Massage room – Aiutando Marie




All’inizio dell’anno duemila, quando avevo da poco compiuto i 21 anni, potei acquistare un bilocale a Como, all’interno di un vecchio palazzo appena ristrutturato in cui erano stati ricavati otto appartamenti di varie dimensioni. Mi trasferii lì nel mese di febbraio andando finalmente a vivere da sola. All’epoca lavoravo part-time per una agenzia di viaggi in centro a Como, ero di turno tutti i pomeriggi dal martedì al sabato e mi ricordo che percepivo uno stipendio netto di circa un milione di lire, né pochi né tanti, ma non volendo intaccare i miei risparmi ero alla ricerca di un secondo lavoro con cui arrotondare.
Rientrando a casa una sera di marzo, incontrai sul pianerottolo di casa mia la mia dirimpettaia, una bella signora 30enne, una americana mulatta, originaria della Florida, con la quale sino ad allora avevo scambiato solo pochi saluti. Con lei c’era anche suo marito, anche lui sui 30 anni, un comasco doc, un tipo normale e molto simpatico che sapevo faceva il muratore. Erano appena rientrati dal supermercato e cortesemente mi invitarono a prendere un aperitivo a casa loro. Decisa a stringere dei buoni rapporti con i miei vicini, accettai subito e alla fine rimasi anche a cena.
Mentre ero da loro Marie, così si chiamava la mia vicina, mi fece visitare la casa: la seguii nelle camere arredate semplicemente ma con gusto, nei due bagni che il marito, dato il lavoro che faceva, aveva saputo rendere speciali, ed infine nella saletta che lei usava per lavorare, dove c’era un lettino per massaggi, un divanetto a due posti ed un paio di cassettiere con dentro asciugamani, olii e creme varie; fu così che scoprii che la mia vicina era una massaggiatrice, così gli dissi che sicuramente prima o poi avrei approfittato anche dei suoi servizi.
Quando prendemmo il buon caffè che Marie aveva preparato, lei stessa mi spiegò che negli Stati Uniti aveva conseguito un diploma come chiropratica ed aveva lavorato per alcuni anni in una clinica. Sposatasi e trasferitasi poi in Italia, avrebbe voluto aprire uno studio tutto suo, ma il suo diploma non era valido rispetto alle leggi europee, così aveva iniziato a praticare in casa, all’inizio con parenti ed amici di suo marito, lavorando comunque poco e guadagnando solo poche lire che le servivano giusto per i suoi bisogni. Adesso che però avevano anche contratto un mutuo per l’acquisto della casa, aveva decisa di allargare il suo giro di clienti e per farlo aveva iniziato a pubblicare annunci in internet. I clienti erano aumentati, ma ciò che chiedevano non erano solo massaggi. All’inizio aveva rifiutato certe proposte, ma poi per poter guadagnare aveva deciso di terminare i massaggi con un happy-ending manuale. “Altrimenti non torna più nessuno” mi disse lei. “E tuo marito lo sa?” gli chiesi io, scoprendo così che il marito ne era al corrente e che la cosa, sebbene un po’ gli dispiaceva, la considerava “normale” rispetto al tipo di lavoro che la moglie aveva deciso di praticare. “L’importante che non vada oltre” aveva concluso lui.
Dopo quella serata, tornai da Marie un paio di volte, invitata sempre da lei per chiacchierare un po’, prendendo un buon caffè assieme. E in una di queste occasioni Marie mi chiese un favore, ovvero se potevo aiutarla in un massaggio. Inizialmente cercai di declinare, ma lei insistette spiegandomi che il massaggio in questione era per un suo cliente abitudinario, un tizio che non badava a spese e che le aveva chiesto di organizzare per lui un bel massaggio a 4 mani. “Ti spiegherò io come fare – mi disse – in più ci ricaviamo 200 mila lire almeno, 100 a testa, per un’oretta o poco più di lavoro.” Quando gli chiesi perché aveva pensato proprio a me, lei sorridendo mi rispose che ero stata io a dirle di essere in cerca di qualcosa per arrotondare lo stipendio, in più le sembravo sicuramente una ragazza sveglia e soprattutto molto bella, e quest’ultimo dettaglio avrebbe fatto sicuramente felice il suo cliente. Alla fine quindi accettai e ci accordammo per il lunedì pomeriggio, quando io ero a casa e libera dal lavoro.
Come d’accordo quel lunedì pomeriggio andai nell’appartamento di Marie. L’appuntamento con il cliente era fissato per le 15.00 e io andai da lei una mezz’oretta prima per farmi spiegare come dovevo agire. Come mi aveva chiesto lei avevo indossato dei leggins neri ed una canottiera bianca, sotto avevo un intimo nero normale ed avevo raccolto i miei lunghi capelli biondi in una coda che mi scendeva sino a metà schiena. Anche Marie indossava dei leggins scuri e una canottierina gialla, sotto la quale però non aveva il reggiseno e dalla scollatura si notava il solco dei suoi abbondanti seni che dovevano almeno essere di una quinta misura. Dentro la saletta dei massaggi mi spiegò cosa dovevamo fare e dopo che mi ebbe sommariamente impartito le sue istruzioni, sentimmo suonare il campanello e lei subito corse al citofono per aprire.
L’uomo che arrivò e si accomodò subito nella saletta massaggi era un distinto signore sulla cinquantina, un metro e settanta circa, abbastanza magro e calvo, con solo pochi e corti capelli grigi che gli contornavano la testa. Si chiamava Paolo e quando Marie fece le presentazioni mi salutò con due bacini sulle guance, poi mi sorrise compiaciuto, dicendo a Marie che era stata bravissima e di buon gusto a trovare una bella e giovane collega come me.
Paolo sapeva benissimo cosa doveva fare, d’altronde era già stato lì parecchie volte, così si avvicinò al divanetto ed iniziò a spogliarsi. Io come da istruzioni andai in bagno e presi un catino di acqua calda, mentre Marie iniziò a trafficare con le creme e ne preparò la quantità necessaria che poi scaldò nel microonde. Quando rientrai con l’acqua calda, Paolo era già sdraiato completamente nudo sul lettino, steso prono e completamente a suo agio non aspettava altro che l’inizio di quel massaggio.
Lo massaggiammo delicatamente su tutta la parte posteriore del suo corpo, soffermandoci un pochino di più sulla schiena e sui glutei. Poi lavammo il suo corpo dall’olio usato, lo asciugammo e lo facemmo girare supino. Lui si voltò con calma e si posizionò comodo, mentre il mio sguardo scese subito verso il suo pene che già era in uno stato di evidente eccitazione. Marie mi sorrise e ci scambiammo uno sguardo complice, poi riprendemmo il massaggio, ripartendo delle sottili e pelose gambe di Paolo, mentre il suo membro, di dimensioni normali, svettava ben diritto e di tanto in tanto sussultava sbattendo sul suo ventre.
Fatte le gambe e poi il petto e l’addome, le nostre mani scesero verso i suoi genitali. Fu Marie la prima ad accarezzare quel fallo ben eretto, sfiorandolo delicatamente con le mani ben imbrattate di olio caldo. Io non vedevo l’ora di fare la stessa cosa e non appena la mia collega scese con la mano sullo scroto, fui io ad accarezzare quel membro durissimo e vibrante. Lui se ne stava steso, con gli occhi chiusi ed in assoluto silenzio, solo il suo respiro affannoso tradiva la sua crescente eccitazione.
Dopo averlo accarezzato per un po’, lo impugnai e lo sentii fremere nella mia mano. Inizia a muoverlo lentamente, su e giù con delicatezza e perizia. Marie intanto continuava a solleticargli i testicoli e con l’altra mano salì sino a sfiorargli i capezzoli. Paolo iniziò a gemere e nel contempo a dire che eravamo bravissime e di proseguire così, lentamente, molto lentamente.
Dopo un po’ fu lui a chiedere di fermarmi, mi disse che stava per venire e non voleva farlo ora, prima voleva fare le solite cose che faceva con Marie. Lei non mi aveva spiegato cosa, ma capii di che si trattava quando la vidi togliersi la canottiera e portare il suo seno sulla bocca di lui, che prontamente iniziò a succhiarlo come fosse un lattante affamato. Io ero eccitata, mi sentivo bagnata, i miei capezzoli appuntiti mi stavano premendo contro il reggiseno, così senza pensarci me lo tolsi e rimanendo anch’io a seno scoperto lo avvicinai alla faccia di Paolo, che subito si voltò e prese a succhiarlo.
La bocca di Paolo passava da una tetta all’altra, le sue mani le avvinghiavano e le spremevano, mentre noi due con gli occhi socchiusi lo lasciavamo fare, piacevolmente avvinte da quel suo stato di lussuria. Intanto riportammo le mani sul suo cazzo e ricominciammo ad accarezzarlo e a menarlo, mentre lui sotto quei tocchi mordicchiava e succhiava i nostri seni con sempre maggior vigore.
Dopo un po’ sentii la sua mano sul mio sedere; poi la sentii scorrere più in su e cercare l’elastico dei leggins sino ad entrarci dentro ed a scostarli e abbassarli un poco. La stessa cosa la stava facendo anche a Marie, che per facilitargli l’operazione si scostò un poco dal lettino e si calò completamente i pantaloni, rimanendo ora completamente nuda, mentre la mano di lui già si insinuava fra le grandi labbra di quella bella figa scura e depilata. Feci anch’io la stessa cosa e le dita di Paolo trovarono il contatto con la mia fighetta bagnatissima.
“Fatemi venire ora. Mentre vi tocco. Vi prego oraaaa!!!!”
Urlò l’ultimo pezzo di quella frase e le nostre mani presero il suo membro. Pochi tocchi sapienti e un gran getto di sperma eruttò copioso, schizzando fin sul suo petto ed in parte colando caldo sulle nostre manine che avevano masturbato quel cazzo. Godette sussultando e mugolando, mentre le sue dita mi affondarono nella figa umida e si mossero per un poco facendomi bagnare ancor di più.
Paolo, vinto dall’orgasmo alla fine si calmò, io e Marie ci scambiammo uno sguardo luccicante e soddisfatto, un sorriso malizioso e poi ci ripulimmo le mani con della carta, ci rivestimmo e ripulimmo anche lui asciugandolo poi per bene.
Soddisfattissimo del servizio Paolo ci pagò duecentomila lire, avvisandoci sin d’ora che sarebbe tornato anche il prossimo lunedì, per un altro servizio magari migliore. Quando fu via dividemmo il compenso, ma Marie mi spiegò che non tutti pagavano quella cifra, Paolo era una lieta eccezione.
Feci altri massaggi con Marie, sia per Paolo che per altri clienti, lavorando in coppia per qualche mese, sino a che lei non mi comunicò che in luglio si sarebbe trasferita di nuovo in America, dove aveva trovato un buon posto di lavoro anche per suo marito.
Marie e suo marito misero subito in vendita l’appartamento e lei mi regalò l’attrezzatura per i massaggi. “Se vuoi continua tu, sei in gamba e ti lascio già un buon giro di clienti.” Mi diede quindi anche la sua agenda con tutti i numeri telefonici e da quel mese d’agosto inizia a lavorare per mio conto…nella mia massage-room che ricavai all’interno del mio salotto…e poi vi racconterò.

Per commenti, critiche e curiosità scrivetemi a iziasfizia@yahoo.it vi aspetto…ciao

Questo racconto è stato letto 1288 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: