la coppia perfetta by masterblaster [Vietato ai minori]




La coppia perfetta

Volevo provare a scrivere un racconto basato su molte cose vere ma come sempre anche su un po’ di fantasia, ma se non dovesse piacere oppure non ho il numero di lettori adeguato non continuo, grazie. Fatemi sapere se continuare.

Mi chiamo Luca oggi anziano e voglio raccontare un po’ del mio passato insieme alla mia consorte Anna anche lei quasi della mia stessa età.
Ci incontrammo per caso in un pomeriggio a casa sua ero andato a fare un intervento elettrico, mentre uscivo e salutavo i suoi genitori lei entrò……..mi guardò e scappo senza salutare diventando rossa in viso fu per me un colpo di fulmine non riuscivo a dimenticare il suo volto, ricordo ancora oggi come era vestita, aveva una mini grigia e una camiciola rosa, capelli lunghi castani e un paio di occhi color nocciola che erano bellissimi, eravamo giovani appena ventunenni ed io ancora non avevo completato il servizio militare, ma non ho abbandonato l’impresa, avendo il loro numero telefonico cominciai a telefonare tutti i giorni, parlandole e dicendo chi ero e dove ci eravamo visti, anche al telefono la sentivo paurosa timida, ma questo mi piaceva era la persona che volevo, io sono un po’ autoritario ma a quei tempi ero alle prime armi, pauroso anche io delle conseguenze.
Riuscii a farmi dare un appuntamento, e ci incontrammo, guardandola rimasi ancora una vota impressionato dalla sua bellezza, mi presentai, lei molto titubante, ma poi siccome sono ed ero molto giocherellone la misi a suo agio le comprai un gelato (era estate) e facemmo quattro passi, mi disse che la sua famiglia non sapeva che era con me ma nella zona viveva una sua zia e aveva detto che andava a casa sua, girammo un po’ cercai di capire che persona fosse, era ed è ancora una persona timida paurosa, sempre titubante di tutto, non aspetta che succede vuole essere anticipata della fine.
Riuscii a vederla anche altre volte e rafforzavo la mia autorità su di lei, una volta andai a prenderla dove faceva la baby sitter ma…..non ero solo c’erano altri che la volevano quindi mi ritrovai con altre tre persone che avevano fatto lo stesso mio pensiero, rimasi in disparte guardando gli eventi per colpire al momento giusto, la vidi titubante chiacchierare con uno poi non guardò gli altri e si incamminò da sola, e……entrai in campo io senza chiamarla la seguivo arrivati distanti dagli altri mi feci avanti salutandola “ciao come va ho visto che ai altre persone che ti corteggiano vero?” lei arrossì non riusciva a rispondere, ma io sempre con insistenza la invitai in un bar a prendere qualcosa e cosi riuscii ancora una volta a farla ridere e metterla a suo agio.
Aveva un pantalone chiaro e un golfino blu, aveva i capelli acconciati a coda di cavallo, l’accompagnai a casa e la salutai sotto al suo palazzo riuscendo ad avere un altro appuntamento, ma la sorte mi bloccò, mandandomi la chiamata del militare, cosi dovetti partire passai due anni in Marina e in quei due anni non persi il contatto con lei la telefonavo tutti i giorni almeno due volte, caso fu che dei suoi parenti vennero in villeggiatura dove io facevo il militare, lei me lo fece sapere, ne gioii e quando venne andai a prenderla e la portai un po in giro ci incamminammo in una campagna e li la baciai, lei non sapeva neanche come si faceva cosi glielo insegnai e prendendo la sua mano la feci scendere con calma fino all’ingresso dei pantaloni, (lo sapete i pantaloni della marina hanno tanti bottoni) cosi ne sbottonai un pò lateralmente e gli infilai la sua mano che lei ritrasse subito arrossendo velocemente, poi mi confessò che non aveva mai toccato un cazzo di un maschio, la cosa mi fece ancora di più eccitare e gliela rimisi dentro dicendogli come si doveva comportare.
Lei fece esattamente quello che gli avevo chiesto anche se non era molto esperta, rimase nella zona il tempo necessario per insegnarle altre cose ad esempio una sera ritornammo nella campagna, gli chiesi di portare un telo da bagno grande dove poterci distenderci, arrivammo in una radura dove c’era un prato, eravamo nascosti da occhi e orecchie indiscrete, stendemmo il telo e la feci distendere, aveva una mini e sopra una camiciola, portava una mutandina molto sexy e trasparente, cosi cominciai a sbottonarle i bottoni della camicia piano uno alla volta e dopo ogni bottone la baciavo sulle labbra, poi cominciai a scendere e tra un bottone e l’altro le scoprii il seno baciandolo e laccandolo un po sui capezzoli, lei respirava molto forte non riuscendo a trattenersi, le dissi di calmarsi che era normale che i capezzoli si gonfiassero rimanendo turgidi era l’eccitazione, lei mi sorrise e la bacia infilandole la lingua in bocca, ricambiò il bacio e io con la mano cominciai a scendere accarezzandole i seni e scendendo arrivai alle mutandine che erano talmente bagnate che sembrava si fosse fatta la pipi sotto, risi e scostandole le titillai il clitoride, era rossa in viso e sembrava sempre piu bella di come la ricordavo, e si inarcò sulla schiena godendo come non aveva mai fatto, mi disse che non era mai stata con un uomo, risi e continuai nella manipolazione della fighetta che adesso si bagnava sempre di più, dopo un smisi facendola rimettere a posto le mutandine e il vestito, ma appena si alzò in piedi la fermai per la mano, e le dissi “ti ho fatto godere e si vede dalla tua faccia, tu non hai fatto godere me, ma come prima volta va bene così, adesso ti toglie le mutandine e me le dai e torni dalla zia senza, ok?” mi guardo negli occhi e senza dire una parola si portò le dita nell’elastico delle mutandine facendole abbassare le tolse via dai piedi e me le diede ritornando ad arrossirsi la faccia, era bellissima si vedevano i suoi occhioni scuri con il viso rosso, abbassò lo sguardo e cominciò a togliere il plaid da terra piegandolo.
Misi le mutandine in tasca e ridendo uscimmo dalla campagna e la riaccompagnai a casa dagli zii, la cugina quando la vide chiese dove fosse sparita, ma lei non rispose e salutandomi con la mano si stava allontanando, allora la richiamai e gli dissi “ è cosi che si saluta fammi capire” lei rossa in viso davanti alla cugina mi diede un bacio in bocca e si allontanò correndo, gridai da lontano, ci vediamo domani ti vengo a prendere.
Ma purtroppo per due giorni non riuscii ad uscire dalla caserma, la telefonai e mi disse che sarebbero venuti a prenderla la vacanza era finita, passo il tempo e finalmente riuscii a finire la leva militare, tornai a casa e cercai un lavoro, la vedevo spesso, il lavoro lo trovai lontano dalla citta, e cosi ci potevamo vedere solo nel week end.
Ero e sono un patito per la dominazione, e conobbi un signore molto elegante, e siccome gli avevo fatto molti piaceri nell’ambito del mio lavoro mi invitò una sera per andare in un circolo (oggi si chiama club privè) per farmi assistere a qualche spettacolo, sapendo la mia smania della dominazione, mi diede l’indirizzo e ci vedemmo nel locale, era una specie di bar c’era un bancone lungo con i barman dietro ma non erano maschi erano femmine in costume avevano dei laccetti che le coprivano i capezzoli e per mutandina delle legature di canapa che copriva solo la parte di avanti lasciando libero il culo, il bancone era molto lungo era fatto di un legno molto scuro, ad ogni metro c’era una pertica che entrava nel bancone e finiva infilata nel soffitto, nella parte larga c’erano dei tavolini tutti di colore rosso (a me il rosso da fastidio agli occhi) coperti da delle tovaglie che arrivavano fino al pavimento, più in disparte c’era la pedana dove se voleva qualcuno poteva ballare, tutto intorno alla pedana c’erano delle porte di mogano.
Il signore che chiamerò Vittorio quando mi vide mi chiamò facendomi accomodare vicino a lui e ordinando della vodka, io non ero abituato a bere del liquore cosi forte ma lui disse che con il ghiaccio si diluiva un po’ e cosi fu, cominciò dicendomi una cosa che ancora oggi mi balena nella mente “ mi hai detto che sei fidanzato con una bella donna e che veramente le vuoi molto bene vero??” risposi di si e lui “ ma vuoi anche sposarla, solo che vuoi che faccia e diventi quello che a te fa più piacere cioè una tua schiava sempre pronta a ubbidire” risposi di nuovo di si, però non riuscivo a capire dove voleva andare a parare e lo guardavo con attenzione sperando di carpire qualche segno dalla sua faccia impassibile, lui si accorse e mi sorrise dicendo “ lo sai che deve fare quello che dici e non si deve opporre a nessuna richiesta, questo però deve avvenire quando la donna non è tua moglie, cioè per spiegarmi se la sposi poi la fai anche chiavare da qualche altro oppure vuoi solo che ti ubbidisca senza avere nessun altro desiderio?”.
Rimasi un po’ a riflettere la cosa di dividerla con altri non mi andava proprio, lo guardai e non rispondevo ero assorto nei miei pensieri, ma la sua voce mi fece destare “allora?? Che pensi vuoi imparare oppure vuoi lasciare tutto” lo guardai e non sapendo che rispondere gli dissi che ancora non ero certo ma ci dovevo pensare bene.
Allora Vittorio mi disse lascia perdere che non va se l’ami veramente non puoi farla chiavare da altri e poi……ancora non la conosco per poter valutare se gli piacerebbe farlo oppure no quando me la presenti???? E scoppiò a ridere risi anche io ma non sapevo ancora cosa fare.
La serata continuò e mentre cominciavamo a cenare si avvicinò una bionda, era uno schianto alta almeno 175 cm, portava anche dei tacchi almeno dodici che la facevano diventare ancora piu alta, era vestita con una camiciola azzurra, una mini che riusciva a coprire solo un po il pube calze e reggicalze rossi, aveva al collo un girocollo abbastanza largo con tanti anellini che gli giravano intorno, andò vicino a Vittorio e si inginocchiò davanti a lui Vittorio mi guardò, “è cosi che la vuoi? Oppure che si segga in tavola vicino a noi?” non riuscivo a parlare, per me era la prima volta che mi capitava di vedere dal vivo una donna che si prostrava ai piedi di un uomo, anche la bionda mi guardava era truccata molto pesante e dal trucco si vedevano due occhi colore del cielo, rimasi di stucco non riuscivo a dire niente, poi Vittorio disse qualcosa all’orecchio della bionda che lo guardò si rialzò e andò via portandosi sulla pedana dove si sentiva una musica lenta ma molto erotica, cominciò a slacciare la camiciola, facendola cadere ai suoi piedi poi fu la volta della mini restò in reggiseno e perizoma aveva un fisico da urlo, poi cominciò ad ondulare come un serpente, ma Vittorio fece un cenno e lei smise subito ritornando al tavolo e inginocchiandosi vicino a lui, “visto?? E non gli ho chiesto niente di piu, la devi sottomettere con il cervello, fammi sapere se un giorno vuoi che ci incontriamo con lei”, mi saluto disse che era tutto pagato e se volevo potevo ancora restare, e andò via, con la bionda.
Rimasi ancora nel locale bevendo quello che ancora avevo nel bicchiere e la mia mente vagava in quel momento ero solo pensavo solo se lo volevo fare o no, ad Anna volevo molto bene e dovevo sapere se lei mi voleva bene uguale accettando le mie manie, dovevo chiedercelo.

Questo racconto è stato letto 70 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!