Piccoli giochi di coppia




Scritto da DG,
il 2015-07-24,
genere esibizionismo

Spesso, durante il sesso, facevamo un gioco. A turno, raccontavamo una storia eccitante immaginandola e magari scoprendo un desiderio di lussuria che nella realtà non avremmo mai assecondato. Ma presi dall’eccitazione del momento, questo gioco di fantasia, dava piacere ad entrambi, facendoci fuggire per quei brevi istanti dalla monotonia del rapporto.
Durante i nostri giochi, mi ero accorto che nelle nostre rispettive fantasie c’era anche un punto di incontro, per così dire. Avevo capito che a mia moglie, Claudia, piaceva essere guardata e desiderata. Per la verità lo intuivo anche nella vita quotidiana, quando si vestiva per uscire, dove cercava di mettere in mostra, quando le occasioni lo permettevano, il suo lato sexy e provocante, sia attraverso l’abbigliamento, sia con il suo atteggiamento.
La cosa non mi infastidiva, anzi, all’inizio mi piaceva sapere che mia moglie fosse una donna desiderata anche da altri uomini. Mi sentivo fiero di averla per me e quasi come un trofeo di caccia, a volte la esponevo agli sguardi poco discreti di altri uomini. Successivamente la cosa mi diede anche una eccitazione che non pensavo. Dopo le nostre uscite, infatti, ripercorrevo mentalmente quelle situazioni eccitandomi e magari parlandone con lei per vedere il suo effetto e condividerne il piacere.
Bastava una gonna un po’ più corta o magari con uno spacco più profondo, o una scollatura più ampia…la bellezza fisica di Claudia faceva il resto e i risultati non mancavano mai. Dalle occhiate lanciate in maniera più o meno insistente e ripetuto, ai commenti fatti ad altri, che a volte riuscivo a carpire allontanandomi da lei. Non mancava neanche qualche approccio di qualcuno più audace, che non accorgendosi della mia presenza, si faceva avanti…ma tutto in maniera sempre assai contenuto.
Di tutto ciò, come accennato, la nostra vita sessuale ne beneficiava ampiamente. Il ritorno a casa era il momento in cui potevamo fantasticare su quello che sarebbe potuto succedere con le persone incontrate se mia moglie si fosse mostrata accondiscendente ed io assente. Il risultato era una piena eccitazione per entrambi che si sfogava nel sesso.
Fu proprio questo gioco, divenuto una costante del nostro rapporto a spingerci ad un passo successivo. In realtà ero io ad essere più propenso, mentre Claudia sembrava esserlo meno. Probabilmente non perché non lo desiderasse, ma solo perché intimorita dalla possibile evoluzione inaspettata di una tale situazione e dai pregiudizi che ne sarebbero derivati, qualora fossimo stati scoperti da amici o conoscenti.
Cercando di rimuovere quei problemi, proposi a Claudia una breve vacanza, in una città distante circa 3 ore d’auto, da dove abitavamo. Arrivati in albergo, ci preparammo per la cena e incitai Claudia ad farsi particolarmente carina, visto anche che li non ci conosceva nessuno. Lei non si fece pregare, probabilmente avendo intuito la potenzialità di quella vacanza. Così quando scese nella hall dove l’aspettavo, oltre agli sguardi degli altri presenti, anche i miei furono rapiti dalla sua presenza, con un’aggiunta di stupore e soddisfazione: un top nero, che le lasciava scoperta buona parte della schiena, le conteneva appena il prosperoso seno, messo in evidenza anche dalla profonda scollatura. La gonna che indossava non era da meno: grigio perla, scendeva fino a metà coscia e presentava sia sul davanti che sul retro dei generosi spacchi che permettevano di vedere i bordi più scuri delle autoreggenti che indossava di sotto. Ai piedi, un paio di scarpe nere con tacchi vertiginosi, completavano il tutto rendendola più slanciata di quanto non fosse di suo.
Camminando verso di me, attraversò gli sguardi degli altri presenti, che non lesinarono attenzioni e sorrisi…magari anche qualche commento. Io ero entusiasta!!! Lei pur sapendo degli sguardi e delle attenzioni che calamitava, non se ne curava, apparentemente, avvicinandosi a me con un passo sensuale e facendo ondeggiare il sedere più del dovuto.
Salimmo in auto per andare a cena e non appena seduta, potei constatare come la gonna fosse appena bastevole a coprirle le parti intime non appena si sedesse. Anzi, senza nessuna difficoltà, la presenza degli spacchi, permetteva di verificare anche la presenza ed il colore delle mutandine: nere!!! Il mio occhio cadde su quella visione e lei, con un sorriso malizioso, capendo, rispose al mio sguardo dicendomi: un perizoma molto succinto di raso! Il mio entusiasmo rasentava l’estasi e avrei voluto prenderla già li in auto, ma la serata era assai lunga e ci avrebbe potuto portare altre piacevoli sorprese, così decisi di non avere fretta e assaporare tutto.
Anche nel locale, non le furono risparmiati sguardi dagli altri presenti compresi i camerieri, che si affrettarono a servirci. Non appena seduti, vidi che Claudia aveva volutamente lasciato che la gonna le si sollevasse, regalando lo spettacolo delle sue gambe e delle mutandine ai camerieri. Sorridendo mi disse: stasera avremo un bel servizio!! Risi anche io.
I camerieri, giovani, inesperti e anche infoiati, sfruttarono tutte le occasioni per potersi avvicinare e poter godere di quella visione. Non ci volle molto che iniziammo a fantasticare sui commenti che si sarebbero scambiati…ed io rincarando la dose, le dissi che sicuramente si sarebbero sparati anche più di una sega pensando a lei. Lei arrossì, ma capivo come la cosa le piacesse. Sapere di essere oggetto del desiderio di altri uomini, magari anche belli e giovani, era un vezzo a cui mia moglie non riusciva a rinunciare, anche se in modo assai discreto.
Finita la cena, le proposi di andare in un locale di cui avevo sentito parlare. Claudia accettò contenta, capendo che sarebbe stata una ulteriore occasione per poter essere guardata ed apprezzata.
Il locale aveva un’atmosfera molto rilassata, con luci basse e musica che a mala pena permetteva di parlare. Era oltremodo affollato e entrarvi non era stato semplice. Riuscimmo a passare tra le persone che ballavano e bevevano e anche li, capimmo presto che Claudia raccoglieva consensi, nonostante la presenza di diverse ragazze sicuramente più giovani e molto carine.
Bevemmo un paio di drink parlottando appena e guardandoci in giro, poi mi allontanai per andare in bagno. Mi accorsi che nei bagni la promiscuità passava inosservata e addirittura qualcuno si era infilato in bagno per fare sesso. Mi accorsi presto di un tipo che vedevo di spalle appoggiato di fianco al muro, che si muoveva stranamente. Non capii subito, ma poco dopo, avvicinandomi, capii che stava facendosi una sega. La cosa mi stranizzava e decisi di avvicinarmi. Accortosi della mia presenza, il tipo che si menava senza sosta e pudore mi sorrise e con un cenno del capo mi disse a voce bassa: che pezzo di fica è quella li, la chiaverei tutta la notte! Così guardai in direzione del suo cenno e vidi una giovane ragazza con i gomiti appoggiati al lavabo e dietro di lei un uomo corpulento di spalle che la scopava spasmodicamente. Dallo specchio capivo che la nostra presenza non era estranea, ma se l’uomo non se ne curava minimamente, la ragazza si divertiva a guardarci con malizia e provocazione, tra uno spasmo e l’altro. Rimasi qualche secondo attonito, poi mi allontanai perplesso. Quella situazione sembrava proprio una di quelle su cui avevamo fantasticato molte volte con Claudia.
Tornando dove avevo lasciato Claudia, con la testa che fantasticava ancora per la scena vista, notai che lei stava sorseggiando un drink parlando con un giovane. Mi fermai e decisi di osservarla. Anche in quel caso notavo il suo fare da civetta, e come il giovane si prodigasse per essere simpatico. Sicuramente sperava in un dopo discoteca di sesso… chiunque al suo posto avrebbe pensato lo stesso…. Li lasciai parlottare e decisi di ritornare al bagno.
La scena, anche se alle battute finali, era immutata: i due scopavano nella stessa posizione mentre il tizio continuava a segarsi senza sosta… dopo poco il tipo che scopava venne e come se fossero in simbiosi anche il tizio che si masturbava lo seguì, schizzando abbondantemente di sperma il pavimento sudicio.
Non appena terminato il tizio che scopava si ricompose velocemente e uscì, senza rivolgere neanche uno sguardo alla ragazza. Anche lei si ricompose velocemente tirandosi su le mutandine a abbassandosi la mini. Si voltò, ci guardò sorridendo e ci chiese: piaciuto lo spettacolo? Andò via, senza attendere una risposta che in realtà non avrei dato. Il tizio che si era masturbato, la seguì con lo sguardo fino all’uscita senza parlare. Entrambi uscimmo dal bagno, come se nulla fosse accaduto.
Ritornai da Claudia, che continuava a parlare con il ragazzo, il quale nel frattempo si era fatto più audace: aveva infatti poggiato una mano sulla coscia di mia moglie e dovendosi avvicinare per parlarle non esitava a sfiorarle con le labbra il collo. Lei non appena mi vide, sorrise e mi schiacciò l’occhio. Ero impreparato a quella situazione ma non mi dispiaceva affatto.
Non capivo se avvicinarmi o meno, ma fu Claudia a farmi un cenno, visto la mia titubanza, e così mi avvicinai. Il giovane, che ora potevo vedere in viso, imbarazzato si ritrasse. Era un bel ragazzo, sulla ventina, fisico asciutto, spalle larghe. Al momento di imbarazzo che si era creato, fu Claudia con una risata che pose fine. Iniziammo a parlare e capii che si trattava di un ragazzo a posto, ancora ingenuo, tanto che dopo qualche convenevole con una scusa cercò di congedarsi. Ma Claudia insistette, trattenendolo per un braccio e mi chiese di offrirgli da bere. Dietro questa pressione, lui anche se esitante restò.
Durante la rada conversazione, i miei pensieri erano molto spinti…pensavo a Claudia scopata dal giovane, e la cosa mi eccitava…mi spingo fino ad immaginare un rapporto a tre…solo fantasie, magari da usare durante il nostro giochetto, ma l’atteggiamento di Claudia, mi fa capire che non avrebbe molte remore a passare all’azione. Questo un pò mi turba, forse ho sottovalutato mia moglie e invece lei è più avanti di me…
Dopo aver finito il suo drink, il ragazzo, ci ringrazia e ci lascia. È palese in parte il suo imbarazzo, anche perché altrettanto palese erano le sue mire su Claudia…
Rimasti soli, prendiamo un altro drink e provo a stuzzicarla sul ragazzo.
Te lo saresti scopato? Le dico io, in tono semiserio
Certo! Risponde lei secca, ma con un’espressione semiseria…
Ridiamo e beviamo…stasera avremo pane per le nostre fantasie in albergo….
Tutto questo mi ha fatto quasi dimenticare quanto successo in bagno. Mi sovviene in mente solo quando la ragazza che si stava facendo scopare, ci passa davanti, senza notarmi. Decido di raccontare a Claudia dell’episodio…lei è divertita ed eccitata, così le chiedo se le sarebbe piaciuto essere al posto della ragazza…e i suoi commenti naturalmente sono di approvazione.
Mentre stiamo parlando passa anche il tizio del bagno, quello che si stava masturbando. Lui però, contrariamente alla ragazza mi riconosce e nota mia moglie, così si avvicina. Io mi pietrifico imbarazzato.
Ora capisco perché non ti sei segato in bagno, accennando a mia moglie….
Allora chi è questa bella fica?
Io rimango basito, sicuramente non è l’approccio che sia io che mia moglie preferiamo. È un tizio sicuramente un po’ rozzo e volgare per i nostri gusti…
È Claudia che mi toglie da quello stato di disaggio e lo fa in modo sorprendente…tanto che il mio imbarazzo peggiora fino a farmi sentire un caldo insopportabile:
Ciao, sono Carla, un’amica… immagino che tu sia il guardone del bagno che si masturbava…
Allora te ne l’ha detto…, risponde il tizio fissando le cosce di Claudia, mi sono sparato una bella sega, ma per te, me ne farei anche un’altra subito!
Claudia sorride e dice: Che aspettiamo? Andiamo in bagno!
Io già pietrificato, non riesco a connettere, balbetto ma nessun suono di senso compiuto esce dalla mia bocca…il tizio invece sembra divertirsi.
Claudia mi prende per mano e si avvia verso il bagno. Il tizio ci segue, il suo sguardo lascivo e viscido è puntato sul culo di Claudia, la quale lo ondeggia abbondantemente. Io non riesco a essere incazzato, ma solo eccitato, come se stessi guardando un porno.
Claudia si avvia esattamente sul posto dopo poco prima la coppia scopava, come se anche lei fosse stata presente. Si appoggia al lavabo, dandogli la schiena, si alza la mini, mettendo in mostra le sue cosce e le parti intime ancora coperte dal perizoma e mi attrae a se.
Io connetto lentamente, la mia testa pulsa all’unisono con il mio cuore che batte all’impazzata, togliendomi il respiro. Non reagisco ai suoi sforzi e resto inerme…quello che sta accadendo è al di fuori di ogni mia immaginazione o meglio da qualsiasi realtà potessi desiderare…
Claudia capisce il mio momento così mi abbassa la cerniera e tira fuori il mio pene ancora non perfettamente eccitato, lo accarezza e lo sega, dopo di che si abbassa e lo prende in bocca con una passione che non le conoscevo.
Anche se la mia testa è ancora senza senno, il mio pene risponde alle attenzioni di mia moglie, divenendo duro. Sento le incitazioni del tizio, che ci osserva, ma mi arrivano ovattate al punto che non riesco a capire nulla di ciò che dice…decido di fregarmene…
Finalmente anche il mio corpo si anima e segue l’eccitazione del mio pene indotto da Claudia. Inizio a spingere la sua testa verso di me con forza, cercando di farle ingoiare porzioni sempre maggiori del mio pene. Lei non protesta, anzi mi asseconda, lanciandomi sguardi di intesa che mi eccitano ancora di più….
Mi sento eccitato come non mai, la tiro per i capelli, in modo da farla alzare, la giro e la spingo. Lei senza opporsi si appoggia al lavabo con i gomiti, adesso è nella stessa posizione della ragazza. Il suo bel culo è in bella mostra, coperto solo dal tanga che ne esalta le forme e mi eccita ancora di più. La osservo, attende vogliosamente di essere presa!
Le strappo il tanga con un colpo secco, che cede senza opporsi, restando sulla mia mano. Lo tiro dietro, incurante. Allargo il culo di Claudia e la penetro con lentezza. Lei è bagnatissima. Assaporo ogni centimetro dentro il suo corpo. Mi fermo e dopo un respiro inizio a scoparla con forza, come mai in passato. Dietro di me, sento la voce del tizio che mi incita in modo volgare:
bravo, così, scopati quella troia!!!
Non sono contrariato, anzi la cosa è eccitante, quindi continuo e mentre scopo, distolgo lo sguardo dal culo sottomesso di Claudia, che stringo con le mani per guardare lo specchio, in cui appaiamo tutti e tre: mia moglie, io e il tizio… mi osservo, in quel momento mi sento il padrone, mi sento rivestito di un potere assoluto e quasi mi pavoneggio.. dopo poco vedo il volto di mia moglie, gode e la cosa mi piace, ma scorgo anche altro, una perversione che non mi aspettavo: i suoi sguardi maliziosi, che fino a poco prima mi rivolgeva quando mi spompinava, adesso sono rivolti al tizio ed al suo pene. È quasi come se lo incitasse a partecipare a quell’amplesso, come se il maggior piacere derivasse non da me che la scopo, ma da lui che la osservava e si masturba. La cosa mi eccita… così continuo con maggior forza, ormai mi sento vicino al massimo piacere dell’orgasmo e sono spinto ad intensificare le mie spinte… e mentre quasi mi concentro sul mio estremo piacere, vedo mia moglie che quasi allunga la mano verso il tizio, come a volergli sfiorare il pene. Naturalmente non può, troppa distanza, ma per un attimo penso che lo faccia e comunque sicuramente lo vorrebbe fare! Guardo il tizio, che sta venendo: lo vedo sborrare sul pavimento, in modo non meno abbondante della volta precedente…tanto più che mi sembra di vedere che uno dei numerosi schizzi di sperma, colpisca la mano di Claudia. Quella scena mi porta a un’eccitazione maggiore al punto che vengo anch’io, copiosamente dentro di lei.
Dopo brevi istanti ci ricomponiamo, sia io che mia moglie siamo imbarazzati, come bambini scoperti a rubare la marmellata…come se ci accorgessimo solo ora di aver scopato alla mercè di chiunque fosse entrato lì.
Il tizio ci ha già preceduti ed è andato via, senza dire nulla. Noi usciamo dal locale di corsa, scappiamo come ladri e raggiungiamo la macchina quasi correndo. Entrati dentro è come se ci sentissimo al sicuro, e mentre tiro un sospiro di sollievo, mia moglie inizia a ridere… rimango basito, poi inizio a ridere anch’io… lei mi dice: è stato fantastico!!
Io annuisco, ripenso a tutta la serata e mi chiedo se lo schizzo del tizio abbia davvero preso la mano di mia moglie…non mi va di chiederglielo, potrei restare deluso dalla sua risposta, preferisco immaginare l’esito che mi eccita maggiormente.

Questo racconto di DG
è stato letto

2
4
0
5

volte

Questo racconto è stato letto 2965 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: