Ketty e le fragole




Come tutti gli altri anni vado a trascorrere l’estate nella fattoria di mio zio, in campagna.
La fattoria è un edificio lungo composto da una parte vecchia, dove abitavano gli antenati, e una più recente dove abita lo zio Arthur.
Ma quest’anno c’è una novità. La parte vecchia è stata affittata e ora vi risiede una famiglia.
Mio zio è sempre lo stesso, un ometto piccolo con i capelli grigi e il respiro asmatico. Mi accoglie nella cucina zeppa di pentole sporche, damigiane di vino, foto ingiallite alle pareti…
“Da quando è morta tua zia Mary senza riuscire a darmi un figlio, mi sentivo troppo solo. La fattoria era troppo grande per me così ho affittato la parte est a una famiglia nuova. Il marito fa il bovaro nella fattoria dei Warton. La moglie è gentile e graziosa. A volte mi dà una mano a tenere in ordine la casa… O a preparare la cena… Quando si china per pulire in cucina vedessi che cosce bianche ha… È magra ma è sinuosa come una lucertola… Dannazione quella donna mi eccita terribilmente.”
“Ma zio che cosa dici? Io ho già superato queste frivolezze e guardo la vita con interessi più maturi.”
“Un corno! Se avessi io la tua età. Ma che razza di maschio sei? Io mi sveglio di notte e ce l’ho come un pezzo di legno… Se ci fosse una donna lì…”
Mentre sto vicino alla finestra vedo che in cortile è arrivata una ragazzina che pompa l’acqua nei secchi. La ragazzina è magra con i capelli lunghi, neri e il visetto triste.
“Chi è quella brunetta là fuori?,” chiedo.
“È la figlia dei nuovi affittuari.”
“Quante figlie hanno?”
“Tre, anzi quattro con il maschietto appena nato.”
“Quella quanti anni ha?”
“Che ne so? È la secondogenita…”
“Come si chiama?”
“Non mi ricordo.”
La ragazzina magra intanto si solleva la gonna alza le gambe lisce, bianche, vagamente rosate e vi versa sopra l’acqua.
“E adesso che cosa fa?,” chiedo io.
“E che ne so… Si starà rinfrescando…”
Ma la ragazza si è accorta che la sto guardando e si ritira dietro il muro della stalla.
Alla mie spalle mi arriva la voce gracchiante dello zio:

“Ehi! Senti il signorino! Lui ha superato… Lui ha altri interessi… Tu ti berresti un boccale di piscio di femmina! Ci scommetto i miei coglioni. Ah Ah Ah.”

*** ***********

Il giorno dopo ho già conosciuto tutti i componenti della nuova famiglia.
Il marito è un uomo rozzo e robusto che non è quasi mai a casa. La moglie è una donna esile ma sinuosa, un po’ miope, con lunghi capelli neri sempre in disordine. Sembra molto seria perché lavora molto senza parlare; certe sere però sento che litiga col marito. La figlia maggiore è bruttina, con le trecce e il volto troppo lungo. Quella minore ha un visetto da rana.
La secondogenita si chiama Ketty ed è una ragazzina selvatica e maliziosa. Non le hanno insegnato le buone maniere e lei non si vergogna a mettersi le mani nel naso e a grattarsi il sedere. Un giorno l’ho sentita scoreggiare mentre passava sull’aia.
Nelle calde sere di luglio le ragazze di solito giocano a palla contro il muro di casa. Questa sera la maggiore fa i giri in bicicletta e la piccola gioca a impastare la terra.
Ketty sta in fondo al cortile. C’è un vecchio pero laggiù e attaccato al ramo più basso c’è una altalena. Sento la sua voce che mi chiama mentre passo con la carriola piena di fieno:
“Mi spingi?”
Lei sale sulla stretta assicella e io da dietro appoggio le mani sul legno per spingerla. Ma la bambina tira indietro il sederino e io sono costretto a toccarlo per spingerla.
“Dai ancora…,” grida lei.
Si dimena tutta. Alza le gambe puntandole in alto, la gonna si solleva, le anche si muovono, i suoi capelli lunghi a volte li sento sulla faccia, mossi dal vento.
Il culetto si contorce, morbido, schiacciato fra il legno dell’altalena e i palmi delle mie mani. Sono tutto eccitato quando la lascio andare e riprendo il mio lavoro.
Alcune sere dopo passavo davanti alla porta aperta della legnaia vedo Ketty dentro un mastello mentre si sta lavando.
La vista di quel corpicino esile e bagnato nella penombra, mi dà la scossa. Ha i capezzoli larghi e rosa, il pube con pochi peletti, le lunghe gambe nervose…
Lei si accorge di me e si china dentro il mastello. Ma ormai l’ho vista nuda ed è terribilmente eccitante. Ripasso poco dopo per la seconda volta, ma adesso la porta della legnaia è chiusa.
Un pomeriggio mentre vado in stalla per aiutare mio zio, incontro Ketty accucciata vicino al muro. Sta facendo pipì.
Quando le passo vicino la ragazza si alza velocemente mostrando il sesso nudo mentre si tira su velocemente le mutande. Poi abbassa la gonna e corre via.

*** ************

Nelle prime ore della sera, qualche alito di vento arriva a smuovere l’afa del pomeriggio. I muri della fattoria riflettono calore.
Le mucche muggiscono, il cane sta sdraiato all’ombra. Mio zio esce per buttare manciate di grano a oche e galline e poi rientra in casa per sfuggire al caldo insopportabile.
Come le altre sere io vado ad abbeverare le mucche. Sotto alla tettoia pompo l’acqua nei secchi, vado a versarli nell’abbeveratoio e torno a riempirli.
Intanto è arrivata Ketty e si è messa a poca distanza per guardarmi mentre lavoro. Ha i piedini scalzi sull’erba e un vestitino leggero, bianco, con macchie di sporco.
La ragazzina sèguita a guardarmi senza parlare come se volesse qualcosa e non osasse dirlo.
Io non so cosa dirle, e inoltre suo padre gli avrà insegnato a non parlare con gli uomini. Dopo una decina di minuti vedendo che sta sempre lì, in piedi, muta, decido di attaccare discorso.
“Ciao.”
“Ciao.”
“Non mi ricordo più come ti chiami,” le dico stupidamente.
“Ketty.”
“Ti piace stare qui?”
“No.”
“Vai d’accordo con i tuoi?”
“No.”
“È buono tuo padre?”
“È una belva.”
Resto in silenzio e continuo il mio lavoro.
La ragazzina a un tratto si mette a ridere e mi chiede:
“Tu sei capace di mungere una vacca?”
“Cosa?… Beh… No…”
“E io sì invece. Bisogna prendere la tetta con la mano e tirarla in su e in giù…”
Queste ragazzine di campagna sono molto più informate delle loro coetanee di città.
Poi Ketty riprende:
“Hanno le tette ruvide. Non sono come quelle delle donne, sai?…”
Ma cosa dice? Mi vuole provocare questa mocciosa?
Faccio finta di non aver sentito perché qualcuno potrebbe ascoltarla dietro alle finestre. Progetto di rimandare il discorso in un altro momento quando saremo più soli…

*** *********

Sto vangando i pomodori nell’arto.
Ketty sta seduta fuori, all’ombra della vigna e vicino a lei c’è il bambino piccolo sopra il seggiolone.
A un tratto il bambino si mette a strillare. Allora arriva la madre, toglie le braghette al piccolo, va a distenderle al sole e rientra in casa.
Il bambino è rimasto vestito con la sola maglietta e Ketty lo sta guardando con attenzione. Poi allunga la mano…
Ella afferra con due dita il pistolino del fratellino e incomincia a dimenarlo a destra e a sinistra. Sembra molto contenta dall’espressione del viso. Tira il pistolino, prova a muoverlo in su e in giù…
Il bambino strilla. Lei gli strizza il pisellino più forte, sorridendo.
Poi arriva la madre con le braghette nuove; dà uno schiaffo a Ketty e la manda in casa a preparare la cena.

*** *********

È un pomeriggio caldissimo e sento il padre che sta sgridando Ketty là in cortile, fra le oche che starnazzano.
“Piccola troia, puttanella, sgualdrina… adesso ti faccio sentire io…”
Mi avvicino alla porta restando però dietro alla tenda.
L’uomo ha afferrato la figlia per i fianchi. In un attimo ha alzato la gonna e tirato giù le mutandine della ragazza. Adesso alza il braccio e incomincia a sculacciarla vigorosamente.
È un uomo rozzo e i suoi schiaffi lasciano segni rossi sul sederino di Ketty.
La ragazza strilla disperata e io sto quasi per uscire a fermarlo, ma poi mi trattengo.
L’uomo continua a batterle il culetto. Sono manate forti che fanno schioccare le natiche della ragazza: Ciak Ciak Ciak…
La ragazzina piange e si contorce ma la punizione è molto lunga e continua… Io sto a spiarli e mi è venuto il batticuore, mentre il sederino di Ketty è diventato color rosso fiamma.
A un tratto la ragazzina riesce a divincolarsi e corre a nascondersi piangendo nel campo di mais…
L’uomo finisce di sbraitare ed entra in casa. Là sul terreno sono rimaste le mutandine.

*** ************

Ketty sta giocando con l’acqua vicino all’abbeveratoio. Giocando in quel modo si bagna la gonna e allora la alza e la abbassa per farla asciugare.
Io sono sicuro che lo fa apposta.
Ketty finge disattenzione e si bagna nuovamente. Solleva ancora la gonna su e giù, scoprendo le gambe bellissime, le mutandine bianche orlate col pizzo.
Quando non ne posso più di questi eccitamenti le dico sottovoce passandole vicino:
“Vieni dentro nel fienile a farmi vedere.”
Poi entro dentro il portone senza sperare che mi segua. Invece dopo poco tempo la bambina entra cautamente e mi viene vicino.
Per alcuni minuti restiamo a guardarci in silenzio. Dentro al fienile c’è caldo e penombra. Il profumo del fieno è aromatico ed eccitante.
Cautamente le sollevo un lembo della gonna scoprendo le belle gambe bianche, ma lei scappa subito verso il portone. Però anziché uscire si ferma.
“Torna qui, fammi vedere un poco, non lo saprà nessuno…,” le dico con voce roca dall’emozione.
Lei ridendo mi viene vicino. Le alzo ancora la gonna, infilo un dito nelle mutandine e le tiro un po’ giù. Vedo appena il pube con pochi peletti bruni.
Allungo l’altro braccio per toccarla. Lei ha uno scatto indietro, e io mi fermo. Allora anche lei si ferma e si lascia toccare.
Accarezzo piano, per la prima volta il suo pube. Sento appena la fessura stretta.
Adesso la ragazzina si volta come per andare via e io le abbasso le mutandine anche dietro: le metto una mano sopra il culetto sporgente, accarezzo le natiche morbide su e giù. Le infilo il dito nello spacco stretto e sudato del sedere. Con la punta del dito spingo per entrare nel buchino dell’ano…
Vedo che Ketty sta per andarsene, allora io velocemente mi sbottono i pantaloni e tiro fuori il cazzo.
La ragazza si ferma, sorpresa, impaurita. Abbassa gli occhi per guardarlo e resta seria, senza parlare.
“Toccalo,” la supplico.
Penso che stia per scappare ma quando vede che non la trattengo muove cautamente la mano per provare a sfiorarlo.
Sento appena la sua manina fresca e soffice sul mio cazzo. Mi tocca in maniera delicata, incerta.
Adesso il cazzo le sfugge, imbestialito e sempre più duro.
“Dai, ancora. Fagli fare un po’ di ginnastica,” le suggerisco.
Ketty sorride e riprende a toccarlo. Non lo stringe bene. Con la punta delle dita tocca appena l’asta posando leggermente il palmo della mano sul glande.
Io non posso più parlare e mi sento svenire. Solo il mio cazzo sussulta nella sua piccola mano.
“Guarda…,” dice lei meravigliata tirando via la manina bagnata di sborra.

*** ***********

Ha piovuto nei giorni scorsi e le lumache girano nell’orto. Arriva Ketty con una grossa lumaca in mano.
“Guarda cosa ho trovato…,” mi dice.
Poi di colpo si solleva la gonna e si abbassa un po’ le mutandine. Appoggia la lumaca sul monte di venere e trattiene un leggero brivido. Seguita a fare smorfie con il viso e io non ne posso più.
Tiro fuori il cazzo già duro e le dico:
“Prova anche qui…”
Lei si toglie la lumaca in mezzo alle gambe e la posa sul mio cazzo.
Sento un contatto fresco e viscido. La ragazza osserva divertita la lumaca che incomincia a strisciare, sul cazzo duro, fino al glande.
Poi Ketty corre via ridendo, e io tolgo la lumaca e mi tiro su i pantaloni.

*** *********

È l’una del pomeriggio e sto zappando i pomodori nell’orto. Fa un caldo terribile sotto il sole che scotta.
Vedo arrivare Ketty con un vestitino bianco e cappellino di paglia. La ragazza si ferma a guardarmi, poi mi dice sottovoce:
“I miei sono andati a dormire ma io non ho voglia di restare a letto…”
Continuo a lavorare. Ma quando è a portata di braccio le afferro un lembo della gonna e la attiro verso di me. Nel tirare la gonna la sollevo un pochino e mi accorgo che sotto non porta le mutandine.
Lei mi guarda maliziosa.
“Cribbio! Come sei bella,” mi scappa con voce roca vedendo appena la sua fichetta.
Ho la gola secca e la canottiera appiccicosa per il sudore.
Ketty si gira come per andare via e così mi mostra il sederino nudo, bianco e sporgente. Davanti a quello spettacolo cado in ginocchio e le bacio il culo. Lo bacio a lungo, con le labbra in mezzo alle strette natiche e con la lingua lecco, lecco il culetto.
Sentendo che sta ferma, appoggio le mani sopra le sue natiche e le apro ancora di più.
Il culetto aperto davanti a me adesso è uno spettacolo divino. Lo palpo, lo accarezzo, lo soffrego con le mani… Ci appoggio sopra la bocca e lo bacio, lo succhio, lo lecco aspirando l’odore della cacca. Metto la punta della lingua fino dentro il buchino dell’ano.
Adesso voglio infilarci il dito ma il buchino è troppo stretto. Allora mi guardo intorno. Nell’ultima aiola ci sono le fragole tardive della seconda fioritura.
“Vieni,” dico e attiro Ketty vicino all’aiola.
Prendo una fragola e la schiaccio sull’ano di Ketty. Resta una macchia rossa di polpa acquosa e schiacciata. Adesso il mio dito entra ed esce dall’ano con facilità.
Prendo un’altra fragola e la schiaccio sul culetto. Ancora un’altra fragola. Il culetto di Ketty è tutto bagnato e gocciolante.
Allora tiro fuori il cazzo durissimo e provo a penetrarla.
“Ahi! No. Mi fai male…,” si lamenta lei.
Prendo altre fragole e le schiaccio sul glande per inumidirlo. Faccio per riprovare ma non ci riesco.
Il caldo, il sudore che cola, l’emozione, Ketty che continua a muoversi…
Sento una rabbia e una smania dentro di me. In piedi dietro di lei le appoggio una mano sulla schiena e spingo giù finché il culo di Ketty si alza e la sua testa si abbassa verso terra. Allora con i pollici le apro bene le cosce afferrandola per i fianchi; metto il cazzo in mezzo alle natiche e spingo, spingo dentro…
“Aaaaah,” grida.
La monto così, in piedi, velocemente, fra i pomodori, sotto il sole rovente e con la paura che arrivi mio zio da un momento all’altro.
In due o tre mosse sborro e sento una vampata di calore seguita da una sensazione di fresco.
Sono completamente bagnato di sudore ma felice e soddisfatto mentre guardo Ketty che corre verso casa.

*** *********

Ketty è entrata nella lavanderia. Aspetto un poco, poi mi avvicino all’edificio basso e guardo dal finestrino. Ketty risciacqua i panni e li stende sul filo ad asciugare.
Mi assicuro che non ci sia nessuno nel cortile, poi entro nella lavanderia. Nella semioscurità c’è odore di sapone e di umidità.
“Che cosa fai?,” chiedo stupidamente.
“Devo stendere il bucato…”
Ci sono magliette, mutande femminili, reggipetto…”
“Ma quante tette avete in casa?”
Lei sorride: “Sono di mia mamma e delle mie sorelle.”
Tutte le volte che si china per prendere un panno mi mostra il culetto in maniera sfacciata. La gonna si solleva e il culetto prorompe sotto le mutandine aderenti.
Quando non ne posso più le metto la mano aperta sopra il sederino e stringo, stringo…
“Ahi,” fa lei fra i sospiri.
Allora le abbasso le mutandine. La sua nudità mi fa accelerare il respiro. Gambe, cosce e culetto sono bianchissimi nella semioscurità.
Accarezzo il culetto lo soffrego, lo apro, lo palpo in mezzo alle cosce.
“Tra poco arriverà mia madre…,” mormora.
In un secchio ci sono le mollette da mettere sui panni. Prendo una molletta e gliela metto sul gluteo destro, dove resta attaccata.
“Ahi! Mi pizzica,” si lamenta Ketty.
“Meglio. Sta ferma che te ne attacco un’altra,” ordino.
Prendo un’altra molletta, la apro e la attacco sul sederino. La pelle in quel punto si solleva e si arrossa. Poi ne attacco un’altra e un’altra ancora. Adesso il suo sederino e tutto pieno di mollette che lo strizzano. Ketty si lamenta, si dimena con una espressione di fastidio, per scrollarsela via. Ma le molle stringono forte e restano al loro posto.
“Adesso girati che te le attacco davanti.”
“No. No. Lì no…”
“E invece sì,” le dico mentre attacco una molletta sulle labbra della fica.
A questo punto la ragazzina abbassa le mani di colpo e butta giù le mollette che cadono a terra scattando.
Velocemente si riveste e io esco fuori.

*** *********

Siamo soli in cucina in un caldo pomeriggio di agosto. Le tende alla finestra sono tirate e si sente solo il ronzio delle mosche.
Ketty si diverte a provocarmi, alza la gonna, mi fa vedere le belle gambe, poi corre a rifugiarsi dietro alla tavola ingombra di stoviglie da lavare. Io sono stufo di questo stupido gioco.
“Basta, vieni qui che ti levo le mutande,” le dico a bassa voce.
Lei ride: “No.” E intanto si gira e scopre il culetto. Poi corre dentro alla dispensa.
La raggiungo. È uno stanzino semibuio con le mensole polverose, lungo il muro, piene di bottiglie.
Finalmente le prendo un lembo della gonna e la alzo mentre mi avvicino. Tiro giù le mutande, mi chino e bacio il sederino bianco. Sto leccando l’ano quando la ragazzina ride e mi scoreggia in bocca. Sento il flusso di aria calda sulla lingua.
“Ah! Piccola svergognata,” la rimprovero indietreggiando.
“Adesso ti tappo il culetto così finirai di scoreggiare.”
La faccio piegare in avanti. Con una mano le tengo le cosce ben divaricate con l’altra tolgo il turacciolo a una bottiglia di olio.
“No! Quello no…,” protesta lei.
“E invece sì!”
Appoggio il turacciolo unto davanti al suo buco del culo e lo spingo dentro. Poi tengo il pollice sopra il tappo affinché non scappi fuori, e con il resto delle dita le strofino la fichetta che diventa tutta bagnata.
Ma arrivano dei rumori dalla saletta e siamo costretti a separarci.

*** ***********

Agosto sta per finire. I giorni sono più corti, le sere sono diventate umide e fresche e sta arrivando l’autunno. Anche le mie vacanze stanno per finire.
Una sera dopo il temporale c’è un tramonto straziante a ovest. È uno scenario grandioso di colori cupi e di nuvole gonfie e pesanti. Da uno squarcio nelle nubi violette cade giù una pioggia di raggi d’oro come da una gigantesca porta di luce.
Vedo Ketty da sola nel cortile e le faccio cenno di venire dietro la casa a guardare il tramonto. Lei arriva di corsa e resta a guardare, stupita, annichilita… Nel silenzio pesante la ragazza piange sommessamente.
“No, non fare così,” le dico mentre la stringo al mio fianco.
Le accarezzo i capelli lisci, poi infilo la mano nella scollatura. Arrivo a toccare le tettine calde. Io ho le mani fredde e lei rabbrividisce, non so se per il freddo o per il piacere. Accarezzo le tette piccole e dure, passando le dita sui capezzoli.
Lei resta ferma e muta. Poi chiede:
“Domani vai via?”
“Sì.”
“Verrai ancora qui?”
“L’anno prossimo certamente.”
“Mi troverai cambiata. Ti piacerò ancora? Mi vorrai ancora?”
“Sì. Sì.”
“Portami via con te.”
“Non posso…”
Segue un silenzio doloroso durante il quale da una fessura del cielo al crepuscolo colano colori smorti e tetri.
Decido di salutarla, nel caso non dovessimo più rivederci:
“Ciao piccola. Devo dirtelo adesso perché domani mattina verranno a prendermi molto presto…”
E sempre con la mia mano posata sulle tettine, le dò un bacio sulla bocca.
Lei non risponde. Poi come seguendo i suoi pensieri ad alta voce:
“… questa notte ci sarà la luna… Questa notte, quando i miei sono a dormire, forse scenderò giù. Tu aspettami sul sentiero fra il mais…”
E corre via, una figuretta esile nell’immensità della sera.

*** *********

Alle 10 e mezza le luci alle finestre si spengono in casa di Ketty ed io mi incammino in fondo al cortile.
È una notte umida, afosa.
Raggiungo i campi di mais sotto la pallida luce della luna. La notte è piena di profumi, di seduzioni. Scie di aria calda passano intorno a me. Le ultime lucciole stanno sui fili d’erba e si sente il frinire lontano dei grilli.
Guardo la distesa dei campi sotto la luce diafana della luna. Poi sento dei fruscii e vedo Ketty che viene verso di me. Finalmente.
L’abbraccio subito forte e la bacio sulla bocca, a lungo, fino a toglierle il respiro. Resto in piedi a baciarla con il corpo attaccato al suo, mentre con la mano palpo le sue morbide natiche e spingo Ketty contro di me.
Sento il suo pube che preme sul mio cazzo indurito, sento le tettine che si schiacciano.
Quando ci stacchiamo siamo ansanti e sudati.
Allora prendo Ketty per mano e cerchiamo un posto più sicuro sul sentiero erboso. Il caprifoglio manda effluvi di profumo dolce. La notte sembra un nido per gli amanti.
Raggiungiamo la fine del sentiero su uno spiazzo sotto i cespugli di platano. Qui ci stacchiamo un istante per toglierci i vestiti. Ketty abbassa il vestitino nero liberando i seni. Contemporaneamente piega le gambe flessuose per togliersi le mutandine. Alla luce lunare il suo corpo appare bianco come latte. Ci sdraiamo sopra ai nostri vestiti distesi sull’erba.
Incomincio a toccarla, ad accarezzare il pube, a stringere i seni e i glutei. Dopo pochi gesti, i nostri corpi sono tutti sudati per l’eccitazione e per l’umidità intensa intorno a noi.
Succhio i capezzoli, lecco le tette. Poi spingo da parte le sue ginocchia per aprirle le gambe e incomincio a leccare la fica. Lei butta indietro la testa e incomincia a sospirare.
Ma questa volta Ketty non si accontenta di leccatine e strofinamenti. Mi stringe la testa fra le sue gambe e chiede con voce bassa:
“Dai mettilo dentro, mettilo dentro…, ” seguita a ripetere.
“No… No… È pericoloso… Se resti incinta…”
“Mettilo dentro… mettilo dentro…, ” supplica la ragazzina con voce emozionata.
Allora non resisto più. Appoggio due dita sui peletti del pube e apro la fessura. Lei intanto mi impugna il cazzo e lo guida verso la fichetta. Quando sento il glande appoggiato sulle labbra calde e umide spingo e con un colpo entro dentro.
Avete mai sentito il grido di una ragazza che viene sverginata? È un grido aspro, rauco dapprima che diventa acuto. E c’è in esso il suono di un sospiro profondo.
Dopo poche spinte perdo il controllo del ritmo. Sento i suoi gemiti e sospiri sempre più forti. I movimenti diventano scattanti, frenetici… Perdo coscienza della realtà mentre il tempo si ferma e la coscienza si annulla nella luce del piacere.
Quando mi rialzo rivedo la compagna sotto la luna e mi sento sfinito.

*** *********

L’anno seguente non andai alla fattoria, e non ci andai neppure gli anni successivi così non ho più rivisto Ketty.
Impegni di lavoro, altri interessi, la quotidianità grigia della routine che sgretola gli anni e la vita…
Non ho più rivisto Ketty e mi è rimasto il ricordo di quella lontana estate della mia giovinezza, e soprattutto di quell’ultima notte d’addio.
Tutte le cose belle in questo mondo sono destinate a finire presto. E se non finiscono si trasformano in cose brutte. Se avessi sposato Ketty sarei stato felice? Probabilmente nel migliore dei casi avrei provato la monotonia della vita di coppia.

*** **********

Sono passati ancora altri anni e molte cose sono cambiate.
Mio zio è morto, senza lasciare figli, e la fattoria adesso è abbandonata.
Tutte le volte che passo per Cl** provo una sofferenza sottile e intensa. Dalla strada vedo gli edifici lunghi e deserti, nel cortile pieno di erba. Anche la stalla è deserta, le vasche degli abbeveratoi sono piene di acqua verdastra e le casette dei pollai sono crollate.
La famiglia di Ketty è partita da anni, si è trasferita in città. Ho fatto delle ricerche e ho saputo che Ketty lavora come cuoca in un ospizio per vecchi e non si è sposata. Sarà diventata una arcigna zitella? Tutta casa e lavoro? Chissà se penserà ancora a quei giorni. Certo non può averli dimenticati.
Io ricordo quei pomeriggi pieni di sole della mia giovinezza quando giocavo con Ketty il gioco dell’amore. Ricordo le emozioni, gli attimi, le paure, le speranze, le follie… Sembrava dovesse durare sempre, anche perché allora il tempo non aveva valore.
Invece è tutto finito e so che non si ripeterà mai più!
Mi chiedo perché la vita dà inaspettatamente e poi toglie lasciandoci questa sensazione di sconforto amaro.
Lettore, anche questa storia, come la precedente, è vera e ho cambiato solo i nomi dei luoghi e delle persone.
traduzione
1996

Questo racconto è stato letto 186 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: