La mia prima vacanza da Lady di coppia cuckold (3)




Ieri mentre stavo riordinando un pò di file mi sono imbattuta nel mio racconto cominciato a scrivere nel 2010. Ne pubblicai solo i primi due capitoli. Ho deciso di pubblicare anche i seguenti. Spero che quanto verrò a narrarvi sia di vostro gradimento. Piccolo consiglio, rileggete i primi due capitoli per comprendere appieno la storia da me vissuta e che sto ancora vivendo. Mary_rose Andreoli Renzi

Non dormii molto, ero eccitata per quello avvenuto e per quello che poteva ancora avvenire, appena sveglia vidi mio marito che dormiva, lo guardai e mi fece tenerezza, lo amavo per quello che faceva e aveva fatto per me, volevo dargli un bacio ma non volli svegliarlo. Mi resi conto che andare a dormire ancora sporca non era stata una buona idea igienica. Andai a farmi una doccia, sentivo ancora l’odore di Giorgio addosso, sentivo ancora la sua voce e i suoi gemiti che mi risuonavano dentro, non volevo toglierlo ma era necessario, finita la doccia misi un costumino, come quello del giorno prima, ma stavolta era bianco e dietro aveva un filettino di nylon e sapevo che appena dentro l’acqua si sarebbe visto tutto, non vedevo l’ora di fare un bagno. Presi il pareo, misi una polo, infradito e via a prendere la navetta per la spiaggia, non prima di lasciare un biglietto a mio marito avvisandolo che andavo a mare senza menzionare quel che era accaduto poco prima. Arrivata in spiaggia iniziai a guardarmi intorno in maniera un po’ frenetica, con la speranza di vedere Giorgio, ma si fece sotto un’altro animatore che il giorno prima era stato con noi in piscina a chiacchierare e domandai a lui, ma rispose che stava organizzando un torneo, le solite stronzate e aggiunse, “beh poi chissà come è stanco, stanotte non è nemmeno rientrato a dormire”, divenni rossa, non sapevo che dire e come comportarmi, “poi quando l’ho rivisto stamattina, mi ha detto che una certa … “signora” e suo marito sono stati molto gentili con lui, d’altronde si vedeva da ieri sera che te lo volevi fare dai, gli avevi messo figa e tette in faccia, pur stando davanti a tuo marito”. Volevo prendere Giorgio e strangolarlo, erano passate soltanto poche ore e già aveva spifferato a tutto il villaggio la nostra scopata. Tutti sapevano che ero un facile, una troia a disposizione di chiunque mi avesse voluto. L’animatore continuava a chiacchierare ma io quasi non lo ascoltavo, ero arrabbiatissima, lui se ne accorse e disse: “vabbè dai non hai fatto nulla di strano, vi siete semplicemente divertiti, solo che mi chiedo quand’è che farai divertire anche me?” ed allungò una mano sul mio seno, in una maniera così naturale, come se fossi sua. Mentre mi palpava il seno, pensavo a tutt’altro, che quasi non mi accorsi di quello che stava facendo, solo quando mi resi conto di ciò, tolsi la sua mano dal seno e con un modo molto brusco lo mandai affanculo. Lui stizzito voltò le spalle disse qualcosa e se ne andò. Ero nervosa, confusa e mi sentivo umiliata. Posai il telo e mi misi a prendere il sole, ripensando a tutto quello che avevamo fatto. Non so quanto tempo passò, ma all’improvviso sentii una voce che mi chiamava, mi voltai, era mio marito, che stava dicendo che lo avrei potuto svegliare per scendere in spiaggia insieme, non gli risposi nemmeno, mi voltai e mi rimisi a prendere il sole. Preoccupato mi chiese cosa fosse successo e gli raccontai quel che era successo con l’animatore poco prima. La sua risposta mi lasciò di stucco, non avrei mai pensato che avesse reagito in quel modo, anzi pensavo che si incazzasse, invece disse: “beh cosa ti aspettavi, sei in un villaggio turistico e lo sai che gli animatori fanno la gara a chi si scopa più donne e le considerano tutte come puttane, specie in questo villaggio”. Non sapevo che rispondergli, ero di sasso e lui continuò dicendomi che sulla navetta c’erano degli animatori che lo guardavano e ridevano e a lui non diede per nulla fastidio, anzi lo eccitava quella situazione e concludendo aggiunse: “del resto ci stiamo divertendo e in definitiva chi li conosce a tutti questi, chi li rivedrà più, usiamoli per il nostro divertigodimento”. A quelle parole capii la vera intenzione di mio marito, non si accontentava di quella nottata, voleva l’intera settimana, pensai che d’altronde io avevo solo da guadagnarci, lo guardai sorridendo e gli diedi un bacio in bocca, molto lungo e profondo. Mentre stava sistemando il suo telo mi chiese del costumino, al contrario del giorno prima stavolta mi stava riempiendo di complimenti, gli piaceva e allora gli dissi: “ora ti faccio vedere.” Mi alzai e andai in acqua per bagnarmi, tornai subitissimo sculettando e di fatto il costumino rispose alla grande alle mie aspettative, si vedeva quasi tutto. A quella visione, la risposta di mio marito fu lapidaria: “stupendo!!!” Mi guardò e mi disse: “puoi fare tutto quello che vuoi, l’importante è che poi mi racconti, ma intendo davvero tutto.” Lo guardai negli occhi e risposi con un semplice ma significativo “OK”. Mentre prendevamo il sole si riavvicinò di nuovo l’animatore col quale avevo avuto il diverbio e quasi mi dispiacque, alla luce di quanto concordato con stefano. Si accostò e salutò vigliaccamente solo mio marito che appena lo vide lo salutò come se fosse un vecchio amico, si misero a chiacchierare. Disse che stava in pausa pranzo e che al bar facevano degli ottimi panini e che se volevamo ci accompagnava lui. In effetti un leggero languorino ce l’avevo anch’io ed anche mio marito aveva fame dato che non avevamo fatto colazione. stefano disse di si a nome di entrambi. Arrivati al bar prendemmo due panini e due birre e li mangiammo sotto dei gazebo adibiti proprio al bivacco, erano tutt’altro che buoni anzi tanto che lo lasciai a metà. Non so quanto tempo rimanemmo lì, ci mettemmo a parlare di tutto e l’animatore, Pino, si era rivelato molto simpatico, carino ed educato, anche se spesso, ma molto spesso si lasciava andare a complimenti un po’ pesanti sul mio seno e sul mio costumino, che lascia pochissimo spazio all’immaginazione. Mio marito annuiva e rideva, fin quando l’animatore non chiese se avessi il seno rifatto, gli risposi quasi offesa che era tutto naturale ed anche mio marito lo rassicurò. Pino disse che era stupendo, soprattutto per una donna della mia età e continuò a dire che non ci credeva. Capite le sue intenzioni, presi la palla al balzo, un po’ per scusarmi di prima ed un po’ per stupirlo, lo invitai a toccare. Lui dapprima guardò me, poi mio marito che con un ghigno annuì e infine mise una mano sul mio seno, stringendolo e toccando il capezzolo oramai turgido, si fermò lasciando la mano a coppa sul seno e disse che avevamo ragione, era naturale. Continuammo a chiacchierare un altro po’. Mi venne fame e gli dissi che quel panino non era un gran che, era secco e poi io preferivo la salsiccia, a quelle parole lui subito aggiunse: “si vede che sei una vera intenditrice e che ti piace il buono”.
Dicendo ciò si avvicinò di più a me e mise con autorità una mano sulla coscia, mio marito era fuori discorso, come la sera prima in piscina non era più preso in considerazione, per me non esisteva altro che Pino in quel momento, non so cosa mi stesse prendendo, ma sentirmi palpare il seno, quei discorsi un po’ troppo spinti mi stavano facendo venire un altro tipo di languorino, ma soprattutto il languorino me lo stava facendo venire quel pacco che aveva fra le cosce e che senza il minimo imbarazzo da parte sua cresceva a vista d’occhio. All’improvviso mio marito si alzò e disse che andava a prendere una birra, dopo seppi che lo aveva fatto per me, per mettermi a mio agio. Appena si allontanò, Pino allungò la mano sulla mia fica e disse: “allora è vero che sei una Puttana e tuo marito un gran pezzo di cornuto, perché prima hai fatto tanto la verginella?” Rimasi di stucco, bloccata da tanta sfrontatezza, imbarazzata non seppi cosa rispondere, mi limitai solo ad aprire le cosce ed a farlo godere della mia fica. La cosa mi parve molto naturale. All’improvviso si alzò, mi prese per mano e mi portò in una cabina dove c’erano le attrezzature da spiaggia, mentre ci incamminavamo pensavo a mio marito e a cosa avesse pensato se non ci avesse trovati più sotto il gazebo, ma poi mi vennero in mente le sue parole “puoi fare quello che vuoi”, e senza più pensarci entrai nella cabina. Pino non si rivelò un grande amatore, semplicemente un gran porco ed abbastanza egoista. Appena entrati si limitò a dire: “puttana girati che ti scopo.” Che tristezza, senza preliminari senza un minimo di gentilezza. Ormai ero li, ma anch’io volevo scopare e a quel punto chi si accontenta gode. Mi voltai contro una pila di sdraio e mi misi a 90 gradi, lui ormai nudo e col cazzo in tiro stava per entrarmi, quando lo fermai e dissi: “il preservativo, devi mettere il preservativo.” Il giorno prima l’avevo fatto senza preservativo, avevo fatto di tutto, ma a differenza di Giorgio, Pino lo vedevo diversamente, come un vero estraneo. Lui subito rispose: “mignotta, dove lo prendo il preservativo.” Lo guardai in faccia decisa e dissi: “tranquillo ce l’ho io in borsetta.” Santa la mia borsetta, ce l’ho sempre appresso e fra protezioni, oli abbronzanti, rossetto e cose del genere presi un preservativo, mi inginocchiai davanti a lui, lo scartai e glielo infilai. Proprio come fanno le troia da strada. Non era come Giorgio, non l’aveva come lui, il suo era un cazzo normale, però era pur sempre un cazzo ritto, duro e pronto a scoparmi. Mi girò con foga mi mise contro le sedie e iniziò a stantuffarmi e a dirmi cose di tutti i generi, quasi tutti in dialetto pugliese, per me incomprensibile. Non durò molto, non fu bellissimo anzi nemmeno bello, non vedevo l’ora che finisse, si rivelò solo un porco che si scopa la puttana di turno, la mogliettina arrapata capitata nel suo villaggio e fra le sue grinfie. Appena ebbe finito, si tolse il preservativo, lo buttò nel cestino mi guardò e disse la solita frase, da evitare sempre: “ti è piaciuto vero?” Volevo mettermi a ridere e mentre mettevo il mio costumino lo guardai e annuii per non mortificarlo e lui insistette tronfio di se: “mai nessuna è uscita delusa da questa cabina e credimi ne ho scopate tante qui, tante mogliettine come te, pudiche con i mariti e porche nell’intimità con uno stallone.” Non sapevo che rispondergli, non sapevo come comportarmi, stavo per scoppiagli a ridere in faccia quando fu lui a fare il primo passo dicendo che s’era fatto tardi e la sua pausa era durata pure troppo. Finalmente se ne andò. Poi uscii, mentre m’incamminavo verso la spiaggia sentii chiamarmi, era Giorgio. Appena lo vidi sentii un fremito salirmi per la schiena, mi sentii come una ragazzina davanti al suo primo amore. Non era solo, stava con un altro animatore, mi venne incontro e mi diede un bacio sulle guance attirandomi a lui con le sue mani appoggiate alle mie natiche. Voleva rimarcare davanti al suo amico che ero sua. Disse subito a voce alta: “ho incontrato Pino.” Lo bloccai dicendo: “ok ok ho capito, certo che in questo villaggio le cose vengono riferite subito, lo stesso hai fatto anche tu.” All’inizio non disse nulla, poi però con un sorrisino disse: “vabbè che ti aspettavi dai, mica ti sarai incazzata? Sei o non sei una Troia?” Il sogno della ragazzina si era infranto a quelle parole e presi piena coscienza del mio nuovo stato di Puttana, disponibile con tutti. “No figurati nessun problema.” Risposi con tono neutro. All’improvviso l’altro animatore si allontanò e Giorgio mi accompagnò sotto il mio ombrellone, gli dissi che quel Pino tutto sommato non era un granché, anzi mi era sembrato anche un po’ ridicolo. Lui scoppiò in una risata e mi mise una mano sulla spalla come un fidanzatino. Arrivati sotto l’ombrellone salutò stefano, scambiarono qualche battutina e inevitabilmente il discorso finì su quanto era accaduto la sera precedente. Prima che se ne andasse, Giorgio ammise che la scopata più bella fu quella della mattina, con il cornuto sul letto che dormiva. Mio marito diventò nero in volto, si voltò verso di me e appena Giorgio si fu allontanato mi chiese con aria incazzata a cosa alludesse. Avevo proprio dimenticato di dirgli quanto accaduto, non lo feci per cattiveria, ma proprio perché gli eventi così rapidi mi avevano impedito di farlo. Lui insisteva sul fatto che mi aveva dato carta bianca, ma ad una sola condizione ed io non l’avevo rispettata, mi guardò furente e disse che dovevamo andare. Abbassai lo sguardo come un cane bastonato, e lo seguii come una cagna sottomessa. Per tutta la strada non proferimmo parola, ma appena arrivati in camera gli raccontai tutto, dalla leccata al cazzo moscio, alla scopata con lui accanto, al fatto che ero andata a dormire accanto a lui ancora sporca di sborra. Il perdono arrivò quasi subito, ma con una sola raccomandazione e cioè che se fosse risuccesso ce ne saremmo andati e addio vacanza. Con lo sguardo basso annuii. Quelle mie parole avevano fatto salire in lui l’eccitazione, mi prese, ci lanciammo sul letto, mi strappo lo slippino e facemmo l’amore come se fosse stata la prima volta, intenso, stupendo, mitico, non mi scopava così da un bel po’, mi eccitai come una matta e mentre scopavamo gli raccontai della scopata fatta con Pino nella cabina attrezzi, e ad ogni mia parola sentivo l’intensità della scopata aumentare, ero del tutta presa da quella scopata, ero inghiottita in un turbinio di passione, fin quando non arrivai urlando come una pazza e contemporaneamente arrivò anche lui dentro di me. Fu una bellissima scopata, non mi scopava così da una vita, avevo provato emozioni che non ricordavo e che nemmeno le più belle scopate fatte con gli amici e i colleghi mi avevano mai dato.
Avevo rifatto l’Amore con mio marito dopo moltissimo tempo. Sensazione unica!
Dopo un riposino facemmo una doccia e nuovamente l’Amore sotto lo scroscio d’acqua, fu meno intenso di prima, ma comunque fu una bellissima esperienza, e stavolta volle scoparmi il culo. Entrò facilmente tanto Giorgio mi aveva usata. Non durò moltissimo, ma mi piacque ugualmente, fu bellissimo soprattutto sentirmi sborrata dentro, prima in fica e poi nel culo. Fatta la doccia, decidemmo di andare fuori dal villaggio, in qualche ristorantino della zona per cenare e passare un po’ di tempo assieme.

Questo racconto è stato letto 6212 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: