Io e mia sorella




Scritto da Ganimede69,
il 2015-09-25,
genere incesti

La porta di casa era aperta, stranamente. Fui contentissimo di trovare mia sorella a casa “Non sei andata al lavoro oggi?” “No, oggi festa”. Mi gettò le braccia al collo e mi baciò sulla bocca, come faceva sempre quando eravamo soli, da alcuni giorni. “Vieni, mangia qualcosa”. Ci sedemmo a tavola, dove lei mi aveva preparato un bel piatto di spaghetti al pomodoro. “Squisiti! Grazie…” “Adoro guardarti mangiare… E come se ti rivedessi quando eri piccolo” “Anche a me piace guardarti sai? Un giorno c’è mancato poco… niente…” “Cosa?” “Stavi succhiando un osso… fu come vederti fare un pompino. Le tue labbra lo avvolgevano, stupende… e lo succhiavi, eri famelica: ti ho immaginato mentre lo facevi a me” “Ma dai… non mi sono accorta!” “Ti ho sempre trovato eccitantissima… Ti ho già detto che pensavo sempre a te quando mi facevo le seghe guardando quella tua fotografia al mare” “Sì, lo so… lo avevo capito. Ti vedevo quando mi guardavi, nuda, mentre mi cambiavo” “Ho sofferto molto… Ero molto frustrato da questo mio impulso sessuale represso, ero sconvolto dal desiderio e dalla vergogna” “Lo so… mi spiace tanto… lo sapevo che soffrivi, e un po’ ci ho giocato, scusami…. Ma adesso è tutto finito. Ti faccio godere come e quando vuoi adesso, lo sai vero?” “Sì, mi sento bene adesso… sono sereno, libero… anche se provo ancora un po’ vergogna” “So cosa intendi… anch’io la provo. Ma non so resistere” La baciai. Avevo sempre voglia di lei “Aspetta! finisci di mangiare… e poi pulisciti la bocca dal sugo!”. Era deliziosa: bella, sensuale, dolcissima, calda, adulta, maestra. Era perfetta, incredibilmente perfetta per me. Mi aveva insegnato ad essere paziente, e a godere del suo piacere. Lei voleva prima essere soddisfatta, in tutti i modi, poi ricambiava ogni mio desiderio. Ero sbalordito dall’aver compreso quanto lei potesse godere, orgasmo dopo orgasmo. Io, nonostante tutta la mia voglia mi esaurivo, da maschio. Così mi insegnò a godere delle sue venute, lunghe, ripetute, intensissime. Volevo essere usato da lei come uno strumento di piacere. Lei lo aveva capito e assecondava tutti i miei istinti di giovane maschio. “Vieni, voglio vederti fare la doccia: anche tu mi piaci nudo. Sei un bellissimo ragazzo, e sarai un uomo superbo, un superbo stallone da monta”. Volevo che anche lei facesse la doccia con me, che mi lavasse l’uccello, cosa che adoravo facesse “No, carino… Tu in doccia te lo fai menare e poi… Dopo sei stanco. Stai buono! Abbiamo tutto il giorno e la notte sai? Mamma e papà stasera non tornano…” Non poteva darmi notizia migliore. “Senti” le chiesi “Parlami della foto… Che eri al mare lo so, ma non eri con Stefania? Te l’ha fatta lei?” “Sì… una lei una io” “Bella, ma un po’… un po’ da…” “… da zoccole, vero?” “Sì, ecco” “E’ vero… Stefania era una ragazza molto sensuale, più grande di me, già molto esperta. Mi ha insegnato molto sul sesso” “Me la ricordo: davvero bella, particolare… Posso farti una domanda?” “Certo!” “Avete fatto sesso insieme?” Ogni giorno diventavo più audace, chiedevo, volevo risposte. “Ecco, non proprio… Insomma, abbiamo fatto sesso insieme a due ragazzi, nella stessa stanza. Loro ci chiedevano di toccarci, di baciarci… ma non lo abbiamo fatto. Forse abbiamo sbagliato, chissà”. Mi eccitai moltissimo “Forse mi piacerebbe scopare con te e una ragazza come Stefania, insieme” “Forse? Sii onesto: sicuramente!” “Va bene, sicuramente” “Posso capirti, fa parte della tua mascolinità, del tuo essere dominante… sono tratti che ho visto subito in te. Sei proprio un bel maschio, non c’è dubbio”. Nudo e bagnato andai da lei “Fermo… non ancora”. Ma era come cercare di fermare un grosso cane infoiato da una cagna in calore. “Aspetta, voglio fare una cosa prima… a proposito di foto”. Scappò via e tornò con la grossa macchina fotografica di nostro padre. “Mi fai tu delle foto?” “Come quella?” “Sì”. Come dirle di no… “Aspetta, stai qui, vado a preparami… non venire a spiare capito?”. Aspettai con il cuore in gola dalla voglia e dalla curiosità. Finalmente lei ritornò nella grande sala. Quello che vidi rappresentò per me da quel momento l’ideale sessuale di donna, di femmina, per sempre. Era nuda. Una giovane donna, alta, snella, molto in forma (era stata una giocatrice di basket quasi professionista), curatissima nel suo aspetto, con un bellissimo, per quanto piccolo, seno. Lunghi capelli castani, lisci, occhi dello stesso colore. Mani curatissime, unghie rosse e lunghe. Il viso non aveva i canoni della bellezza femminile classica, ma aveva qualcosa che lo rendeva attraente. Questo qualcosa era il modo in cui ti guardava; da gran troia. Si era raccolta i capelli in una alta coda, si era truccata, indossava bracciali, anelli, e due orecchini a forma di cerchio. Ma quello che mi mozzò il fiato furono le due bellissime scarpe col tacco alto, scamosciate, eleganti. Da quel momento, le scarpe delle donne che conoscevo, divennero un dettaglio importantissimo, direi fondamentale per me. Era di una bellezza e di un erotismo che mi sconvolgeva, e mi sconvolge tuttora. Mi guardò sorridendo “Ti piaccio?”. Restai in silenzio. “Beh? No?” mi guardò come delusa “Sai benissimo che ti trovo la donna più bella che ci sia… che io abbia mai visto”. Venne da me e mi baciò. Coi tacchi era alta quasi come me “Sei dolcissimo sai? Forte e dolce allo stesso tempo. Sento il tuo amore. E’ puro, totale, così come il mio… E’ una cosa fortissima, fortissima e tremenda… Conoscerai tante donne, anche molto più belle di me…” Io volevo parlare ma non ci riuscivo. Tremavo, letteralmente tremavo di desiderio “Stai tranquillo, rilassati. Abbiamo tutto il giorno, te l’ho detto” “Sto bruciando” “Lo so… dai, calmati adesso, e fammi un po’ di foto ok?” mi diede un bacio e scappò via. Si mise in varie pose sexy, tipo modella di Playboy, e io scattai e scattai. Poi, si mise in piedi dandomi le spalle, girando la testa per cercarmi con lo sguardo. Allargò le gambe, tese, che formarono una V perfetta rovesciata che finiva col suo bellissimo culo, sodo, muscoloso. Si chinò in avanti, appoggiando le mani sul divano, la schiena perfetta divisa in due dalle sue forti fasce muscolari. Scattai. Quando si mise una mano sulla figa e se la allargò con le dita, mostrandomi la sua carne rosa, viva, che brillava, fu troppo. Mi precipitai da lei, mi inginocchiai e mi tuffai con la faccia tra le sue natiche, tenendola per le cosce. Presi a leccarle la figa con la foga e la voracità di un lupo che sbrana una preda. Lei emise un urlo e poi rise. Allungò una mano e mi accarezzò i capelli. “Va bene… Hai ragione tesoro, scusa… Ti ho fatto proprio morire”. Appoggiò un ginocchio sul divano, abbassandosi “Dai, fottimi… scopami che così ti plachi un pochino”. Glielo puntai tra le labbra e spinsi, entrandole tutto. La presi per i fianchi e la montai con furia. Lei assecondò la mia violenza godendone a sua volta. La sua coda di capelli la faceva sembrare una cavalla. “Aaaahhh che bel manzo che sei… Scopa tesoro, scopami… Aaaaahhh godo, godooo… che bello, che belloooo…”. Sentendola venire fu come se in me crollasse una diga. Mi svuotai dentro di lei tutto, in maniera viscerale. Continuai. “Calmati, calmati adesso…” mi fece rilassare. Si sfilò da me. Non uscì niente dalla sua figa. Come era possibile? Avevo sentito i miei coglioni spremersi all’inverosimile! Lei si girò e si sedette, allargando le gambe e alzandole, stavolta a V normale. Contrasse il ventre. Le sgorgò fuori una quantità incredibile di sperma “Oddio! Quanta roba hai fatto??? Sei proprio un maschiotto delizioso…” raccolse il mio seme e se lo spalmò sulle tette, con le dita delle mani larghe e tese. “Vieni qui… Leccami”. Titubai. “Ah, furbetto… Quando mi vieni in bocca però non ti spiace vero?” Capii al volo l’antifona e corsi a leccarle i capezzoli. “Bravo… leccale bene… E adesso vieni a baciarmi”. Forse fu il bacio più erotico che diedi mai. Il mio cazzo di nuovo pronto e la sua figa si incontrarono ancora. Ma non entrai. Istintivamente presi a sorcarle la grossa bernarda col mio uccello, dividendogliela in due, aprendola, trovandole il suo grosso grilletto con la mia cappella. “Aaaaaaahhhh dio che bello… Bravissimo, continua! Sgrillettami col cazzo”. Il gusto di vederla godere in quel modo mi diede una enorme soddisfazione. Scesi a succhiarle i capezzoli. “Sei bravissimo, mi scopi bene… benissimoooooo” venne ancora, subito. Ne approfittai e la infilzai con l’uccello, letteralmente, brutalmente, con tutta la forza che avevo. Dopo qualche secondo, mentre la montavo a testa bassa, non sentendola più ne parlare ne ansimare di goduria come suo solito, sollevai la testa e la guardai in faccia. Quello che vidi inizialmente mi spaventò. Lei era immobile, completamente abbondonata. Pareva svenuta, ma perché? Aveva gli occhi aperti ma erano girati in su e si vedeva solo il loro bianco. Aveva la bocca aperta e la lingua che toccava il labbro superiore. La sua testa si muoveva al ritmo dei mie colpi, perché non avevo affatto smesso di chiavarla. Poi capii. Non era svenuta: stava venendo! Venendo in modo talmente intenso, ripetuto, che gli orgasmi, mi spiegò poi, si sovrapponevano uno con l’altro non lasciandole modo di riprendersi, tra un’onda e l’altra. Avevo trovato il centro del suo piacere profondo. Continuai fino a quando venni anch’io. Lentamente lei riemerse dal suo piacere. Prese a singhiozzare, a dire cose senza senso, soffiando fuori lunghi soffi, con le guance gonfie, gli occhi sempre all’in su. Sembrò per qualche momento una scena dell’esorcista. Confesso che mi preoccupai per lei. Poi si riprese. Pianse. Mi abbracciò con una forza incredibile. “Io ti adoro. Mi devi promettere una cosa, me la devi giurare” “Cosa?” “Qualsiasi cosa accadrà in futuro, qualsiasi persona, uomo o donna entrerà nelle nostre vite, noi saremo sempre noi, quello che siamo ora, insieme, l’uno per l’altra, l’una nell’altro. Promettimelo” la guardai e la baciai “Te lo prometto. Per sempre”. Ci baciammo a lungo, dolcemente. Ci sdraiammo esausti e ci addormentammo. Prima di spegnermi pensai a ciò che ci eravamo detti, e giurati. Un segreto, un giuramento. Provai a pensare alle implicazioni che questo avrebbe comportato. Poi, piano piano, pensai anche che era arrivato il momento, per lei, di farmi provare l’unica sua cosa che ancora non mi aveva fatto provare. E ora non poteva, non avrebbe potuto, e voluto, negarmelo.

Questo racconto di Ganimede69
è stato letto

3
8
4
7

volte

Questo racconto è stato letto 302 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: