Mio zio si scopa mia cugina




Mi sveglio, è un Sabato mattina strano, fuori la nebbia impedisce di vedere anche le cose che sono più vicine alle finestre della mia casa.
Squilla il telefono.
“Si pronto?” “Ciao bella, sono Mosè, tuo zio! Come va? Volevamo chiederti se domani vuoi venire a pranzo da noi”

Che sorpresa, era molto che non sentivo i miei zii e una bella domenica in campagna mi farebbe bene.
Accetto e vado al lavoro. Torno tardi, sono quasi le 11 e decido di rimandare a domani mattina la doccia.

La sveglia suona alle 9.00, mi alzo, accendo la stufetta nel bagno e vado a farmi un caffè. Poi entrò in bagno, mi spoglio e mi osservo allo specchio.
Sono ingrassata di almeno 4kg in quest’ ultimo mese, e non capisco perché. Il mio fisico è ancora molto attraente, ma questo accenno di pancetta di snerva.
Meglio non pensarci, mi butto in doccia e mi faccio coccolare dall’ acqua calda.
Quando ho finito corro a vestirmi, decido per un qualcosa di semplice, tanto sono in famiglia.
Jeans stretti, maglia aderente e un chiodo di pelle. Per finire stivaletti con un po’ di tacco.

La casa dei miei zii è molto isolata, intorno ci sono solo boschi. Vengo accolta calorosamente, tutti mi baciano e mi abbracciano.
Sono particolarmente felice di vedere Sara, la mia amata cuginetta più piccola.
Mia zia sì è davvero impegnata molto, il pranzo è squisito ed è impossibile non assaggiare tutto.
Finito di pranzare chiacchieriamo un po’ e noto che tra mio zio e mia cugina c’è un animato scambio di sguardi. Non capisco perché, Sara sembra stizzita mentre mio zio insiste.

Ad un certo punto si alzano e con la scusa di dover chiarire una cosa vanno al piano di sopra.
Io mi offro volontaria per aiutare a sistemare ma mia zia mi dice che si assenterà per un paio d’ore perché non rinuncia alla sua corsetta pomeridiana.

Ma come? Proprio oggi che sono venuta a trovarli! Uffa.
Le dico comunque che non c’è problema e che avrei sistemato io.
Lei va a cambiarsi e poi salutandomi e scusandosi ancora se ne va.
È passata ormai mezz’ora e ne Sara ne mio zio sono ancora scesi, decido quindi di andare a vedere che succede.
La porta della camera di Sara è socchiusa e sento che stanno parlando.
“Mi devi guardare hai capito?!
Brava così, guardami, guarda il cazzo del tuo papà”

Non credo alle mie orecchie!
Cerco di spiare dalla fessura della porta e quello che vedo mi lascia a bocca aperta.
Mia cugina è sul letto, la magliettina è tirata giù e scopre le piccole tettine e mio zio ha il cazzo in mano e si masturba.

“Ti piace il cazzo di papà eh puttanella? Guardalo, sta diventando duro per te, vuole che lo prendi in bocca fino alle palle!
Dai toccalo”
“No. Non voglio, lasciami stare!”
Un forte schiaffo arriva dritto in faccia a Sara e lei scoppia in lacrime
“Ti ho detto di succhiarmi l’uccello! Non farti sentire da tua cugina!”

Lentamente mia cugina apre la bocca e mio zio le schiaffa dentro il suo cazzo e comincia a scoparle la bocca mentre con la mano libera le pizzica i capezzoli.

Non posso crederci, ma iniziò a sentirmi eccitata.
La mano di mio zio scende fino al pantaloni della tuta di Sara e cerca di toglierglieli, lei ormai succube lo aiuta e se li sfila cercando di non farsi uscire il cazzo dalla bocca.
Indossa delle mutandine rosa, con dei fiorellini e un piccolo bordo di pizzo. Mutandine da adolescente.
Lui infila la grossa mano dentro e la tocca, la vedo irrigidirsi, ma lui non ci pensa molto e continua.

“Bagnati troia, voglio sentire la tua passerina grondare”
Che porco! Sta scopando la bocca a sua figlia senza ritegno, gemendo e ansimando.
Improvvisamente lui si stacca da lei, il cazzo è pieno di saliva e filamenti di bava cadono a terra.
“Sdraiati, voglio toglierti le mutandine.
Brava così, guarda che fighetta fresca che hai”

Da qui posso vedere perfettamente la scena, la piccola fica di mia cugina appare come un bocciolo semi aperto, rosa, candido, senza un pelo.
Lui le apre con le dita le labbra e si fionda dentro con la lingua, lei guarda il muro, le guance rigate dalle lacrime e nessun segno di piacere.
“Mmmm hai un gusto buono puttanella. Dai che il papà te la lecca tutta per bene e poi ti scopa, ti fa diventare una donna”

Dopo averle leccato la fica si prende il cazzo in mano e lo struscia sul clitoride, poi in un solo colpo le entra dentro.
Lei non prova dolore, e capisco che non è già più vergine.
Chissà quante volte il suo paparino se l’è scopata, e chissà se mia zia lo sa.
Vorrei tanto andarmene ma sono impietrita e non riesco a muovermi. Non riesco e non voglio, sono attratta ed eccitata da questa situazione.
Sento i gemiti di mio zio, ci sta dando dentro.
“Ooooh si troia, senti che figa che hai! Mmmmm si dai toccati le tette, voglio che godi per il tuo papà”

Indulgendo Sara comincia a massaggiare i suoi capezzoli lentamente, senza una particolare passione, ma inizio a notare un cambiamento nei suoi occhi, sembra quasi che le piaccia.
“Cazzo siiiiii, toccati anche la fregna, voglio che ti senti il mio cazzo nello stomaco! Un giorno te lo metterò anche nel culo, vedrai come ti piacerà”

Mio zio sembra quasi al culmine e Sara è sempre fissa a guardare il muro, io invece sono più eccitata che mai, ho i jeans bagnati, da un lato vorrei entrare e farmi sfondare da mio zio mentre Sara magari mi lecca il clitoride, dall’altro vorrei scappare via per sempre.
“Mmmmm troia, vengo! Sto venendo! Ti riempio della mia sborraaaa!”
Tira fuori il cazzo un secondo prima di schizzare tutto il suo sperma nella pancia e nelle tettine a Sara che ora lo fissa.
“Ciucciamelo, puliscilo bene”
Lei lecca piano il cazzo a suo padre e poi fa per alzarsi.
Devo andarmene.
Corro velocemente giù, afferro la borsa e mi fiondo in macchina.
Parto e dopo pochi minuti accosto in un luogo isolato.
Devo sfogarmi. Mi tolgo i jeans e sposto il tanga. Poi mi infilo il cambio nella figa e sfregandomi il clitoride vengo, velocemente e urlando.

Questo racconto è stato letto 571 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: