LA SUPERTARDONA! by strapps [Vietato ai minori]




LA SUPERTARDONA! di strapps New!

Mi ero trovato un lavoro notturno sulla tangenziale est, giusto alla fine della periferia. Si trattava di una stazione di benzina della E., fare gasolio ai camion, mettere benzina alle auto, vendere qualche prodotto dello shop. 100 euro a notte, in nero. Ero divorziato e avevo una bimba alla quale passare gli alimenti, vivevo a casa di mia madre dove ero tornato dopo il matrimonio. Quei soldi mi servivano e non mi tiravo indietro. In estate il caldo e le zanzare ti stremavano. In inverno un vento ghiaccio sferzava sempre dai monti e si moriva di freddo. Proprio una di quelle notti di febbraio, un’auto – una vecchia Uno Fiat rigata in più punti e con la vernice a pezzi, si fermò a fare rifornimento. Ero solo, scese una donna sulla sessantina, un pelliccia lunga color azzurro pallido, un vestito giallo sotto, alti tacchi. Il volto era un campo di battaglia. Rughe e cascaggini ovunque, le gote cadevano, le labbra erano gonfie, il collo molle. Però era ben curata, ben truccata e profumava di roba costosa. Un camionista se ne uscì con un fischio e un urlo: “Ecco la Supertardona!!” lei fece una smorfia di disgusto e tirò dritto verso di me. “Cafone!” disse.
“Lasci perdere, Signora…commenti da beceri…” dissi. “Cosa le serve?”
“Grazie. Il pieno…lei è gentile…non si trovano più ragazzi gentili adesso…tutti cafoni..e volgari…”
“Grazie” iniziai a riempire il serbatoio per non ascoltare la sua filippica contro la gioventù di oggi. Ma lei proseguì in altro modo: “…ed è anche un bel ragazzo…lo sa?”
“oh..via…”
“Sì, un bel ragazzone…” e mi fece l’occhiolino. Io rimasi basito, il camionista mi fece cenno che potevo scoparmela quella lì, mimando una fellazio con la mano e la bocca piena della sua lingua. Non ci pensavo nemmeno! Era una vecchia! Una supertardona….
“Senti, morettino…perchè una di queste sere non passi al Cherrys?”
“Cosa?”
“Sto andando lì stasera, con le mie amiche, siamo tutte donne allegre che amano solo divertirsi….Cherrys a un paio di kilometri da qui, sulla via G., conosci?”
“…mai sentito…”
“Pensaci morettino…mi trovi lì il sabato sera e il mercoledì…”
“…ehm…grazie….ma…”
“Non fare il timido…ti aspetto….”
sorrisi imbarazzato. Il camionista rideva sguaiato. “…sono 30 euro…signora, come ti chiami?”
“Franca….tieni…sono 50 tieni il resto…”
“…oh….no, sono troppe…no…ahm”
Lei mi lasciò la banconota e risalì in auto sgommando via.
Che storia! Da raccontare.
Mi dimenticai di Franca. Avevo altre beghe e l’inverno non passava. Sesso? Manco a parlarne, non chiavavo da mesi. Una notte mi ero fatto fare un pompino da un travestito. L’avevo rimorchiato in un bar. Quando salì in auto il suo profumo dolcissimo come una cappa invase l’abitacolo e mi dette la nausa. Mi mise il preservativo e prese a succhiarmelo. Era bravo e ci sapeva fare soprattutto con la lingua, ma non ero molto eccitato. Mi chiese di mettere la mia mano sopra il suo orecchio destro. Aveva orecchie piuttosto grandi sotto una parrucca gialla. E di stringere forte l’orecchio. Lo feci. Lui si eccitò e riprese a leccarmi il cazzo. Io strinsi l’orecchio forte, lui gemette, ma ero stanco e nauseato. Venni nel preservativo e riportati il tipo al bar. Aveva un orecchio in fiamme, rosso come il fuoco.
Una sera appena avevo preso servizio arrivò Franca. “E’ mercoledì, vado al Cherrys, ci vediamo dopo?” mi fece. Era vestita come la volta prima ma sotto la pelliccetta blu aveva un vestito rosso e tacchi alti rossi.
“Salve…il pieno?”
“Sì e una bottiglia d’acqua. Allora vieni?”
“Insistente…”
“Dai morettino….cosa fai qui?”
“…lavoro…”
“Divertiti. La vita è breve. Goditela..” disse dall’alto dei suoi sessantanni. Mi fece ancora l’occhiolino e poi insistè che prendessi la solita mancia esagerata. Poi andò via, invitandomi al dancing. Sorrisi e tornai dentro. Era una serata loffia. Mi annoiavo e il freddo era pungente. Pensai a Franca, che tipa! Una vera supertardona!”
dopo un’ora si era fermato solo un grosso camion con rimorchio e il tipo voleva solo del caffè! Che roba….
così pensai che per quella sera potevo anche chiuderla lì e fare un salto al dancing! Certo il capo avrebbe potuto dirmi che ero andato via chiudendo la pompa, ma potevo usare la scusa della fabbre! In due anni che stavo in quel posto non mi ero mai ammalato o saltato un giorno! Ci stava, una febbre a fine inverno!
Non indugiai più, mi detti una sciaquata in bagno. Mi cambiai i vestiti, mi improfumai un poco e andai alla caccia del Cherrys.
Non fu facile trovarlo, era in fondo ad una zona di capannoni, proprio dove inizia al strada sterrata. Girai a vuoto per 40 minuti prima di individuarlo. Il dancing era uno stanzone mal addobbato, ampio, pieno di salottini comodi e una grossa pista da ballo. L’ entrata costava 3,50: non facevano selezione…la musica era alta. Brasilero, robe così. Il posto però era pieno di gente per un mercoledì sera! Dovetti girovagare un poco per beccare la Franca. Al buio vedevo solo donne e uomini e figure. Fu lei ad intercettarmi! “Ehi moretto..sei venuto finalmente! Vieni! Siedito con noi!” erano 5 donne, sulla 50/60, tutte grossotte, eccetto una, una biondazza con un elegante vestito scuro, che era secca come un chido. “Salve a tutti! Sono R….piaceri di conoscervi.” i presentai. Anche loro dissero i nomi ma li scordai subito. “Avanti, siedi con noi! Ordiniamo spumante ragazze?” disse Franca e così fecero. Mi sedetti fra due donne, Franca e una tipa con grosse mammelle quasi di fuori e una faccia da capo indiano. “che bel morettino abbiamo qui…” disse la tipa. Presero a toccarmi i capelli e il viso, a turno, come fossi una reliquia. Mani sul volto, i capelli, il naso. All’inzio le fermavo, ero infastidito, ma poi fu divertente. Arrivò la bottiglia. Brindammo e finimmo la bottiglia in un attimo. “vuoi qualcosa di più forte? Baby?” fece la tipa secca. “Sì, un gintonic magari?” fece un’ altra sempre ben messa, tarchiata. Annuii e subito mi arrivò un bel gin forte. “Sei nostro ospite..morettino…” fece Franca. Iniziai a bere prima un gin, poi due, poi tre, pagavano tutto loro, bevevana spumante e parlavano fra loro o con me. Ma io ero troppo rintronato e ubriaco per capire qualcosa. Mi toccavano il corpo e la faccia, i capelli. Parlavano fra loro, ridevano, bevevano e mi sorridevano. Poi mi ritrovai a baciare Franca, la supertardona. Una limonata seria, dura. Quindi fu la volta dell’amica seduta a fianco. Lingua con lingua, il suo fiato puzzava di vecchia, ma era divertente. La secca mi toccava il pacco, un altra mi massaggiava i capelli. Limonavo con Franca e l’amica. Poi bevvi ancora e pomiciai con tutte e cinque le donne, passavo da una bocca all’altra, fiati pesanti, di alcool, ma il cazzo mi si fece di marmo e la secca prese a segarmi.
Non so cosa avvenne dopo. Bevvi ancora caddi in preda ai deliri del gin! Credo di aver ballato in pista con tutte loro e anche con altre tardone. Credo di aver baciato e pomiciato con almeno 7 tardone quella notte e di sicura una di loro, forse la secca mi aveva fatto un pompino in bagno perché avevo tracce di sperma sui pantaloni.
A casa mi riportò Franca e un’amica, mi trascinarono fino a letto e mi spogliarono, poi se ne andarono. Al mattino, mentre bevevo caffè con un malditesta feroce, trovai un biglietto sotto le chiavi della mia auto, che, per inciso di certo non avevo guidato all’uscita dal Cherrys. Il biglietto era il numero di cellulare di Franca e assieme ad esso 50 euro! Forse erano per la prestazione di ieri sera.
Dopo colazione decisi di chiamare il capo e dire che ero malato. Che avevo dovuto chiudere perché avevo la febbre alta. Quello si incazzò, ma poi capì la situazione e mi disse di non tornare fino a lunedì, che non ero mai mancato prima..e che ero uno a posto, meglio del senegalese che aveva prima che gli aveva combinato solo guai.
Mi feci altro caffè e poi chiamai la supertardona. Rispose subito e mi scusai per come mi ero ridotto ieri notte.
“Non ti preoccupare playboy, sei stato simpatico e allegro, sei piaciuto a tutte le mie amiche. La Meri ti adora, la Sandra ti sposerebbe e…”
“Ok, ho capito, ma grazie di tutto io mi tiro fuori…”
“Ma che dici baby? Sei un campione! Sabato al dancing?”
“Non ci penso proprio!” annunciai.
Ma il mercoledì dopo ero di nuovo lì. Avevo telefonato al capo dicendo che dovevo portare la bimba dai nonni a T. e che non potevo. Lui capì, ma disse di non allargarmi troppo. Che si fottesse! Al Cherry Franca e le altre mi accolsero come una star. Mi offrirono da bere e da ballare. Dopo l’inzio tirato, mi scladai un poco, bevvi due gin e mi misi a ballare con Sandra la tettona tozza. Dopo un’oretta ero un po’ brillo e baciavo le mie dame in mezzo alla pista.

Questo racconto è stato letto 359 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: