Il magazzino del piacere




Scritto da marco strepa,
il 2015-07-25,
genere gay

CAPITOLO UNO
Un ennesimo fallimento. Questo sarebbe stato il titolo adeguato per descrivere quella giornata. Dopo giorni spesi a cercare lavoro in qualche bar per la stagione, pensavo finalmente di poter essere assunto in un locale tranquillo, a pochi passi dalla spiaggia, a fianco del Hotel Vittoria. Avevo già parlato col titolare, il quale il giorno precedente era sembrato ben disposto ad assumermi . Ma quel pomeriggio una nuova delusione: dopo qualche breve spiegazione per nulla chiara e convincente, e dopo essersi scusato rapidamente, mi aveva detto, in poche parole, che non avrei ottenuto il posto. Amareggiato, avevo ripercorso svogliatamente la strada verso casa, non sapendo dove altro cercare, dal momento che ero stato rifiutato nella maggior parte dei locali della zona. Ripetevo a me stesso “ mea culpa”: avrei dovuto cercare lavoro a inizio maggio, e non a stagione avviata. Arrivai all’appartamento che avevo affittato per l’estate, salì in fretta le scale e mi sdraiai sulla poltrona. Me ne stavo comodo, con il condizionatore acceso per sfuggire al gran caldo, bevendo una fresca acqua menta, riflettendo sul da farsi. Non cenai neppure, mi feci una bella doccia fresca e decisi di uscire la sera, magari per trovare consolazione in qualche bel ragazzo. Attraversai l’affollato viale, lanciando occhiate qua e là, e mi fermai a bere qualcosa in un bar. Prego- una voce mi fece alzare lo sguardo dalla lista delle bibite che stavo scorrendo con gli occhi – cosa desidera ? Rimasi senza fiato. Davanti a me si stagliava il più bel cameriere che mi avesse mai servito. Avrà avuto al massimo 26 anni, alto all’incirca un metro e ottanta, capelli castani corti, occhi marroni; le maniche della camicia arrotolate mostravano due bicipiti ben definiti, la camicia bianca delineava un addome marmoreo scolpito perfettamente e i pantaloni lasciavano intravvedere un culo mozzafiato, rotondo e sodo. Mi ripresi rapidamente e, quasi imbarazzato, dopo aver abbassato lo sguardo, ordinai una birra media e lo osservai con la l’acquolina in bocca mentre se ne andava. In quel momento capii che avrei dovuto assolutamente riuscire ad essere assunto in quel bar. Quando il cameriere tornò con la birra, gli chiesi se il proprietario del locale fosse in cerca di personale e che ero in cerca di lavoro. Il caso volle che lui fosse il nipote del proprietario, e mi disse che avrebbe parlato con suo zio. Dopo qualche minuto mi si presentò davanti un uomo mingherlino, sulla cinquantina, che mi disse che stava cercando un nuovo cameriere e che, se ero disponibile, mi sarei potuto presentare già la sera seguente alle 18.00. Accettai, consegnai una fotocopia dei miei documenti che tenevo nel portafoglio e ringraziai di cuore il proprietario.. ma anche il mio cazzo era felice di essere collega di un ragazzo così strepitoso. Quella sera rincasai presto, mi piazzai davanti alla televisione per un po’, mi stesi nel letto e prima di addormentarmi mi sparai una sega immaginandomi mentre scopavo assieme a quel manzo.
CAPITOLO DUE
L’eccitazione e il caldo non mi avevano fatto dormire molto. La mattina seguente mi svegliai in un bagno di sudore, misto all’odore dello sperma della sera precedente. Il mio cazzo non ne voleva sapere di chetarsi, così dovetti fare colazione con un palo dritto tra e gambe. Fino alla sera non avevo programmi quindi decisi di rimanere a casa la mattina e fare le pulizie. Din Don: il campanello. Chi poteva essere? Aprì con una certa curiosità la porta e per un secondo mi mancò il fiato: era LUI, in costume e maglietta scollata, infradito e con l’asciugamano sulle spalle. “Piacere Gianmarco” e mi allungò la mano. Intanto a me si era allungato (spero non troppo visibilmente) altro. “ Alessandro, piacere mio” e gli strinsi la mano. “Sono venuto a portarti alcuni documenti da firmare, puoi riportarli direttamente stasera a mio zio”. Ringraziai e lo invitai ad entrare, ma lui si rifiutò dicendo che era diretto in spiaggia e che avremmo avuto occasione di conoscersi le sere seguenti. Richiusi la porta. Lasciai a metà le pulizie, mi stesi sul letto e mi segai con forza, ansimando e immaginandomi disteso sopra di lui. Mi feci una doccia fresca, pranzai con un paio di panini in velocità e decisi di andare anch’io in spiaggia, sperando di riuscire ad osservarlo a torso nudo. La spiaggia era molto affollata, stesi l’asciugamano e mi sdraiai a prendere il sole, nonostante fossi già abbronzato. Intanto lanciavo occhiate in giro in cerca di Marco. Andai più volte a fare il bagno in mare, ma neanche lì riuscii a trovarlo. Probabilmente andava in una zona diversa della spiaggia. Verso le quattro decisi di ritornare a casa e prepararmi per il lavoro, ma proprio mentre stavo lasciando la spiaggia, sentì la sua voce chiamarmi. Mi voltai. Era torso nudo; un corpo perfetto, addominali ben delineati ma non eccessivamente pompati, bei pettorali, bicipiti della giusta misura e una “V” che attraversava il ventre e terminava nel costume a pantaloncino bianco, che rendeva ancor più appetitoso quel culo perfetto. Lo salutai rapidamente e, imbarazzato, mi avviai verso casa. Arrivato, mi feci nuovamente una doccia e mi andai a vestire in camera davanti allo specchio. Ero nudo, il cazzo non troppo duro, i muscoli rilassati dopo il bagno refrigerante. Nonostante fosse trascorsa qualche settimana dal’ultima volta in palestra, il mio fisico era in ottima forma: addominali e pettorali gonfi, i bicipiti ancora un po’ da definire, le cosce muscolose e un culo di tutto rispetto. I capelli biondi, corti ai lati, più lunghi al centro, scompigliati, occhi azzurro-grigi, sguardo fisso sul mio corpo riflesso. Modestia a parte, non ero niente male. Mi massaggiai gli addominali, passandoci delicatamente la mano sopra, desiderando che quella mano appartenesse a un’ altra persona. Mi vestii abbastanza elegante, pur sapendo che poi avrei dovuto indossare la divisa da cameriere del locale. Mi pettinai e uscii con largo anticipo. Quando arrivai al locale, trovai solo il proprietario mingherlino che mi diede diverse indicazioni sul da farsi. .
All’arrivo dei primi clienti fui subito impegnato a servire ai tavoli e non feci caso di quando Gianmarco arrivò e iniziò anche lui a lavorare. La serata, essendo un infrasettimanale, trascorse tranquillamente, senza troppi clienti. Chiudemmo il locale che era quasi l’una. Lo zio se n’era già andato alle undici, assieme all’altra barista. Cominciai a spostare le casse di bibite nel magazzino sul retro. Stavo riponendo una cassa di Coca in uno scaffale, quando sento una voce da dietro che mi dice…
CAPITOLO TRE
“Vuoi una mano?”. Gianmarco stava portando altre casse. Rifiutai e continuai il mio lavoro, quando ad un certo punto mi accorsi che Gianmarco era affianco a me, molto vicino, e stava caricando una cassa pesante sullo scaffale in alto. Spingendola sempre più in dentro, finì per avvicinarsi a me fino al punto che … strusciò lievemente il suo pacco sul mio braccio. Indescrivibile la reazione del mio cazzo. Dovetti continuare il lavoro col cazzo in tiro tra le gambe: scomodo, oltre che imbarazzante. Ma lui non sembrò accorgersene. A quel punto non resistetti più: dovevo far qualcosa anch’io. Mentre lui era piegato a riporre sotto a una mensola una cassa di acqua, ne caricai un’altra nella mensola sopra, strisciando lievemente sul suo culo il cazzo in tiro, che, se possibile, divenne ancora più duro. Nulla. Speravo di stuzzicarlo, di risvegliare gli ormoni in lui, ma non disse nulla. E forse non se n’era neanche accorto. Mi voltai a prendere un’altra cassa, quando sentii un braccio cingermi forte i fianchi e la voce di Gianmarco che sussurrava: “Ce n’è voluto di tempo per deciderti eh?”. Mi voltai e per un istante mi persi nei suoi occhi. Avevo il cuore in gola e sentivo il suo battere forte. Decisi di non pensare e mi abbandonai a lui, baciandolo con tutto me stesso. Lui ricambiò il bacio intensamente. Esploravo la sua bocca con la mia lingua, sentivo la sua lingua penetrare nella mia bocca, succhiandomi l’anima. Passavo la mano tra i suoi capelli, mentre lui mi stringeva ai fianchi. Restammo incollati per quasi un minuto, trascorso il quale lui si fermò e mi chiese: “ Hai mai avuto esperienze?” Risposi di no, che mi ero fatto fare solo qualche pompino da alcuni ragazzi della mia età, ovvero ventunenni. “Allora sei vergine” disse, con un magnifico sorrisetto stampato in volto. “Ho voglia di sesso, forte”, e con un gesto rapido si strappo la camicia di dosso, lasciando scoperti quei magnifici, succulenti pettorali. Prese con forza la mia testa e me la schiacciò sul petto. Non aspettavo altro. Inizia a leccare quel ben di Dio, inumidendo il suo ventre con la saliva e leccandolo piano, partendo dall’ombelico e risalendo fino al collo, succhiandolo su ogni centimetro di pelle. Mi fermai a lungo sui capezzoli, li strinsi tra le labbra, mentre lui mugugnava di piacere, incitandomi a continuare. Calai lentamente la mano lungo la schiena fino ad accarezzare quei glutei divini. Li palpavo e lui ansimava dal piacere. Mi tolse rapidamente la camicia, sbottonò i pantaloni e mi abbassò le mutande: ero nudo, eccitato, voglioso, davanti a lui. Iniziò ad accarezzarmi su tutto il corpo, massaggiando i miei muscoli. Ero in estasi. Gli slacciai la cintura e gli sfilai i pantaloni. Lui mi prese con forza, mi voltò e iniziò a strisciare il suo pacco ancora dentro le mutande sul culo, facendomi quasi una spagnola. Le sue braccia possenti mi avvolgevano, mi sentivo sicuro, protetto e avevo una voglia matta di godere e farlo godere. Torsi il collo e, mentre il suo cazzo strisciava ancora sul mio culo, dopo aver passato il mio braccio dietro la sua schiena, ci abbandonammo a un lungo bacio appassionante. Si staccò dalle mie labbra e si mise di fronte a me. Mi prese la testa e con rabbia la sbatté sul suo pacco. Sentivo quel cazzo duro che tentava di uscire da quella prigione, sentivo l’odore di sperma delle sue mutande, il calore e la voglia che regnavano in quel paradiso. Inebriato, cominciai a leccare le sue mutande. Lentamente con le mani le abbassai. Pochi e radi peli. Il cazzo in semi-erezione. Non esageratamente lungo ( sui 17-18 cm) ma bello grosso e appetitoso. Sfilai completamente le mutande. Avvicinai le labbra al cazzo. Con la punta della lingua iniziai a leccare solo la cappella, delicatamente. Gianmarco si lasciava andare a gemiti e incoraggiamenti. Quando ebbi lubrificato ben bene la punta, mi dedicai all’asta. Ora era ben dritta e inizialmente ebbi qualche problema a prenderla tutta in gola evitando i conati di vomito. Lui premeva dolcemente la mano sulla mia testa, fin quando non presi tutto il suo uccello in gola. Aveva un sapore fantastico, di uomo, di maschio. Sentivo le goccioline di pre-sperma scendermi in gola, bagnare la mia lingua e il palato. Continuai a scendere e risalire con la bocca lungo quell’asta per qualche minuto, prima lentamente poi a un ritmo sostenuto. I gemiti di Gianmarco aumentarono, i suoi muscoli si contrassero, si lasciò scappare qualche gridolino di piacere. A quel punto mi fermai; lessi quasi un’espressione di stupore misto a fastidio nel suo volto, ma prima che potesse dire qualcosa “ Non ora, è troppo presto. E non in bocca. Voglio che mi sfondi il culo, voglio che mi inondi con la tua sborra”. La sua espressione di fastidio si trasformò in un ghigno di piacere. “ non desidero altro. Ma prima voglio ricambiarti il favore” si abbassò di scatto, prese il mio uccello ( 16.5 cm, ma molto grosso) in mano, iniziò a segarlo con forza, ci sputò sopra più volte e in un attimo se lo ficcò in gola. Un paradiso. Misi le mani dietro la nuca e accompagnai il movimento della sua bocca e della sua lingua con una serie di colpi col bacino. Era più veloce e meno delicato di me. Rispecchiava più la sua idea di sesso-forte. Il mio cazzo era durissimo, mentre mi spompinava, mi guardava negli occhi e io mi perdevo nel suo sguardo cioccolato. Gli passavo la mano tra i capelli, vedevo i suoi glutei tesi per lo sforzo. Sentii muoversi qualcosa nei piani bassi, sentivo che stava per salire l’orgasmo. Allontanai la sua testa dal mio uccello e lui, per tutta risposta, prese a succhiarmi le palle, facendomi gemere sempre di più dal piacere. Si alzò lentamente e, baciandomi, mi spinse verso il tavolo al centro del magazzino. Con una manata gettò a terra la cassa di lattine che si trovava sopra, mi prese in braccio e mi fece sedere sul tavolo. Si strinse a me, continuando a baciarmi. Mi sollevò le gambe, facendomi distendere sul tavolo. Si inginocchiò e mi sussurrò: “ E’ tempo di esaudire il tuo desiderio” e con la lingua mi inumidì lentamente il buco del culo. Sentivo la sua lingua che fremeva dalla voglia di perforami. Infilava a tratti il dito medio per allargarmi il buco( cosa che mi procurava un certo dolore, sopportabile), sapendo di dover sbatterci dentro il suo grosso uccello. Dopo qualche minuto appoggiò sull’ano la cappella lucida. “ probabilmente farà male” disse e in un attimo tutta la sua asta fu dentro di me. Urlai. Ma non come si urla quando si prende una botta o si cade. Fu un urlo unico, di dolore sì, ma anche di un infinito piacere. Sapere di averlo dentro di me mi eccitò a tal punto che, se in quel momento mi avessero solo sfiorato l’uccello, probabilmente sarei venuto in un attimo. Una volta dentro, Gianmarco mi appoggiò la mano sugli addominali contratti per lo sforzo e per il piacere e iniziò a dare forti colpi di bacino. A ogni sferzata io e lui, assieme, emettevamo forti gemiti. Temevo che qualcuno da fuori ci potesse sentire. Più lo guardavo godere e più godevo. Sapevo di essere io il suo strumento di piacere, e lui il mio. Il suo cazzo si faceva strada nel mio culo stretto ma ormai sfondato. Non ero più vergine. Gianmarco aumentò il ritmo. Le sue sferzate si fecero più potenti. Ansimava ormai senza interruzione. Con la mano prese la mia asta e iniziò a segarmi. Io ero nell’estasi più totale, con un braccio dietro la testa e una mano che si allungava a toccare il petto di lui, un grosso uccello in culo e un bellissimo ragazzo che mi segava. Il ritmo ormai era folle. Vedevo le goccioline di sudore bagnare il suo petto, fino a terminare a livello del pube e poi, chissà, magari fino alla punta del cazzo. Il dolore al culo era scomparso, lasciando spazio solo al piacere. Una sferzata potentissima. Un getto di sperma mi invase il culo, accompagnato da un “Aaaaaaaaaaaaaaah” di piacere di Gianmarco. A quel punto neanch’ io resistetti più e sborrai abbondantemente sui miei addominali. Le sferzate di Gianmarco ormai erano lente e deboli. Si accasciò sul mio petto, senza togliere il suo cazzo dal mio rifugio caldo e accogliente (cosa che non mi dispiacque per nulla) e con la lingua ripulì lentamente la sborra schizzata sul ventre e suoi pettorali, leccandomi per bene i capezzoli turgidi. Estrasse la sua arma dal mio fodero, me la sbatté in faccia e mi chiese di leccare ciò che era rimasto del suo sperma. Era leggermente amaro, denso e gustoso. Quando finii il lavoro, con gentilezza mi porse i vestiti. Mentre mi riprendevo, lui era già pronto, vestito, solo un po’ più sudaticcio rispetto a prima. Mi guardò fisso negli occhi e mi disse: “ A domani”. Non risposi, troppo confuso. Cercai le mie mutande. Non c’erano. Guardai meglio. Sotto al tavolo c’era un paio di mutande grigie col bordo nero, di una nota marca di intimo. Erano le sue. E lui aveva indossato le mie. La cosa mi attizzò molto. Con foga le raccolsi, le annusai e le indossai. Mi rivestii con rapidità e mi avviai verso casa. Non gli avrei mai più restituito quelle mutande. Ora erano mie. Anche se di occasioni per farlo, in seguito, ce ne furono molte.

Questo racconto di marco strepa
è stato letto

5

volte

Questo racconto è stato letto 466 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: