la vergognosa ed umiliante trasformazione di una moglie per bene by Giulius [Vietato ai minori]




Mercoledì 29

Non so neppure io come sia capitato ma è capitato.. Sono sposato da 20 anni con Mari, ho 48 anni e lei 47, siamo insieme dalla mia maturità liceale poi ancora insieme all’università fino a laurearci lei in legge ed io in ingegneria. Niente figli ma affiatati, felici praticamente non ci mancava nulla almeno pensavamo. Forse il sesso si era un poco appannato. Lei assorbita dal suo lavoro ed io che talora fantasticavo su come ritrovare l’intesa degli anni passati, anche se non avevamo mai fatto nulla di trascendentale. Non sarei mai riuscito a pensarmi con un’altra, né avrei mai immaginato che lei potesse avere delle pulsioni erotiche o che potesse tradirmi, io ero gelosissimo e Mari ormai sembrava completamente disinteressata al sesso. Così passavamo la nostra normale routine fatta di occasionali viaggi nei fine settimana quando il lavoro non ci limitava. Tutto sarebbe continuato così. Però la vita riserva sorprese quando meno te le aspetti che qualche volta cambiano completamente tutto.
Una sera tornando a casa bucai la ruota dell’auto. Accostai sul bordo della via della periferia della città dove lavoro ed iniziai le manovre per il cambio gomma. Non me ne resi conto subito, ma ero fermo davanti alle vetrine di un sex-shop. Mentre mi davo da fare col crick l’occhio scappò alla vetrina,un manichino con una guêpière e calze a rete. Non sono mai stato feticista ma in quel momento pensai a mia moglie come sarebbe stata con indosso quegli indumenti. Ridacchiavo pensando ad una scelta fuori dalle sue regole. Mari è una morettina con occhi azzurri ed un bel fisico che ammiro soprattutto durante le vacanze, che appena possiamo trascorriamo al mare. Ma da quando la conosco il suo guardaroba è estremamente classico, giacca e gonna al ginocchio, o pantaloni, nonostante due bellissime gambe. Anche quando le ho suggerito qualcosa di meno serio obiettava sempre che non potrebbe vestirsi diversamente visto che come avvocato i suoi impegni tra tribunale e ufficio richiedono una estrema sobrietà e figurarsi quando deve visitare clienti nelle carceri. Il fatto è che non ha mai avuto voglia di osare ed anche in vacanza al mare i bikini erano modello anni 60 e gli abiti non si discostavano di molto. Non parliamo dell’intimo decisamente super conservatore. Non le avevo mai detto niente ma pensandola con quella guepière mi accorsi che, fermo in strada con la gomma da cambiare, sentivo il mio cazzo andare in erezione. Finito risalii in auto ma quella sensazione non mi era ancora passata.

Restai indeciso per un attimo poi il momento di follia.
Parcheggio e decido di entrare nel sex-shop. Un mondo fino ad allora sconosciuto, mi sentivo imbarazzatissimo. Un signore forse sui 50-55 anni mi chiede se può essermi utile. Fingo una certa sicurezza e poi,mentendo, gli dico che volevo fare uno scherzo a mia moglie:” un indumento un po’ sexy -gli faccio credere- è sempre molto seria”.
Mi guarda e il colloquio si fa più confidenziale “ Capisco ,non è l’unico, sapesse quanti mariti come lei. Alcune mogli hanno bisogno di ,come dire – mi guardava come se cercasse un mio suggerimento , ma poi riprende – di essere spinte ad osare un po’ ”.
Mi guardavo intorno come se avessi voluto non ascoltarlo.
Mi chiese se cercavo qualcosa di particolare. Forse un poco inibito non seppi cosa rispondere. Mi propose dei fantasiosi falli in lattice e delle palline da geisha , di cui allora ignoravo l’esistenza. Con più decisione gli precisai che mi interessava qualche capo sexy, come quelli in vetrina visto che non ne aveva mai indossati.
“non ci posso credere, non ditemi che non ha mai indossato un baby doll, un tanga o delle calze con il reggicalze”
Il suo modo di fare diventava sempre più disponibile. Mi sentivo a mio agio a tal punto che inizia a parlare di Mari come da uno psicanalista. La sua conclusione fu che non avrei dovuto aspettare oltre e che se avessi seguito i suoi consigli, sarei riuscito a portarla ad usare qualche indumento sexy. In un attimo mi presentò quello che secondo lui sarebbe stata la scelta adeguata.
Mi presentò una sottoveste nera del tipo nove settimane e mezzo,un paio di calze nere ed un reggicalze ed un perizoma.
Non era certo quello che avrei voluto ma ormai si era fatto tardi e mi seccava uscire senza niente.
“Che ne dice ? la sua avvocatessa diventa sexy” mi disse quasi prendendomi amichevolmente in giro “ e quando la vedrà vestita in quel modo la stuzzichi, le provi dire che i suoi colleghi impazzirebbero nel vederla trasformata così”.
Così li acquistai anche se quell’ultima frase mi ingelosiva, allo stesso tempo mi faceva provare senza ioni che non conoscevo ; mari esposta a degli altri in quel modo? Impossibile. Mentre ritornavo a casa mi chiedevo come Mari avrebbe accolto quel regalo. Non avrei mai immaginato che con quel regalo sarebbe stato l’inizio della discesa di mia moglie verso un abisso di perversioni che l’avrebbero portata sempre più in basso arrivando alle più vergognose umiliazioni

Ero molto titubante. Non sapevo come rompere il ghiaccio. Decisi di lasciare il pacchetto sul letto ed aspettarla al varco nel salone prima di coricarci come d’abitudine. Ritornò dalla camera con il sacchetto del sexy shop aperto, seccata e con voce decisa “Cos’è questa roba e dove l’hai presa? Non penserai per caso che me la metta, vero?”. Una bella risposta veramente, da spezzare ogni desiderio. Mi aveva decisamente preso alla sprovvista e per un attimo pensai di lasciar perdere . Ma pensai di andare invece al contrattacco “ Visto che non ci pensi tu a stuzzicarmi un poco , ci ho provato io a darti l’ispirazione. Comunque non ti preoccupare la prossima volta posso trovare altro da fare ..” e lasciai ambiguamente la frase in sospeso. Mi alzai evitando di aggiungere altro e mi infilai in bagno sotto la doccia. Mi sentivo demoralizzato e pensai che ormai non avrei mai più trovato spazio per i cambiamenti. Tornai in camera. La luce era spenta, sicuramente si era già rintanata a letto in uno dei suoi pigiamini contro ogni tentazione del peccato. Ero sempre più deluso. Per evitare di procedere a tastoni accesi la luce.Mari era seduta sulla poltrona indossando la sottoveste nera, le gambe affusolate nelle calze nere. Mi accolse con un sorriso quasi forzato “Cosa ci troverai?” mi disse “ora sei contento , possiamo andare a letto”. Fredda e distaccata. Alzai le spalle e lei si alzò. Intravidi i capezzoli retti sotto la stoffa della sottoveste. Un effetto legato alla sollecitazione della stoffa od altrimenti avrei pensato che stava provando un minimo di piacere. La trattenni per un braccio e la strinsi a me, appoggiando le mie labbra sulle sue. Si smollò e le nostre lingue scivolarono insieme. Le appoggiai una mano sul culo e senza remore mi spinsi a ricercare il suo sesso. Aveva indossato anche il perizoma. Tentò di allontanarsi ma fui più rapido e riuscii a cogliere l’umido della stoffa sopra il suo sesso. Non le diedi il tempo di reagire diversamente. La strinsi ancora di più a me ed indietreggiai verso il letto facendola sdraiare. Le sfilai il tanga . Le mani che scorrevano prima sulla pelle poi sulle calze mi arrapavano sempre più. Le voltai indietro la sottoveste. Lei non parlava respirava profondamente. Eravamo entrambi eccitati da quella nuova situazione. Le tolsi la sottoveste. Vederla nuda sul letto con indosso le sole calze e il reggicalze mi eccitò ulteriormente. La penetrai senza altri preliminari e restai stupito di come il suo sesso fosse già dilatato e pronto ad essere penetrato senza fatica. Non avevamo mai scopato come quella sera.

Giovedì 30

Il giorno successivo decisi di tornare al sexy shop. Era bastato trovare degli indumenti sexy per scatenare in noi una voglia così intensa. Pensai che avrei potuto acquistarle quella guepière che mi faceva impazzire. Incontrai lo stesso commesso. Gli chiesi la guêpière. Con tatto prima di recuperarla dagli scaffali mi portò a raccontare di come fossero andate le cose la sera prima.
“se volete un consiglio, parlo contro il mio interesse di venditore, aspettate ad acquistarla, fate che sia lei a desiderare qualcosa di più sexy. Provate a portarla a giocare in modo diverso. Chiamatela e chiedetele di prepararsi come ieri sera per il vostro ritorno. Che volete da lei uno streep-tease come se fosse una professionista mentre voi la fotograferete”.
Ero scettico, pensai che Mari non l’avrebbe mai fatto e per di più lasciarsi fotografare.
“io vi penserò ed immaginerò le foto di vostra moglie “
Quella frase mi procurò una perversa erezione. L’idea che un estraneo potesse pensare a Mari vestita in quel modo mi stava procurando dei brividi che riuscii a stento a celare.
Ancora più perversamente, come se avesse colto il mio stato d’animo, continuò “se l’avete portata a mostrarsi più disinibita in fondo è anche merito dei miei suggerimenti e vedrete dove la sapremo portare”
Mi fischiavano le orecchie inebriato da quelle avances invadenti e malsane. Mi limitai a sorridere.
Anche Sacha, cos’ si chiamava, sorrise e andò oltre, meglio io gli permisi di andare oltre “Ci vorrà tempo ma quando le faremo indossare quella guepière vi concederò la mia vetrina e anziché il manichino in vetrina ci faremo entrare vostra moglie”.
Non mi diede tempo di rispondergli, mi salutò e si diresse verso un altro cliente.

Uscii dal sexy shop turbato , geloso ma eccitato per quello che mi aveva detto. Guardai il manichino con la famosa guêpière. L’idea della serata poi mi faceva impazzire. Mandai un sms a Mari avvisandola che sarei tornato dopo cena e chiedendole cosa fare. Non ricevetti risposta,e pensai che tutto fosse finito in buca. Per questo la sorpresa a casa fu ancor più eccitante.
Mari mi aspettava non solo con indosso la sottoveste e le calze nere ma con un trucco più marcato del solito. Accesi lo stereo, abbassai le luci, iniziai a stringerla assaporando la sua eccitazione. Le chiesi di aspettarmi e tornai da lei con la macchina fotografica.

Le scattai una foto improvvisamente. Mari si fece seria “mi vergogno a lasciarmi fotografare vestita in questo modo”
Una considerazione che mi sembrava inutile, geloso com’ero la volevo solo per me, eppure non potei fare a meno di pensare a Sacha e cosa avrebbe detto vedendola.
“Non le vedrà mai nessuno” e ne scattai altre due
Ma l’idea di mostrarle a Sacha crebbe dentro di me.
“Smettila, pensa se le vedesse qualcuno” fu la sua flebile opposizione.
Ovviamente non mi feci convincere e continuai a scattarne altre avanzando delle richieste e pensai alle parole di Sacha.
“Immagina se ti vedessero i tuoi colleghi, o qualcuno dei tuoi clienti, come quel rumeno che non hai voluto difendere per sfruttamento della prostituzione”.
Mari non fiatò. “Dai sollevati l’orlo della sottoveste,immagina che ti vedano così sexy”
Sacha aveva ragione. Mari timidamente alzò l’orlo della sottoveste “prometti che non le farai vedere a nessuno”
Ora non mi sarei più fermato. Niente di stravolgente ma sensuale nella sua tenuta. Si lasciò andare e iniziammo a vagare per tutta la casa alla ricerca di angoli suggestivi per farla posare. La adulavo mentre lei si lasciava coinvolgere nel gioco della spogliarellista Scivolò la spallina della sottoveste, lasciandole un seno scoperto, cercò di coprirsi la fermai dicendole che era troppo sexy. Per risposta sollevò l’orlo mostrandosi con le cosce nude e la pelle delle gambe velate dalle calze nere. Il gioco era riuscito alla perfezione . Le foto uno spettacolo. Mari era completamente calata nel ruolo. La abbracciai baciandola sul collo e spingendola contro il muro vicino alla porta di casa. Lei mi rivolse ancora quella domanda sciocca di prometterle di non mostrarle mai a nessuno. Quella sua paura finiva per eccitarmi ancora di più e così le dissi che avevo invitato colleghi e quel rumeno e che la stavano aspettando fuori sul pianerottolo.
Viviamo in una casa di quattro appartamenti e noi siamo al quarto piano. Aprii la porta di casa che dava sul pianerottolo. Lei si scostò mi disse se fossi impazzito. Richiusi la porta e mi resi conto che forse avevo esagerato. Eppure mi sembrava che la cosa la eccitasse parecchio. Ripresi ad accarezzarla. Mi venne un’idea folle ma forse sufficiente a vincere le sue reticenze. Recuperai un suo foulard. Autoritariamente le dissi di lasciarsi bendare. Mi implorò dicendomi che essere bendata le faceva paura; senza aggiungere altro le passai la benda sugli occhi.
Si toccò la benda, ma non la rimosse “mi fa paura” ripetè ma non si oppose.
Ripresi a fotografarla, la conducevo in giro per la casa e non solo si lasciava fotografare in pose che lei poteva solo immaginare ma che io trovavo indecenti, al limite della rivista hard. Volevo solo capire quanto una situazione estrema la potesse eccitare. “Non volevi ma adesso sei sul pianerottolo fuori dalla porta di casa, non te ne eri accorta?”le sussurrai per rendere ancora più vera la situazione “ti stanno vedendo tutti”.
“rientriamo ti prego, se arriva qualcuno?”
“Prima però ti sollevi la sottoveste e ti lasci guardare il culo”. Era quasi un ordine ma lei iniziò a sollevare lentamente la sottoveste. Era quindi disposta a farlo, non poteva di certo sapere se fossimo in casa o sul pianerottolo, e allora perché non farlo per davvero.
La fermai, le dissi di fermarsi un momento ed in silenzio aprii la porta di casa. Questa volta la condussi veramente sul pianerottolo. La stavo guidando dove volevo e mi eccitava molto l’idea di fotografarla nuda li fuori.”adesso sfilati la sottoveste” le chiesi sottovoce. Abbassò una spallina e poi l’altra lasciandosi scivolare la sottoveste. La tempestavo di foto.
“anche il perizoma.”
“ma resto nuda” fu la sua ingenua risposta.
“e allora, sono foto di nudo queste” le risposi banalmente “ e poi questa gente è venuta apposta per ammirarti” La guardavo mentre si faceva srotolare il perizoma lungo i fianchi e alla fine Mari restò nuda sul pianerottolo.
“Sacha guarda dove sono arrivato” mi dissi mentalmente come se l’uomo del sexy shop fosse realmente davanti a me.Ero eccitatissimo.
Smisi di fotografarla ed iniziai a palpeggiarla selvaggiamente nell’angolo dell’ascensore. La frugavo in ogni angolo. La sua voglia stava aumentando. Mi spostai ancora. Le accarezzai il sesso e non mi stupii di sentirla eccitata Con un movimento incontrollato schiacciai il pulsante dell’ascensore. Mari cercò di divincolarsi, la trattenetti.
“smettila sta arrivando qualcuno”. La azzittii “ non parlare ci potrebbero sentire”.
“ma, ma sei matto” . L’ascensore si fermò e si aprì davanti a noi. Mari si strappò la benda.
Le spiegai che avevo schiacciato per sbaglio l’interruttore e che comunque già era tardi e non ci sarebbe stato in giro nessuno, conoscendo le abitudini dei nostri condomini .
Si divincolò e corse in casa.
Quando la raggiunsi lei era chiusa in bagno. La sentii mentre faceva una doccia ed uscì avvolta nell’accappatoio. Chiuse la serata semplicemente con “Non ti sembra di esserti spinto troppo in là. Mi hai agitato troppo, voglio andare a dormire”.

Nei giorni seguenti non parlammo più della serata ed il tema delle foto sexy sembrava essere divenuto un tabù intoccabile. Anche i rapporti sessuali si raffreddarono e innegabilmente cresceva anche una certa tensione con una facilità estrema al litigio.
Forse avrei dovuto riprovare a parlarne apertamente ma il suo atteggiamento era sempre quello di scantonare il discorso. Sarebbe stato meglio se tutto fosse finito li.

Venerdì 8

Rientrai nel sexy shop, forse per cercare una nuova ispirazione o forse per sfogarmi con il proprietario. Mi riconobbe e mi tempestò di domande. Restò incredulo della reazione ma di una cosa si disse certo e cioè che Mari in fondo si fosse eccitata e che la sua reazione fosse solo un tentativo di proteggere la sua immagine.
“prova pensare che forse la sua paura era quella di passare per una moglie poco seria, di , permettimi – mi guardò ambiguamente – …di darti l’immagine della puttana”

Sacha con quel modo diretto di dire, anziché crearmi fastidio mi aveva creato una perversa e malsana curiosità che mi eccitava . Non aggiunse altro e forse sarebbe stato meglio se me ne fossi stato in silenzio e me ne fossi tornato a casa. Aggiunsi invece la cosa più sciocca che mi venne in testa e che , come pensavo, avrebbe dovuto spingerlo a non fermarsi
“ e allora …?”
“ma , ci dovrei pensare…. “ la sua fu una risposta interlocutoria che scatenò ancora di più la mia eccitazione.
“Farei qualunque cosa per poterla rivedere come quella sera, così ……..” mi fermai consapevole di quello che stavo per dire ad un estraneo di mia moglie. Ma Sacha prese la palla al balzo.
“A te piacerebbe vederla sempre più porca e sempre più puttana, ma anche lei si è eccitata e credo che farsi trattare da puttana la ecciti tantissimo, per svelarsi si deve solo togliere la maschera di brava mogliettina è questo che la limita”
“ma cosa potrei fare?” gli chiesi senza più pudore.
La sua risposta fu ancora di più misteriosa. Infatti secondo lui non sarei riuscito a fare gran che per convincerla “Ti è scappata quella sera non credo tu la possa far tornare indietro, a meno che… si, in fondo potrebbe essere facile ma poi …le conseguenze quali sarebbero? È anche vero che mi sembra ben disposta ma .. chi lo potrebbe dire se ricattandola per esempio”
“Ricattandola? E come? Ma non mi sembra corretto” domandai perplesso.
“Quello che aspetta tua moglie è solo avere una scusa per non fermarsi ed essere ancora l’oca bianca ai tuoi occhi , costretta a sacrificarsi per salvaguardare la sua immagine”
Sacha mi espose la sua idea. Gli avrei dovuto passare la mail di Mari e ci avrebbe pensato lui ad obbligarla a lasciarsi fotografare da me in pose sempre più spinte. Ma quale sarebbe stata l’arma del suo ricatto?
Sacha sorrise.

Sempre con un sorriso sarcastico Sacha mi chiese cosa mi avesse attizzato maggiormente in quella sera. Gli risposi che la trovavo eccitante vederla vestita in quel modo .
“Solo questo?”. Davvero una bella domanda e senza lasciarmi rispondere completò lui il resto:
“credo invece che ti sia piaciuto vederla fuori dalla porta di casa come non sarebbe mai uscita e magari in una discoteca o ad una festa vestita con abiti estremamente succinti”.
Così mi lasciai andare e aggiunsi con vergogna “ sapere che altri la potessero vedere discinta mi ha eccitato, la immaginavo davanti ai suoi colleghi, i suoi clienti più squallidi come un pappone e…. – vinsi l’ulteriore mia riserva – ho pensato che ci fossi li pure tu”
Sacha finse di non dare molto peso a quella mia affermazione , mi raccontò come molti dei suoi clienti si aspettavano questo dalle loro donne che partivano estremamente riservate ma in poco tempo tiravano fuori una dose di esibizionismo inaspettata. Certo il suo discorso sembrava sensuale ma intanto Mari non aveva più voluto continuare. L’idea di Sacha era proprio quella di trovarle una scusa per lasciarsi andare senza inibizioni. “Se fosse costretta a fare altre foto ancora più eccitanti avrebbe un alibi nei tuoi confronti e non sentirebbe più quel senso di colpa”.
Restai a sentire la sua proposta: avrei dovuto inscenare che il dischetto delle foto ci fosse stato rubato. Si, ma chi e quando? Mi stavo lasciando prendere da quel folle progetto. Chi aveva libero accesso da noi era solo la nostra cameriera , Sharifa, una ragazza di colore che avevamo assunto da poco. Ma come rendere il tutto credibile?
“Tu mi dai la mail di tua moglie, io le scrivo ed aspetta fiducioso , sarà lei a chiederti di continuare a farle delle foto, non potendo fare diversamente”.
Mi stavo facendo convincere, anzi mi attirava enormemente quella messa in scena.
Accettando gli passai la mail di Mari.
Sacha andò però oltre chiedendomi alcune foto che avevo scattato a Mari. Ok su tutto ma mi sembrava una richiesta eccessiva.
“Se non le invio la prova che posseggo le foto come potrei convincerla?”.
No , non mi sembrava una buona idea e forse non lo era. Così decisi di lasciar perdere. Sacha non insistette “volevo solo aiutarvi, capisco la vostra riservatezza ma ti garantisco che io sarei come voi, comunque se cambiate idea sapete dove trovarmi”.
Così uscii dal negozio con quel dubbio, lo faccio o no?mi fido o no?

Già il dubbio era forte, il rischio grande
Cosa fare?

Questo racconto è stato letto 930 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: