Massage room: Cindy la mia aiutante nigeriana




Siamo al dicembre del 2000 ed erano oramai 5 mesi che lavoravo a casa come massaggiatrice. Di clienti ne avevo parecchi e anche il mio conto bancario era notevolmente cresciuto. Avevo clienti di vari di vari tipi: alcuni bravi, altri un po’ più furbi; clienti giovani e anziani; sposati e celibi; alcuni più viziosi che chiedevano cose particolari, altri più tranquilli che si accontentavano di un bel massaggio e di un buon finale; clienti simpatici o più malmostosi; alcuni tirchi e altri generosi. La cosa che però in molti mi chiedevano, forse per variare un po’, era di poter ricevere un massaggio a 4mani, ovvero fatto da me e da un’altra massaggiatrice. Chi me lo chiedeva mi diceva che sarebbe stato disposto a pagare anche il doppio, pur di ricevere massaggi e “coccole” da due donne contemporaneamente.
La cosa difficile era però trovare chi potesse aiutarmi. Avevo delle amiche, ma non intendevo certo coinvolgerle in questa cosa, anche perché a loro avevo detto che lavoravo in casa per un tour-operator e non certo che praticavo massaggi e altro. Scartai anche l’idea di mettere un annuncio in internet, anche perché la mia attività non era in regola e non volevo incappare in qualche problema magari con il fisco. Sinceramente non sapevo che fare, ma pochi giorni prima di Natale, mentre ero in giro a fare shopping, trovai per caso la soluzione ai miei problemi.

Mi fermai davanti ad una vetrina per guardare alcuni abitini da poter indossare per capodanno e di fianco a me arrivò una bella ragazza di colore: avrà avuto sì e no 20 anni, alta poco meno di me, 1 e 65 circa, indossava dei jeans stretti che ben fasciavano le sue cosce e il suo bel sederino tosto e molto ben sollevato; un giubbetto leggermente aperto sotto il quale aveva un maglioncino che rivestiva i suoi seni piccoli ma ben diritti; in testa aveva un cappello di lana che le copriva tutta la capigliatura e che allo stesso tempo metteva in risalto i bei lineamenti del suo viso, su cui spiccavano gli occhi sottili e neri, le labbra carnose e l’immancabile sorriso splendente tipico di tutte le africane.
“Costano tanto.” Mi disse, giusto per buttare lì un commento. Io le sorrisi e le risposi: “Abbastanza, ma comunque neanche tantissimo.”
“Per me sì invece” disse ancora lei, e fu proprio in quel momento che scattò in me la scintilla giusta.
“Tu lavori?” Le chiesi.
Lei mi guardò per un momento, quasi stesse pensando alla risposta giusta da darmi, poi: “Sì, lavoro. Faccio pulizia qui in certe case a Como. Ma non guadagno tanto.”
“Beh, allora io forse posso aiutarti.”
“E come?” Mi chiese lei con tono sospettoso.
“Sto cercando una ragazza che faccia qualche ora di pulizia a casa mia. E poi che mi aiuti anche nel mio lavoro.”
“Quale lavoro?”
Non ne volevo parlare, sul marciapiede davanti alla vetrina di un negozio. “Beh, se vuoi, se hai tempo e voglia, posso accompagnarti a casa mia e spiegarti di che si tratta.” Lei mi fissò, dopo poco mi sorrise di nuovo mostrandomi ancora i suoi denti bianchissimi e accettò di seguirmi.

Quando fummo a casa mia le mostrai il mio piccolo appartamento: la cucina, il bagno, la camera ed infine il soggiorno con la postazione per i massaggi, ove le spiegai che attività svolgevo e cosa facevo per i miei clienti. Non le nascosi nulla, dicendole che tutti alla fine del massaggio volevano almeno un sega, alcuni un pompino, in pochi non allungavano le mani e magari volevano anche che mi spogliassi, ed erano parecchi anche quelli che alla fine volevano scopare, pagando un buon compenso e chiedendo anche cose e posizioni particolari.
Cindy mi scrutò per qualche momento con i suoi occhi neri, girò un po’ per la sala ed esaminò gli olii e le creme che tenevo in una credenza. Alla fine si voltò e mi chiese quanto ci poteva guadagnare, così le illustrai le tariffe che praticavo, assicurandole che quando lavoravamo in due avremmo raddoppiato i prezzi e diviso equamente. Ci pensò un poco e quindi mi chiese quando doveva iniziare.
“Domani – le dissi io – aspetto un cliente che vuole un massaggio a 4 mani. Se vieni nel pomeriggio…”
L’indomani Cindy arrivò da me appena dopo pranzo, mi aiutò a sistemare la cucina e nel frattempo parlammo del massaggio che dovevamo fare di lì a poco. Ci cambiammo indossando entrambe dei leggins azzurri e una canottierina bianca che avevo preso proprio al mattino. Sotto non avevamo nulla e così abbigliate le belle curve dei nostri corpi erano in bella mostra, uno spettacolo sicuramente gradevole per qualsiasi uomo.
Enrico, il fortunato cliente che per primo avrebbe sperimentato un nostro massaggio, arrivò puntuale alle 15.00. Ci salutò e ci fece i complimenti, poi, non essendo la prima volta che prenotava da me, si accomodò in sala, si spogliò e sistemò su lettino. Era un bell’uomo, sui 35 anni, alto 1,85 e dal fisico possente e abbastanza peloso; piacque anche a Cindy, che mentre preparavamo le creme mi strizzò l’occhiolino molto compiaciuta.
Cominciammo a fargli il massaggio dal retro del corpo, muovendo con estrema delicatezza le nostre mani sul suo bel corpo. Cindy aveva capto in fretta come fare, così mentre io mi occupavo della schiena e delle spalle, lei massaggiava delicatamente i suoi glutei, scendendo lentamente con la mano sullo scroto, che sempre respirava con affanno, mugugnando ed eccitandosi.
Quando lo facemmo girare, il suo uccello, non lunghissimo ma abbastanza grosso, già era duro e pulsante. Io e Cindy proseguimmo il massaggio e solo dopo un buon quarto d’ora allungammo le nostre mani sul suo membro, alternandoci a segarlo lentamente ed a massaggiargli con delicatezza i suoi grossi e gonfi testicoli.
Anche lui cominciò ad allungare le mani, toccando i nostri culetti e salendo sotto le nostre canottiere per palparci i seni. Lo conoscevo da un po’ e sapevo che gradiva molto succhiare i capezzoli, così fui la prima a mettermi in topless e ad offrirgli le mie tette da palpare e ciucciare, seguita prontamente da Cindy che portò i suoi seni color dell’ebano vicino alla bocca di Enrico, che subito li assaporò con estremo vigore.
Voleva vederci nude e subito ci spogliammo, lasciando che le sue dita esplorassero le nostre fighette già umide e pronte, mentre noi ci alternavamo a leccare i suoi capezzoli e la sua cappella tesa e violacea. Con le nostre bocche giochicchiammo un po’ con la sua verga, scambiandocela più volte e alternandoci nel succhiarla e nel leccargli lo scroto e le palle. Lui stava venendo e ci chiese di fermarci, perché voleva scoparci e godere anche delle nostre belle fighe.
Ci spostammo sul divano, dove io e Cindy ci inginocchiammo ed offrimmo a Enrico la bella vista della nostra zona pubica. Lui si infilò un preservativo e poco dopo ci fu dietro e ci penetrò. Iniziò scopandosi Cindy, che per lui era una novità, poi affondò il suo bel manico anche dentro di me, e mentre lui ci scopava da dietro, io e Cindy avevamo preso a baciarci; dapprima solo con le labbra, poi aprendole leggermente e lasciando che le nostre lingue si toccassero e si aggrovigliassero.
Quel bacio saffico eccitò ancor di più Enrico. Uscì da me per non venire subito e si portò con la bocca sulle nostre passerine sempre più umide e gocciolanti di umori. Ci leccò entrambe, mentre io e Cindy proseguivamo nel limonarci e nel toccarci a vicenda i seni ed i capezzoli. Dopo un po’ ci cavalcò di nuovo, sempre in quella posizione, con lui in piedi dietro di noi che eravamo inginocchiate sul divano, pronte a ricevere quel bel cazzo che ad ogni colpo sembrava più grosso e duro.
Di colpo Enrico si fermò e si ritrasse, sia io che Cindy capimmo che stava per venire e così ci inginocchiammo davanti a lui, che fece appena in tempo a togliersi il preservativo e a spruzzarci le tette con il suo abbondante liquido caldo. Io e Cindy ripulimmo con le lingue la sua fava che ormai andava ammosciandosi, poi sorridendo soddisfatte per la buona riuscita di quel nostro primo exploit, ci scambiammo un ultimo ed appassionato bacio, scambiandoci nella bocca le nostre lingue sporche di sperma.
Fu bellissimo per tutti e tre. Enrico se ne andò dopo averci pagato e fatto i complimenti per come ci eravamo comportate. Io e Cindy, entrambe contente ed ancora eccitate, finimmo di festeggiare nel mio letto, leccandoci a vicenda e godendo l’una dell’altra. Mi disse che adorava la mia bocca ed il mio sapore e mi baciava in continuazione; io invece di lei adoravo l’odore della sua pelle scura e vellutata, liscia come la seta e tutta da leccare e baciare.
Abbracciate nel letto Cindy mi raccontò di lei: aveva 22anni come me e da tre viveva in Italia; aveva lasciato la Nigeria con il desiderio e la promessa di lavorare e poter aiutare sua madre e le sue sorelle più piccole; mi aveva raccontato del suo viaggio terribile; delle pene e delle violenze subite; di come fu costretta a prostituirsi per pagare il suo debito che ancora era aperto.
“Quei soldi li devo a mia zia che mi ospita a casa – mi raccontò – a lei non importa da dove quei soldi arrivino, quindi se continuerò a lavorare con te e guadagnerò bene, eviterò di tornare in strada. Non voglio tornarci ancora.”
Vidi due lacrime solcargli il viso. Gliele asciugai baciandole e stringendola a me gli promisi che l’avrei aiutata.
E così sarebbe stato…

Come al solito aspetto le vostre critiche ed i vostri commenti a iziasfizia@yahoo.it a presto.

Questo racconto è stato letto 208 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: