Alice 1 – un po' di me




Stavo tornando dal funerale. Non potevo credere che fosse morto davvero.
Mentre imboccavo la strada per il parcheggio ripensai all’ultima volta che lo avevo visto.
Non era successo granché, non osavamo spingerci troppo in là quando non eravamo soli. E la presenza di sua moglie e Anna, la mia amica, nonché sua figlia, erano stati un buon monito per fare i bravi. Qualche strusciatina in cucina, sguardi languidi quando eravamo sicuri di non essere visti e quella mezza sega sotto il tavolo mentre Anna e Genny si occupavano dei piatti e del caffè, dopo il pranzo.
Accanto alla mia auto trovai Lorenza, mi stava aspettando.
“Ho parlato con Anna, ieri… volevo esserle vicina sai…”
“O volevi sapere se aveva scoperto qualcosa?” le chiesi apostrofandola.
Lori abbassò lo sguardo e si morse il labbro.
“Mi sento così in colpa…”
“Per il fatto che lei non sa nulla o per… Luciano?” Dire il nome di un morto è sempre difficile, specie se si ha a che fare con la sua dipartita.
“Per… tutto!” disse spingendo fuori le parole.
“E cosa vuoi fare? Dirle tutto? E credi che la cosa le darà pace? Che le toglierà il peso al cuore? Come credi che potrebbe reagire se scoprisse che il padre si smanettava il cazzo in cam? Che ha avuto un infarto mentre guardava due ragazze giocare tra loro… e che le due ragazze altro non sono che due sue amiche?”
Lori abbassò lo sguardo sui piedi e strinse i denti.
“Oh…” mi balenò un’intuizione “hai forse deciso che non vuoi più farlo?”
Il suo sguardo saettò su di me.
“Non ho detto questo!” sbottò. Lo sapevo, una volta cominciato a giocare è difficile ritornare indietro.
“Aveva solo 56 anni. Chi muore a 56 anni per un infarto dovuto… a cosa? Un orgasmo?” provai a dare una spiegazione, ad entrambe, su quello che era successo.
“Credo sia stata la situazione, tutto insieme… due ragazze che si toccano, in cam, per lo più due amiche della figlia… credo che… insomma…”
“Ripeto… non vuoi farlo più?” Già, perché Luciano non era il solo uomo davanti a cui io e Lori scopavamo. Era stato il primo, ma poi il poco tempo che lui poteva dedicarci ci aveva spinte a cercare altri amici. Ma lui era il migliore, proprio per lo stesso motivo che probabilmente gli aveva stroncato il cuore. Lui era l’unico che conoscevamo di persona. Gli altri li avevamo trovati in rete. Erano tutti uomini più grandi di noi, ci piaceva l’idea di fare le “buone samaritane” che aiutavano gli uomini bisognosi…
“Magari solo per un po’…” disse lei a bassa voce.
Aprii la macchina e salimmo entrambe. Ma non misi in moto. Restammo lì qualche momento in silenzio. Ripensai a come era cominciato tutto.

Due anni prima, al compleanno di Anna. Festa a sorpresa. L’avevamo organizzata io e i suoi genitori. Era stata in quell’occasione che io e lui ci eravamo avvicinati. Io lo vedevo solo come il padre della mia amica e pensavo che lui mi vedesse come una sorta di appendice della famiglia, dato che bazzicavo in casa sua da oltre 10 anni, ad ogni ora del giorno e della notte.
Genny, turnista, non poteva esserci quanto avrebbe voluto, così ci eravamo occupati noi di tutto: location, decorazioni, inviti e tutto il resto. Ogni giorno ci si sentiva e ci si vedeva… i primi giorni tutto come al solito poi… era successo qualcosa. Qualcosa che sarebbe potuto passare inosservato ma che invece fece scattare una molla.
L’idea era venuta a lui, quella di andare in un sexy shop, per cercare qualcosa di spiritoso e un po’ spinto, tanto per dare una nota di colore a quella festa. In fondo Anna non era più una bambina: stavamo festeggiando il suo trentesimo compleanno.
E lì fu facile cadere nei doppi sensi. Strabuzzare gli occhi davanti a quei falli giganteschi e a tutti quei gadget di cui allora ignoravo l’esistenza.
A “questo lo dovrei comprare per me” mi ero voltata a guardare. Per trovarlo tutto concentrato davanti ad una vagina finta.
Ridacchiai e lui si voltò.
“Genny… ha i suoi periodi… sono più no che si…” disse scoraggiato.
“Come ti capisco… anche Luca aveva i suoi periodi…” dissi battendogli la mano sulla spalla.
Io e Luca eravamo stati insieme una vita, tra alti e bassi, tra chiacchiere di una vita insieme e sogni per il futuro. Ma tutto era evaporato quando una notte lo avevo trovato al telefono con un’altra. Con il cazzo in mano. Mentre le diceva “Non vedo l’ora che sia domani: come mi succhi il cazzo tu…” e mentre i nostri sguardi si erano incrociati lui aveva sborrato. Come non mai in tutto quel tempo passato insieme.
Luciano ridacchiò.
“A me farebbe piacere se i periodi di Genny fossero come quelli che aveva Luca. Lo troverei eccitante.”
Sapevo bene a cosa si riferiva. Già, perché dopo qualche tempo avevo scoperto che “l’altra” era un lui. Un lui di colore, altro quasi due metri e possente come un armadio. E con un cazzo… gente che cazzo! Un cazzo che quando ti entrava dentro ti strappava la pelle… lo avevo preso solo due volte e mi erano bastate. Mi era piaciuto da matti, chiariamo, ma dopo i rapporti con lui per almeno due giorni dovevo stare a riposo. E stare a riposo non fa per me. Amo troppo il sesso.
A volte capita che però sia lui, Pier, a chiamarmi: gli piace avere un pubblico. E a me piace guardare. Specie quando infila il suo bastone nel culo stretto di Luca. Sarà un piacere perverso, una sorta di rivincita, non so…ma vederlo mentre stringe i denti per soffocare un grido e arpionarsi a qualcosa fino a farsi diventare le nocche bianche… ecco è lì che io comincio a bagnarmi.
“Ti passo il numero di Pier, se vuoi…” dissi alludendo ad altro, pur sapendo che ero nettamente fuori strada.
Lui aveva riso e mi aveva guardata. In un modo che… era sto in quel momento… non so, era stata come una scintilla, un prurito… tra le gambe.
“Due donne insieme?” avevo azzardato, sostenendo il suo sguardo.
“Si… o una più giovane…” aveva ribattuto lui.
Poteva finire lì e sarebbe bastato. Ma dopo Luca mi si era aperto un mondo.
“Una con una voglia matta di giocare?”
Aveva stretto i denti come per ingoiare una risposta e, in risposta, io abbassai gli occhi sotto la cintura dei pantaloni. Aveva il cazzo duro. Lo vedevo chiaramente.
Non si coprì, non si voltò, non disse nulla.
Fui io a spostare lo sguardo più dietro. E feci solo tre passi fio a trovarmi di fronte a lui. Allungai un braccio e presi qualcosa da una mensola.
“Lo hai mai usato questo?” dissi, porgendogli un plug anale.

“Ho cancellato l’account.” Dissi infilando la chiave.
Lori mi guardò e fece un sospiro.
“Ma ho salvato tutti i contatti. Io non voglio smettere, mi piace troppo quello che facciamo.”
“Ti piace quello che fai con me o..”
“Mi piace tutto, scema. Mi piace farti godere, mi piace quando ho il tuo sapore sulla lingua, mi piace quando uno di loro ci dice cosa fare all’altra…” poi un pensiero mi riempì gli occhi di lacrime. Luciano era il più dolce ma anche quello che osava di più…e non ci sarebbe più stato. Era davvero inconcepibile. E… l’ultima volta che ero stata con lui avevamo fatto tutto di fretta, era stato bello ma non come avrebbe potuto essere se avessimo avuto più tempo. E… quando era stata l’ultima volta che me lo aveva messo nel culo? Forse un mese prima, sul divano di casa mia, un pomeriggio che con una scusa era riuscito a venire da solo…
Raccolsi le gambe e le piegai di lato sul sedile e m’infilai una mano nei collant.
“Sei proprio una porca incontentabile…” disse Lori mentre mi sfilavo quello stesso plug che due anni prima avevo comprato con lui. Come se metterlo per il suo funerale fosse una sorta di… atto dovuto.

Questo racconto è stato letto 147 volte!

 

Clicca qui per guardare centinaia di video porno !!!

 

Ricerche Frequenti: