Greta il mio nuovo giocattolo by padrone29 [Erotico]




Chi mi vuole contattare puó scrivere a padrone29@@gmail.com

Greta è una mia giovane lettrice, un assidua frequentatrice del mio blog e dei miei racconti sparsi in vari siti web, ma non ha mai avuto il coraggio di contattarmi. Si sente una sottomessa fin nel midollo, ma non ha mai avuto coraggio di affrontare le sue sensazioni e la sua vera natura. Dopo la lettura di Profumo di Dafne e della sua storia ha trovato il coraggio di scrivermi dicendo anche un po’ timidamente di voler essere una protagonista, di voler essere come una delle schiave le cui vicende sono narrate nei miei racconti. Io di solito sono sempre abbastanza scettico nei confronti di coloro che si propongono come schiave perchè tra famolostraniste, esaltate dalla lettura del pessimo romanzo denominato sfumature, le schiave vere o le aspiranti tali sono solo una minoranza, le altre normalmente deludono sempre.
Per mettere Greta alla prova le ordino di indossare sempre gonne corte senza mutandine, con l’obbligo della castitá forzata per quindici giorni che è sempre un tipo di prova sempre duro soprattutto da un punto di vista psicologico, ma sempre molto efficace per capire la reale volontá di seguire un percorso di sottomissione.
Greta lavora in ufficio commerciale ha un quarta di seno e un sederino niente male che sembra fatto apposta per essere punito con un cane come si usava fare un tempo nelle scuole di sua maestà.
Greta accetta questi ordini senza fiatare e considerando il lavoro rivolto al pubblico che svolge la cosa era una cosa abbastanza notevole. Decido quindi l’indomani a metá giornata lavorativa di ordinarle di non indossare più il reggiseno sapendo che ama indossare magliette bianche. Pensavo che non avrebbe mai obbedito, sarebbe stata la prima occasione per punirla avrebbe dovuto stare praticamente nyuda, in una posizione che si vedeva praticamente tutto davanti al suo titolare e ai suoi clienti. Sorprendentemente invece decise di obbedire e questo mi mostrò il masochismo e l’attitudine a essere una schiava di Greta che anche se ancora novizia mostrava un talento notevole. Tornata a casa Greta avrebbe però dovuto affrontare una prova davvero difficile: Greta convive con la sorella che sicuramente avrebbe fatto qualche domanda vedendola arrivare dal lavoro e non dalla discoteca o da qualche locale vestita in quel modo. Le cose infatti andarono proprio così, la sorella squadrandola come si fa con una troia che si vede per strada le dice se non si usasse più mettere il reggiseno? Greta inventò una scusa poco convincente e se ne andò in camera sua piena di vergogna capendo benissimo quale sarebbe il percorso che avrebbe dovuto subire da oggi in poi.

Questo racconto è stato letto 163 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: