La prima volta con Davide




Premessa: racconto di fantasia. Un caro amico mi ha dato uno spunto e chiesto di immaginare la situazione. Mauro… spero di aver soddisfatto la tua fantasia.

Mi chiamo Mauro, ho 50 anni ed una vita felice, soprattutto sotto il profilo sessuale. 25 anni fa ho sposato Ginevra. Allora 19enne, era giovane ed inesperta. Le ho insegnato molte cose sull’amore ed ora è un’amante fantastica sempre pronta a nuove sperimentazioni. Dal nostro matrimonio e nato Davide, oggi 20enne. 1metro e 85 di ragazzone, moro con gli azzurri di Ginevra… Un vanto per noi genitori.
Qualche sera fa, mentre io e Ginevra eravamo nell’intimità della nostra camera da letto a scopare, abbiamo sentito Davide rincasare. Lei mi ha detto di fermarmi per non farsi sentire da lui. Io invece non avevo alcuna intenzione di estrarre il cazzo dalla sua figa deliziosa
“Dai Ginevra… continua a scopare… figurati se ci sente”
“Ma no Mauro dai… fermati”
Ma io ho insistito a penetrarle la figa con più vigore e lei ha ricominciato ad ansimare chiedendomi di non smettere. Dopo averle soddisfatto per bene la figa ho pensato che era ora di soddisfare anche il suo bel culetto. So che le piace molto prenderlo dietro e mi fa impazzire quando si sgrilletta mentre le penetro il culo. Anche quella sera andò così. Era sdraiata sopra di me, dandomi la schiena. Io la vedevo riflessa nello specchio dell’armadio che abbiamo davanti al letto. Le sue cosce spalancate, la mano che sfregava il clitoride e il mio cazzo che spariva ritmicamente nel suo culo.
In preda a quell’eccitazione le ho detto:
“Ti piacerebbe che un altro ti scopasse la figa mentre io ti scopo il culo?”
“Oh si… due cazzi tutti per me…”
“E se fosse Davide a scoparti?” L’idea che nostro figlio partecipasse ai nostri amplessi mi frullava nella testa da un po’ ma non avevo mai avuto il coraggio di dirlielo.
“Ma sei matto?” mi disse. Ma intanto vedevo il suo viso allo specchio che avvampava.
“Pensa tesoro… I tuoi uomini che ti scopano… cosa c’è di meglio? Davide ha un bel cazzo… e poi è giovane, sarà durissimo”
“E se non vuole scoparmi??? Sono sua madre…”
Stava iniziando a cedere
“Ginevra.. sei bellissima e sei una gran porca… come farebbe un ragazzo a resistere alla tua figa così invitante?”
Eccitata al massimo dal mio cazzo nel culo e dalla prospettiva di prenderne un altro, cominciò a gemere sempre di più… sempre più forte. Ad un certo punto lanciò un grido vero e proprio.
Nel giro di pochi secondi la porta della camera si spalancò. Il suo urlo aveva richiamato Davide che probabilmente pensò fosse successo qualcosa.
Si trovò davanti sua madre a cosce spalancate che lo prendeva nel culo… una scena epocale.
Rimase fermo sulla porta allibito.
Ginevra in preda all’orgasmo disse:
“Vieni Davide… prendimi…”
Il rigonfiamento sulla patta di Davide non lasciava dubbi. Era eccitato.
Tolse velocemente i pantaloni e i boxer e si fiondò tra le cosce di sua madre. Accarezzò quella fessura rosa e grondante e dopo un veloce leccata puntò il suo cazzo verso la figa della madre.
Lei lo prese per i fianchi tirandolo a se. Il suo cazzo sprofondò nella pancia di Ginevra per tutta la sua lunghezza. Lei emise un urlo liberatorio. Ero eccitato anche io. Penso che il mio cazzo non fosse mai stato così duro e turgido.
Io e Davide entravamo ed uscivamo da Ginevra a ritmo contrapposto e ad ogni affondo lei gemeva.
Uscii dal culo di Ginevra e la feci mette a carponi ed invitai Davide e provare il suo buchino. Lui gli si inginocchiò dietro e la penetrò nel culo con un colpo secco e profondo. Ginevra, ormai in pieno oblio, gemeva ad ogni colpo di Davide che la teneva per i fianchi. Feci in modo che potesse prendere in bocca il mio cazzo… Ginevra mi fece il più bel pompino della mia vita. Le venni in bocca copiosamente e lei, da brava porca qual è, bevve tutto il mio sperma. Mi andai a sedere sulla poltrona per godermi quella scopata tra mamma e figlio. Davide, sempre dietro di lei, le riempiva a turno figa e culo e lei gemeva ogni volta. Quando Davide su sul punto di venire la fece girare. Lei prese in mano quel grosso cazzo e lo segò tenendo la cappella in bocca. Lui le riversò in bocca una quantità di sborra impressionante e lei la bevve tutta avidamente e continuò a spompinarlo fino a quando anche l’ultima goccia fu assorbita.
Davide si alzò. Uscendo mi passò di fianco. Io alzai una mano aperta e lui battè un 5.
Ginevra era sdraiata esausta sul letto, si massaggiava la figa. Il mio cazzo stava riprendendo vigore e lei se ne accorse.
“Vieni Mauro… scopami ancora”
Mi misi sopra di lei e mentre ricominciavo a scoparla lei mi sussurrò nell’orecchio: “Grazie”

Questo racconto è stato letto 427 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: