Farfallina ed il rude contadino, iniziazione




Scritto da Pisellino,
il 2015-10-02,
genere gay

Jimmy ci aveva spaccato il culo a tutti e due, eravamo doloranti, con i muscoli anali polverizzati ed un torrente di liquido vischioso che ci usciva fuori.
Ci eravamo spostati a casa di Farfallina e mentre ci massaggiavamo a vicenda le delicate cavità, in attesa che riprendessero un minimo di normalità ci siamo ritrovati in vena di confidenze, iniziando a raccontarci a vicenda le nostre avventure anali, in particolare le nostre prime volte ed il successivo svezzamento.
Non avevamo mai affrontato questi argomenti, sempre proiettati verso il presente e sui cazzi da soddisfare che quotidianamente trovavamo in giro.
Io gli raccontai di come mi sentissi femmina fin da piccolo, dei miei primi abiti femminili ma soprattutto di quando un parente che capitava nel paesello di campagna, dopo avermi sverginato, mi aveva scopato per anni, ogni volta che ne aveva avuto l’occasione, insegnandomi a soddisfarlo in tutti i modi e di come poi, risaputa la cosa, tutti presero ad incularmi.
Farfallina, sorridendo, mi disse che le nostre storie erano molto simili, avevano molti punti in comune perché, pur avendo vissuto sempre in una grande città era stata deflorata ed era diventata femmina in aperta campagna, non proprio in un villaggio ma presso certi amici che possedevano un’azienda agricola con annesso agriturismo dove trascorreva parte delle vacanze e che era stata una cosa veramente “bestiale”:
“…era una bella estate, Io e mia sorella Susy in quel posto eravamo liberi e totalmente fuori controllo, ci limitavamo ad aiutare in qualche facile lavoretto, per il resto nessuno ci rompeva i coglioni. L’hai conosciuta ed ha visto come io e lei, che ha tre anni più di me, ci assomigliamo moltissimo. E’ una gran bella ragazza (posso confermarlo! n.d.r.), una figona alla quale tutti sbavano dietro, anche se non è facile scoparsela. Ha da sempre un ragazzo fisso e va solo con lui. Sai benissimo che, invece, è facilissimo scopare me, che sono moooolto troia e la dò a tutti!
In quel periodo eravamo praticamente identici, sembravamo gemelli, a volte era difficile distinguerci. Alti uguali, stesso bel culo rotondo e gambe lunghe ed affusolate, totalmente privi di peli. Come vedi ho i lineamenti delicati e le labbra carnose come lei, poi a quel tempo anche la stessa capigliatura, entrambi con i capelli mossi che arrivavano alle spalle, tutti e due Indossavamo spesso dei jeans della stessa marca tagliati poco sotto le natiche e la differenza di sesso non si notava proprio.
La imitavo anche nel camminare, muovevo il culo nello stesso modo.
Ero felice di essere come lei, lo sono ancora.
Io, però, la invidiavo un po’, fin da piccolo, quando, come te ero intimamente femmina e venivo (ancora inconsapevolmente) attratto dalle persone del mio stesso sesso, anche se carino, educato e disponibile come una ragazzina di buona famiglia, non venivo circondato dalle stesse attenzioni che i maschietti le riservavano.
Mi piaceva stare con lei e le sue amiche, mi sentivo una di loro. Quando partecipavo ai loro giochi era un tripudio, soprattutto quando mi facevano indossare i loro vestitini e mi truccavano rendendomi una perfetta ragazzina. Ancora non sapevo che quegli abitini sarebbero stati il preludio della mia carriera da travesta.
Non amavo i giochi da “maschio”, quando, mio malgrado, ero costretto comunque a parteciparvi, mi sentivo un pesce fuor d’acqua. Gli altri maschietti mi trovavano un disastro e piano piano venni escluso.
Mi rimanevano Suzy e le sue amiche che erano molto comprensive e premurose con la “sorellina”
Ma torniamo alla vacanza. Fra le persone che frequentavano la fattoria c’era Ginone, un tipo di circa venticinque anni, grosso e peloso, che aveva già il ventre prominente da bevitore, oltre a due braccia fortissime e muscolose.
Single, era alle dipendenze di suo padre, un facoltoso prestatore d’opera, un contoterzista che lavorava la terra, proprietario di molti trattori ed altre macchine agricole.
Ginone era chiamato così per la sua stazza, aveva le mani grandi come un badile ed una forza erculea.
Sbavava dietro a mia sorella ma questa, ovviamente, non lo cagava assolutamente. Una causa persa. Una principessina come lei non si sarebbe nemmeno fatta sfiorare da un bifolco del genere. Era veramente grezzo, un tamarro che aveva il vizio di aggiustarsi di continuo il cazzo, infilando la mano nei pantaloni, che, nonostante il padre possedesse una grande casa, amava stare da solo in un casolare in mezzo alla campagna, fra gli animali: mucche, capre, galline eccetera e le immancabili macchine agricole.
A me risultava simpatico anche se gli anni precedenti non ci eravamo quasi mai parlati, solo qualche battuta sul mio aspetto, relativa alla somiglianza fra me e mia sorella. Quell’estate notai un accresciuto interessamento nei miei confronti, mi chiedeva come stavo, degli studi, complimentandosi perché ero cresciuto ed ero diventato proprio un bel ragazzino, sempre più uguale a Susy.
Questa cosa aumentò quando lei se ne andò per qualche giorno a casa di un’amica.
Non più ossessionato dalla sua presenza si dedicava a me, mi tampinava continuamente, decantando nel suo dialetto incomprensibile le mie doti fisiche e di quanto stessi bene con pantaloni tagliati, di farli ancora più corti.
Alcuni ragazzi del posto mi misero in guardia, in particolare Luca, un tipo atletico col quale trascorrevo volentieri il mio tempo (dopo mi resi conto che forse ne ero innamorato) e che mi difendeva da quelli che mi chiamavano signorina e mi insultavano, mi disse che Ginone si scopava qualsiasi cosa, femmine, maschi ed anche animali, di stare attento perché mi avrebbe fatto la festa, ci aveva provato anche con alcuni di loro, soprattutto con quelli maggiormente remissivi, magari dai lineamenti delicati e femminili (come me). Mi dissero anche che delle sue capre non se ne salvava una, quando non aveva di meglio le legava alla staccionata e se le faceva. Visto il leggendario affare che si ritrovava si sentivano belare fino in fondo alla valle. Queste voci circolavano, per gli adulti erano leggende prive di fondamento ma i miei amici ne avevano avuto conferma seguendo il contadino di nascosto, dopo le sue proposte (anche se penso che qualcuno c’era stato ed aveva visto da vicino queste cose). Io, come una giovanetta ingenua e sprovveduta, non prestai molta attenzione a quelle parole, pensavo fossero storielle inventate per spaventarmi.
Anche loro, oltre che a parlare di Ginone, facevano commenti scurrili su mia sorella che era un po’ la star dell’estate, erano arrivati a filmarla con cellulare mentre prendeva il sole nei campi per poi tirarsi delle seghe pensando a lei, proprio davanti ai miei occhi. Io fingevo di arrabbiarmi anche se, in realtà, non me ne importava nulla. Anzi, avrei voluto che quei pesanti apprezzamenti fossero rivolti a me, che le assomigliavo tanto.
Anche per questo mi stava venendo confusamente fuori, pur non avendone ancora nemmeno toccato uno altrui, voglia di cazzo e mentre sognavo di “avvicinarmi” di più a quello di Luca, che avevo avuto la fortuna di sbirciare alcune volte, nello stesso tempo mi trovavo spesso ad immaginare come sarebbe stato quello di Ginone, fantasticando sulle sue dimensioni, invidiando quelli che l’avevano visto (e forse assaggiato).
La mia attesa durò poco, durante una giornata particolarmente frenetica Ginone ruppe gli indugi.
Quando giunse alla fattoria gli fu chiesto se poteva falciare un campo di proprietà dell’agriturismo, casualmente in prossimità del suo casolare, un lavoro di alcuni giorni. Lui fu d’accordo, a patto che qualcuno lo accompagnasse, per fargli compagnia, il campo era in discesa, un po’ pericoloso, non era opportuno che andasse da solo. Avrebbero dormito a casa sua, come ti ho detto situata nelle vicinanze del terreno. Era evidentemente una scusa perché l’eventualità di incidenti era piuttosto remota. Ovviamente erano tutti impegnati e nessuno poteva andare. Allora lui chiese con un tono fintamente distratto di me, che essendo il più piccolo non avevo nulla da fare, come fossi un ripiego. Non vi fu niente in contrario, i presenti, evidentemente, non credevano alle storie sul bestione.
Domandai se mi dovevo mettere i pantaloni lunghi, visto che indossavo gli ormai cortissimi jeans tutti sfilacciati, lui immediatamente rispose che al momento non era necessario, inoltre faceva molto caldo ed io sarei dovuto semplicemente restare seduto sul trattore accanto a lui,
Partimmo. Ero completamente nelle sue mani. Già dopo qualche centinaio di metri, al di là dagli sguardi indiscreti, fu evidente il motivo del mancato cambio dei pantaloni, mi appoggiò con noncuranza una delle sue manone ruvide sopra la coscia nuda, iniziando ad accarezzarla. Io ero confuso, il caldo, il sole a picco sulla testa, lui che mi sussurrava che avevo la pelle liscia come una ragazza, quella mano che si muoveva sulla mia pelle, tutto questo mi frastornava ma mi dava un inspiegabile piacere. Sentivo un formicolio alla bocca dello stomaco, una cosa che non avevo mai provato e che non capivo bene cosa fosse. E mi era venuto duro.
Anche a lui gli era venuto duro, si vedeva il grosso rigonfiamento dentro la tuta da lavoro di tela che indossava, senza nulla sotto.
Bofonchiò che la pressione del cazzo sull’indumento gli dava fastidio, quindi calò la cerniera e schizzò fuori un coso nero e venoso, di ragguardevoli dimensioni. A me che avevo visto solamente cazzi di ragazzini parve immediatamente enorme, una cosa incredibile, ancora più grosso e peloso di come lo avevo immaginato, pensai che sicuramente doveva avere una malattia. Ovviamente era sanissimo, era semplicemente un bel cazzone, lungo più o meno venti centimetri e del diametro di un cotechino, non sapevo ancora che nel mio futuro ve ne erano ad attendermi una miriade di molto più grossi.
“Dai accarezzalo, non morde mica”. Allungai timidamente le mani con il cuore in gola e presi a lisciarlo come un gattino. Per la prima volta stavo toccando un cazzo che non fosse il mio, tra l’altro un “vero” cazzo, adulto, grande, grosso e puzzolente al punto giusto.
Nonostante mi vergognassi un po’ mi piaceva lisciarlo, moltissimo.
Arrivammo al campo da falciare, praticamente una collina, dove, su un lato, erano posizionate alcune gigantesche balle di fieno, degli enormi cilindri, frutto di una precedente passata. Gino fece un paio di giravolte poi andò a posizionarsi col mezzo fra due di queste balle, completamente nascosto nel caso, assolutamente remoto, che qualcuno passasse di lì.
Scendemmo dal trattore, “Togliti la maglietta, che fa caldo” mi ordinò, con lo sguardo che si stava facendo vitreo dall’eccitazione. Io ero piuttosto spaventato ma obbedii, anche perché non avrei potuto fare diversamente e mi andava di farlo.
“Lo sai che hai proprio un bel culetto. Sai ce l’hai come una femmina, come quella stronza di tua sorella, che sembra che ce l’ha d’oro”.
Allora glielo feci vedere, le sue parole mi avevano lusingato, in quel momento divenni una troia.
Tremante mi calai i pantaloncini, poi anche lo slippino. Tolsi gli stivali e sfilai tutto definitivamente. Ero completamente nudo. Volevo che mi ammirasse.
Feci una giravolta restando un attimo voltato di schiena, poi tornai a guardarlo, a guardare il suo cazzo.
Si dimostrò contento del fatto che anch’io lo avessi duro, anche se delle dimensioni di un wulsterino, stava crescendo ma era nulla davanti al suo tarello in confronto al quale era praticamente inesistente, un’insignificante protuberanza.
MI fece cenno di voltarmi e piegarmi, così rimasi, con il culo di fuori e Ginone che lascivamente si menava l’uccello.
Mentre si avvicinava divenni immediatamente consapevole di quello che stava per accadere, era proprio quello che mi avevano detto i miei amichetti: Ginone mi avrebbe fatto il culo.
Però me lo chiese, forse anche lui un po’ confuso ed indeciso: “Me lo dai, vero? Mi dai il culo?”.
“Si”.
Inspiegabilmente (o meglio, spiegabilissimo dal fatto che intimamente femmina ero naturalmente destinato ad essere sbattuto, anzi, sbattuta, fottuta nel culo da lì e per i secoli a venire), non mi tirai indietro. Anzi, ero spaventatissimo ma non mi passò minimamente di per il cervello di negarmi, fuggire o di mettermi a gridare o comunque, di cercare di evitarlo.
Lo volevo, nonostante la paura.
Sapevo anche che mi avrebbe fatto male, ma non importava.
Il fatto è che sarebbe stato come con le capre, senza alcuna accortezza o preparazione, era abituato così.
Mi disse di inginocchiarmi per terra, si mise dietro, mi appoggiò una mano sulla spalla e mi piegò in avanti, la testa appoggiata sopra il fieno ed il culo in alto (sai già che questa è rimasta la mia posizione preferita). Quasi non respiravo dal terrore ma, istintivamente, cercavo di rilassare i muscoli anali spingendo indietro il culo, pronto a riceverlo.
Mi sputò sul buco una notevole dose di saliva e poi infilò dentro una parte del dito indice, già questo piuttosto grosso. Strillai dal dolore e realizzai che, da lì in avanti, non sarebbe stata una passeggiata di salute. Se mi faceva male con una falange, immaginiamoci cosa avrei provato quando quella cosa che mi sembrava mostruosa mi avrebbe aperto il culo e squarciato le budella.
Ormai era inevitabile.
Con i miei amichetti si scherzava sul fatto di “prenderlo nel culo, metterlo nel culo, ti rompo il culo, gli farei il culo, chissà se fa male nel culo”, ma erano state solo chiacchiere, ora si faceva sul serio.
Ma io, come ti ho già detto, dentro di me avevo già dato come scontata questa cosa, che mi sarei fatto scopare, ora il primo sarebbe stato Ginone col suo attrezzo che allora mi appariva gigantesco, ma era un puro caso.
Dopo aver sistemato il culo all’altezza giusta, Ginone scatarrò e fece colare ancora un po’ di saliva nel buco pulsante e sulla punta del membro, duro come l’acciaio.
Quando me l’appoggiò sull’orifizio, istintivamente mi ritrassi, chiuso come un’ostrica, trattenni il respiro, lui cominciò a spingere ma non ne voleva sapere di entrare, scivolando verso il basso. Sbuffante e carico come un toro mi afferrò per le spalle e diede una spinta secca. La cappella congestionata penetrò di colpo, un dolore lancinante.
“Ihhhhhhhhhhhhhhhhh! Uahhhhhhhh!” lanciai un urlo di gola, quasi un sibilo, poi iniziai a piangere.
Pensai che di sicuro mi ero lacerato, si era strappato tutto e sarei morto dissanguato.
Nulla di cosi estremo ma il dolore era indicibile.
Incurante dei miei lamenti mi ansimò nelle orecchie che era entrato, ma solamente con la punta, che ora mi avrebbe dato il resto.
Aiuto, era solo un pezzetto, e faceva così male!
Mi disse di rilassarmi, di mollare i muscoli del culo, che ero una morsa e facendo così avrei peggiorato le cose.
Io cercai di farlo ma lo implorai di andare piano, indifferente spinse finché la sbarra infuocata non fu tutta dentro, senza lasciarne fuori nemmeno un centimetro, incurante di tutto, poi iniziò a muoversi su e giù, su e giù, su e giù… avanti e indietro… per tutta la lunghezza dello spadone, un ferro rovente.
Mi diceva fighetta, che ero strettissima ma lui mi avrebbe allargata, pronunciava il nome di mia sorella, come se stesse scopando lei, quando faceva questo entrava con più forza, come volesse spaccare tutto, per punire me del fatto che Suzy non c’era stata.
” Suzy… Bella Suzy… accidenti come è chiuso… una tenaglia… dai, spingi, aprilo… puttanella, beli come le mie caprette! Tieni… diglielo a Suzy che cazzo che ho… cosa si è persa… Ti piace eh! La prossima volta tocca a lei… a Susy… vi sfondo tutte e due sorelle insieme… perché ora tu sei diventata una sorella per lei… non sei più un maschio… il tuo culo adesso è una figa… ti faccio fare indigestione di cazzo!”
Io annaspavo, stringendo fra le mani e mordendo i ciuffi d’erba davanti a me, singhiozzando. Nonostante tutto provai ad adattarmi alla situazione che lievemente migliorò quando cercai di non stringere, di lasciarlo muovere.
Poi sborrò, grugnendo come un maiale, schizzando un quantitativo incredibile di sperma, un po’ dentro ed un po’ addosso a me. Restò un momento fermo per riprendersi poi divenne improvvisamente gentile, uscì fuori come una animale dalla tana, strappò a metà uno straccio pulito che aveva portato con se per lustrare gli attrezzi, me lo passò sul culo e lo lasciò incastrato nel solco, infilato leggermente nel buco rotto, arrestando il piccolo rivolo di sangue, sperma e merda che ne usciva.
Mentre lui lavorava cantando a squarciagola soddisfatto, io mi ero rimesso lì sdraiato sulla pancia, nudo e con lo straccio infilato nel culo, immobile e con il dolore che persisteva e la paura di non riuscire a muovermi. Dovetti farlo, perché ebbi una botta di diarrea e con fatica mi accovacciai per cagare, si era finalmente rilassato lo sfintere.
Gli escrementi che uscivano portavano via anche un po’ di dolore.
Poi fu il momento di andare, mi mossi con precauzione e mi rivestii con quello che trovai, le mutande, peraltro già allora minuscoli slip, erano perdute in mezzo al fieno. Tutto sommato andava alla grande, ero stato fortunato, mi bruciava insopportabilmente il culo ma per il resto stavo bene, non c’erano stati danni rilevanti, qualche crespa rotta, camminavo a stento me è semplicemente quello che succede quando ti svergina un grosso cazzo senza alcun preliminare!
Nulla di irreparabile.
Avrei visto ben altro ma ancora non lo sapevo.
“Ti brucia? La prossima volta faccio più piano, ora avevo proprio voglia! Poi ti abituerai e non ti brucerà più, ho l’impressione che una capretta calda come te come te ne prenderà tanti”. In quel momento ero dubbioso, provavo troppo dolore… ma avrebbe avuto ragione.
Riuscii a fatica a salire sul trattore.
Giunti al casolare, circa un chilometro dal campo, mi disse di andare in casa e di darmi una rinfrescata che lui avrebbe messo a posto il trattore poi si sarebbe “dedicato a me”. Compresi che la serata sarebbe stata lunga.
Nel frattempo fece una chiamata dal suo telefonino, riuscii solo a comprendere le parole: “… si, è qui con me… ti aspetto… è già pronto…”, poi si allontanò.
L’edificio in pietra era composto da un’unica, grande, stanza, alla quale era stato successivamente aggiunto un bagno di mattoni, alcuni mobili artigianali, un lungo tavolo, in un angolo c’era un antico letto matrimoniale in ferro battuto.
Quando arrivò in casa ero ancora sotto la rudimentale doccia e lui: “Asciugati ma non ti rivestire, quando hai fatto vieni da me”.
Non sapevo cosa aveva in mente quando mi avvicinai a lui. Era seduto sopra una poltrona, mi prese e mi mise disteso sulle ginocchia con il deretano in alto.
Sul tavolo accanto a lui era posato un vasetto che conteneva una crema biancastra. Vi intinse il dito che poi inizio a passarmi fra le natiche, soffermandosi sul buchetto.
Ero teso perché pensavo mi facesse male ma tutt’altro. Il dito entrava dentro piano piano, era piacevole. Mi spiegò che la cremina la produceva sua zia, utilizzando grasso animale mischiato ad erbe particolari.
Muoveva il dito mentre andava sempre più in profondità.
Il bruciore diminuiva, stavo godendo come un pazzo!
In quel momento, dopo il dolore dello sverginamento, stavo effettivamente cominciando ad assaporare i piaceri del culo, che stava iniziando a trasformarsi in una “culofiga” o, in inglese come si legge su internet, “Ass Pussy”.
Lui se ne accorse ed aumentò freneticamente il ritmo. Una potente sensazione si impossessò delle mie interiora. Improvvisamente venni, pisciando sborra come una fontana.
“Ah, la ragazzina gode di culo! Se sei così ti farò sborrare anche l’anima.” Esclamò soddisfatto.
Gli chiesi dove erano i miei scarsi abiti. Me li indicò, consigliandomi, però, di rimanere nudo che a lui piaceva così. Tanto da lì non passava mai nessuno.
“Sai, fra un po’ arriva mio cugino Romeo. L’ho chiamato, cena qui con noi. Ma resta pure così, che piace anche a lui. Noi dividiamo molte cose e tu sarai una di queste” continuò: “Dai che lo conosci! E’ quello che viene a prendere il latte alla vostra fattoria, ti ha adocchiato anche lui. Gli piace tutto, ragazzi e ragazze. Tu e tua sorella lo fate impazzire e io gli ho promesso che se uno di voi ci stava ci sarebbe uscito qualcosa anche per lui. Per te va bene?”
Non sapevo cosa dire, non ero molto convinto, mi sembrava di essere un giocattolo da scambiare, ma annuii. Era evidente che potevo dire solamente di si. Infilai solamente i minuscoli jeans strappati, ma non c’era alcuna differenza fra l’indossarli o meno, così maltrattati che a forza di leva e metti avevano continuato a sfilacciarsi ed a perdere pezzi, erano praticamente uno slip, la parte davanti e quella di dietro erano ormai collegate da una strisciolina di stoffa larga mezzo centimetro che mi passava in mezzo alle palle, lasciandomi le chiappe rotonde tutte scoperte, (le mutandine non le avevo più e non avevo pensato a portarne altre). Muovendomi con cautela per il persistente, anche se molto minore, dolore al culo (dove avevo rimesso lo straccio perché c’erano ancora delle perdite), iniziai ad esplorare la fattoria.
Intorno non c’era nulla, solo erba e alberi.
Decisi di rientrare in casa perché gli insetti mi stavano divorando e volevo riposare.
Ero appena entrato quando arrivò un vecchio suv grigio, tutto ammaccato. Scese un tizio anche lui piuttosto robusto e muscoloso. Lo riconobbi subito, era Romeo, l’autista del camion del latte, quello di cui mi aveva parlato e con il quale avrebbe condiviso il mio culo e tutto il resto.
“Ah! C’è la nostra fighetta! Mi viene duro ogni volta che vedo te e tua sorella, mi immaginavo di scoparvi tutte e due, ma anche tu solo vai benissimo, i culetti freschi come il tuo mi fanno andare fuori di testa!” parlava così mentre salutava Ginone che stava uscendo per sistemare alcune cose.
“Ciao Gino… gli hai già rotto il culo, brutto maiale! Lo capisco da come si muove, dovevamo sverginarlo insieme!”
“Ah Ah Ah! Non te la prendere, ce l’ha bello stretto, puoi finire l’opera, però quando lo inculi voglio vedere, divertiti diversamente che ora io ho da fare”. Interloquì Ginone.
Il cugino, che aveva almeno il doppio degli anni di Ginone, mi chiamò, mi abbracciò infilandomi le mani negli shorts, mi diede un bacio con la lingua poi iniziò a slinguarmi i capezzoli e poi giù fino all’ombelico, leccandomi dappertutto, anche sul cazzo: “Sei proprio uno zuccherino! Mhhh, buono…”.
Si sfilò la camicia ed io dovetti ricambiare leccando anche a lui i capezzoli che sbucavano in mezzo al pelo.
Mi chiese se avevo mai succhiato, alla mia riposta negativa disse che ora mi insegnava, che avrebbe provveduto subito. Dovetti sfilargli i pantaloni. Così facendo mi ritrovai davanti un altro cazzone fuori misura, già eretto e scappellato. La cappella era rossa come il fuoco, sembrava uno di quei funghi velenosi. Un’amanita falloide. Forse non grosso come quello di Ginone ma lunghissimo.
“Prima bacialo un pochino, sulla punta… brava… così… leccalo… ah che bello… ora fallo entrare in bocca… solo un po’… uhhh… succhialo piano… shhh… sei proprio una troietta… ahhh… nata pompinara… hai l’istinto… brava… così… ahhh…”.
Facevo tutto quello che mi diceva, veramente mi faceva un po’ schifo, puzzava, sapeva di piscio, avevo ricacciato indietro due conati ma ora ci stavo prendendo gusto. Da brava puttanella in erba imparavo subito.
Andavo avanti e indietro con la bocca, succhiando.
Ginone, che nel frattempo era tornato, disse al cugino che non aveva perso tempo e lui rispose che siccome il culo era già aperto, lui mi stava insegnando ad usare la bocca, che avevo subito capito come si faceva, ce l’avevo nel sangue, ero una fighetta dalla nascita, che la vera cagna della famiglia ero io, non mia madre o mia sorella che avevano la puzza al naso.
Decisero anche che dovevano darmi un nomignolo adeguato, visto che ero una femmina, che per un errore possedeva un cazzettino. Ginone propose Vanda, che era il nome della sua capretta preferita, quella che scopava più spesso, all’altro piacque. Per loro ed alcuni altri di quelle parti, che grazie a Ginone e Romeo successivamente si sarebbero presi il mio culo e tutto il resto, sarei stato Vanda la capretta.
Tutto questo mentre io continuavo, volenteroso, anzi, ormai volenterosa, a succhiare il cazzone saporito.
Si presentò davanti alla mia faccia anche Ginone e dovetti passare dall’uno all’altro, per un bel po’.
Il suo aveva un sapore diverso, forte, dolciastro, forse perché dopo avermelo messo nel culo non si era ancora lavato.
Mentre li spompinavo, Romeo girava un video con il cellulare.
Nessuno dei due sborrò, Ginone aveva piuttosto fame e fu deciso di cenare. Il lattaio si lamentò un po’ perché non aveva goduto ma si accomodò comunque. Ginone aveva già tirato fuori molte cose buone che apparecchiò sul tavolaccio. Rimasi nudo, mentre mangiavamo. Ogni tanto il cugino mi accarezzava le cosce ed il culo, era chiaro che non vedeva l’ora di scoparmi.
Mi lamentai, piagnucolando, che il filmino non andava bene. Romeo mi disse di non preoccuparmi che l’avrebbe rivisto solo lui. Non ne ero molto convinto.
Il caldo ed il vino che bevevano a fiumi non facevano altro che aumentare l’eccitazione dei due grossi cugini. Romeo non ce la faceva più, gli era rimasto lo sperma a metà e doveva finire. Decise che ne aveva abbastanza di mangiare, mi afferrò , mi alzò come un fuscello e mi sdraiò sull’alto letto, a pancia sotto, staccò una noce di burro e me la spinse nel culo bruciante come una supposta.
Non feci in tempo neppure a gridare che me lo ritrovai grufolante addosso, che mi apriva in due col cazzone paonazzo.
Ancora un male boia, nonostante il burro. La ferita era ancora fresca.
Sguasc… sguasc… si sentiva il rumore del cazzo che mi scivolava tutto intero dentro le viscere.
Io debolmente gemevo e farfugliavo” Romeo… fai piano… tiralo un po’ fuori… è troppo lungo…”.
“Però ti piace?”
“Si mi piace… ma… ah… fa anche male…ahi…”.
“Ah! Senti come bela la capretta… Proprio come Vanda! La stai finendo di sverginare… eh! Eh! Eh!” diceva ridacchiando Ginone che si era seduto li accanto a rimirare l’opera del lattaio che, mentre pompava come un forsennato senza risparmiarmi niente, mi baciava le orecchie e mi leccava il collo.
Anche Ginone stava usando il telefono di Romeo. Una fiction in piena regola.
“E’ proprio bello stretto, come avevi detto… ah… Era un po’ che non mi gustavo un bel culino così… lo sai che i trans della statale ce l’hanno largo come un tombino… ahhh… è così liscio… morbido…”. Detto questo, Romeo mi schizzò nell’intestino.
Non fece in tempo a tirarlo via che l’altro, infoiato come un caprone, lo sostituì.
Ancora venti centimetri di carne nella viscere.
Ancora sborra, farcito come un bignè.
Poche ora prima ero una romantica verginella che sognava il cazzo del principe azzurro, un bacio del mio amichetto Luca, ora mi ritrovavo nel vortice di due energumeni che, a turno, mi spappolavano l’ano con i loro mostri di carne riempiendomi la pancia di sborra.
Mi avevano iniziato nel modo più duro e questa, sai bene, sarebbe rimasta la maniera preferita di farmi scopare, senza smancerie.
La cosa andò avanti a lungo, per parte della notte e del giorno dopo.
Dormimmo tutto e tre nel vecchio letto, nudi.
Io nel centro e loro ai lati. Tenevo nelle mani, che non riuscivano a stringerli completamente, i due cazzi, li bagnavo con la bocca e poi loro, animalescamente, a turno mi salivano sopra e mi inculavano. Il primo a farmi ingoiare la sborra fu Ginone, mi disse che era nutriente e faceva bene alla pelle. Poco dopo ingoiai anche quella di Romeo, che non voleva rimanere indietro.
In poco tempo ero diventato una concubina perfetta, puttana completa.
Romeo partì quella sera. Noi restammo un’altra notte, durante la quel imparai a fare lo spegnimoccolo, leccai il culo a Ginone che mi scopò in tutte le posizioni, dopo che lui stesso aveva provveduto a farmi un rudimentale clistere con una cannula di gomma di quelle per succhiare il vino, quando aveva notato che con il culo rotto avevo la cagata facile, difficoltà a trattenermi e gli sporcavo tantissimo il pilone.
Durante il viaggio di ritorno mi raccomandò di non raccontare a nessuno cosa avevamo fatto e che, comunque, lui e Romeo mi avrebbero cercato ancora e ci stava che mi avrebbe fatto conoscere qualche altro amico suo.
In effetti i due venivano alla fattoria piuttosto spesso, con la scusa del lavoro. Ogni volta che potevano, che non ci fosse pericolo di essere visti, mi inculavano a più non posso, magari nascosti nella stalla.
Ormai non avevo più perdite e ci andavano giù di brutto.
Ginone, poi, trovò il modo di portarmi ancora con lui, al solito casolare, dormimmo insieme dove io dovetti farmi sbattere ad oltranza, oltre che da lui, da Romeo, che ovviamente capitò lì, ma anche da altri due amici loro, un contadino che conoscevo perché lavorava in una azienda agricola vicina ed un camionista, al quale Ginone doveva il favore perché questo gli faceva scopare troie e culattoni che trovava negli autogrill.
Gli aveva mostrato i filmini ed il camionista era impazzito, arrapandosi tantissimo.
Quest’ultimo era veramente il più porco di tutti e mi iniziò alle gioie del pissing, mi pisciava dentro mentre mi inculava, mi orinava addosso e mi faceva bere il suo piscio. Inizialmente non volevo, poi ci presi gusto, quando non lo faceva arrivavo a chiederglielo.
Al termine dei nostri incontro dovevo sempre lavarlo tutto con la lingua.
Disse anche agli altri di averlo fatto, ma solo Romeo mi fece assaggiare l’orina, in bocca e nel culo, agli altri interessava solo incularmi a bestia.
Sarebbe, comunque, diventata una cosa abbastanza usuale con i miei amanti futuri.
I miei amici avevano annusato qualcosa. Negai decisamente ma non ci credettero. Soprattutto Luca che era piuttosto furbo e sensibile, infatti un giorno che eravamo insieme notò il modo in cui lo guardavo e mi domandò il perché, gli confidai che non ero più vergine, che mi piacevano gli uomini, che mi sentivo una ragazza…
“Ma allora è vero, Ginone ti ha rotto il culo!”.
Gli confessai tutto implorandolo di non raccontarlo agli altri. Lui mi disse che non l’avrebbe fatto ma che quelli già lo immaginavano. Per ringraziarlo, nonostante all’inizio rifiutasse, lo ammazzai di pompini. Tra l’altro mi piaceva immensamente farglieli, la prima volta rimase letteralmente esterrefatto quando bevvi la sua sborra senza farne uscire nemmeno una goccia. Non volle mai mettermelo nel culo nonostante la mia incondizionata ed insistente disponibilità.
La vacanza giunse al termine. Rientrando in città portavo ancora con me l’esperienza di quell’estate, di quei cazzi che mi avevano sfondato, riempito di piscio e di sborra e letteralmente spaccato il buco del culo che non si era più richiuso (ne lo avrebbe mai più fatto) completamente. L’anello è spanato, non si è più stretto, hai visto che c’è un forellino scuro, una piccola buia apertura che non si chiude mai, questo fin da allora. Tornai a casa, ormai ben consapevole di quello che avrei dovuto fare e di quello che mi piaceva. A scuola mi “fidanzai” con un bidello nerboruto (ormai mi piacevano autoritari, più vecchi e pelosi, come Ginone e Romeo) che mi inculava negli anfratti più reconditi dell’istituto. Anche lui amante del pissing anale, hai visto, come abbiamo fatto con Jimmy e come piaceva soprattutto al camionista porco. E’ stato anche il primo a scoparmi vestito da donna, inizialmente si limitava alle cose che le ragazze si scordavano negli spogliatoi, mutande, reggiseni, roba del genere. Poi riuscì a trovare un completino da cheerleader che lo faceva impazzire…
Fu in questo periodo che mia sorella mi beccò a provare il suo tubino nero. Allora le spifferai tutto. Inizialmente si mostrò piuttosto contrariata poi, invece, iniziò ad aiutarmi, a prestarmi le sue cose ed a procurarmene di mie. Quando ancora non ne avevo il coraggio era lei ad andare nei negozi di intimo femminile ad acquistare capi della mia misure o abitini che mi andavano a pennello. Quando gli mostrai il mio culo aperto rimase allibita, ma l’unica cosa che fece fu di procurarmi una scatola di preservativi. Era ed è una mia comprensiva complice”.
Nel frattempo Farfallina si era messo alla pecorina e si allargava le chiappe per farmi vedere, effettivamente c’era un’apertura, si vedeva il buio dell’intestino, ma gli dissi che in quel momento non faceva testo, ce l’avevamo larghissimo tutte e due dopo che ci eravamo fatte sbattere a raffica dal dominicano enorme. Comunque il suo buco del culo l’ho visto in molte altre occasioni è largo, ovale e con due piccolissimi corrugamenti laterali, sembra veramente una figa aperta.
Il racconto ci aveva eccitati entrambi ed infilai la lingua in questo pertugio, con Farfallina che iniziò a miagolare come un gattino. Ci spompinammo a vicenda, promettendoci che anche la sera dopo saremo andati insieme in cerca di grossi cazzi da spremere.
Due vere troie , in effetti avevamo bisogno di soldi…

Questo racconto di Pisellino
è stato letto

5

volte

Questo racconto è stato letto 8018 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: