo nei suoi occhi supplicanti.

Un cornetto ed un succo di frutta. Presi! Saliamo in macchina e mentre mangia e sorseggia il succo non mi stacca gli occhi di dosso. Io devo sceglierre se guardare lei o la strada, per cui ignoro completamente la srada, che per fortuna a quell’ora è sgombra.

Dieci minuti e imbocco il vialetto del nostro covo.

Alla reception prendo la chiave e salgo, le formalità le avevo sbrigate prima.Secondo piano.

Sara mi prende per mano e si dirige alle scale, ignorando l’ascensore. Avverto che non sta più in se dal desiderio.

salendo mi passa il braccio dietro la schiena, con la mano dentro la mia camicia inizia a carezzarmi e a stringerre la mia pelle tra le dita.

Apro la porta e mi scosto per farla entrare. Seguo, annusando con voluttà, il profumo dei suoi capelli.

La porta è chiusa dietro di noi.

– Ho bisogno di una doccia, zio. Un attimo solo.

Si spoglia davanti a me.

No! Si spoglia PER me. Tira su il maglioncino e giurerei che ha continuato a fissarmi anche attraverso il tessuto. Mi manca il fiato: i due seni puntano dritti verso di me i piccoli capezzoli rosa. Continua a guardarmi mentre tira giù i jeans e i minuscoli slip. E la peluria bionda mi blocca il cuore per un paio di battiti.

La sua voce intensa, ancora:

– E tu? Non hai bisogno di una doccia?

Non mi da il tempo di far nulla: un passo e comincia a tirarmi via la camicia. I capezzoli sfiorano di tanto in tanto il mio torace e io li sento come fossero di fuoco. Si abbassa e mi slaccia la cintura, senza mai levare gli occhi dai miei. Io sono totalmente alla sua mercè. Potrebbe farmi a pezzi: io non emetterrei nemmeno un lamento.

I jeans sono via e solo quando tira giù gli slip, liberandolo, il suo sguardo abbandona i miei occhi per fissarlo.

Lo guarda per qualche secondo e poi lo stringe nella mano.

– Ti ricordi zio?Io avevo paura che tu ti arrabbiassi con me, che dicessi tutto a mamma e papà, e invece fosti dolcissimo. Mi sentivo protetta dal tuo abbraccio, e le tue carezze, mentre mi masturbavo, mi fecero provare un piacere telmente forte che non ho più provato nulla del genere.

Non riuscii a dir nulla.

Mi inginocchiai anch’io e, come tre anni prima, le cinsi le spalle con un braccio, mentre con l’altra mano le carezzavo il viso e i seni. E per qualche minuto il tempo sembrò non essere mai passato.

Dio, quanto mi era mancato quel volto in preda al piacere. Sara aveva cominciato a masturbarsi piano, e insieme masturbava me, mentre io respiravo ancora una volta i suoi capelli, il profumo della sua pelle. Avrei voluto baciarla, leccarla tutta. Ma se Sara voleva così, così sarebbe stato!

Cominciai a sentire i suoi spasimi e vidi che la sua mano ora si muoveva più velocemente, mentre aveva smesso il meraviglioso movimento della mano sul mio pene. Lo stringeva solo forte, per un attimo credetti me lo avrebbe strappato. Sentivo anzi un po male, ma non mi sarei mosso di un millimetro.

E venne ancora tra le mie braccia, venne col mio nome sulle labbra, venne quasi tremando, col volto poggiato forte sul mio petto.

Finì e cominciò a baciarmi il petto. Scendeva pian piano più giù e quando gli fu vicino, il gesto di aprire la bocca e accoglierlo fu del tutto naturale.

Al sentore del calore della sua bocca mi inarcai d’improvviso e istantaneamente il mio pene si irrigidì ancora di più. Lei lo sentì e cominciò a girare con la lingua sulla punta, fermandosi spesso sul frenulo. Ero suo. Ero totalmente, irrimediabilmente suo. Piano mi sdraiai in terra senza che lei smettesse. Le carezzavo la nuca, e mi annusavo spesso le mani per sentire il profumo dei suoi capelli. Avrei voluto spingerle il capo per farlo entrare più in profondità. L’avrei fatto con qualsiasi altra donna. Ma non era una qualsiasi donna. Era Sara. Ed io ero al mondo solo per far si che fosse felice.

E incredibilmente sembrò leggermi nella mente: cominciò ad ogni movimento ad accoglierne un po’ in più, fino a che sentii la sua gola sulla mia cappella. Cominciai a mugolare, sentendo anche vicino il momento.

Mi sentii farfugliare:

– Sara… tesoro… tra… un po’ vengo… se non vuoi….

Non avrei voluto venirle nella bocca senza che lei volesse.

Per tutta risposta le mani che fino ad allora avevano carezzato il mio petto, mi afferrarono la carne, artigliandomi con le piccole unghie. Il dolore fu immediatamente piacere.

– Sara… Sara… guardami, piccola… sto per venire, guardami!

Vidi che dietro i capelli aveva alzato lo sguardo, le scostai quella ciocca ribelle e venni nella sua bocca mentre con lo sguardo lei mi diceva:

– Sono qui, sono la tua Sara e sono felice di darti tutto questo piacere. Sono qui io e non devi pensare a nulla se non a godere.

E godetti come mai avevo fatto. Ogni fiotto era una violentissima contrazione, quasi dolorosa. Guardare dentro di lei attraverso i suoi occhi era uno spettacolo che non avrei potuto avere in nessuna altra parte del mondo.

Venni per un tempo che mi parve infinito, e alla fine Sara lo lasciò per farsi strada verso di me.

Si stese sul mio corpo e mi abbracciò senza dire nulla. Ma non ce ne sarebbe stato bisogno: i suoi occhi dentro i miei, dicevano quanto mi amasse. E questo mi bastava. I capelli poifacevano una tenda intorno ai nostri volti, vicinissimi. Non riuscii a trattenermi; mi avvicinai ancora e la baciai: un bacio che sapeva di me, ma che allo stesso tempo aveva il sapore della sua intimità.

Qualche minuto dopo la strinsi anch’io.

-Sara, carissima Sara. Io credevo di essere tra i due quello che godeva di più del piacere dell’altro, ma anche tu… anche tu godi del mio piacere. E’ bellissimo, non lo avrei mai creduto.

– Si zio. a me piace vedere te che godi, piace vedere l’intensità del tuo sguardo e io godo del tuo piacere.

E rimanemmo così per terra, fino a che non decidemmo, ora si, di andarci a fare quella benedetta doccia.

Poi…

…ma questa è un’altra storia.

Questo racconto è stato letto 290 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: