Il sorvegliante albanese




Scritto da Squall7691,
il 2015-10-02,
genere gay

E’ da un paio di mesi che fra gli addetti alla sorveglianza del negozio è arrivato Darian, un ragazzone albanese dai capelli scuri rasati e gli occhi chiari, il fisico massiccio e muscoloso, tanto che l’uniforme pare debba strapparsi ad ogni movimento. Ha sempre gli occhi delle colleghe di Saverio addosso, tanto che Cristian, il palestrato, prova un po’ di gelosia nei suoi confronti: in fin dei conti fino all’arrivo di Darian era lui ad attirare tutti gli sguardi delle ragazze. A Saverio la cosa fa sorridere ed ogni tanto si diverte a stuzzicare il collega. Darian, comunque, è uno dei migliori, più volte ha sventato furti, è sempre molto attento ed educato nei confronti di tutti.
Ai proprietari del negozio è sembrato naturale chiedere alla ditta di sorveglianza di mandare Darian per sorvegliare il negozio durante dei lavori straordinari, anche per evitare che qualche malintenzionato entri e cerchi di rapinarlo.
I lavori si svolgono nell’arco di una giornata in cui tutti sono presenti, ma alla fine, quando ci sono solo da sistemare gli ultimissimi dettagli, rimangono solo Saverio, Lea e Darian. Sono le 22 passate quando Saverio termina i suoi compiti e raggiunge Lea in ufficio per darle una mano a finire più in fretta. “No, non preoccuparti, Saverio, devo solo finire di archiviare queste fatture e poi ho finito. Tu comincia ad andare, chiudo io. Tanto c’è Darian”. Saverio prova ad insistere un po’ ma alla fine, stanchissimo, si convince ad andare. Sulla soglia, Darian gli solleva la serranda e lo saluta con un sorriso ed un cenno della testa. Mentre si avvia verso il parcheggio, Saverio sente il rumore della serranda che viene calata a metà. Con calma arriva al parcheggio, sale sulla sua utilitaria, infila le chiavi nel cruscotto e prima di mettersi la cintura e mettere in moto, infila la mano nella tasca della giacca per prendere il cellulare…ed accorgersi che lo ha dimenticato in negozio. Imprecando sottovoce, scende dall’auto e percorre al contrario il percorso appena fatto. Quando arriva, trova la serranda ancora abbassata a metà, per fortuna Lea e Darian non sono ancora andati via. Si china per passare sotto la serranda e si guarda attorno senza vedere nessuno. Sta per chiamare la collega quando sente dei rumori provenire dall’ufficio. Anzi, non rumori, ma gemiti. Con la fronte aggrottata si dirige verso il retro e passando vicino alle casse trova il suo cellulare. Mentre se lo infila in tasca, supera le tende che dividono il retro del negozio e vede la porta dell’ufficio accostata, la luce della lampada da tavolo accesa e sente ora chiaramente quelli che sono gemiti e sospiri. Intuendo cosa sta succedendo, Saverio si avvicina alla porta e sbircia attraverso al fessura, abbastanza ampia da fargli vedere all’interno. Lea è stesa sulla scrivania, la camicetta aperta ed il reggiseno slacciato, la gonna sollevata e le gambe divaricate. In piedi davanti la scrivania, tenendo Lea per le caviglie, c’è Darian, senza camicia e con i pantaloni calati fino a metà delle cosce muscolose e pelose. Gemono entrambi mentre l’albanese se la scopa con violenza. Saverio vede chiaramente il grosso cazzo duro di Darian che entra ed esce dalla figa dei Lea, che geme in preda al piacere. Saverio sente il cazzo che gli si indurisce nei pantaloni ed istintivamente si porta una mano alla patta dei pantaloni e se lo strizza con forza, mentre nell’ufficio Darian si ferma con il cazzo completamente piantato nella figa di lei, che gli dice qualcosa e lo attira a se, le mani sul petto massiccio e peloso dell’albanese che si china a baciarla e le prende i seni fra le grosse mani. E poi, sempre chinato su di lei, che gli afferra la schiena possente, ricomincia a scoparsela, a pomparle il cazzone dentro e fuori. Saverio continua a spiarli, strizzandosi il cazzo attraverso la patta con sempre maggiore forza. Ad un certo punto Darian si tira indietro ed estrae il cazzo da dentro Lea, le dice qualcosa e lei scende dalla scrivania. Mentre lei gli si inginocchia davanti, Saverio vede l’enorme cazzo dell’albanese, massiccio, la cappella gonfia, più di 20 cm leggermente ricurvi verso l’alto, i nervi e le vene in rilievo, come se stesse per esplodere da un momento all’altro, e le palle gonfie e pelose. “Succhia” dice sottovoce e Lea obbedisce, glielo bacia sulla punta gonfia un paio di volte e poi se lo infila in bocca per quanto le riesce, una mano sulle palle l’altra su una coscia. Darian geme ad occhi socchiusi e poi, di colpo, le piazza le mani dietro la nuca e le spinge la testa in avanti, piantandole il cazzone fino in fondo in gola. Lea geme, ma non fa nulla, anzi gli artiglia le natiche sode, mentre lui le scopa la bocca con violenza. Saverio continua a spiarli, la testa che gli gira, il cuore che gli martella nel petto ed il cazzo duro nei pantaloni che gli pulsa come impazzito. Darian si fa spompinare il cazzo a lungo, fino a quando Lea non riesce a toglierselo dalla bocca e, dopo aver ripreso fiato, guardando il muscoloso albanese dal basso dice “Inculami”. Allora Darian l’aiuta a rialzarsi e poi la fa chinare in avanti sulla scrivania; si afferra il cazzone duro nel pugno e glielo poggia sulla linea di separazione delle natiche, strusciandoglielo sopra. “Sei sicura?” le dice con il suo forte accento dell’est. “Ce l’ho grosso…ti sfondo…” Lea si gira a guardarlo e sussurra “Mettimelo nel culo…ora…” A quel punto, senza tanti complimenti, serrando la mascella, Darian le pianta l’enorme cazzo duro nel culo e lei soffoca un grido di dolore. Un’altra potente spinta e il cazzo dell’albanese e completamente dentro di lei. Per tutto quel tempo, Saverio non è riuscito a staccare gli occhi dal cazzo duro di Darian, non ricorda di averne mai visti di così massicci quando gli è capitato di trovarsi negli spogliatoi delle palestre. Mentre Darian la prende per i fianchi e comincia ad incularsela con forza, i gemiti di Lea si trasformano da dolore in piacere e a qual punto Saverio non ce la fa più. Si apre i pantaloni e si tira fuori il cazzo duro, in un attimo di lucidità prende dalla tasca qualche fazzolettino di carta e ci avvolge la punta gonfia del cazzo. Darian si incula con brutalità Lea, che geme di dolore misto a piacere, le palle gonfie e pelose dell’albanese sbattono rumorosamente sulle natiche di lei e Saverio, con gli occhi socchiusi si stringe il cazzo nel pugno. Non sa per quanto vanno avanti, Darian grugnisce come un animale ad ogni colpo di cazzo che infligge con violenza al culo di Lea che ha ormai le lacrime agli occhi. Saverio si tiene il cazzo duro stretto nel pugno, sa che come muoverà la mano sborerà. Ad un tratto Lea, gemendo, lo prega di smettere, di fermarsi che le sta facendo male, che ha il cazzo troppo grosso. “Aspetta…aspetta” dice lui, gli occhi socchiusi. Impreca nella sua lingua, continuando a scoparsela con violenza. Poi, ad un tratto, da tre o quattro colpi più violenti degli altri, i muscoli ed i nervi gli si tendono all’estremo ed allora, grugnendo, si tira indietro e si afferra subito il cazzone duro nel pugno, mentre Lea si alza rapidamente e gli si inginocchia davanti. Darian avvicina la punta gonfia del cazzo ai seni di lei e con un gemito, i muscoli ed i nervi sempre più tesi, si lascia andare. Le sbora addosso, lunghi e potenti fiotti di sperma denso schizzano con violenza dalla punta del suo cazzone, spandendosi sul petto dei lei. E basta quell’immagine per provocare a Saverio un violento orgasmo che lo fa venire nei fazzolettini che bastano appena per assorbire la quantità di sbora calda che gli schizza dal cazzo. E quando finisce di venire, con sorpresa si accorge che invece Darian sta ancora sborando, deve essere il decimo o undicesimo violento fiotto che gli schizza dal cazzo, mentre impreca nella sua lingua. Poi finalmente smette, si lascia andare il cazzo ancora duro e barcolla leggermente all’indietro. Mentre Lea si avvicina e prende a leccargli il cazzo per pulirlo, Saverio, rosso in viso, si richiude i pantaloni, getta i fazzolettini imbevuti del suo sperma in un secchiello e silenziosamente si allontana per uscire dal negozio. Tornato a casa, Saverio si spoglia e si mette sotto la doccia. Ma si rende conto di non riuscire a togliersi dalla mente quello che ha visto. Mentre l’acqua gli scorre addosso, chiude gli occhi e vede chiaramente Darian che si scopa Lea, visualizza perfettamente il grosso cazzo duro dell’albanese con i nervi e le vene in rilievo, stretto nel pugno e la sbora che schizza copiosa dalla cappella congestionata. Senza neanche accorgersene, Saverio si ritrova con un’erezione enorme stretta nel pugno e pizzicandosi i capezzoli si masturba, gli occhi chiusi, Darian che si scopa Lea ben chiaro in mente. Viene di nuovo con violenza, stavolta senza costrizioni e quando ha finito resta ancora un po’ sotto la doccia. Più tardi a letto, fatica a prendere sonno, un’immagine che continua a presentarglisi davanti, quella di Darian con il suo cazzo massiccio e duro stretto nel pugno.
Passano alcuni giorni in cui altri ragazzi della sorveglianza si alternano e Saverio è quasi contento di non aver più visto Darian, anche se si chiede se Lea lo abbia incontrato fuori. In realtà non riesce a toglierselo dalla mente, non capisce come mai continui a tornargli in mente l’immagine dell’albanese con il cazzo duro stretto nel pugno. Sa di non essere gay, ma in quei giorni qualche dubbio gli sta nascendo. A casa, gli è capitato più di una volta di masturbarsi ripensando a quello che ha visto e rendendosi conto che quello che lo fa arrapare e venire e proprio il ricordo di Darian in piedi, il petto muscoloso e peloso, il cazzone duro e massiccio stretto nel pugno che sbora con violenza.
Poi, un giorno, Darian è di nuovo in servizio e per coincidenza quel giorno Lea è di riposo. Per tutto il turno di lavoro, Saverio cerca di non pensarci, ma ogni tanto si sorprende a spiare il giovane muscoloso albanese in piedi davanti la porta di ingresso del negozio e quando questo accade, sente un calore prenderlo al basso ventre. Si riprende, chiedendosi cosa gli stia succedendo, non capendo perché si senta così turbato. Le ore passano e arriva il momento della chiusura, che quella sera tocca a lui. Non appena tutti se ne sono andati, Saverio inizia a raccogliere le buste coi versamenti delle casse per metterli al sicuro. In quel momento Darian gli si avvicina e gli dice che se non ha nulla in contrario comincerebbe a cambiarsi. “No, fai pure, io ho quasi fatto.” L’albanese gli sorride e si dirige agli spogliatoi. Saverio finisce di raccogliere le buste e va in ufficio a metterle in cassaforte, segna il registro dei versamenti e timbra la fine del turno. Spegne le luci, chiude il server e poi torna al negozio convinto di trovare Darian che si è cambiato, ma non è così. Sbuffando lo raggiunge nello spogliatoio e quando entra rimane bloccato. L’albanese è seduto sulla panca con addosso solo un paio di slip neri, intento a digitare qualcosa sul cellulare. Saverio rimane per un attimo a guardarlo, le spalle larghe, il petto massiccio e peloso, le braccia muscolose, il ventre piatto con gli addominali che sembrano scolpiti nella roccia, le gambe anch’esse massicce e pelose. E poi il rigonfiamento del davanti delle mutande, un bozzo enorme che gli fa tornare alla mente la solita immagine di lui che si stringe il cazzo nel pugno. “Darian” dice allora tentando di nascondere il turbamento, il cuore che gli batte all’impazzata, “io sono pronto.” Allora il giovane albanese alza gli occhi dal telefono e si alza in piedi in tutta la sua possanza. “Sì…scusa…stavo rispondendo a messaggi…faccio subito…” risponde con quel suo accento dell’est. Si gira verso l’armadietto e Saverio vede la sua schiena massiccia e le natiche sode fasciate dalle mutande nere. “Darian…scusa…ma devo dirti una cosa” inizia Saverio quasi senza pensarci. Darian, un paio di jeans in mano si volta a guardarlo con aria interrogativa e Saverio ,senza sapere da dove ha preso il coraggio, prosegue “L’altra volta ho visto te e Lea in ufficio…ero tornato a prendere il cellulare…ho sentito dei gemiti…insomma vi ho visto…” Darian e rimasto fermo, i jeans i mano, senza muovere un muscolo. “Volevo solo dirti…ecco…stai attento…Lea potrebbe dirlo a qualcuno…e se si viene a sapere…ti cacciano…” Darian pare impietrito, posa lentamente i jeans sulla panca e poi con la testa bassa dice “Per favore…non dire niente…non posso perdere lavoro”. “No, tranquillo…io non dirò nulla…ma sta attento…o potrebbe succedere un casino…”. Come esausto, Darian si siede di nuovo sulla panca, si passa la mano sulla testa rasata e poi alzando la testa a guardarlo dice “Non è colpa mia…lei mi provoca…mi ha toccato il culo un sacco di volte…una volta mi ha messo mano in mezzo alle gambe…sono dovuto andare in bagno a farmi sega…e poi…quella volta…quando sei andato via…mi ha chiamato in ufficio e mi ha aperto i pantaloni….mi ha preso il cazzo in mano….me lo ha succhiato e mi ha detto che dovevo scoparla…non ce l’ho fatta dire no…” Saverio lo ascolta con il cuore che gli va a mille, respirando quasi a fatica. “Darian stai tranquillo…io non dirò niente…” Allora l’albanese si alza di nuovo in piedi, gli va davanti e gli mette un mano su una spalla. “Grazie, amico” Saverio rimane senza fiato a guardare gli occhi blu di Darian che sembra accorgersi del disagio dell’altro. “Che succede?” “Ni…niente…scusa…ma…sono stanco…io…” Darian toglie la mano dalla spalla ma rimane a guardarlo, sorridendo. “No, che hai? Dimmelo. Qualsiasi cosa sia. Mi hai aiutato, quindi no problemi.” Saverio respira a fondo, apre la bocca e la richiude un paio di volte e poi, alla fine, si fa coraggio e confessa. D’un fiato gli dice di essersi masturbato mentre li spiava, di essersi fatto una sega sotto la doccia e di continuare a pensarci da giorni. E alla fine, gli confessa pure che quello che lo eccita è il ricordo di Darian con il cazzo stretto nel pugno, un cazzo grosso e massiccio come non ne ha mai visti. “Non sono gay, ma non riesco a toglierti dalla testa”. Quindi tace e si aspetta la reazione violenta dell’albanese. Darian, invece, sorride di nuovo e poi dice “Prima di fare sorveglianza per guadagnare soldi scopavo a pagamento. Chi mi pagava me lo poteva succhiare, prendere in bocca e farsi scopare….tanti uomini mi hanno pagato per farlo…” Saverio lo guarda, il cuore che sembra dovergli saltare fuori dal petto. “Darian…io…non so cosa mi succede…” L’albanese gli va più vicino e gli dice “Vuoi toccarmelo? Prendilo in mano…” Visto che Saverio non si decide, Darian gli afferra delicatamente una mano e la guida verso le sue mutande, gliela fa poggiare sul bozzo teso. “Senti…dai…metti mano dentro…” Saverio ha la bocca completamente asciutta e il cuore in gola ma lentamente muove la mano e la infila nelle mutande, incontrando subito una massa di carne calda e grossa. Guardandolo negli occhi glielo tira fuori e poi entrambi abbassano lo sguardo: il cazzo dell’albanese è grosso anche se non ancora in tiro, Saverio lo guarda, lo carezza e poi lo stringe nel pugno, proprio mentre comincia farsi duro. Non ci mette molto che si ritrova a stringere l’enorme cazzo nervoso e massiccio di Darian, caldo e pulsante. “Ti piace?” chiede l’albanese piano. “Io…io…non….” balbetta Saverio, mentre anche il suo cazzo inizia ad indurirsi nei pantaloni. Rimangono così per alcuni istanti, poi l’albanese gli dice “Vuoi succhiarlo?” “Io…io non…non l’ho mai fatto…”. Allora Darian gli mette le mani sulle spalle e lo spinge delicatamente in ginocchio, così Saverio si trova a fissare il cazzone massiccio e duro proprio davanti al suo viso. “Dai…” sussurra Darian, “provaci…”. Lentamente Saverio sposta la mano sulle palle gonfie e pelose dell’altro e poi avvicina le labbra alla cappella gonfia e congestionata. La bacia una volta, poi due e alla fine se lo infila in bocca per quanto gli è possibile. Chiude gli occhi e per un attimo ha un rigurgito, poi però si abitua a sentire quel cazzone duro e nervoso premergli sulla lingua e sul palato. Inizia a succhiare piano, poi sempre più velocemente. Allora l’albanese gli afferra la testa per la nuca e con un grugnito gli spinge tutto il cazzo duro dentro, fino in gola. Ancora una volta Saverio teme di rimettere, ma passa subito e, aiutato dalle mani di Darian inizia a spompinare un cazzo per la prima volta. Non sa per quanto va avanti, solo che ad un certo punto, aggrappato alle gambe muscolose e pelose di Darian, lo sente sospirare “Cazzo…sei bravo…” Vanno avanti ancora per un po’ e poi Saverio si toglie il cazzo di bocca e, col respiro affannato alza lo sguardo verso Darian, che gli sorride dall’alto “Sei sicuro di non aver mai succhiato cazzi?” Saverio non risponde, ma glielo prende in mano, lo solleva e gli bacia le palle, gliele lecca più volta e poi fa lo stesso con la cappella gonfia. Quindi si lascia cadere seduto a terra, il respiro affannato. L’albanese lo guarda con la testa piegata di lato e poi gli dice “Adesso prova a prenderlo in culo”, mentre si stringe il cazzo massiccio nel pugno chiuso. “No…aspetta…non so se…” “Dai…vedrai che piace…sono bravo…non ti faccio male…” “Ce l’hai troppo grosso…” Darian ride piano e lo aiuta a rialzarsi. Gli slaccia i pantaloni e glieli abbassa insieme alle mutande, liberandogli il cazzo rizzato. “Stai tranquillo…ci penso io…vedrai…” Lo fa voltare e piegare sulla panca, quindi di mette due dita in bocca e se le bagna per bene di saliva. Con gli occhi chiusi, Saverio ha un sussulto quando sente un dito dell’albanese entrargli lentamente nel buco del culo, si irrigidisce ma l’altro gli sussurra di rilassarsi, di non aver paura. Darian gli muove il dito indice nel culo lentamente, in circolo e quando sente che l’altro ha iniziato a rilassarsi gli sputa sul buco del culo e inizia a infilargli anche il medio. Saverio sente la testa girargli, troppe sensazioni, dolorose e piacevoli contemporaneamente. Poi, dopo qualche tempo indefinito, Darian gli sfila le dita dal culo, si alza in piedi e si toglie del tutto gli slip. Si sputa sul palmo della mano, più volte, e sa la passa su tutta l’asta del cazzo massiccio e duro, specie sulla cappella gonfia. “Sei pronto…ora te lo metto in culo…” “No Darian…aspetta…non lo so…” “Shhhhhh…tranquillo…” L’albanese afferra le natiche di Saverio e le allarga, quindi spinge il cazzo fino a che la cappella non raggiunge il buco del culo. “Aspetta Darian…no…” Ma l’altro non sente ragioni e lentamente gli spinge con forza il cazzo duro su per il culo, lentamente. Saverio urla, mentre l’albanese si ferma, torna indietro e poi glielo spinge ancora dentro, stavolta più a fondo. “Cazzo…cazzo…” impreca Saverio con le lacrime agli occhi. Ancora fuori e di nuovo dentro, stavolta appena arriva a metà Darian da un violento colpo di bacino e glielo pianta tutto fino in fondo, facendolo gridare. Rimane fermo per alcuni istanti durante i quali Saverio sente lacrime uscirgli dagli occhi, il buco del suo culo che pare sul limite di strapparsi. E allora Darian inizia a muoversi lentamente in circolo, vuole che si abitui alle dimensioni del suo cazzone enorme e duro. Dopo qualche minuto, lo prende per i fianchi e dice “Adesso ti inculo perdavvero”. Subito dopo comincia a muoversi, a spingere, a pompargli il cazzo duro su per il culo stretto. Inizia lentamente ma poi comincia ad accelerare. Saverio geme, il dolore lo sta sopraffacendo e teme di svenire: sente chiaramente la roccia che è il cazzo dell’albanese piantato nel culo. Darian ora se lo incula con violenza, come ha fatto con Lea. Come quella volta, le sue palle gonfie e pelose sbattono rumorosamente sulle natiche di Saverio che sente il dolore trasformarsi in un piacere enorme. Darian gli afferra i capelli e gli tira la testa indietro, i muscoli tesi, perle di sudore che iniziano a luccicare fra i peli del torace massiccio mentre lo scopa con forza. “Ti piace…eh…ti piace il cazzone albanese, eh?” Saverio non riesce a rispondere, geme solamente, l’impressione che il cazzo enorme di Darian lo sfondi da un momento all’altro. Per tutto il quarto d’ora successivo l’albanese incula Saverio con violenza, imprecando nella sua lingua, insultandolo, mentre Saverio è ormai sopraffatto dal piacere. Il cazzo di Darian è una roccia nervosa che gli stantuffa su per il culo, facendogli male ma dandogli un piacere che non ha mai provato. Ad un certo punto, l’albanese impreca nella sua lingua, gonfia i muscoli possenti, tende i nervi e, a denti stretti dice “Ti sborro in culo…ti sborro in culo…” Saverio viene travolto da un orgasmo e schizza sperma dalla punta gonfia del suo cazzo, fiotti densi e caldi che finiscono sulla panca, mentre l’albanese continua ad incularselo con violenza. E non appena lui ha smesso di venire, Darian grida, impreca e da altri violenti colpi, fino a fermarsi con il cazzone massiccio completamente ficcato nel suo culo. E viene anche lui, sborra con violenza, gli schizza dentro potenti fiotti di sperma denso e caldo. Saverio sente chiaramente il carico delle palle gonfie dell’albanese che gli schizza dentro con violenza, riempiendogli il culo. Darian sbora a lungo, almeno una decina di potenti fiotti di sperma denso e caldo che schizzano con forza dalla punta gonfia del suo cazzo massiccio. Poi, quando è tutto finito, l’albanese si tira indietro, estraendo il cazzo ancora dura dal culo di Saverio, che preda di violente sensazioni e col respiro affannato si volta a guardarlo. E lo vede lì, il corpo muscoloso e peloso lucido di sudore, che si stringe nel pugno con forza il suo cazzone massiccio ancora duro. “Allora ti è piaciuto prendere grosso cazzo albanese nel culo?” dice sorridendo. Saverio annuisce e poi dice “Credo che stasera ce ne andiamo insieme” Darian lo guarda sorridendo malizioso.

Questo racconto di Squall7691
è stato letto

1

volte

Questo racconto è stato letto 1699 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: