Io e mia sorella – Parte 4a – Lia




Scritto da Ganimede69,
il 2015-09-27,
genere incesti

Ero stato chiamato a giocare una partita di tennis nel torneo sociale del circolo al quale la mia famiglia era iscritta da anni. Manco mi ricordavo più di averlo fatto. Arrivai al campo e trovai il mio avversario circondato dai suoi amici: sembrava si stessero preparando per la finale di Wimbledon. Lui era una tipo sulla trentina, palestrato e abbronzato, uno dei vip del circolo. La giovane donna che se ne stava seduta in disparte a gambe accavallate. La notai perché era di un sensualissima eleganza, raffinata e sexy al tempo stesso. Indossava un elegante vestito che aveva quasi il colore della sua carnagione abbronzata, con un sensualissimo effetto nudo. L’ampia scollatura le metteva in risalto il seno grosso e alto. Aveva i capelli a corti, tagliati benissimo, di un colore particolare, quasi rosso, che trovai delizioso, con due bellissimi, e intonatissimi al suo bell’ovale, orecchini. La salutai garbatamente. “Ciao” mi rispose, facendomi un leggerissimo sorriso. Andai a salutare il mio avversario. Mi strinse la mano come se gli facesse schifo e subito riprese a parlare coi suoi amici. Lo disprezzai immediatamente. Non giocavo da un po’, e ci misi qualche game per trovare tempo e gioco. Quindi il tipo si illuse di potermi battere. Guardai la donna, e decisi che era il momento di cambiare marcia. Iniziai a demolirlo punto dopo punto. Si incazzò parecchio. La donna sorrideva compiaciuta per la lezione che gli stavo impartendo. Aveva due gambe bellissime, non esili comunque, che il vestito corto le metteva bene in mostra, e persi la concentrazione più di una volta per guardargliele. Lei se ne accorse e mi disse “smettila” solo con le labbra e con gli occhi, e mi sorrise. Dopo un ennesimo punto perso il tipo spaccò la racchetta sul palo della rete. Il giudice arbitro a qual punto per non penalizzarlo gli consigliò di ritirarsi, ed evitare sanzioni disciplinari e anche ulteriori imbarazzi. I suoi amici erano quasi tutti al bar del circolo adesso. Diede forfait. Andai a rete per stringergli la mano e lo dovetti aspettare. Continuava a parlare tra se dando del pirla a qualcuno, che ovviamente non era lui. “Grazie” gli dissi sorridendo. Non mi guardò neanche. Vidi la donna avvicinarsi dagli spalti alla sua sedia: era la sua ragazza. Lo guardava con aria di compatimento, mentre lui scaraventava racchette un po’ ovunque. La guardai dispiaciuto e lei incontrò il mio sguardo. Le sorrisi, e alzai le spalle. Lei ricambiò e si dedico a una improbabile azione consolatoria. Presi la mia roba e me ne andai. Non persi mai di vista la donna. Era davvero bella, piccola e formosa. Calzava degli altissimi zatteroni di sughero che mi eccitarono all’istante. Andai a vedere il tabellone del torneo per capire chi fosse il mio prossimo avversario che non lo conoscevo. Notai che insieme al cognome ora c’era anche il numero di telefono del giocatore, giusta precauzione per evitare spiacevoli contrattempi. Mi fermai al bar aspettando di veder tornare il mio avversario e soprattutto la sua donna. Li intravidi invece che salivano in macchina, andandosene dal circolo. Lui sgommò nel parcheggio facendo girare tutti. “L’hai fatto proprio incazzare” mi disse il gestore del circolo. “Chi è?” chiesi. “Fa l’agente immobiliare… Si crede il padrone del club” “Molto carina lei…” “Sì, e pure parecchio intelligente. Tutti si domandano cosa ci trovi in lui”. Mi offrì quello che avevo preso e me ne andai. Peccato non averla potuta vedere ancora. Quando la guardavo mi sentivo rimescolare il sangue. Dopo cena avevo deciso di uscire (mia sorella era fuori con “amici”) una volta tanto. Suonò il telefono e al solito la mamma centralinista rispose. “Sì, un attimo… E’ per te: una certa signorina Lia” Fece una faccia strana e guardò mio padre. “Chi?” le chiesi “Signorina (lo sottolineò) Lia” passandomi il telefono portatile. “Pronto?” “Ciao, sono Lia, ti disturbo?” “No, ma chi sei?” “Al tennis, oggi” Il cuore mancò un paio di battiti. Vidi mia madre dire a mio padre: “Ma questa è una donna…!” Mio padre aprì le braccia come a dire: “E io che ci posso fare? Beato lui”. “Volevo complimentarmi con te, sei stato davvero bravo” “Beh grazie… Ma forse più che bravo io, è una schiappa il tuo ragazzo” rise “Hai ragione… Beh, facciamo entrambe le cose? Come ti chiami?” “Scusami… xxx, piacere” “Ok xxx, volevo ringraziarti” “Per cosa?” “Per avergli impartito una lezione davanti a quegli stronzi snob dei suoi amici” risi anch’io “Figurati, è stato un vero piacere. Il tuo ragazzo mi sembra un po’ presuntuoso” “Un po’??? E’ il monumento alla presunzione! Non è cattivo… ma sembra che sia bravo solo lui, e che tutti gli altri siano dei coglioni. Oggi tu gli hai dato modo di riflettere ancora su questa cosa che gli vado dicendo da un po’…Purtroppo penso sia inutile” “Davvero? E’ così, così… non mi viene la parola” “Coglione? Ce ne sono tante di sostantivi ma questo è quello giusto” Scoppiammo a ridere “Sei simpaticissima anche” “Anche?” “Sai cosa intendo: anche” “Anche?” “Anche bellissima” Rise ancora “Timidone… Che gentile che sei… Grazie! Ma quanti anni hai?” sospirai “Diciotto, fatti a gennaio” “Oddio… ma sei un ragazzino! Sembri più grande però…” Mi sentii leggermente stronzo “Mi spiace…” attesi una sua parola di conforto, ma non ne arrivò alcuna “Quindi la signora di prima che ha risposto…” “E’ mia madre” “Oh madonna… chissà cosa pensa adesso” “Che vuoi che pensi figurati” Mentii “Chissà quante ragazzine ti chiamano” Mi schernii “Non molte” confermai “Non ci credo. Un ragazzo come te…” Mi aveva smontato, e adesso cercava di rimettere insieme i miei cocci. Decisi di prendere l’iniziativa: a quel punto non avevo più niente da perdere. “Comunque hai ragione” “Su cosa?” “Sul tuo ragazzo: è davvero un coglione… Ha una donna come te vicino e perde tempo ad incazzarsi con me. Assurdo” “Beh, ma sei davvero un gentiluomo… galante e molto dolce, piacevolissimamente timido, anche se quello che pensi ho notato che lo dici… Sei troppo modesto però, e non devi” “Grazie Lia… ma mi manca l’unica cosa che adesso vorrei” “Cosa?” “Qualche anno in più” rise di gusto, appassionata “Stai tranquillo… vedrai che ne trovi di ragazze, tra un po’, eccome” “Forse, ma al momento l’unica che vorrei sta con un coglione schiappa a tennis” Rise per un minuto buono “Sei un tesoro… Mi ha fatto piacere parlarti. Magari ci vediamo ancora al tennis” “Preferirei di no” “E perché scusa??” “Mi faresti male” “Come ‘male ’?” “Male perché vedere una donna come te insieme a quel tizio… Mi fa male” rise ancora, ma in maniera dolce, sensuale. Aveva una bellissima voce, calda e gentile. Da donna. “Dai, così mi fai sentire in colpa” “E’ l’unica posa su cui posso puntare, non ti pare?” Sentii il suo respiro profondo “Xxx sei davvero un ragazzo interessante” “Grazie. Credo tu sappia perfettamente quanto interessante e bella sia tu. Ciao Lia” sospirò “Ciao Xxx, fai il bravo…” “Spero proprio di no”. Sentendola ridere, riappesi. Cercai di rimettere a posto i miei pensieri. Quella donna mi toccava dentro. C’era qualcosa in lei che mi faceva incendiare. Per scacciare il suo pensiero pensai a mia sorella e a come me la sarei scopata quando l’avrei avuta di nuovo vicina. Stavo per uscire, e il telefono squillò di nuovo. Mia madre rispose e mi raggiunse sulla porta, e con un gesto un po’ scocciato mi riporse il telefono “Ancora la ‘signorina’ Lia” e mia madre notò che ero chiaramente turbato. Sapevo che mi avrebbe fatto il terzo grado, dopo. “Senti Xxx, stasera hai impegni?” “No… Cioè, adesso non più” “Come scusa?” “Stavo uscendo ma adesso non esco più, se non con te” “Ahahahah, ho capito. Ti va se ci vediamo?” “Appena esco dalla rianimazione…” Non la smetteva più di ridere. Ero riuscito a “prenderle il tempo”. “Smettila dai, non ti voglio mica sulla coscienza” “Va bene, ma come facciamo?” “Hai la macchina, la moto, lo scooter?” “Nulla di tutto questo, mi spiace. Uso solo TS” “TS? Cos’è?” “Tacchi e Suole” Quasi si sentì male dal ridere “Oddio, basta ti prego! Smettila di farmi ridere!” “Perché? Credo sia uno dei suoni più belli che io abbia mai sentito” “Che adulatore! Ma senti un po’: chi ti ha insegnato a essere così galante?” “Nessuno” mentii; e continuai “Mi viene naturale, non so cosa farci. Provo a essere maleducato e arrogante come il tuo ragazzo, ma non ci riesco” “Sì, va beh… dammi l’indirizzo che ti vengo a prendere va…”. Arrivò alla guida di una smart nuovissima. Era in gonna (molto corta) e camicetta (molto aperta). Ai piedi gli stessi eroticissimi zatteroni. In macchina la guardai dalla punta dei capelli all’unghia del suo mignolo destro. Era truccata benissimo. “Dove mi porti Lia?” “Senti, ci stavo proprio pensando… Ti andrebbe di venire a casa mia?” “Sì” Lei si girò a guardarmi, poi disse “Allora, hai rinunciato ai tuoi amici per me?” “A dire il vero a una mia amica” Mentii “Ma…! Dai no, ma non dovevi… e adesso povera?” “Non lo so” “Ma dai… Fai così il galante, e poi dai buca a una tua amica? Amica o ragazza tra l’altro?” Ci pensai un attimo “Ragamica si può dire?” Scoppiò a ridere. “Tu mi fai morire! Come ragamica?” “Ragaminchia?” Dovette accostare perché rischiammo di fare un incidente “Ti prego, smettila… Mi fai star male!” “Ma perché scusa? Cos’ho detto? Ragaminchia… Un neologismo. Ci sono i Bimbo Minchia… “Bastaaaa!!! Dai! Mi stai facendo fare la pipì addosso! Smettila! Davvero!” “La pipì addosso? Ma seriamente? Allora continuo” “Noooo! Basta, basta ti prego…” “Ricatto urinale… Tra l’altro vederti fare la pipì in mezzo alla strada credo diventerà un mio sogno erotico ricorrente, da stasera” “Che maiale… Dici cose anche molto pesanti con un innocenza… Molto bravo davvero” “E’ che mi ispiri molto” “Eh, ho notato!” Sospirò, col le lacrime agli occhi “E ho notato anche come mi guardi le gambe… In maniera un po’ troppo evidente, anche adesso” “Ti giuro che non lo faccio apposta… Scusami, ma è una cosa fortissima… Ti trovo davvero stupenda” “Che bugiardo…” Mi guardò e mi diede una pacca sulla gamba a lei vicina “Va bene, lo capisco bene… Guarda pure se vuoi. Solo non farlo in pubblico, come al tennis oggi… Era un po’ imbarazzante” “Il tuo ragazzo se ne è accorto?” “No, lui no… Ma l’ho notato io” “Peccato… Era una tattica” “Ah, una tattica? Mi guardavi le cosce tatticamente? Questa dovevo ancora sentirla” “E’ una cosa che mi ha insegnato il mio maestro: fare innervosire il tuo avversario, in ogni modo, lecito ovviamente. Poi però, le gambe te le ho guardate perché mi piacevano. Mi piacciono da morire” Si girò a guardarmi “Sì, sì, recupera la gaffe adesso…” “E’ la verità, e lo sai. Sei bellissima” Mi guardò con tenerezza “Grazie, sei davvero un tesoro… Ed è vero: sento che dici la verità. Sai di buono”. Pensai che ‘buono’ per me, forse, non era la definizione più corretta, ma tant’è… Perché contraddirla? Appresi un’altra lezione sulle donne in quel momento: farle ridere. Lia aveva assunto un aria serena e rilassata; era come vedere una gatta che faceva le fusa. “Posso farti una domanda Lia? Hai vergogna a farti vedere in giro con un ragazzino come me vero?” Lei mi guardò svelta mentre guidava “In parte sì, ma non solo per questo. Xxx, vorrei ricordarti che io sono la fidanzata del coglione che oggi hai battuto al tennis, che non è esattamente uno sconosciuto da queste parti”. Il suo ragionamento non faceva una grinza “Avete intenzione di sposarvi?” “Mah, sposarsi… Convivere, di sicuro lui lo vorrebbe… sto facendo di tutto per prendere tempo. Lavoro con lui tra l’altro. Siamo già più che sposati…” “Tu lo ami?” Mi guardò togliendo il piede dall’acceleratore. Aveva una dolcezza enorme dentro, la percepivo, sia come femmina che come donna. Capii anche che provava una grande tenerezza per la mia ingenua semplicità “Domanda tosta da fare a una donna che conosci da un’ora Xxx…” Rimase in silenzio. Poi, quando pensavo non mi desse più risposta “No. Non lo amo. Credo di non averlo mai amato, veramente. Per un po’ mi è piaciuto il suo mondo, i suoi soldi, i locali… Le vacanze nei villaggi… Tutte cose che avevo visto solo di sfuggita, e mai vissuto in prima persona. Poi, piano piano lui è venuto fuori per ciò che è, e che hai visto anche tu oggi: un bambino viziato. Ma nel frattempo io ero andata a lavorare da lui, vivo in un appartamento suo, guido una delle sue macchine…” Si fermò un attimo e guardò fuori dal finestrino, triste. Poi riprese “Amore… Non so neanche se mi va di provarlo, a questo punto…” Restammo in silenzio. “Vedi Xxx, alcune donne, molte secondo me, non sono complicate: se le metti di fronte ai soldi e all’amore ti garantisco che il 90% sceglie i soldi. Non lo fanno perché sono facili, o delle prostitute… Vogliono sicurezza, non vogliono soffrire. Credo sia giusto tutto sommato… Non le biasimo e non mi biasimo. Ti ho deluso? Mi consideri male adesso?” La guardavo, come si guarda un quadro, un opera d’arte, in devoto silenzio. “No”. Poi, feci una cosa di puro istinto. Mi chinai e le baciai una coscia, il più internamente e dolcemente possibile. Restai lì, appoggiato con le mie labbra sulla sua carne deliziosa e profumata. Lei rimase ferma, continuando a guidare. Mi rimisi seduto, e la guardai. Non disse nulla. Guidava con la mano sinistra. Poi, d’un tratto, con la destra mi prese per i capelli dietro la nuca e mi spinse giù di nuovo, in mezzo alle sue gambe. Si tirò su la gonna fino in vita, dimenandosi sul sedile. Era nuda sotto la gonna, e il triangolo della sua figa mi apparve davanti. Il naso trovò i suoi peli pubici. Potei sentire il suo odore. Allargò le gambe, mentre continuava ad accarezzarmi la testa e a guidare. Le infilai la mano destra tra il suo culo e il sedile. Trovai subito il buco della sua vagina e entrai con il medio e l’anulare. “Aaaahhhh mi sei già entrato dentro! Sono fradicia” Cercavo di allungare la lingua ma non riuscii a trovarla. Tirai le dita verso di me, come a suonare una nacchera, come mi aveva insegnato mia sorella “Oddio, oddio… Mi stai già facendo venire! Cosa stai facendo con le dita?” La piccola vettura si fermò davanti ad un portone, di traverso. “Aspetta… Fammi aprire” Premette un telecomando e il portone si aprì. Era l’entrata di un parcheggio sotterraneo di un bel condominio. Parcheggiò l’auto. La toccavo dappertutto, cercando di baciarla sulla bocca. Lei mi respinse con dolce fermezza “Aspetta… non avere fretta. Qui ci abito, e a lui lo conoscono tutti… Aspetta”. Mi calmai e lei si ricompose tirandosi giù la gonna. “Senti, io ti precedo, così se incroci qualcuno non ci vedono insieme. Sali al secondo piano, sulla targa della porta c’è scritto zzz immobiliare. Aspetta qui 5 minuti ok?” Lei scese dalla macchina e si avviò. Aspettai e poi la raggiunsi. La porta si socchiuse e io entrai. La trovai fasciata in un grosso asciugamano, all’altezza dei seni. La abbracciai e la baciai. Finalmente lei ricambiò il mio bacio, con slancio e libidine, perché adesso era sicura di non essere vista con me. Era parecchio più bassa di me, e non aveva più ai piedi i sexissimi zatteroni “Come sei alto… Vieni” Mi prese per mano e andammo in camera sua. Passammo per la sua bella casa, moderna e luminosa. Invece la stanza era quasi in penombra, con le luci soffuse. Si capiva che era un alcova, un luogo dove lei veniva scopata. Si sedette sul grande letto e mi tirò verso di se. Mi slacciò i pantaloni, li abbassò e trovò i miei slip, gonfi del mio cazzo duro, di traverso. Li prese per l’elastico e li tirò in basso. L’uccello si tese in giù e poi scattò in alto come un missile su una rampa di lancio. “Che bell’affare che hai! E’ già quello di un uomo” La guardavo dall’alto in basso e aspettavo le sue iniziative. Lo prese in mano e iniziò a menarmelo. Rabbrividii di piacere. Iniziai a pensare a come stare calmo, a come controllarmi per non venirle subito in mano. Lei mi guardò negli occhi, fermandosi e appoggiandosi l’uccello sulle grosse tette “Adesso io è te facciamo un patto ok? Tu mi giuri di non dire niente a nessuno di questa cosa che facciamo. Giuralo” “Te lo giuro Lia” “Xxx ascoltami: io mi faccio scopare da te, ma se lo dici in giro e fai il pirla, ti giuro che te ne faccio pentire. Capito?” “Ho capito. Non sono stupido Lia” “Te lo auguro Xxx”. Detto questo mi segò brevemente e poi mi imboccò il cazzo, pompandolo lentamente e a fondo. Mi prese i coglioni in mano, massaggiandoli e soppesandoli. “Hai dei bei testicoli grossi. Bene” Riprese a spompinarmi. Ansimava con il naso per le belle e profonde imboccate che si prendeva in gola. Si fermò un attimo “Vedo che resisti bene… Sei una sorpresa continua” Le accarezzai il viso e le scostai i capelli, e scesi a baciarla con la lingua. Poi la spinsi per la nuca a riprendermi in bocca l’uccello “Uuuuhhmmm… Lo sentivo che eri già pronto… l’ho capito da come mi guardavi oggi, con voglia, con lussuria, senza alcuna paura… ma anche con rispetto, con ammirazione. Mi hai fatto sentire come una dea. Sei stato delizioso. Sei delizioso” Fece scorre l’indice e il pollice sul cazzo, dal basso verso l’alto, e dal taglio della mia cappella usci un grossa goccia di liquido trasparente “Aaahhh eccola qua. Deliziosa” La leccò via con la punta della lingua. “Vieni” Andò ad appoggiarsi alla testiera del suo enorme letto, il letto di una amante, pensai. Allargò le gambe “Finisci il lavoro che hai cominciato in macchina” Si allargò le labbra con le dita e fece apparire il suo clitoride enorme, grosso come un capezzolo, lungo e turgido. Lo presi in bocca e lo succhiai con forza. “Diooooo che forza! Succhialo, succhialo bene!” Lo presi tra le labbra e feci come se ciucciassi da un biberon vuoto, come se il latte dai capezzoli di mia madre, non uscisse, come mi aveva insegnato la mia bellissima sorella. “Aaaaahhhh sìììììì… Che goduria! Bravo bambino, bravo! Succhiala, e leccala, la mia fighetta” Scoprii così che anche lei era una troia imperiale. Si allargò più che poté, accarezzandomi la testa. Poi si prese in mano le grosse tette e allungò la sua lingua per leccarsi i capezzoli. Le infilai dentro ancora il medio e l’anulare e la suonai come una nacchera, con tutta la forza che avevo “Ooohhhh sì, bravo… Continua, continua così… Aaaaahhh sììììì, vengo, vengo… Dentro e fuori, dento e fuoriiiii!!!!” Continuai, con tutta la forza della lingua e nella mano “Basta, basta…! E’ troppo sensibile adesso!” Allora feci lo stesso che avevo fatto con mia sorella, facendola quasi impazzire. Scattai su e le puntai il cazzo tra le labbra. Mi mossi appena e la trafissi con forza. Sentii la mia cappella che le apriva la figa centimetro dopo centimetro e sentii chiaramente quando raggiunsi il fondo della sua figa. Spinsi ancora “Uuuuaaaaaaahhhh mi hai squarciato! Cazzo mi sei dentro tutto! Come lo sento… E’ durissimo” La presi per le natiche, sollevandola, e spinsi ancora il mio bacino contro il suo ventre. Lei allargò le gambe ancora per prendermi dentro il più possibile. Mi mossi con un moto circolare, come se volessi trivellarla, allargarla, sfondarla. Le sue gambe iniziarono a tremare, come scosse dai crampi “Aaaaaaahhhhhh cazzoooo mi fai venire ancora!!!” Sborrai anch’io e glielo dissi. Lei strabuzzò gli occhi, fermandosi come ad ascoltare “Oddio, oddio… Lo sento, sento che vieni! Mi pulsa dentro… Mi stai riempiendo. Dio che bello, che scopata fantastica… Giurami che non parli, che non dici a nessuno che l’abbiamo fatto” “Te lo giuro Lia. Non parlo con nessuno” E invece a mia sorella lo avrei detto subito, sapevo. Mi tirai fuori da lei e mi stesi al suo fianco, guardandola tutta. Ansimava per lo sforzo e teneva gli occhi chiusi. Le guardavo le grosse tette salire a scendere. Le toccai e andai a succhiarle e leccarle i capezzoli “Sei già pronto, ancora???” Le feci di sì con la testa senza staccarmi dai suoi capezzoli. Lei mi spinse via e mi fece stendere di schiena. Mi baciò dappertutto, e poi si fermò sul cazzo a leccare lo sperma residuo “Sei un bellissimo giovane maschio… E io devo essere pazza. Una pazza” Mi montò sopra e mi guardò con occhi che erano due braci. Si era messa a cavalcioni su di me. D’un tratto si sentì il rumore dello sperma e dell’aria che sgorgavano fuori dalla sua figa. Si mise una mano sulla bocca “Oddio! Sta colando fuori tutto… che sensazione…” Chiuse gli occhi e mi versò la sborra addosso, sull’uccello. Poi andò di nuovo a farmi un pompino, leccando e succhiando la sborra. Era bravissima “Il miglior lubrificante che esista” Si mosse svelta, prese il mio uccello, se lo puntò sulla figa e lentamente se lo prese dentro. Iniziò subito ad ansimare e a godere. Dopo un po’ di cavalcatura si fermò, si appoggiò al mio petto con le mani e si accovacciò sul mio cazzo, a smorza candela. Per me era la prima volta. Si stava scopando tutto il mio cazzo. Si sbatteva su di me come una furia. Si leccò le dita della mano e prese a battersi la figa con forza. Poi iniziò a sgrillettarsi. Venne con un ululato “Ah cazzo, ah cazzoooo… è ancora durissimo” La presi per le spalle e la misi al mio posto. Volevo chiavarmela. Volevo dominarla. La infilzai e presi a montarla con ritmo e forza, baciandola sulla bocca, mentre mi sussurrava all’orecchio “Non dirlo a nessuno che mi scopi ti prego, non dirlo” Non le rispondevo nemmeno più. Andai a succhiarle i capezzoli mentre la chiavavo “Aaaaahhh dio, diooooo! Come mi fai godere… Come fai a essere così bravo? Chi ti ha insegnato a scopare così?” Le diedi la risposta che si meritava: uscii quasi completamente dalla sua figa e poi affondai di nuovo con forza. Lei gridò e non riuscii più a parlare. Poi lo feci ancora, e ancora. E poi… Le tirai fuori il cazzo lentamente. Lei si aspettava il mio nuovo affondo, ma io mi spostai leggermente, e al posto della sua figa interna le trovai quella esterna. Il mio cazzo durissimo le separò le labbra e poi trovò il suo enorme grilletto, gonfio di sangue, pulsante. L’urlo fu così forte da scuotermi. Pensai di averle fatto male, ma non era così. Ebbe un orgasmo devastante, che la fece contorcere come una serpe, nel suo bellissimo letto. La bloccai prendendola per le braccia, stendendogliele sopra la testa, e ripresi a leccarle le tette. Aveva gli occhi sbarrati e faceva di no con la testa. Riconobbi il piacere profondo che aveva preso anche mia sorella. Le lavorai il clitoride con la cappella ancora un po’ e poi glielo ripiantai in figa, scopandola per tutta la sua lunghezza. Smise di muoversi. Si mise un dito in bocca e iniziò a succhiarlo con forza. C’ero riuscito di nuovo a trovare il piacere profondo di una donna. La scopai ancora un po’ e poi mi fermai, aspettando che si riprendesse, che ritornasse dal vortice di piacere che l’aveva avvolta e presa. Le uscii dalla figa e salii col cazzo fino alle sue meravigliose tette. Le presi una mano e le imposi di farmi una sega, mentre la palpavo con forza. Il primo fiotto di sborra le si abbatté sul viso come una frusta, solcandole il viso dai capelli al collo. Il secondo le si fermo sulla gola. Mi presi la base del cazzo bloccando gli altri che sentivo arrivare. Salii su ancora e glielo spinsi in gola svuotandomi completamente, scopandole la bocca. Lei si era abbandonata, senza più forze. Mi lasciai andare e caddi steso al suo fianco. La guardai, con la faccia segnata dalla mia sborra bianca e densa. Lentamente si riprese e provò a tirar via dal suo volto il mio sperma. Fu in quel momento che, guardando oltre me, vide lampeggiare la segreteria telefonica sul comodino a fianco del letto. “Oddio… Mi sta cercando…” Capii che il suo fidanzato doveva essere abbastanza incazzato: il numero sul display lampeggiante diceva 8

Questo racconto di Ganimede69
è stato letto

7
9

volte

Questo racconto è stato letto 374 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: