Amiche per la pelle (3° parte)




Racconto erotico saffico giulia95 Amiche per la pelle (3° parte) Racconti erotici,
storie porno,
letteratura per adulti,
narrativa a luci rosse,
letteratura erotica di qualità
fantasie sessuali e confessioni completamente gratuite

Scritto da giulia95,
il 2015-09-04,
genere saffico

Mi presento con 10 minuti di anticipo. La ragazza della hall mi fa accomodare della stessa stanza del giorno prima. Alle 10 in punto entra il direttore commerciale. Sorridente mi saluta e si complimenta con me per aver superato il primo step. Discutiamo del più e del meno per una decina di minuti. Mi chiede come ho passato la sera precedente e le rispondo che sono rimasta a casa con un’amica senza ovviamente entrare nel merito di ciò che abbiamo fatto. Mi confessa che la sua vita professionale le lascia poco spazio per frequentare le amicizie e che quelle poche serate libere le passa a casa da sola a lavorare. Il suo racconto mi mette un po’ di malinconia. Una donna così bella e attraente che se ne sta da sola. Ma in un attimo cambia discorso tornando al motivo principale nel nostro incontro. Mi chiede se me la sento di simulare un incontro con un cliente importante. Facciamo questa prova e alla fine si dice molto soddisfatta di me. Mi chiede se ho la pazienza di aspettare li una mezz’ora per avere il tempo di confrontarsi con il presidente della società. Io ovviamente acconsento e lei mi lascia sola nella stanza. Messaggio a Francesca la situazione e mi risponde che secondo lei il posto è mio. Mi sembra di sognare. Da li a pochi minuti potrei trovarmi assunta in una grande azienda a ricoprire un ruolo abbastanza importante. Ad un certo punto nella stanza entra la ragazza della hall e mi chiede di seguirla. Saliamo su un ascensore che si ferma al settimo piano. Lei esce e si incammina lungo un corridoio per fermarsi davanti alla penultima porta. Vicino alla porta c’è una targhetta vuota. Lei apre la porta e mi fa entrare. E’ un ufficio con una grande scrivania, un pc portatile ed una grande schermo. Una parete piena di scaffali con raccoglitori. Davanti alla scrivania due poltroncine, una pianta in un angolo, una grande vetrata ed una porta. La ragazza esce sorridendo e mi chiede di attendere. Io mi siedo ad una delle due poltroncine e dopo pochi secondi si apre la porta interna. Entra il direttore commerciale. Io mi alzo e lei mi sorride. Il cuore mi batte all’impazzata. Lei si siede sull’altra poltroncina e mentre sto per sedermi anche io lei mi dice: “No Giulia, il suo posto è dall’altra parte della scrivania. Da oggi questo è il suo ufficio. Abbiamo scelto lei!”
Resto impietrita. Mi viene da piangere dalla gioia e vorrei saltarla al collo a e baciarla. Cerco di rimanere calma e ostentare sicurezza ma dentro ho un vulcano in eruzione. Giro intorno alla scrivania e mi siedo su quella che sarà la mio poltrona. Che bella sensazione. Il direttore mi sorride ed io le sorrido di rimando. “Ora dobbiamo sbrigare un po’ di pratiche. Deve firmare dei documenti che il nostro ufficio del personale dovrò inoltrare per la sua assunzione. La porta da cui sono entrata mette in comunicazione il mio ufficio con il suo. Se per lei va bene da domani può iniziare. In questi giorni sono abbastanza libera per cui ho tempo per farle vedere con calma tutte le funzione che saranno di sua competenze. Possiamo darci tranquillamente del tu ma davanti ai clienti mi dovrai chiamare dottoressa ed io mi rivolgerò a te chiamandoti ‘signorina Giulia’ e ci daremo del lei. Vieni un secondo nel mio ufficio a firmare i documenti.”
La seguo nel suo ufficio. E’ enorme con una scrivania immensa piena di documenti. In un angolo un divano e due poltrone con davanti un tavolino. Una bella libreria e dei quadri moderni alle pareti. Mi fa sedere sul divano e mi porta una cartelletta con dei fogli. Si siede al mio fianco e mi indica dove firmare. Siamo sedute vicine e le nostre spalle si toccano. Ha un buon profumo. Dopo una serie di firme raccoglie i fogli e li sistema. Resta seduta ed io vicino a lei. Volge lo sguardo verso di me. Siamo sempre vicine. Troppo vicine. Allunga il collo verso di me. Mi avvicino a lei e mi lascio baciare le labbra. Francesca aveva ragione. Lei preme le labbra contro le mie e dischiude la bocca. Le nostre lingue si toccano. Mi prende il viso tra le mani e mi attira di più a se. Ormai il nostro sta diventando un bacio intenso. Ci stacchiamo dopo qualche secondo ed io butto un’occhiata alla porta. Lei intuisce la mia preoccupazione e mi dice: “Tranquilla, non può entrare nessuno. E’ chiuso dall’interno.” Manuela avvicina ancora la sua bocca alla mia ed io rispondo al suo bacio. Le sue mani sono sulle mie gambe. Mi accarezza le cosce ed io la lascio fare. Fino alla sera prima non avevo mai baciato una ragazza ed ora mi apprestavo a fare sesso con la seconda nel giro di poche ore. La sua mano si ferma tra le mie cosce e sento con le dita che cerca di scostare le mie mutandine. Un po’ per voglia e un po’ perché sarà il mio capo la lascio fare. La gonna stretta mi impedisce di aprire le gambe. Mi spinge sul divano ed io mi sdraio sulla schiena. Le con la mano mi solleva la gonna ed io finalmente posso aprire le gambe. Lei mi accarezza lungo i bordi degli slip e poi li scosta liberando l’apertura della mia figa. Ci passa su un dito ed io mi bagno. Mi penetra dolcemente. Chiudo gli occhi cercando di evitare mugolii che altri potrebbero sentire. Manuela mi sta masturbando mentre mi bacia. Dopo poco si alza. Io resto sdraiata, con le gambe aperte e la mutandine scostate di lato. Lei sgancia la gonna e fa scendere la zip. Poi la lascia andare. La gonna cade ai suoi piedi e scopro che non porta le mutandine. Ha la figa perfettamente rasata come la mia. Alza una gamba e la porta al lato della mia testa mettendomi la figa sul viso. Inizio a leccarla mentre con una mano mi masturbo. Manuela geme tenendosi aperta la figa con le mani e facendosi scopare dalla mia lingua. Si slaccia la camicetta liberando due bellissimi seni e se li comincia a toccare. Cerco di dare il meglio di me stessa e probabilmente ci riesco perché dopo pochi minuti Manuela raggiunge l’orgasmo. Si alza soddisfatta. Mi passa ancora una volta un dito sull’apertura della mia figa e poi lo mette in bocca. Infila la gonna ed abbottona la camicetta. Anche io mi risistemo le mutandine e abbasso la gonna. Lei prende i fogli che sono rimasti sul tavolo e me li consegna dicendomi: “Credo che non avrei potuto scegliere una segretaria migliore. Sei bella e brava e sono certa che io e te lavoreremo benissimo insieme e ci toglieremo un sacco di soddisfazioni. Porta per piacere questi fogli all’ingresso e lasciali alla ragazza in reception. Ti aspetto domani alle 9 per il primo giorno di lavoro.”
Sorrido e rispondo: “Sono certa anche io che sarà una collaborazione proficua e sarà un piacere lavorare con te Manuela. Non vedo l’ora di iniziare domani.”
Mi giro per andare ma lei mi ferma. Apre un cassetto e mi da un cellulare dicendomi che quello dovrà essere sempre acceso nel caso lei abbia bisogno di me a qualsiasi ora del giorno o della notte. Le sorrido e mentre prendo il cellulare mi avvicino per darle un ultimo bacio sulle labbra dicendole che lo porterò sempre con me pronta a rispondere per soddisfarla. Scendo e consegno i fogli a Greta, la ragazza della reception ed esco. Prima ancora di salire in macchina mando un messaggio a Francesca dicendole che è invitata a cena fuori per festeggiare la mia assunzione. Mi scrive che non vede l’ora di abbracciarmi e complimentarsi con me. Le do appuntamento per le 9 di quella sera al ristorante migliore della città.

Questo racconto di giulia95
è stato letto

1
3
8
0

volte


Segnala abuso in questo racconto erotico

Ultimo racconto erotico inserito


segnalibro

Racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Aaaa a Tangeri
genere: gay


segnalibro

Copyright © 2009-2015 Erotici Racconti – Tutti i diritti riservati

cookies policy

Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l’utilizzo.

Questo racconto è stato letto 216 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!