Rossana




Scritto da gerico,
il 2015-07-10,
genere dominazione

E così ci siamo… siamo arrivati al dunque, dopo un mesetto di discussioni
serie e scherzose, di whatsapp lungo tutta la giornata e per gran parte della
serata, di foto decisamente provocanti da te offerte, dopo esserci visti a cena
e aver capito che l’alchimia era reale anche di persona siamo qui.
Rossana l’avevo incontrata in una chat a tema, e m’ero accorto che non era
italiana per il suo modo di scrivere, una parola tira l’altra e nei
giorni successivi si era aperta raccontandomi di se del suo matrimonio fallito,
della figlia che le dava delle gioie incredibili a scuola, del suo lavoro di
responsabile commerciale di una grossa azienda che le succhiava gran parte
della vita, del fatto che era interessata al discorso sottomissione ma che non
sapeva assolutamente se fosse una sottomessa o solo una donna che voleva del
sesso trasgressivo.
È sincera rossana, ai limiti della brutalità e questo mi piace davvero molto,
era quasi inevitabile che si arrivasse a dire vediamoci in faccia, e una volta
successo mi ha detto semplicemente se non provo con te non provo con nessuno,
ma ho paura, e non so se sono in grado, ti chiedo per favore di non arrabbiarti
se non ce la faccio.
Ho riso di cuore a quella battuta, e lei è rimasta interdetta sino a quando le
ho detto ma non scherziamo per favore, se non ce la fai non ce la fai punto e
basta, non è che mi posso arrabbiare perchè non è la tua strada, stai appunto
imboccandola per capire, se capisci che non è per te non ho motivo di
arrabbiarmi.
È domenica mattina, sono a casa da solo mia moglie al solito lavora e uscendo
mi ha detto con un sorriso divertiti, e io penso se ti decidessi a
ricominciare assieme a me mi divertirei molto di più.
Rossana arriva persino in anticipo, la vedo entrare in cucina con un bellissimo
vestito estivo in lino e uno scialle in pizzo (siamo a settembre)sulle spalle ,
indossa delle scarpe estive con una suola in sughero molto alta e calze color
carne si intravede il reggicalze sotto il vestito, sono certo che mi ha obbedito
e che non indossa altro sotto, ma da subito le dico alza il vestito voglio
vederti.
Col suo accento dell’est europa mi dice si Padrone e alza prontamente il
vestito sino a sotto il mento allargando contemporanemente le gambe come le è
stato ordinato di fare sempre in mia presenza, vedo una bella donna di 42 anni,
tonica e abbronzata, il segno del due pezzi risalta sul colorito scuro della
pelle ancora di più per via della totale assenza di peli pubici, il suo seno
generoso ma non ecccessivo è sodo e fermo, sicuramente la palestra ha fatto del
bene, la vedo tesa ed è normale che sia così, è non solo la sua prima volta, ma
anche la volta che le fugherà i suoi dubbi in un senso o nell’altro.
Bene toglilo del tutto, prontamente esegue e si rimette di fronte a me, le
accarezzo il pube e la sento fremere, per un breve istante toglie lo sguardo ma
subito lo riporta nel mio, le sorrido e dico non sei obbligata lo sai, puoi
fermare tutto in qualsiasi momento e hai la mia parola che mi fermerò.
Lo so Padrone ma devo andare avanti mi fido di te, ma devo sapere cosa sono.
Adesso sei la mia cagna, girati chinati in avanti e apriti bene le natiche
resta ferma in quella posizione sino a che non ti ordino diversamente, esegue
con solo un istante di esitazione, le accarezzo con delicatezza l’ano facendola
trasalire, ferma! e’ il perentorio comando che le arriva e subito dopo una
sculacciata a sottolineare col risultato di sentire un piccolo gemito.
Mi alzo e mi sposto in solaio dove ho già preparato polsiere, cavigliere, un
butt plug di medie dimensioni e del gel, prendo il tutto e torno in cucina,
faccio colare del gel sull’ano e sulla punta del plug, quindi con calma inizio
la penetrazione, sto attento non avendola scaldata per niente non voglio far
danni, ma entra senza particolare fatica, e rossana quasi non geme ha solo il
respiro un po affannoso (di certo la posizione non aiuta) si vede che la via è
già aperta e collaudata, meglio così, spingo a fondo per assicurarmi che non
possa uscire facilmente e un gemito piu’ forte le sfugge, e’ riuscita a stare
quasi ferma nonostante la posizione umiliante e la fastidiosa intrusione, la
ricompenso con una carezza sulle grandi labbra, sempre chinata in avanti e con
le mani sulle natiche le fisso polsiere e cavigliere e le dico adesso
raddrizzati, lo fa con un sospiro di ringraziamento, testo ancora una volta la
tenuta del plug strappandole un piccolo gemito e suppongo una smorfia.
Adesso saliamo e ti leghero’ al letto, sì Padrone, la indirizzo verso la scala
che porta al piano superiore e vedere quel bel sedere con al centro la base
del plug che si muove sui gradini è davvero uno spettacolo.
Dopo pochi minuti rossana e’ legata al letto le caviglie praticamente sono a 10
cm dai polsi e entrambi sono legati ai lati della testata del letto,
praticamente le appoggia solo la schiena, il sedere resta sollevato ed è
totalmene aperta, le dico è tutto ok? lei risponde annuendo, rossana essendo la
tua prima volta e non conoscendoti non userò ne frusta ne altri attrezzi,
semplicemente ti metterò due mollette da bucato ai capezzoli e poi usero la
magic wand e un vibratore, la vedo tesissima e le ricordo che puo’ fermarmi in
qualsiasi momento, dice un si strozzato ha paura e si vede, le faccio una
carezza sul viso e le sorrido strizzandole l’occhio, questo la calma
immediatamente, riesce a sorridere e mi dice grazie Padrone.
Dopo 1/2 ora di magic wand in cui rossana ha pianto piu’ volte le scappa un non
ce la faccio! Il tono è inequivocabile e vale 10 safeword, mi fermo all’istante
e senza dire una parola comincio a scioglere i cordini che le bloccano le
caviglie accompagnado le gambe nella discesa, subito dopo i polsi e le dico
girati a pancia in sotto, ubbidisce tra le lacrime, con molta delicatezza le
tolgo il plug e le accarezzo le natiche.
Piange, con la faccia sul cuscino, la lascio fare e mi accendo una sigaretta,
dopo un paio di minuti si gira e sempre piangendo mi dice non ce la faccio, non
ce la faccio, ti ho deluso lo so; le faccio una carezza e mi chino a baciarla
sulle labbra, tranquilla rossana, va tutto bene volevi sapere e adesso sai,
adesso riprenditi un momento poi ti vai a fare una doccia, ti preparo un bel
caffè mentre ti rivesti e se vuoi ti puoi fermare con noi a pranzo, mia moglie
arriverà per la una e mezza hai tutto il tempo di riprenderti e di renderti
presentabile.
Si mette a sedere sul letto e mi abbraccia sempre piangendo, ammetto che
quell’abbraccio mi ha turbato sia per la bellezza della donna che per la
spontaneità con cui e’ stato dato, non parla piange e basta, le accarezzo la
testa e la lascio fare.

Questo racconto di gerico
è stato letto

2

volte

Questo racconto è stato letto 212 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: