Erica




LA VEDOVA NERA

Lo specchio rendeva la sua immagine divinamente, lei sorrideva.
La camera da letto era colma di peluche di tutte le fogge e i colori, soprattutto rosa rossi e bianchi.
Cuori, orsi e orsetti, altri animali, si intonavano alla perfezione con il muro rosa pastello.
Lei era bellissima, capelli neri, occhi verdi, la faccia un po’ tondeggiante con accenno di lentiggini sotto gli occhi. Il naso era poco pronunciato le labbra relativamente carnose e di un colore rosso acceso datole dal rossetto.
Aveva un corpo snello e ben fatto, portava una seconda abbondante, davvero molto proporzionata.
Era alta 1.66 mt. E aveva una carnagione chiara e molto pallida.

Nel privato della sua camera si era vestita da “coniglietta”: ai polsi e alle caviglie aveva 2 braccialetti pelosi e bianchi, delle orecchiette fissate su un cerchietto in testa, un pon pon bianco attaccato alle mutandine le faceva da coda. Dulcis in fundo si era disegnata i baffi e il nasino con la matita nera.
Addosso portava solo questo oltre a delle mutandine e un reggiseno a fascia neri.

“Michele, guardami: guardami mentre ti masturbi.” Disse con un sorrisetto sornione in volto.
Michele si stava masturbando di fronte a lei, spalle allo specchio. Lei se ne stava adagiata su un fianco, sul letto, di fronte a lui. Era li che lo guardava e si mordeva le labbra sensualmente.

“Sto per venire, posso venirti addosso?”
“No! Decido io.”

Erica aveva già deciso da tempo, voleva che tutto andasse secondo i suoi desideri, voleva divertirsi.

“Michele vieni più vicino, voglio che mi vieni qui su un piede”

L’unico dubbio riguardava la localizzazione precisa dove avrebbe dovuto spruzzare … Erica ci aveva ragionato a lungo ma era ancora indecisa: sul dorso del piede, sulla palma, sulla caviglia?

“Vengo bella”
Michele si avvicino al letto, Erica alzò la gamba e mise la pianta del suo piede a lambire la cappella di Michele, le dita dei suoi piedi ogni tanto sfioravano il glande del ragazzo.
In un lampo il pene di Michele liberò il liquido bianco e viscoso, era molto denso e rimase tutto li ancorato sulla cima del piede di Erica, tra le sue ditine, sulla cima della pianta del piede.
Michele ansimava e tentava di avvicinarsi con il suo membro per ricevere un po’ di attenzioni.
“Basta Michele, ora sta fermo li in piedi per favore”
Michele annui un po’ rassegnato nel tono, il suo pene continuava ancora negli spasmi post orgasmo a scattare su e giù, sulla punta del glande aveva una goccia di liquido seminale.

Erica guardava compiaciuta la scena, proprio come nei suoi desideri!
Era ancor più compiaciuta nel potersi osservare allo specchio di fronte a lei, vedeva la scena da più angolazioni.

“Luca (disse con tono beffardo), sai che questa robaccia mi fa schifo… per favore puliscimi, sentimi, fammi godere”
Il ragazzo (Luca) si accostò carponi ai piedi del letto.
Erica appoggiò il piede sporco di sborra sul viso di Luca.
“leccalo, puliscimi…. Ahh … dai” (disse Erica con un tono da Eccitazione massima)
Luca prese a leccare via ogni filamento di sperma dal piede di lei, pulì attentamente e meticolosamente tra le dita, la sua faccia tradiva un disgusto evidente.
Erica si compiaceva sempre più dello spettacolo, stava obbligando i due maschi a fare quello che lei desiderava. Li stava umiliando.
Ne traeva una profonda e visibile eccitazione, era tutta bagnata.
L’odore di sperma cominciava a saturare l’aria, Luca stava continuando il suo compito.

“Luca ora finisci di pulire”
Luca continuò a leccare con più veemenza la pianta del piede di lei.
“No, li hai finito…”
Mentre Erica si rivolgeva cosi con la mano indicava il membro semieretto di Michele.
Luca con uno sguardo intimidito rivolse la testa verso di lei. Erica ribadì il concetto indicando la sborra ancora presente sul pene di Michele.
Luca si diresse carponi verso il suo destino. Michele scioccato tentò di scostarsi non riusciva a capacitarsi di quello che stava succedendo.
“Rimani fermo Michele! Abbiamo quasi fatto.” Disse dolcemente Erica.
La sua voce suadente era in grado di confondere un uomo più di qualsiasi distrazione.
E mentre Michele cercava di assorbire le parole di Erica senti una sensazione morbida e calda all’altezza del pisello, Luca gli stava ciucciando il cazzo.
Erica guardava la scena con un espressione compiaciutissima.
“Bravi ragazzi!! Stasera avrete da divertirvi con me, ve lo meritate siete stati proprio grandiosi!”
Erica con voce gaudia e squillante aveva appena finito di pronunciarsi, il silenzio pieno di imbarazzi ripiombò sovrano nella stanza.

La giovane Erica stava padroneggiando bene l’arte di sottomettere gli uomini.
Trovava troppo stimolante vedere quelle scene, obbligare quei maschi a fare cose tanto meschine e che a loro facevano cosi schifo. Era una padrona.
Non erano schiavi, no, lei comandava a bacchetta esseri senzienti, li usava come meglio preferiva: creava storie che le aggradavano, le realizzava nella pratica e ne teneva in memoria (ma anche in video nascosti) una cartolina.

Il progetto era semplice, voleva farli impazzire e vedere fino a che punto fossero devoti a lei.

Li confinò in una camera in attesa della serata, lei andava a prendere un caffè in libreria con una collega universitaria.

Dopo una terribile attesa durata ore sentirono la serratura della porta scattare, erano circa le 23.00.
Erica si tolse il cappotto e si diresse a passi lenti verso il bagno.
Luca e Michele con la testa appoggiata alla porta tentavano di origliare e capire cosa stesse avvenendo di la, a quel punto la porta si aprì.

“Allora ragazzi? Siete pronti vedo.”
“Avete avuto una gran pazienza, vi meritate un regalone! Vi farò divertire come mai nella vostra vita! Garantito!”

“Avvicinati Michele”

Il ragazzo si avvicinò rapidamente, Erica a quel punto si tolse un calzino: Era un calzino di stoffa pesante, a righe grigie e verdi.
La ragazza gli appoggiò il calzetto sul viso.
“E’ usato, l’ho messo diverse volte senza lavarlo… annusa.”
Michele respirò a pieni polmoni, quell’odore lo faceva letteralmente impazzire, c’e l’aveva durissimo.
Erica riprese il calzino e lo utilizzò per bendare Michele.
“Mmm, Così mi piaci ancora di più..”
Erica si allontanò da Michele sfiorandogli il pacco ingrossato da sopra i pantaloni.
“Questo e per te carino! Pensavi ti avessi dimenticato?”
Disse questo lanciando l’altro calzino a Luca che lo prese e lo sniffò furiosamente.

Erica era pronta per la nuova scena, aveva già fatto partire le due telecamere nascoste.Era troppo eccitata al pensiero, voleva veramente che fosse tutto perfetto.
La giovane si mise in ginocchio.
“Luca Michele, venite qua”
I due balzarono rapidamente verso Erica.
Lei incominciò con le mani a strofinare e strusciare i pantaloni dei due fortunati: lo faceva con raffinata calma, ogni tanto stringeva il membro o le palle di uno o dell’altro.
Certo c’era una differenza, Michele aveva il cazzo di 19 cm mentre Luca di 14-15, inoltre erano differenti per diametro.
Si avvicinò col viso al bacino di Michele, prese a baciargli la zona x mentre incominciava a slacciargli la cinta, a tirare giù la zip, a sbottonarlo e lasciarlo in mutande.
Gli leccava l’interno coscia, intanto armeggiava con maggior convinzione l’attrezzo imbustato di Luca.
Si spostò con la testa verso quest’ultimo, gli abbassò i pantaloni e prese a soffiare sulle mutande con molta sensualità.
Entrambi i ragazzi avevano una chiazza bagnata sulle mutande, segno di grande eccitazione.
Erica si beava del panorama, era li in mezzo venerata e apprezzata dal comportamento dei presenti.
Spostò la mutanda di Luca da un lato, il pene face capolino dallo spiraglio. Lei si avvicinò per leccare.
La scena le si presentava orribile, Il pene di Luca puzzava terribilmente, era ancora dentro la pellicina e coperto da una viscida e schiumosa sostanza, le veniva da vomitare.
Ai due non era stato permesso di lavarsi, inoltre Luca non aveva neanche potuto liberarsi dall’eccitazione nella sessione precedente.
Ma Erica si doveva fare forza, se fosse riuscita a sembrare addirittura compiaciuta li avrebbe avuti per le palle.
Poggiò la palma del pollice sulla cappella di Luca, proprio sul buco: prese a massaggiarglielo facendo roteare il pollice intorno al suo glande. Il movimento era molto scorrevole, il fluido lubrificante era in gran quantità e il pisello di Luca continuava a sputarne fuori dell’altro.
Il ragazzo era in preda ad un movimento spasmodico, non riusciva a stare fermo: Erica prese a guardarlo dritto in volto mentre gli faceva il servizietto, la ragazza stava veramente godendo.
Fermò il pollice e ci pose l’indice sopra, aprendo e chiudendo guardava il liquido preseminale formare un filamento colloso, un po’ si divertiva, ma soprattutto sapeva che Luca guardando si stava eccitando sempre di più.
Erica si spostò allora verso Michele, gli tirò giù le mutante scoprendo in un colpo solo il membro eretto e semiscappellato di Michele, pulsava ed era ugualmente bagnato sulla punta.
Si avvicinò con la bocca, fece finta di annusarlo, lecco la goccia di liquido preseminale sulla punta del cazzo, con la lingua si ritrasse facendogli formare un filamento tipo collegamento tra la lingua e il pene. Prese un respiro e poi si mise a succhiare il membro di Michele, giù fin dove poteva.
Il sapore di cazzo le inondava la bocca, sentiva il palato impastato.
Anche se le faceva schifo si stava eccitando un sacco, in mezzo alle gambe era cosi bagnata che incominciava a sentire il liquido caldo. Le mutande erano zuppe.
“Ah, mi piace un bel po’ il vostro sapore!”
“Mi state eccitando un… Ancora!” (diceva Erica fingendo con voce sensuale)
Gli uomini non capiscono mai le menzogne!
I tre si sedettero sul letto, Erica stava in mezzo. Michele le mise un pollice su per la figa bagnata.
“AHH!”
Michele prese a muoversi rapidamente con il pollice e con l’altra mano massaggiava saldamente il clitoride facendole un po’ male.
Erica vinta dall’eccitazione si diresse con il volto tra le gambe di Luca. Prese a leccarlo e succhiarlo, anche tra le palle, furiosamente. Poco importava lo schifo provato in precedenza, e il fatto che avesse un pelo in bocca che era sopra la sua cappella. Ora lei godeva un sacco e non riusciva quasi a capire cosa succedeva.
Mentre Luca provava a spostarsi, a fermare la smania di Erica, non c’e la faceva più.
Così il cazzetto di Luca prese a vomitare sborra dritta sulla faccia e la bocca di Erica.
Normalmente essa avrebbe forse vomitato. Ma non in quel momento, sentì la calda e viscosa sostanza inondargli la guancia, la sentì in bocca. E lei non aveva mai provato. Un sapore acido e dolce al contempo, un odore forte e disgustoso, una consistenza collosa e densa. Ora anche se stava godendo tornò in sé ed ebbe un conato di vomito. Alzò la testa di scatto mentre ancora Luca veniva sulle coperte.
“Luca! Che diavolo fai!” “Stronzo” “Nessuno ti ha dato il permesso!”
“S-scusa .. ho provato a spostarmi, ho … ma…”
“Che schifo! Dammi un fazzoletto!”
Erica si pulì il volto le labbra e la lingua, utilizzò 4 fazzoletti, era disgustata.

Michele prese ad accarezzare la ragazza sull’inguine ed interno coscia, con un dito a stimolare il clitoride.
Erica che si stava pulendo, lentamente riprese lo stato di eccitazione, dimentica degli eventi precedenti rincominciò a godere.

“Luca.. leccamela… me lo devi… ahhh.. mmm”
Il ragazzo si inginocchiò ai piedi del letto e scansando le mani di Michele prese a leccargli la passera.
Michele invece si diresse spedito verso l’altro capo del letto dove lei aveva appoggiato la testa, (si era messo un po’ da parte il calzetto per vedere, da tempo).
Le infilò il cazzo in bocca.
“Succhia troia, succhia!”
Erica gli prese la cappella tra i denti facendogli male.
“Come hai detto scusa?”
“Scherzavo si fa per dire… così…”
“Non dire allora!”
“Adesso invece renditi utile, comincia a darmi.”
Erica si mise a pecorino sopra il letto, mostrava a Michele la sua figa semiaperta ed eccitata.
Luca si scansò mettendosi da parte.
Michele infilò il birillo nella fessura e a stantuffo prese a sbatterla.
“Mmm.. Luca… Chi.. Ti ha detto.. di smettere”
“Come Erica?
“Chi ti ha detto di smettere!…. Leccamela tutta!”
Luca si avvicinò al letto, Erica gli prese la testa e la portò verso la sua patacca. Luca trovò la posizione sotto la pancia di lei, leccava quella figa fradicia e saporita, periodicamente anche le palle di Michele gli finivano sul menù.
Andarono avanti così per una decina di minuti, poi cambiarono posizione con lei sdraiata a pancia in su sul letto, ed infine con lei sopra. Luca continuò a leccare la figa e le tette come riusciva ad Erica.
La ragazza riuscì finalmente a venire, questa doveva ammetterlo era una delle più belle scopate della su vita.
“Ci siamo, vengo” disse Michele
“Fammi venire in bocca in faccia! Dai!”

Con una faccia scocciata Erica si rialzò prese un fazzoletto e si pulì la passerotta.
“Fa da solo!”

Questo racconto è stato letto 215 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!