Le avventure di K by Beinhorn [Vietato ai minori]




Le avventure di K di Beinhorn New!
K. avanzava a fatica, non tanto per la corrente, quasi assente, anzi immobile, e nemmeno per i canneti che spuntavano all’improvviso appena l’ovatta della nebbia si diradava, ma per l’orientamento che veniva meno in quella notte senza stelle, buia e gelida.
L’isola di Miss F. era lì davanti, lo sentiva.
Gli pareva, fosse o meno la suggestione del desiderio che ardeva dentro, non riusciva a spiegarselo, di intravedere, di tanto in tanto, i bagliori dei fuochi del pontile. O, ancora, la musica suadente irradiata dal soggiorno. Brandelli di Debussy, il Claire de Lune, addirittura.
Perfino, tra il salmastro e la salsedine dei legni scricchiolanti della barca, si immaginava di inalare i profumi di spezia e agrumi della sua pelle.
Se queste percezioni lo guidassero o lo portassero fuori strada non lo seppe.
Troppe volte e troppe cose aveva vissuto, K., perché potesse giurare sulla fedeltà dei propri sensi, del percorso che essi tracciavano sulla rotta delle proprie memorie. Erano segni, ricordi, episodi degli attimi vissuti con Miss F. o erano quelli di altre avventure, di altri episodi della propria esistenza?***
Miss F. intanto era stesa tra i cuscini di fronte al camino. Grossi ceppi ardevano con vigore. Sospirò. Quanto avrebbe atteso ancora il vecchio marinaio?
Si alzò stiracchiandosi, un’occhiata fugace all’orologio, si avvicinò ad una cassettiera. Nel farlo vide la sua figura nei riflessi di uno specchio alla sua destra compiacendosi delle sue forme. Indossava un golf grigio di lana sottile, calze di lana lunghe dello stesso colore e mutandine bianche con un pizzo delicato.
Sorrise.
Dal cassetto prese un grosso dildo viola.
Tornò a distendersi tra i cuscini, spostò il libro che stava leggendo. Sfiorò i seni gonfi e sodi da sopra il maglione sospirando con voluttà. Si sbottonò scoprendo il petto alla luce cangiante del fuoco. I capezzoli erano già duri, appuntiti. Entrambe le mani se ne occuparono strizzandoli con delicatezza. le dita disegnavano sottili spirali sul seno pieno della ragazza. Il respiro in affanno.
La mano destra scese trovando spazio tra le mutandine. la fica pronta, gonfia e umida. Il massaggio sulle grandi labbra non fece altro che aumentarle l’impazienza del piacere pieno.
Sfilò gli slip.
Le dita presero possesso e guidarono il godimento. Raccolse il dildo, ci scorse la mano colma di umori e se lo ficcò con decisione dentro la fica. Con frenesia e dimentica di tutto stantuffò l’arnese. Urlava, ormai, ma non ci fece caso. Stava godendo. Selvaggia e Bellissima e trasportata altrove, senza spazio né tempo. Avrebbe fatto morire qualsiasi uomo che le fosse stato davanti con quel fuoco che avvampava. Dentro.***

Avanzava, comunque, K. E, per quanto ne sapesse, in linea retta. Trasportato da quelle sensazioni di prossimità sempre meno labili e immaginarie. Il desiderio della pelle di Miss F. lo guidava sempre più chiaro e netto. La nebbia, intanto, s’era fatta spessa e vischiosa, appiccicaticcia. Piccole gocce scorrevano sul viso, la barba imperlata.
Un gorgoglio sulla destra. Vide il dorso liscio e maculato di una lampreda lambire il pelo dell’acqua e subito scomparire nell’oscurità.
Ancora qualche paio di vogate e poi cedette un attimo alla stanchezza lasciandosi trasportare.
Proprio mentre stava per riprendere con forza i remi dallo scalmo avvertì la terraferma dinanzi a se.
Era arrivato, sebbene non sul lato dell’isola a cui aveva puntato all’imbrunire. Probabile, pensò, che fosse il lato orientale. Folti canneti nascondevano la riva. La prua si arenò sulla barena. Sbarcò sprofondando nella mota. Prese la cima e trascinò la modesta imbarcazione all’asciutto. La legò al piccolo tronco di un salice. Prese lo zaino e si incamminò immergendosi nella nebbia come in un pesante sipario.
Il profumo e la musica non erano oramai solo deboli tracce della sua memoria. L’abitazione di Miss F. era lì, poche centinaia di metri più avanti. Ne era certo. Si sentiva crescere la voglia.
Camminava spedito, senza esitazioni sebbene non vedesse altro che caligine tetra e opalescente. Opalescenza. Una luce a pochi passi. La vide: una lampada a olio guizzava issata su un legno.
Poi vide la costruzione. Infine ne riconobbe le fattezze, gli angoli, le imposte. Via via sempre più nitide e dettagliate. Da due imposte chiuse filtrava un bagliore accogliente. Corse verso l’ingresso. Bussò, si tolse gli stivali inzaccherati di fango e sabbia.
E varcò la soglia, aperta.
“Oh, finalmente, il mio bel marinaio K.”. La voce, calda, colma di lusinghe e ancora tremante del godimento solitario, di Miss F.
Aveva rimesso il golf e le mutandine. Il fuoco del camino brillava irradiando tepore accogliente. Sul pavimento tra tappeti e cuscini vi erano alcuni libri; la terza Gimnopedie di Satie nell’ambiente annunciava sospiri e abbracci che non si fecero attendere.
Il calore e le vibrazioni del piacere, avvertibili a distanza come diffuse, del corpo di Miss F. lo avvolse e qualsiasi traccia di tenebra, di umidità, di salsedine, di sconforto per lo smarrimento scomparvero in un baleno assieme al cappotto e al pesante maglione da marina.
Su un tavolino basso una bottiglia di vino rosso liquoroso, due bicchieri, delle fette di pane, olio, un vassoio colmo di frutta, un altro traboccante di formaggi dal delizioso e forte profumo.
Un lembo del golf scivolato oltre la spalla insinuò prepotente in lui il desiderio di lei. Versò il vino negli ampi bicchieri. Bevvero in silenzio e Krom mangiò pochi bocconi di cibo.
Senza altre parole, ci furono solo sorrisi di intesa e di impazienza, le bocche si cercarono. Il pianoforte sempre diffuso dolcemente. Il golf si sciolse a terra. Solo le calze lunghe grigie, le curve tonde e vellutate di Miss F.
Le mani di lui districarono il crocchio raccolto sulla schiena liscia scavando arabeschi tra le castane volute. Le lingue intrecciate.
Le mani di Miss F. sul sesso gonfio. La testa scese, baciando dal petto, fino all’addome. Fino a estrarre il durissimo arnese dell’uomo. Mettendosi carponi tra le sue gambe, se lo portò sul viso facendolo scorrere con studiata lentezza sulle guance. Diede una lunga lappata sull’asta, vi strusciò le labbra, infine, imboccò il glande socchiudendo gli occhi. K. sospirava per tanta maestria. Il piacere atteso da tempo escludeva gli altri sensi, lo separava dall’ambiente.
Lei, con lo sguardo sottomesso mentre lappava senza sosta, sentiva il calore crescere dappertutto, la fica grondante.
Le prese la testa, delicato, spingendola verso di se, massaggiandola. In quel momento la sua dea assoluta.
In un attimo di lucidità la staccò da se e adagiandola sui cuscini di fronte, le gambe divaricate, il sesso gonfio e lucido, decise di restituirle il favore. Due dita ad allargare le labbra, con la bocca si avvicinò, la lingua scorse dall’ano fino al monte di venere, in profondità. Esattamente come se la lingua fosse il suo sesso e dovesse penetrarla. Miss F. sospirava trasportata.
Leccava dipingendo arabeschi sulla fica e tutto il pube. Le infilò un dito nell’ano, senza smettere un attimo di leccare. La fica era una sorgente di umori. Miss F. stava godendo. K sentì i muscoli dell’inguine contrarsi e accelerò le lappate e le incursioni con le dita. GODO, urlò Miss F. VENGO. Una cascata impregnò la barba di K.
“Scopami, K. Fammelo sentire tutto.” Un sospiro appena, ma che era una preghiera, come estremo tentativo di salvezza di fronte al baratro.
Il cazzo di K non era arretrato di un millimetro quanto a vigore.
Gli bastò appoggiarlo tra le labbra per vederlo sparire dentro senza nessuno sforzo come risucchiato.
Mentre affondava intermittente si avvicinò a leccarle il collo, stringendole con forza i polsi, le braccia aperte come crocifissa.
Dopo qualche minuto di questo trattamento la girò carponi, lei completamente in balìa lasciò fare.
La prese da dietro, stringendo la vita, premendo con le dita sulla cresta iliaca.
I colpi profondi, continui e lenti facevano impazzire Miss F.
Godette senza altre attese.
K era anch’egli al limite, ma voleva prolungare il piacere ancora un po’. Rallentò. Raccolse gli abbondanti umori che colavano dalla fica. Infilò un pollice nel culo di Miss F. muovendolo con studiata lentezza.
Un sospiro di Miss F. che era anche un rantolo.
K. inserì indice e medio, i muscoli si stavano adattando. Intanto colpiva la fica martoriata con il suo cazzo congestionato.
Quando lo ritenne opportuno estrasse il palo e allargando i glutei arrossati si fece strada. Una pressione che fece urlare Miss F. permise al grosso glande di superare l’ingresso. K raccoglieva umori nella fica e se li cospargeva sull’asta che lenta, ma inesorabile, spariva all’interno dell’intestino.
“DIO, K, mi stai spaccando in due”
“Adoro il tuo culo, mia splendida Miss”
Lo estrasse quasi del tutto, qualche attimo di pausa poi riprese la penetrazione. Ancora due colpi con lentezza, poi la frenesia del piacere prese il sopravvento. I testicoli che sbattevano sulla fica, le anche di K sulle chiappe, il palo che scompariva per poi ritrarsi. Velocissimo.
Miss F si contorse urlò tutto il suo piacere bestemmiando a ripetizione. Era sparito tutto, l’intorno.
Grugnendo e ficcando le unghie nei fianchi, K spruzzò il proprio piacere come un vulcano dentro le viscere della ragazza.
Continuò a martoriarla per diversi secondi come per strizzare tutto il seme che aveva dentro. Si accasciò stremato sulla sua schiena.
Lei si inarcò spostando una mano dietro di lui per tenerselo stretto e girata la testa trovò la sua bocca pronta a intrecciarsi.
K, una mano sul seno, l’altra sulla sua guancia era in estasi.
Restarono abbracciati mentre il cazzo ritraendosi si portava con se lo sperma.
“Ho fatto bene ad aspettarti”.
“Lo penso anche io”
“Ora stringimi, Voglio che stai con me stanotte”
“E anche domani”

Questo racconto è stato letto 144 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: