La cugina, non immaginavo




Non c’è cosa più divina che scoparsi la cugina.Già, è proprio così, chissà quante volte è stata pronunciata questa frase. Perché in effetti i primi sogni di ognuno di noi pensando all’amore, o meglio al sesso è di farlo con un familiare, prima fra tutti la mamma, ma anche la sorella o una zia, sono entrate nella nostra fantasia di ragazzo, desiderando di averle almeno una volta, masturbandoci al solo pensiero. Per quanto mi riguarda, io il mio rapporto incestuoso l’ho avuto, ed è stato fantastico.Tutto è successo al mare con mia cugina Simona.

Ha 18 anni ed è bellissima e mentre ci divertivamo a fare le capriole nell’acqua io ne approfittavo per tastarle le natiche e il seno, lei addirittura mostrava di gradire quelle palpeggiate, dato che a un certo punto volle uscire dall’acqua per andarci a stendere, ma invece di andare verso gli asciugamani, mi portò in una rada vicino a degli scogli levigati dal mare e distendendosi disse:
– Sdraiati qua, senti come sono roventi questi scogli, ci asciugheremo in un istante!
Mi sdraiai quindi al suo fianco, restando affascinato dal suo corpo, era bellissima, le gocce d’acqua la facevano brillare sotto i riflessi del sole.
– Lo sai che sei bellissima!, le dissi.
– Grazie!
– Hai una pelle così liscia. Senti posso accarezzarti?! aggiunsi senza timore.
– Certo, fai pure! Sono tua cugina che male c’è!
Sorrisi a quelle parole e iniziai così a lisciarla delicatamente sopra la pancia, salendo su fino al seno, osai allora di più facendone venire fuori uno palpandolo, lei chiuse gli occhi emettendo sospiri, e stendendosi totalmente disse:
– Mmm! Che mano calda che hai, continua, mi piace.
A quelle parole, mi accostai alla sua guancia, dandole un bacio, quindi le presi la mano e la accostai al mio petto stringendola.
– Quanto mi piaci!, le dissi e aggiunsi: – Anche se siamo cugini, non riesco a resisterti, sei troppo bella!
La sua mano intanto l’avevo fatta scorrere fin sopra il bordo del costume, non riuscendo a trovare il coraggio di procedere oltre.
Ma fu lei con una mossa inattesa a svincolare la mano e poggiarla sopra il costume.
– Non ardivo a tanto, non immaginavo la tua reazione!, le dissi.
– Sai una cosa!, mi interruppe lei, – anche tu mi attiri tanto!
E iniziò quindi ad accarezzarmi l’uccello da sopra il costume, dopodiché lo fece uscire fuori, dando inizio a un lento andirivieni di mano.
Cominciai a baciarle il seno e tastarla dappertutto, ma capivo che stavo per venire, e prima di eiaculare, le dissi:
– Simona, piccola mia, gli daresti un bacio prima?
Lei per tutta risposta, si avventò sull’uccello, leccandomi interamente la verga, succhiandola un paio di volte, dopodiché riprese a occuparsi manualmente dell’asta, facendomi godere.
Sborrai come mai, lo spruzzo uscì altissimo finendomi addosso, io mi contorcevo dal piacere mentre Simona proseguiva nella sua opera, fino a che non le bloccai la mano.
Ci baciammo a lungo, ringraziandola di quanto aveva fatto, e alla fine ritornammo in acqua, a godercela spensierati, complici più di prima.
.

Questo racconto è stato letto 668 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!