"Mia cognata, che sorpresa!" – Parte 3




Il silenzio durò un eterno istante.
Nessuno sapeva cosa dire.
A dire il vero questo è ciò che sembrava.

Si, perché il realtà nessuno avrebbe voluto dire nulla.

Mia cognata Marika stava godendo come una vera troia tra due maschioni di colore.
Io, mi duole ammetterlo, ma stavo godendo come un porco nel guardare la scena.
I due, inutile dirlo, sembravano esterefatti nel prendere con sempre maggior foga una giovane moglie bianca così apparentemente docile e pacata, ma in realtà così desiderosa di godere.
Potevamo mai dircelo così spudoratamente? Chi non l’avesse fatto per primo avrebbe inesorabilmente perso la battaglia psicologica ormai, automaticamente, innestatasi per venir fuori dal momento surreale.
Ammettere la realtà avrebbe significato, per chi per primo l’avesse fatto, soccombere sotto i colpi dell’altro.
E nessuno dei due sapeva quanto questi colpi avrebbero potuto o meno far male.

Non ebbi troppo tempo per valutare razionalmente la cosa, ma quasi automaticamente scelsi la mia linea di condotta.
Quella dura, del cognato indignato e arrabbiato, furioso per l’accaduto, pronto a distruggere la vita della puttanella di Marika.

La strategia non impiegò molto a portare i suoi frutti.

Marika si mise nuovamente le mani nei capelli, sospirò in maniera che sembrava non dovesse finire mai, tenne gli occhi chiusi per diverse decine di secondi.
Non sapeva come rispondere.
La comprensibile fermezza e pesantezza della mia reazione la mise spalle al muro.
Non me l’aspettavo, ma dopo il panico iniziale riprese lucidità in maniera notevole.

“Porca troia. Ho fatto una cazzata Gio (si, il mio nome è Giovanni). Non so cosa mi sia preso. Dio mio quanto sono imbarazzata, vorrei spararmi un proiettile dritto nel cranio e non svegliarmi mai più. Cazzo!….E voi andate via Dio Santo!”
Io restavo a guardarla con sguardo di ghiaccio, un mix di freddezza e rabbia ben simulata.
Iniziarono a caderle delle lacrime, lacrime che mi diedero l’appiglio giusto, la scusa per addolcirmi leggermente.
Mossi un paio di passi nella sua direzione.

“Marika, ma che cazzo stai facendo?! Ma sei matta?! Mi sembra di sognare, non posso crederci! Ma porca puttana, sei fuori?! In casa mia poi!!! Ma cosa ti salta per la mente, sei andata fuori di testa tutto ad un tratto?!”

“Gio, credimi, non so cosa mi sia preso. Mi sono fatta coinvolgere, neanche io riesco a crederci. Non avrei mai pensato di cadere in una situazione simile! E’ surreale, lo so. Mi vergogno da cani, non so dove mettere la faccia. Vorrei sparire. Vorrei anche morire piuttosto che stare qui adesso!”.
Io ribatto.
“Mari, ma cosa cazzo credi che dovrei fare io ora? Sono tuo cognato, innamorato di tua sorella e grandissimo amico di tuo marito. Ti rendi conto?! L’hai proprio fatta grossa!”.

Marika, mia cognata, perseverava nella sua apparente disperazione.
In realtà sono più che convinto che nelle sue lacrime ci fosse anche una grande rabbia, rabbia per essere stata interrotta sul più bello, mentre si faceva focosamente scopare da due ambulanti sconosciuti che probabilmente non avrebbe più incontrato, ma che in quel momento la stavano facendo sentire una vera donna. Anzi, una vera troia.

Fu lì che scattò in me qualcosa di assurdo e osceno….

Questo racconto è stato letto 831 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: