I miei primi passi da schiava by Francescaschiava [Vietato ai minori]




Chi vuole contattarmi, insultarmi, etc può scrivere schiavafrancesca@gmail.com

mi chiamo Francesca e sono una delle schiave di padronebastardo(padrone29 su questo sito)
mi piace l’esibizione, l’umiliazione e la dominazione sotto qualsiasi forma. Mi piace l’idea di provare il fremito della vergogna, della paura di sbagliare, e l’emozione di sentirmi privata di volontà e di potere. Sono eccitata dall’imbarazzo e dell’umiliazione, inoltre mi eccita il timore di venire denudata, esposta, esaminata, perquisita e punita.
Ho anche un irresistibile attrazione per la sottomissione psicologica. Non so cosa sia scattato, ma ho deciso di condividere queste mie sensazioni con tutti voi.
Queste sensazioni però prima di conoscere padronebastardo erano solo tali e rimanevano solo tra me e il mio intimo.
La molla di conoscere padronebastardo è venuta leggendo i suoi racconti in cui si narrava la storia di donne diventate schiave con fantasie molto simili alle mie.
Il primo approccio con lui è stato molto duro: ho dovuto vincere la sua diffidenza, infatti lui mi trattava con evidente disprezzo, pensando fossi l’ennesima infatuata dalla dominazione dopo aver letto cinquanta sfumature di grigio. Per me che sono una bella ragazza(scusate la falsa modestia), era una novitá, non avevo mai trovato un uomo che si comportasse così, ero abituata a tutti che scodinzolano ai miei piedi. Gli chiedo allora di mettermi alla prova, infatti ero determinata a oltrepassare quella porta invisibile dove c’erano quelle fantasie che avevo represso da tempo. Lui mi dice che si può provare e che per testare la mia determinazione avrei dovuto sottopormi a dieci giorni di castitá forzata, con l’obbligo di masturbarmi due volte al giorno fermandomi prima di venire e avrei dovuto usare un abbigliamento piú sexy e provocante sia sul lavoro, che a casa, che con gli amici. Questa proposta fu per me come un pugno nello stomaco, ero abituata a vestirmi in modo abbastanza castigato e sportivo e soprattutto a masturbarmi godendo almeno due volte al giorno, quindi resistere per molti giorni in questo modo era per me una prova parecchio dura, ma decisi di accettare la sfida volevo a tutti i costi diventare una schiava ed ero sicura che la mia forza di volontá avrebbe sopperito alle difficoltá.
La mattina seguente mi svegliai sulle sei, mi masturbai fermandomi prima di venire il che mi lasciò in uno stato di frustrazione terribile.
Mi presentai al lavoro con una minigonna sopra le ginocchia che metteva bene in evidenza le mie gambe, il che attirava l’attenzione morbosa e allupata dei colleghi cosa che mi faceva vergognare non poco.Cercai di concentrarmi sul lavoro per non farci caso.
Tornata dal lavoro mi contattò il padrone chiedendomi cosa avessi fatto la sera. Io ebbi l’avventatezza di dire che dovevo andare a un compleanno al che mi venne ordinato di non indossare il reggiseno. Nonostante mi vergognassi da morire sapevo che dovevo dimostrare di essere all’altezza per diventare una sua schiava e decisi di obbedire.
Quella sera mi vergognai da morire: era un compleanno in discoteca dove c’era parecchia gente e tutti mi guardavano mentre ballavo. Si vedeva molto bene che ero senza reggiseno, infatti le tette mi ballavano in modo incredibile comunque mi muovessi. Qualche amica mi chiese come mai ero senza reggiseno io dissi perchè mi sento più libera. Loro mi risposero dicendo che sono una troia. Mi vergognai da morire.
I giorni successivi furono tremendi il fatto di dovermi masturbare due volte al giorno e di non poter venire mi ha portato a uno stato di eccitazione permanente che si cominciava a vedere sempre di più fino a che mi accorsi che i miei umori erano fuori dalle mutande e colavano lentamente lungo una gamba, il che mi preoccupò visto che il mio collega si era accorto che c’era qualcosa di strano,anche se non capiva cosa.
Seppur con enorme difficoltá arrivò sabato dove successe un altro evento che mi sconvolse: il mio padrone mi ordinò di ballare col più sfigato della compagnia uno che non avevo mai cagato neanche di striscio.
È stata una serata che non dimenticherò facilmente. Dopo una mezzoretta di esitazione ho trovato il coraggio di andare da lui e chiedergli di ballare, mi ha detto subito di si e abbiamo iniziato.All’inizio era un po incredulo ma vedendo che io ballavo e gli ero molto vicino ha preso sempre più confidenza.
Con il passare del tempo le sue mani erano sempre più sicure, mi prendeva per i fianchi e il contatto con la pelle mi ha fatto eccitare, ormai davvero mi basta un
niente per venire.
Ho iniziato a strusciarmi con lui, e l’eccitazione mi ha fatto perdere il controllo, gli strusciavo il sedere e anche le tette, che essendo libere erano ormai eccitatissime.
Dopo una mezzoretta mi sono resa conto che due amici mi stavano guardando e mi sono vergognata tantissimo. Gli ho detto che volevo riposarmi, ma lui mi ha
accompagnato su un divanetto ed è rimasto con me.Li ci ha provato spudoratamente, mi ha messo una mano sulla coscia e a quel punto non credevo ai miei occhi, mi sono sentita più troia che mai, il mio corpo ha risposto d’istinto aprendo le gambe.
Lui lo ha visto e mi ha sorriso non mi sono mai vergognata tanto, ha continuato
ad accarezzarmi l’interno coscia fino a quando per fortuna (e un’altra montagna
di vergogna) una mia amica da lontano mi guarda e sorride, alchè riesco a
tornare in me e dirgli che si deve fermare.
Dopo aver passato indenne la serata ho capito che c’è l’avrei fatta a raggiungere i dieci giorni, ormai so che potrò realizzare il mio sogno e diventare una delle sue schiave, servirlo per me è un grande onore.

Questo racconto è stato letto 170 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!